Immagini interpretative del Gesù storico/La morte di Gesù

Indice del libro
Claude Mellan - Face of Christ - WGA14764.jpg
Ingrandisci
Volto di Cristo (Il Velo della Veronica), di Claude Mellan (1649)

La morte di Gesù e postumiModifica

Un'immagine completa di Gesù deve rendere conto della sua morte. Le due domande principali riguardo alla sua morte sono: perché Gesù fu messo a morte e chi erano i suoi avversari?

Gesù e la LeggeModifica

Un'ipotesi generalmente accettata era che Gesù fosse stato crocifisso perché si opponeva alla Legge (Sanders 1985:246). Harvey Falk (1985:111-137) espone i detti antinomistici di Gesù alla luce delle controversie tra Bet Shammai e Bet Hillel. Queste erano due scuole di autorità rabbiniche che esistevano tra il 30 p.e.v. e il 70 e.v. Avevano grandi controversie sull'interpretazione della Torah, controversie che dividevano l'ebraismo (Falk 1985:114).

Sui casi di controversia tra i Farisei e Gesù circa lo Shabbat, la pulizia rituale e il Tempio, Falk segnala controversie simili tra Bet Shammai e Bet Hillel. Non è necessario accettare gli argomenti di Falk per dedurre dalla sua opera che l'atteggiamento di Gesù verso la legge non giustificasse la sua morte. Le sue opinioni coincidevano con quelle di Bet Hillel. Implicitamente, questo significa che c'era spazio per tali differenze nell'ebraismo e che non avrebbero portato alla sua morte.

Sanders (1985:252) cita un caso che potrebbe essere visto come una trasgressione della legge: il detto di lasciare che i morti seppellissero i propri morti (1Q, Luca 9:59-60, Matteo 8:21-22). Inoltre concentra la nostra attenzione sul punto che l'atteggiamento di Gesù verso il Tempio rifletteva il suo atteggiamento verso la Legge (1985:251). Un terzo punto di controversia avrebbe potuto essere l'ammissione dei peccatori nel Regno senza chiedere restituzione. In questi casi Gesù contestò l'adeguatezza della legge mosaica e attese con ansia un'altra dispensazione. Questo atteggiamento è secondo Sanders un riflesso dell'escatologia della restaurazione, ma di per sé non è una ragione per la morte di Gesù (1985:269).

Gli oppositori di GesùModifica

Gli oppositori di Gesù sono solitamente descritti come Farisei o sommi sacerdoti. Questa visione è supportata da Sanders (1985:286). L'animosità tra Gesù e la gerarchia ebraica era dovuta al fatto che Gesù e i suoi seguaci rappresentavano una minaccia ai valori comuni dell'ebraismo (1985:287).

L'azione al Tempio avrebbe irritato ben più dei soli sacerdoti, e l'ammissione dei peccatori senza restituzione avrebbe certamente offeso molti (Sanders 1985:287). Che l'azione al Tempio abbia avuto un ruolo nella condanna di Gesù è accettato da Bowker (1973:49), Boers (1989:93) e Bornkamm (1978:163) insieme a Sanders. È accettabile che l'atto del Tempio abbia portato al rifiuto di Gesù da parte del popolo di Gerusalemme, in modo da non avere un seguito così ampio come ci si aspetterebbe (Sanders 1985:288).

Sanders (1985:292) conclude che non conosciamo differenze sostanziali riguardo alla Legge che Gesù abbia avuto coi Farisei. I principali oppositori di Gesù erano i capi dei sacerdoti, ma anche un certo numero di membri della popolazione e dei Farisei avrebbe potuto sostenerli.

La morte di GesùModifica

La domanda che rimane sulla morte di Gesù è: perché morì su una croce romana se offese la gerarchia ebraica e un certo numero del popolo ebraico? Morire in croce era riservato ai banditi (Crossan 1991:172). La morte di Gesù evoca quindi alcune sfumature politiche. Sanders usa ancora una volta l'azione del Tempio per stabilire la ragione di questa morte "politica" (1985:296). L'azione del Tempio potrebbe essere interpretata come una sfida politico-religiosa per i leader di Israele. Questa non era una ragione sufficiente perché i romani agissero da soli. Se il tumulto fosse stato più grande, i romani avrebbero agito di propria iniziativa. E se ciò fosse accaduto, sicuramente molti dei discepoli sarebbero morti con lui, come nel caso di altri leader di rivolte popolari (Crossan 1991:175-187). Il fatto che nessuno dei seguaci di Gesù sia morto durante il suo arresto, indica che i romani non li vedevano come una minaccia, come avrebbero invece ritenuto se Gesù avesse avuto un grande seguito che dava inizio a una rivolta. Ciò aumenta la possibilità che i romani abbiano ucciso Gesù su insistenza dei capi sacerdoti.

ValutazioniModifica

Il quadro escatologico che Sanders ha tracciato di Gesù viene ripreso al massimo dalla sua descrizione della sua morte. Per lui, Gesù è morto perché era un profeta dell'escatologia della restaurazione ebraica. Ciò indusse le persone a interpretarlo in modo tale che alla fine portò alla sua morte. Poiché il movimento che nacque dopo la sua morte fu escatologico, ciò viene utilizzato da Sanders per rafforzare la sua ipotesi. Le conclusioni di Sanders sul perché Gesù morì e su chi ne fosse il responsabile, possono essere tratte anche senza la struttura dell'escatologia.

Crossan (1991:124-206) vede i miracoli e il messaggio di Gesù come banditismo teologico. Il suo parallelo nel campo della politica era il banditismo. L'influenza della condotta di Gesù fu che il ruolo profetico poteva facilmente trasformarsi in quello di un leader di dissidenti. La gerarchia ebraica stava reagendo al banditismo religioso mentre i romani lo crocifissero come pretendente al trono.

È chiaro che entrambe le succitate immagini potrebbero essere interpretate escatologicamente. Potrebbero anche essere interpretate in altro modo. La morte di Gesù non prova l'escatologia, ma può anche essere interpretata in modo escatologico.

  Per approfondire, vedi Serie cristologica.