Latino/Aggettivi e pronomi possessivi

Indice del libro

I pronomi e gli aggettivi possessivi, in latino, hanno simile forma e uso a quelli italiani. Ecco una tabella che li riporta.

Persona Singolare Persona Plurale
Meus, mea, meum / "Mio, mia, miei, mie" Noster, nostra, nostrum / "Nostro, nostra, nostri, nostra"
Tuus, tua, tuum/ "Tuo, tua, tuoi, tue" Vester, vestra, vestrum / "Vostro, vostra, vostri, vostre"
Suus, sua, suum / "Suo, sua, suoi, sue" Suus, sua, suum / "Suo, sua, suoi; loro"

Questi Pronomi-Aggettivi si declinano come gli aggettivi della prima classe. Nella loro declinazione c'è una particolarità: meus, mea, meum presenta al vocativo singolare maschile la forma mi.

Il pronome-aggettivo di terza persona in latino resta lo stesso se riferito ad un termine singolare o a un plurale. Bisogna quindi fare attenzione al contesto in cui si traduce. Si notino le differenze nelle due frasi seguenti: Discipulus suos libros in ludo relinquit. / "L'allievo lascia i suoi libri a scuola." e Discipuli suos libros in ludo relinquunt. / "Gli allievi lasciano i loro libri a scuola".

Una ulteriore osservazione importante va fatta. In latino si distingue, nel caso del possessivo di terza persona, se questo è riferito al soggetto della frase in cui si trova oppure ad un altro elemento della stessa. Al posto di suus si usa il genitivo del Pronome is, ea, id quando il possessore non è il soggetto della frase: eius vale per il maschile, il femminile e neutro singolare ("di lui, di lei, di quello"), eorum per il maschile e neutro plurale ("di essi, loro") ed earum per il femminile plurale ("di esse, loro"). Esempio: Faber suum malleum amico dat. / "Il fabbro dà il suo (= del fabbro) martello all'amico.", Faber eius malleum amico dat. / "Il fabbro dà all'amico il suo (= dell'amico) martello." e Domina suas ancillas et earum amicas videt in horto. / "La padrona vede le sue schiave e le loro amiche in giardino.". Questa regola vale quasi sempre nelle frasi indipendenti ma vi sono delle eccezioni:

  • Si usa suus, sua, suum quando il possessivo è riferito al soggetto logico della frase e in questa manca il soggetto grammatica. Ad esempio: Est boni civis suam patriam amare. / "È proprio del buon cittadino amare la sua patria." (La patria è quella del cittadino.).
  • Si usa suus, sua suum accanto ai Pronomi Indefiniti quisque e unusquisque, "ciascuno". Ad esempio: Homines nobiles sua cuique ornamenta reddebant. (Cic.). / "Gli uomini generosi restituivano a ciascuno le sue cose preziose." (Anche se si usa il possessivo suus, le cose preziose sono di ciascuno e non degli uomini generosi.).

Nelle frasi dipendenti il Possessivo di terza persona segue le norme appena dette, tuttavia suus può anche essere riferito al soggetto della principale e non della subordinata in cui si trova, se questa riporta il pensiero del soggetto della principale. Ad esempio: Crassus animadvertit suas copias non facile diduci. (Caes.). / "Crasso comprese che le sue truppe non si speravano agevolmente." (Le truppe sono il soggetto della frase il cui prediccato è l'infinito diduci, ma le truppe sono di Crasso, che è il soggetto della principale reggente e nella subordinata si espone il suo pensiero.).