Messianismo Chabad e la redenzione del mondo/Conclusioni

Indice del libro
Tanya tlv.jpg
Ingrandisci
Edizione della Tanya stampata a Tel Aviv nel 1944.

CONCLUSIONIModifica

Questo mio lavoro è stato finalizzato a fornire chiavi rilevanti per comprendere il messaggio messianico del movimento ebraico Chabad-Lubavitch, che oggi è principalmente noto per le sue campagne di sensibilizzazione e per il suo leader defunto, Rabbi Schneerson, che è stato affermato sia il Messia. I capisaldi più importanti dell'ideologia messianica Chabad-Lubavitch sono stati presentati nel Capitolo IV, dove si può constatare che i messaggi sia di Rabbi Schneerson, sia di Rabbi Yosef Yitzchok prima di lui, culminarono in un attivismo che implicava il contatto con altri ebrei per incoraggiarli a osservare l'ebraismo, in modo che il mondo diventasse idoneo ad accogliere il Messia. Il loro messaggio è saldamente fondato nell'opera Chabad, la Tanya.

Come mostra il grafico in basso a destra (visibile, ingrandito, a "Schema Chabad") e in modo schematico, il messaggio della Tanya e degli ultimi due leader Chabad sono coerenti. Il messaggio della Tanya è messianico nel modo in cui esorta gli aderenti a migliorare affinché arrivi l'era messianica, che è un tema ripetuto nel messaggio di Rabbi Yosef Yitzchok e Rabbi Schneerson. La Tanya parla anche dell'importanza di aiutare i correligionari ebrei nel loro sviluppo spirituale, che deve essere visto come il terreno dell'attivismo di Lubavitch, dove la diffusione degli insegnamenti chassidici, fortemente incoraggiata dal Besht, è imperativa. Il motivo di queste azioni è far arrivare il Messia.

 
Schema dei risultati: Messaggio Chabad

La tesi di questo mio wikilibro è che gli studiosi non hanno prestato molta attenzione ai primi insegnamenti del Chassidismo Chabad, cioè la Tanya, quando hanno tentato di comprendere il messianismo nel movimento chabad contemporaneo. La visione del mondo nella Tanya è, infatti, enfaticamente messianica nel suo carattere e contiene lo stesso messaggio centrale predicato da Rabbi Yosef Yitzchok e Rabbi Schneerson: pentiti e testimonia l'arrivo dell'era messianica! In questo caso il pentimento implica rivolgersi alL'ebraismo osservante e sviluppare la propria vita spirituale. Questo messaggio, antico di duecento anni, ha fornito ai Lubavitcher speranza e aspettativa per generazioni. Insieme all'interpretazione mistica dello zaddiq, il Rebbe chassidico, l'anticipazione della venuta del Messia garantisce le basi perfette per una rivendicazione messianica su Rabbi Schneerson.

Gli studiosi sono ancora divisi sull'argomento del messianismo all'inizio dell'chassidismo. Ancora nel 1997 e nel 1998 gli studiosi Green ed Elior affermarono chiaramente che il messianismo non aveva nulla a che fare con il successo iniziale del chassidismo e sostenevano che Chabad-Lubavitch fosse totalmente indifferente alle affermazioni messianiche. Al contrario, Idel è a favore della revisione delle fonti teologiche per il chassidismo. Nel 2006, Altshuler ha sostenuto che il chassidismo era fortemente intriso di messianismo attivo all'inizio, ma che aveva dovuto diluirlo per rimanere nell'ambito ebraico. Ciò sarebbe in accordo con l'affermazione di Ehrlich secondo cui i mitnaggedim avevano paura che il movimento chassidico fosse segretamente messianico e somigliante al sabbatianesimo (sebbene non sia dell'opinione che il chassidismo all'inizio fosse messianico).

Oltre alla questione riguardante il messianismo nelle fasi iniziali dell'chassidismo, nel Capitolo introduttivo ho citato le severe opinioni di David Berger. In linea con i mitnaggedim del 1700, Berger afferma che Chabad-Lubavitch è una minaccia per l'ebraismo. Le questioni che Berger considera pericolose – le affermazioni messianiche riguardo a una persona defunta – sono spiegate dai Lubavitcher sulla base della Cabala del XII secolo. Lo Zohar dice che "quando uno zaddiq muore può essere trovato in tutti i mondi anche più che durante la sua vita terrena..." Egli è quindi ancora presente, anche in questo mondo, anche se non è più qui fisicamente, nel suo corpo. Che la visione del mondo del chassidismo sia, in larga misura, fondata su dottrine mistiche non è discussa nel mondo accademico. Elior definisce il misticismo come l'attraversamento dei confini delle credenze tradizionali per conoscere Dio. Quindi si può sostenere che, sebbene alcuni dei concetti mistici estendono la struttura dell'ebraismo tradizionale, possono ancora essere parte integrante e accettata dell'ebraismo.

La Tanya, come anche altra letteratura Lubavitch, è stata affrontata mediante un metodo di studio induttivo, seguendo i consigli dati da Green su come leggere testi religiosi e hassidici. Il metodo di Green è conoscere il mondo intellettuale, spirituale e storico dei chassidim e cercare questioni filosofiche e fenomenologiche nel testo. Il Capitolo II ha presentato lo sfondo chassidico: il contesto per la sua formazione e le radici nella Cabala. Le sue caratteristiche speciali e innovative, come la guida mistica, l'enfasi sull'attaccamento a Dio (per conoscere Dio) e il pentimento sono state presentate nel Capitolo III. Il Capitolo III ha anche risposto a domande sulla visione del mondo: Dio, il mondo e l'uomo. Durante la lettura della Tanya, si devono prendere in considerazione le domande su quali fossero gli argomenti principali del testo.

Secondo la teoria di Werblowsky sul messianismo, un movimento messianico è subordinato a un'ideologia messianica. Direi che il messianismo attivo che è stato suscitato dagli ultimi due Rebbe Chabad, risultando in un movimento di apertura con missionari a tempo pieno, non si è formato solo come risposta a un evento catastrofico nella storia, ma che questi tempi in realtà servano l'ideologia messianica, già esistente sin dall'inizio del Chassidismo Chabad. Rabbi Yosef Yitzchok e Rabbi Schneerson sono stati in accordo nella causa articolata da Shneur Zalman: cioè, preparare il mondo per la venuta del Messia e renderlo una casa per Dio.

Siamo stati in grado di seguire gli insegnamenti del lavoro fondamentale, la Tanya. Allo stesso modo, Rabbi Yosef Yitzchok è in linea con la Tanya mentre interpreta gli eventi storici della sua vita, cercando di confortare e risvegliare il popolo ebraico. Le dottrine centrali della Tanya, il pentimento, la preghiera, l'obbedienza ai comandamenti e il protendersi verso i correligionari ebrei che sono ignoranti come mezzo per accogliere il Messia, risuonano negli scritti di Rabbi Yosef Yitzchok. È anche possibile vedere come Rabbi Schneerson riecheggi gli stessi temi, in modo tale da renderli rilevanti per il tempo odierno e accessibili a più persone. Tale ricerca sottolinea le somiglianze tra la Tanya e il messaggio di Chabad-Lubavitch del XX secolo. Dimostra inoltre che la visione messianica del mondo che già esisteva nella Tanya, è molto spesso ripetuta da Rabbi Yosef Yitzchok e Rabbi Schneerson. Inoltre, questa ricerca ha dimostrato che le frasi e le idee chiave che hanno origine con la Tanya, si trovano anche nei loro scritti, sebbene raramente si riferiscano specificamente alla Tanya stessa. È per questo motivo che non è stato evidente che il loro messaggio sia davvero fondato sulla Tanya. Gli ultimi due Rebbe sembrano riluttanti a fare apertamente riferimento alla Tanya, per ragioni che possono solo essere ipotizzate. È plausibile che volessero sottolineare la credenza messianica come centrale per l'ebraismo in generale, non solo per la scuola di pensiero Chabad, e quindi tralasciarono riferimenti espliciti alla Tanya.

Ci sono, tuttavia, differenze tra Tanya e Rabbi Yosef Yitzchok e Rabbi Schneerson. Innovativo per Rabbi Schneerson è lo sviluppo dell'idea di una graduale trasformazione del mondo nell'era messianica, che non può essere trovata nella Tanya. Inoltre, l'invocazione urgente e pressante di Rabbi Yosef Yitzchok e di Rabbi Schneerson riguardo all'accelerazione dell'arrivo messianico è assente nella Tanya anche se l'opera menziona la necessità di preparare questo mondo all'era messianica. A Zalman manca anche un po' dell'acutezza che è presente negli altri due, sebbene questa differenza possa essere a volte difficile da discernere, poiché lo stile degli scrittori è diverso e anche le circostanze storiche dei loro messaggi sono diverse. Nondimeno, anche se supponiamo che la Tanya fosse meno interessata ad accelerare la redenzione, gli ultimi due Rebbe seguirono un modello di pensiero stabilito dai loro primi antenati del chassidismo in generale.

Allo stesso modo in cui il gruppo che al tempo del Besht voleva stabilirsi nella Terra di Israele per salutare il Messia, pubblicò l'Epistola del Besht nella speranza che avrebbe affrettato la venuta del Messia, così Rabbi Yosef Yitzchok iniziò a scrivere sulla Tanya, scrittura terminata da Rabbi Schneerson, per salutare con essa il Messia. Pertanto, l'importanza di diffondere gli insegnamenti chassidici è sempre stata fondamentale nel chassidismo. Come dimostrato da Altshuler, l'accelerazione dell'era messianica era un percorso tracciato già dal Besht. La diffusione degli insegnamenti chassidici è essenziale nell'attivismo contemporaneo di Lubavitch. Inoltre, il fatto che Chabad-Lubavitch sia uno dei pochi movimenti chassidici a prendere sul serio questo compito è forse perché nel movimento viene mantenuta viva la comprensione dello scopo messianico della creazione. Quindi la motivazione per l'attivismo Lubavitch può essere trovata già nel primo chassidismo, dove era anche un metodo per far arrivare il Messia, proprio come lo è oggi. Si potrebbe anche sostenere che Zalman abbia posto maggiore enfasi sulla carità piuttosto che diffondere gli insegnamenti chassidici, ma anche se gli atti differiscono (Zalman ha sottolineato la carità e oggi ci si concentra sul diffondere gli insegnamenti) la motivazione rimane la stessa: portare all'avvento del Messia.

Tre temi sono fortemente presenti in tutti e tre i Rebbe: 1) l'idea dell'uomo e le sue capacità e responsabilità, 2) la percezione del tempo presente in relazione alla fine dell'attuale ordine mondiale e 3) il compito di ogni ebreo di rendere questo mondo una casa per Dio con tutto ciò che implica. Questi temi dovrebbero essere visti come centrali nella Tanya e anche nei messaggi di Rabbi Yosef Yitzchok e Rabbi Schneerson, prova che questi ultimi due Rebbe non erano poi così innovativi come gli studiosi sembrano credere. Il messaggio messianico non è iniziato come risultato degli orrori dei pogrom e dell'Olocausto, ma è sempre stato una parte centrale della teologia Chabad. Ciò che accadde fu che Rabbi Schneerson e Rabbi Yosef Yitzchok prima di lui, come ogni buon omiletico che si rispetti, furono entrambi in grado di applicare il messaggio messianico ereditato dalla Tanya agli orrori dei pogrom e dell'Olocausto.

Prima di tutto, ciò che traspare dai testi della Tanya e dai discorsi sia di Rabbi Yosef Yitzchok che di Rabbi Schneerson, è l'alta valutazione dell'uomo e la percezione del leader come un partner piuttosto che un precursore. Il leader incoraggia i suoi discepoli nello stesso momento in cui lui stesso sperimenta e sente ciò che provano loro. Questo è forse evidente soprattutto negli scritti di Rabbi Yosef Yitzchok, che sono meglio compresi dalle circostanze eccezionali in cui si trovavano gli ebrei durante il periodo della sua guida. Ma c'è anche un elemento molto incoraggiante nella stessa Tanya. Questo non significa affatto che leader e discepolo siano lo stesso o sullo stesso livello, ma piuttosto si può percepire una leadership non distante ma coinvolta, che per mezzo di attirare, rimproverare e soprattutto incoraggiare, dirige e guida una comunità.

I leader parlano a tutti nella comunità. Le espressioni "fede semplice" e "ebrei semplici" sono ricorrenti ed evidenziate. Non si dovrebbe pensare a se stessi come insignificanti; piuttosto ognuno ha un posto da riempire nello svolgimento del compito ebraico. Ciò riguarda uomini, donne e persino i giovani, che non dovrebbero aver paura di ispirare altri ebrei, anche se più grandi o più istruiti, a vivere secondo gli insegnamenti chassidici. Non è sufficiente che gli studiosi facciano tutto il lavoro, ma in particolare è il lavoro e la vita di persone comuni con una fede semplice che porterà questo mondo dove deve essere, affinché il Messia venga. In particolare per quanto riguarda la redenzione, si sottolinea che tutti devono pentirsi.

È possibile vivere lo stile di vita ebraico. È possibile prima di tutto a causa dell'anima ebraica e della sua origine divina – la scintilla della Shekhinah esistente in tutti – e del potenziale ereditato dai patriarchi — un amore nascosto nel cuore. Pertanto, non ci sono scuse per la persona ebrea: la capacità di raggiungere altezze spirituali e obbedire ai comandamenti è illimitato e innato in chiunque, anche nei malvagi. Inoltre, questa possibilità e abilità risiedono nella posizione superiore del cervello rispetto al corpo e ai sentimenti. I sentimenti non sono affatto insignificanti, anzi sono necessari per arrivare al devekut – comunione con Dio – ma le facoltà intellettuali sono centrali nella preghiera e nella meditazione, così come nel vincere il male. Nel vincere il male la grande capacità dell'uomo risiede nello scopo della sua vita. L'uomo ha due anime, un'anima animale e un'anima divina, e quindi può assumere autorità sugli impulsi malvagi fino a quando non sono completamente annullati e convertiti in santità, che è la condizione ideale. In questo compito il termine speciale mesirat nefesh, sacrificio di sé, è della massima importanza. Ciò significa superare gli ostacoli per il servizio divino ed è un tipo speciale di potere che fa trionfare sulle difficoltà. Negando se stesso, l'uomo ha il potere di vivere al suo pieno potenziale e realizzare il suo scopo.

In secondo luogo, Tanya, Rabbi Yosef Yitzchok e Rabbi Schneerson condividono tutti la convinzione che l'arrivo del Messia sia imminente. Questo è infatti il ​​tempo dell'avvento del Messia, motivo per cui l'uomo deve adempiere alle sue responsabilità. Ciò non è difficile perché tutti hanno la capacità intrinseca di fare tutto quello che è necessario. Si ritiene che la redenzione, soprattutto secondo Rabbi Yosef Yitzchok e Rabbi Schneerson, sia stata ritardata a causa del rifiuto dell'uomo di agire. Anche la Tanya esprime l'idea che se le persone riuscissero a superare il male, meriterebbero di vedere subito l'arrivo messianico. La Shekhinah andò in esilio, e la causa per cui l'uomo era in esilio – sia spirituale che fisico – era perché l'uomo non adempiva i comandamenti di amare e quindi si trovava disunito nel cuore. Si insegna che l'esilio finirà se l'uomo riuscirà a suscitare amore nel suo cuore, sia per Dio ma anche per i correligionari ebrei. Inoltre, Rabbi Schneerson insegna che l'uomo è in esilio a causa dell'odio, ma alla fine l'amore trionferà e l'esilio finirà. Nelle sue parole, la redenzione sarà accelerata dall'amore fraterno e dall'unità. Solo se l'uomo studia la Torah, in particolare le sue implicazioni mistiche, e obbedisce ai comandamenti, in particolare a quelli fisici – come portare i tzitzit (le frange), indossare i filatteri ( tefillin) e fare la carità, queste azioni culmineranno nell'era messianica perché attirano i poteri divini nel mondo inferiore e lo trasformano in un luogo dove Dio può avere la Sua dimora. La donazione della beneficenza, in particolare, gioca un ruolo predominante, soprattutto nelle lettere pastorali di Zalman.

Pertanto, possiamo dire che il motivo interiore per agire, specialmente attraverso i comandamenti fisici, come indossare le frange, indossare tefillin e la carità, è far arrivare l'era messianica. Quindi, c'è uno scopo messianico quando i Rebbe Lubavitch incoraggiano i loro seguaci ad agire e aiutano le persone a obbedire ai comandamenti. Questa idea non è una novità per il XX e XXI secolo, ma già nel lontano XVIII secolo, Zalman esprimeva la stessa cosa nella Tanya, forse in un modo ancora più chiaro di quanto hanno fatto i successivi Rebbe. L'idea è che lo scopo della creazione sia che Dio, il Re, abbia un regno in cui vivere e governare. A causa della Sua grandezza, ci fu spazio anche per il male nella creazione. Il male è spiegato come tutto ciò che ha un'identità separata da Dio. Il ruolo dell'uomo è quello di riparare il mondo che è stato spezzato in modo che sia adatto a Dio. Osservando i comandamenti e combattendo così il male interiore ed esteriore come fa l'uomo, il male si trasforma in santità e attira la devozione verso il mondo materiale. Gli uomini speciali, gli zaddiqim, aiutano gli uomini a svolgere questo compito e lo perfezionano convertendo completamente il male.

Quindi, obbedire ai comandamenti serve a uno scopo collettivo finalizzato alla redenzione del creato. Questo è ovviamente, in ultima analisi, il dovere del Messia, ma l'uomo assiste il Messia e rende il mondo pronto per la sua venuta, in modo che il Messia possa portare a termine l'incarico di redenzione, nel rendere questo mondo veramente una casa per Dio, che è lo scopo della creazione. Così la Tanya può affermare che l'era messianica è lo scopo della creazione.

In terzo luogo, obbedire ai comandamenti è strettamente collegato al concetto di teshuvah, tornare a Dio nel pentimento e anche tornare a Dio con una più profonda devozione per Lui. La Tanya asserisce che le buone azioni costituiscono il pentimento, e la motivazione per adempiere i comandamenti dovrebbe essere il desiderio di riportare l'anima alla sua fonte in Dio. Nel pentimento c'è anche la caratteristica di trasformare il male in santità, spiegato anche come frantumare le qelipot — i gusci del male che nascondono la santità. In Chabad questo pensiero ha uno slancio messianico, perché riguarda la trasformazione della terra in una casa per Dio — l'essenza dell'era messianica. È per questo motivo che si dice che la venuta del Messia e la redenzione siano meritate solo attraverso il pentimento, in particolare il pentimento conferito da mesirat nefesh. Il significato spirituale del pentimento secondo Rabbi Schneerson è il ritorno dell'anima alla sua fonte, prima della sua discesa sulla terra.

Per elevarsi a uno stato più alto di servizio divino è necessario agire, dice Rabbi Yosef Yitzchok. Rabbi Schneerson insegna che sono soprattutto gli sforzi dell'uomo al livello più basso di azione che creano una residenza per Dio. L'uomo ha una responsabilità per i correligionari ebrei e per il loro benessere materiale e spirituale, che ha anche un'importanza messianica, perché più persone obbediscono ai comandamenti e invocano Dio in sincero pentimento, più velocemente finirà l'esilio. Inoltre, il chassidut ha una promessa data al Besht dal Messia, dicendo che egli arriverà quando tutti gli insegnamenti chassidici saranno stati diffusi per il mondo intero. Anche la Tanya esprime ciò sottolineando l'importanza di comprendere le questioni mistiche (specialmente la comprensione della dottrina sulle Sefirot). Una comprensione delle Sefirot ispira il giusto tipo di sentimenti verso Dio ed eleva il servizio di un ebreo. Le dottrine mistiche chassidiche ricevono una posizione centrale non solo perché sono un mezzo per unirsi a Dio, ma anche a causa della promessa dell'avvento del Messia una volta che questi sono state diffuse.

Si potrebbe forse sostenere che il numero di detti messianici espressi da Rabbi Schneerson è più alto rispetto a quelli di Rabbi Yosef Yitzchok, proprio come il Messia non viene menzionato tanto nei primi scritti chassidici. C'è anche altro materiale pubblicato, scritto da Rabbi Schneerson. Rabbi Schneerson è stato comunque attivo come leader del movimento un decennio in più rispetto a suo suocero, e inoltre ha vissuto 24 anni in più, il che significa che ha avuto più tempo a sua disposizione — il potrebbe spiegare i suoi più numerosi messaggi sul Messia. Una cosa è chiara, tuttavia: il desiderio del Messia nei messaggi dei Rebbe è lo stesso.

Il primo movimento chassidico Chabad era intriso di aspettativa messianica. Questa convinzione messianica era centrale e anche oggi non c'è segno di volerla rifiutare. Il fulcro della Tanya di Zalman è il significato della pratica religiosa come mezzo per attirare i poteri divini sulla terra, che nella Cabala lurianica è il modo in cui il mondo viene ripristinato al suo stato originale e portato a compimento dal Messia. Già nel pensiero lurianico il pentimento, la diffusione degli insegnamenti cabalistici e il Messia giocavano il ruolo più importante della redenzione. Questi temi sono molto presenti nella Tanya, come anche nel moderno pensiero Chabad.

Il fervore messianico di Chabad-Lubavitch ai giorni nostri non è un nuovo sviluppo. Piuttosto, Rabbi Schneerson, Rabbi Yosef Yitzchok e la Tanya sono tutti uniti agli scritti cabalistici, in particolare a quelli di Isaac Luria, nella causa di portare qui il Messia tramite azioni religiose (soprattutto l'atto di pentimento, che significa "ritorno [a Dio]" e quindi con diverse implicazioni compreso l'osservanza dei comandamenti) e la diffusione del messaggio.

Chabad-Lubavitch è un eccellente soggetto di studi sui movimenti messianici contemporanei, sulla loro formazione, crescita e sopravvivenza. Bisognerebbe intraprendere ulteriori ricerche, in particolare sulla continua crescita e sopravvivenza del movimento. Esiste un vasto corpo di letteratura contemporanea riguardante la dottrina messianica, scritta dopo la morte di Rabbi Schneerson. Questi lavori darebbero un resoconto su come il messaggio di Rabbi Yosef Yitzchok e di Rabbi Schneerson sia continuato in mancanza di un successore che guidi l'intera organizzazione. C'è inoltre del materiale prodotto localmente – come opuscoli, bollettini e riviste – che potrebbero, ad esempio, essere confrontati per scoprire se ci sono differenze geografiche nel messaggio messianico. Sembra plausibile che ci siano più messianisti che vivono in Israele, ma questo deve comunque essere studiato per averne conferma.

Per quanto riguarda la formazione dell'attività messianica contemporanea di Chabad-Lubavitch, questo mio studio dimostra che è cresciuta da un'ideologia impressa nei Lubavitcher per generazioni attraverso lo studio meticoloso della Tanya ogni singola settimana. Una delle due scoperte essenziali in questo wikilibro è che la visione del mondo presentata nella Tanya riceve il suo scopo nella dottrina messianica. Il significato della creazione sta nell'avvento dell'era messianica e nella redenzione nazionale. Senza questa credenza d'aspettativa, gli ammonimenti di Zalman di avvicinarsi a Dio sarebbero futili. È importante notare che contrariamente a ciò che gli studiosi hanno detto in precedenza sulla redenzione nel chassidismo, la visione del mondo presentata da Zalman dimostra come la redenzione non sia né meramente spirituale né solo personale, ma riguardi l'intera creazione.

È vero che Zalman parla anche di una redenzione che è spirituale e individuale: l'obiettivo principale della Tanya è la capacità della persona comune di svilupparsi spiritualmente, ma questo ha il suo valore principalmente nel fatto che prepara il mondo per il Messia. L'adempimento dei comandamenti, in particolare il mostrare amore per i correligionari ebrei e fare la carità, nonché studiare la Torah e pregare con grande concentrazione, sono imperativi per rendere questa terra una dimora per Dio, che caratterizza l'era messianica. Ciò è qualcosa che gli studiosi hanno trascurato nel descrivere le fasi iniziali del Chassidismo Chabad. Lo scopo della Tanya non è quello di convincere gli aderenti che l'arrivo del Messia è immanente, e quindi Zalman solo raramente menziona specificamente il Messia. Zalman è invece più concentrato sulla questione di come far arrivare l'era messianica: tramite l'osservanza dei comandamenti.

La seconda scoperta essenziale in questo mio studio è che Rabbi Yosef Yitzchok e Rabbi Schneerson si uniscono a Zalman nella causa messianica. Il messaggio dei Rebbe Lubavitch del XX secolo deve essere letto e interpretato alla luce della Tanya. Una volta fatto, diventa evidente che, contrariamente al punto di vista degli studiosi precedenti, il messianismo in Chabad-Lubavitch non è limitato al XX secolo, ma piuttosto che la zelante anticipazione della venuta del Messia ha le sue radici nel Chassidismo Chabad del XVIII secolo. Cruciale qui è la loro convinzione comune che il Messia sia sul punto di arrivare. Le differenze nei messaggi di Rabbi Yosef Yitzchok, Rabbi Schneerson e Tanya, sono dovute alla loro capacità di interpretare i valori fondamentali di Chabad in modi applicabili alle rispettive generazioni, facendo sembrare il messianismo più acuto ai tempi dei pogrom e dell'Olocausto.

Il movimento messianico di Chabad-Lubavitch, insieme ad altri gruppi chassidici, ha superato gli ostacoli posti dalla Seconda Guerra Mondiale e dal mondo moderno, ed è ora fiorente. Chabad-Lubavitch, in particolare, è riuscito a utilizzare attivamente la tecnologia moderna per raggiungere sia i Lubavitcher secolari che i non-Lubavitch. La crescita e l'attivismo sono motivati ​​su basi dottrinali messianiche già evidenti alla fondazione di Chabad. In primo luogo, la Tanya comunica un ritorno all'ebraismo osservante, al fine di rendere questo mondo una dimora per Dio. Centrale per questo è la chiamata ad amare e ad aiutare i correligionari ebrei (specialmente tramite la carità). In secondo luogo, c'è una convinzione generale significativa nel primo chassidismo che il Messia sarebbe venuto quando gli insegnamenti chassidici fossero stati diffusi. Rabbi Yosef Yitzchok e Rabbi Schneerson hanno chiaramente reso questo un vero imperativo per i chassidim Chabad, quando hanno formato il sistema dell'invio di missionari. È inoltre dimostrato dal lavoro della casa editrice (Kehot Publications Society) e dalla loro consapevolezza nel diffondere la letteratura chassidica in diverse lingue, italiano incluso.

Il messianismo nel Chassidismo Chabad non fu prima immediato e poi distante, come spesso accade coi movimenti messianici, ma piuttosto nella Tanya Zalman presentava una soluzione ermeneutica al dilemma che sorge quando ciò che è stato profetizzato non si verifica. Questa soluzione rileva semplicemente che, se il Messia non arriva, significa che la generazione non è stata pronta, cionondimeno il Messia è comunque vicino all'avvento come lo è sempre stato. Questa è la chiave per comprendere l'attività messianica nel movimento Chabad-Lubavitch. Il Messia è sempre sulla soglia d'ingresso in questo mondo, ma il popolo ebraico deve prepararsi a salutarlo! E così i Lubavitcher gridano:

Vogliamo Moshiach, e lo vogliamo ORA!
אנחנו רוצים את המשיח עכשיו


  Serie maimonidea  
Libri nella serie: Guida maimonidea  •  La dimensione artistica e cosmologica della Mishneh Torah  •  Antologia ebraica  •  Torah per sempre  •  Non c'è alcun altro  •  Virtù e legge naturale  •  Essenza trascendente della santità  •  Pensare Maimonide  •  Ebrei e Gentili  •  Le strutture basilari del pensiero ebraico  •  Pluralismo religioso in prospettiva ebraica
Bibliografie & Glossari: 1  •  2  •  3  •  4  •  5  •  6  •  7  •  8  •  9  •  10  •  11