Shoah e identità ebraica/Conclusione 5

Indice del libro
Auschwitz.jpg
Ingrandisci
Veduta aerea del lager di Birkenau nel gennaio 1945

ConclusioneModifica

Per Wiesel e Levi, il sistema dei campi di sterminio era una prova dei loro legami e delle loro identità. I legami nazionali, culturali e persino familiari furono spinti al punto di rottura sotto un'ideologia di inganno, divisione e crudeltà. In testimonianze e narrazioni di diverso stile, tono e linguaggio, Wiesel e Levi ricordano allo stesso modo il trauma del programma delle SS che cercava attivamente di distruggere i legami, le alleanze e l'unità degli ebrei attraverso il privilegio, la gerarchia e la disumanizzazione sistematica. Nella brutalità delle loro narrazioni e nella vivida sincerità dei loro vari ricordi, sia Wiesel che Levi interrogano la struttura del campo e dimostrano il crudele successo dei metodi di divisione dei nazisti. Tuttavia, nei loro ricordi di legami e alleanze duraturi come il padre di Wiesel e i compatrioti di Levi Alberto e Lorenzo, i due sopravvissuti sostengono che non tutta l'umanità e gli aspetti dell'identità ebraica potevano essere distrutti ad Auschwitz. Levi e Wiesel osservarono il desiderio di sopravvivere a tutti i costi nel comportamento di altri prigionieri ad Auschwitz. Entrambi narrano candidamente anche momenti in cui essi stessi sono stati indeboliti dalla stessa disperazione. La forza morale e l'unità tra gli ebrei che mantennero il mutuo sostegno su cui entrambi gli uomini facevano affidamento è tuttavia attribuita a diversi aspetti dell'identità ebraica. Nelle loro testimonianze sono evidenti le diverse origini sociali, culturali e religiose di Levi e di Wiesel. Sebbene entrambi gli uomini discutano del collasso della struttura morale della vita normale, nel nuovo universo concentrazionario le eccezioni a questo collasso morale che entrambi i sopravvissuti ricordano, emergono da prospettive diverse. L'identità religiosa di Wiesel è evidente nella morale religiosa che cita, come nel rifiuto dei rabbini di agire come Kapo. Levi si concentra sui legami nazionali mantenuti nel campo e discute l'umanitarismo nel campo piuttosto che la forza metafisica del carattere che le figure religiose di Auschwitz riuscirono a trovare nel campo. Nella loro stessa resistenza alla decostruzione dell'identità ebraica ad Auschwitz, emergono ancora una volta le diverse identità di Levi e Wiesel, poiché Levi si aggrappa alla sua identità italiana e Wiesel alla sua fede religiosa. Nonostante le differenze di identità, Levi e Wiesel analogamente dimostrarono e sostennnero che c'era resistenza all'egoistico governo concentrazionario e, come dimostrato in queste testimonianze della Shoah, sebbene "dragged to the bottom" con le SS, uomini esistettero ad Auschwitz.

Fotografie dell'OlocaustoModifica

(selezione)

Veduta aerea del complesso Auschwitz, Birkenau e Monowitz nel 1944


  Per approfondire, vedi Interpretazione e scrittura dell'Olocausto.