Piemontese/Aggettivi/Concordanze

Flag of Piedmont.svg
PiemontesePiemontese

Aggettivi qualificativi (concordanze)Modifica

L’aggettivo in piemontese è variabile e si accorda, in genere e in numero, con il nome che accompagna. Non sempre, però, gli aggettivi piemontesi sono variabili.

E’ possibile dividere gli aggettivi in due gruppi: quelli che terminano con una consonante e quelli che terminano in vocale.

Aggettivi in consonanteModifica

Presentano una sola forma per il maschile singolare e plurale e due forme per il femminile singolare e plurale.

Un fieul brav e generos

Doi fiej brav e generos

Na fija brava e generosa
Doe fije brave e generose
-ch e -gh Perdono la h davanti alla a del femminile singolare
  • rich, rica, riche
  • longh, longa, longhe
  • largh, larga, larghe
  • pràtich, pràtica, pràtiche
  • magnifich, magnìfica, magnìfiche
  • anàlogh, anàloga, anàloghe
  • grech, greca, greche
  • strach, straca, strache
-l In genere hanno solo due uscite:

-l per il singolare maschile e femminile

-j per il plurale maschile e femminile

  • un còmpit fàssil - ij còmpit fassij
  • na lession difissil - le lession difissij
  • Come régola general a toca sèmpe fé atension
-il con accento sulla i

bel

Hanno quattro uscite:

-il maschile singolare

-j maschile plurale

-a femminile singolare

-e femminile plurale

  • tranquil, tranquij, tranquila, tranquile
  • gentil, gentij, gentila, gentile

bel, bej, bela, bele

-èt Davanti alle desinenze del femminile, gli aggettivi che al maschile escono in -èt non solo raddoppiano la consonante finale, ma cambiano pure la è in ë
  • Un piemontèis es-cèt - Doi piemontèis es-cèt
  • Na piemontèisa s-cëtta - doe përson-e s-cëtte    
-ech Davanti alle desinenze del femminile, gli aggettivi in -ech raddoppiano la c e cambiano la e in ë
  • Un pom sech - doi pom sech
  • Na tomàtica sëcca, le feuje sëcche  
-èss

-erd

Oltre che prendere la a  del femminile cambiano la e in ë
  • verd - vërda - vërde
  • spèss - spëssa - spësse    
-er Prendendo la desinenza del femminile, gli aggettivi polisillabili uscenti in -er atono preceduto da consonante, lasciano cadere la e
  • pòver - pòvra - pòvre
  • alégher - alegra, alegre
  • pìgher - pigra - pigre

ma: legér - legera - legere

-cc

-gg

Diventano femminili cambiando il digramma finale in -cia e -gia, mentre al femminile plurale escono in -ce e -ge
  • Un fieul ësvicc, na fija svicia, doe vejòte svice
  • baricc - baricia - barice
-n Prendendo le desinenze del femminile, gli aggettivi che al maschile escono in -n cambiano questa n in -n (n faucale), se l’accento tonico cade sulla vocale che la precede.
  • plandron, plandron-a, plandron-e
  • fin, fin-a, fin-e
  • bon, bon-a, bon-e
-i

-o

Anche gli aggettivi in -i, -ì, -o, -ù hanno una sola forma per il maschile e due per il femminile.
  • savi, savia, savie

legendari, legendaria, legendarie

  • seuli, seulia, seulie
  • grotolù, grotolùa, grotolùe
  • dru, drùa, drùe
  • ansarì, ansarìa, ansarìe
  • mòro, mòra, mòre
-e Gli aggettivi in -e sono rari. Presentano un’uscita in a per il femminile singolare e una in i per il maschile plurale.
  • màire, màiri, màire
-a

-ista

Presentano due sole uscite: -a per il maschile singolare, -e per il femminile plurale.
  • belga, belghe
  • otimista, otimiste
  • pessimista, pessimiste
  • passifista, passifiste
  • ipòcrita, ipòcrite
bel Ha quattro forme diverse: bel, bej, bela, bele

Bel può precedere un altro aggettivo o un participio passato

  • A j’ero bei grass
  • Cirese bele fresche
  • a son bej gross
brav, prim, pòver, ùltim, car brav, prim, pòver, ùltim, car conservano le quattro forme solo quando precedono il nome.
  • A son ëd bravi fieuj - a son ëd fieuj brav
  • Passoma j’ùltimi dì - A l’han tëmma ‘d rivù ùltim
Pòver Premesso al nome, non solo pòver ha quattro forme (pòvra, pòvri, pòvre), ma il maschile singolare si contrae in pòr se la parola che segue inizia per consonante, e in pòvr’ se la parola che segue inizia per vocale.
  • un pòr diav
  • un pòr cit
  • un pòr dësgrassià
  • A son ëd pòvri diav
  • Pòvre fije
  • pòvr’ òm
  • A son ëd fieuj pòver
Bleu Bleu può variare o no.
  • bleu, bleuva, bleuve
Mes A differenza dall’italiano mes si accorda sempre
  • A l’é doi bòt e mes
  • A sinch e mesa
  • A parla mach a mese paròle

Mes  si apostrofa davanti a femminili singolari che iniziano con vocale.

  • mes’ora
  • a mes’età
  • a mes’aria
  • a mes’autëssa
Grand Quando segue il nome che accompagna, grand ha le tre forme che caratterizzano gli aggettivi in consonante: grand, granda, grande e davanti ai nomi che iniziano per vocale grand resta invariato.
  • le ca grande a dan tant travaj
  • soa fija pì granda
  • ij sò frej pì grand
  • a son doe grand amise
  • na grand amprèisa
  • doi grand esempi
  • grand italian
  • ij sò gran euj

Premesso a un nome che inizia con consonante grand perde di solito la d e rimane invariato. Perdendo la d, però, non è necessario apporvi l’apostrofo.

  • na gran festa
  • un gran bal
  • na gran part
  • na gran veuja
  • ëd gran giornà
  • dij gran busiard
car Car è anche usato con valore avverbiale, cioè modifica il valore di una forma verbale, ma si usa accordandolo con i suoi referenti soprattutto quando segue un pronome personale
  • ste scarpe i l’hai pagaje care
  • la machina a l’é costame cara
  • Ij viagi a costo car
  • Ij bolé a l’han venduje car