Immagini interpretative del Gesù storico/Il Regno di Dio

Indice del libro
Titian - The Tribute Money - Google Art Project (715452).jpg
Ingrandisci
Gesù e il tributo, di Tiziano (1516)

Il Regno di DioModifica

I detti e il Regno di DioModifica

Ci sono detti pronunciati da Gesù che dichiarano chiaramente che il Regno di Dio è giunto:

  • Matteo 12:28 e paralleli: Ma se io scaccio i demòni per virtù dello Spirito ["dito" in Luca] di Dio, è certo giunto fra voi il regno di Dio.
  • Luca 17:21: e nessuno dirà: Eccolo qui, o: eccolo là. Perché il regno di Dio è in mezzo a voi!
  • Vangelo di Tommaso 51: Lui disse loro: "Quello che aspettate è venuto, ma non lo sapete".

Questi detti causano immediatamente un problema. Se solo avessimo i testi che sono ambigui e futuristici, il problema sarebbe stato facilmente risolto. I detti presenti aprono la possibilità di interpretare i quelli ambigui come se fossero rivolti al presente.

C.H. Dodd ritenne che il Regno fosse nel presente. Egli considerava l'escatologia completa come un compromesso che cercasse di colmare il divario tra l'escatologia futuristica e la presenza del Regno di Dio (Dodd 1970:34). Sosteneva che l'immaginario apocalittico di Gesù fosse un tratto comune di molti insegnanti (Dodd 1970:42-43). Dodd cercò l'insegnamento unico di Gesù nella sua proclamazione del realismo delle parabole che mostravano la presenza del Regno (Aulen 1976:106). Dodd accettò i detti che sottolineavano l'immanenza del Regno come autentici. Suggerì che per Gesù il Regno era interamente presente nella sua propria vita (Hiers 1987:24). Ciò significava che Gesù vedeva la venuta del Regno nella sua stessa venuta e la relativa manifestazione nei miracoli e negli esorcismi (Matteo 11:4-6; Luca 7:21-23). Sanders (1985:134-135) mette giù le argomentazioni di Dodd che si basano su Matteo 12:28: "Ma se io scaccio i demòni per virtù dello Spirito di Dio, è certo giunto fra voi il Regno di Dio (ἔφθασεν) ". Conclude che si potrebbe capire ἔφθασεν come presente solo se si usa un argomento circolare secondo cui Gesù vede i miracoli come una prova che il Regno è giunto.

Dodd coniò il termine "escatologia realizzata" nelle sue Conferenze Shafer del 1935 (Hiers 1987:19). Il termine "escatologia realizzata" ha una certa tensione interiore: come si potrebbe realizzare un evento escatologico nella storia? Dodd non nega il tono escatologico dei detti, solo che devono essere interpretati in modo realizzato. Ciò significa che Gesù vide nella sua venuta la venuta del Regno di Dio e che in lui si adempirono le speranze escatologiche dell'ebraismo.

La reazione di Perrin al problema temporale del RegnoModifica

Il problema posto dall'ambientazione temporale del Regno sta alla radice di quasi tutte le altre domande poste sul Regno. La risposta più ovvia al problema è stata vista nei metodi di Schweitzer e Dodd. Schweitzer ignorò i testi che enfatizzavano la presenza attuale del Regno. Dodd rifiutò l'autenticità dei testi che sottolineavano l'avvento futuro del Regno. A seconda dei criteri utilizzati, si potrebbe sostenere l'autenticità di tutti i detti di cui sopra. Nonostante il suo approccio positivo Norman Perrin, ad esempio, riusciva ad attribuire a Gesù solo quattro detti del Regno (Marco 1:15; Luca 11:20; Luca 17:20-21 e Matteo 11:12).

Il modo in cui Perrin cercò di uscire dall'impasse temporale era invece finalizzato all'interpretazione del Regno e non ai problemi temporali da esso sollevati. Interpretò il Regno come un simbolo piuttosto che come un concetto. Secondo lui le parabole furono usate per invocare il mito della regalità di Dio (Perrin 1976:1-12;202-203). Come simbolo non ha bisogno di essere interpretato in termini di tempo, ma solo in termini del contenuto mitologico che cerca di trasmettere (1976:40). Il contenuto mitologico del Regno di Dio è l'attività di Dio come Re. Questo simbolismo era profondamente radicato nella coscienza degli ebrei che vedevano se stessi come il popolo di Dio, con Dio che agiva per loro conto nella storia. Questo punto di Perrin deve essere testato. Dobbiamo chiederci se il Regno di Dio come idea escatologica fosse profondamente radicato nel pensiero del popolo ebraico.

Il Regno nell'ebraismoModifica

Una domanda molto importante da tenere a mente è se il Regno di Dio fosse solo una nozione di Gesù. Il Regno di Dio aveva un significato distintivo nell'ebraismo? Potrebbe l'uso del termine nei testi ebraici spiegare il suo uso nel cristianesimo primitivo?

La prima cosa che colpisce quando si cerca la frase "Regno di Dio" nel canone dell'Antico Testamento è la sua rara presenza (Patrick 1987:67-69). Perrin vede la prova del Regno di Dio nei salmi dell'intronizzazione (Perrin 1976:17).

Mack (1987:10) si concentra sul fatto che il termine non compare affatto nei testi apocalittici e che la regalità di Dio era data per scontata. Mette in dubbio le ipotesi fatte dagli studiosi senza cercare nei testi ebraici, che portarono le persone a credere che il Regno di Dio fosse abbondante nell'apocalitticismo ebraico.

Negli Apocrypha e Pseudepigrapha, il Regno di Dio non è usato come espressione fissa standard (Collins 1987:81). Se "Regno di Dio" non era abbondante nei testi ebraici e non era usato come espressione fissa standard con un contenuto escatologico, non può essere usato come indicatore del contenuto escatologico che ha nei testi successivi.

Questo pone un problema perché troviamo il Regno carico di connotazioni escatologiche nella letteratura del I secolo e.v. Non dobbiamo commettere l'errore di leggere nei testi precedenti nozioni di testi successivi. Il contenuto escatologico del Regno di Dio deve essere spiegato, ma il materiale prima dell'era cristiana non è sufficiente a fornire le risposte.

Ciò è sottolineato dai suggerimenti di Crossan che l'antica diversità, nell'interpretazione di Gesù, è molto più complicata di quanto siamo arrivati a credere (Crossan 1988:123). Anche Yarbro-Collins (1991:220) concentra la nostra attenzione sulla diversità delle idee escatologiche nell'ebraismo al volgere dell'era. La visione giudaica del Regno di Dio è di per sé così colma di domande che non può essere usata per motivare più del semplice fatto che alcuni contemporanei di Gesù avrebbero potuto avere qualche aspettativa escatologica collegata al Regno di Dio.

Sanders, il Regno e i dettiModifica

L'approccio di Sanders ai problemi legati al Regno di Dio, mette in discussione molti dei presupposti e dei risultati del paradigma escatologico.

La conclusione di Schweitzer che ci fosse un dogma consolidato nel I secolo si è dimostrata insostenibile. C'era una speranza comune per la restaurazione di Israele, sebbene esistessero varie teologie di restaurazione (Sanders 1985:124). Questa scoperta di Sanders coincide in parte con la conclusione di cui sopra, che c'era una speranza escatologica di qualche tipo almeno tra alcune delle persone. La conclusione di Sanders è però molto più assertiva, restringendo l'aspettativa alla restaurazione di Israele.

In opposizione all'opinione di Perrin che il Regno di Dio debba essere interpretato come un simbolo, Sanders afferma che la frase ha un contenuto concettuale (1985:126). Il contenuto del concetto è per lui il Regno di Dio, o la sfera in cui Dio esercita il Suo potere. Sanders deduce da Marco 12:18-27 che Gesù vedeva il Regno come la potenza dominante di Dio (1985:127). Il passo è dal secondo strato in cui si trova solo in una singola attestazione (Crossan 1991:455). Ciò rende improbabile che lo stralcio potesse essere autentico.

Sanders elude il problema dell'autenticità assumendo che non ci siano testi autentici che contraddicono la sua deduzione da Marco 12:18-27 (Sanders 1985:127).

Avendo stabilito in questo modo il pensiero di Gesù sul Regno, Sanders corrobora questo assunto con i risultati del ministero di Gesù, vale a dire un movimento escatologico dei suoi seguaci (1985:129). Il fatto che l'inizio del ministero di Gesù con Giovanni Battista e le sue conseguenze siano entrambi escatologici, rafforza le ragioni di Sanders per presumere che il pensiero di Gesù sul Regno fosse escatologico.

Sanders esprime l'opinione che il problema, sia che il Regno sia nel presente o nel futuro, è dovuto al fatto che abbiamo detti che sono stati estratti dal loro contesto originale, mescolati con altri detti, inseriti in nuovi contesti e usati per scopi diversi (1985:131-132). Questo rende difficile arrivare al punto di vista di Gesù riguardo al concetto del Regno. Sebbene tale sia il caso, Sanders è fiducioso che l'elevata istanza del termine, rispetto all'altra letteratura ebraica, rende certo che Gesù abbia usato il termine. L'azione del Tempio e la chiamata dei dodici confermano per Sanders che Gesù vedeva la sua carriera come significativa e intimamente legata al Regno (Sanders 1985:140). Sanders conclude che dai detti e dai fatti possiamo dedurre quanto segue:

(IT)
« Gesù cercò l'imminente intervento diretto di Dio nella storia, l'eliminazione del male e dei malfattori, la costruzione di un nuovo e glorioso Tempio e il ricongiungimento di Israele con lui stesso e i suoi discepoli come figure di primo piano in esso. »

(EN)
« Jesus looked for the imminent direct intervention of God in history, the elimination of evil and evildoers, the building of a new and glorious temple, and the reassembly of Israel with himself and his disciples as leading figures in it. »
(1985:153)

Ammette che, data la natura dei detti, le sfumature e le specificità della visione del Regno da parte di Gesù non saranno mai conosciute con certezza.

ValutazioniModifica

Abbiamo visto nella discussione supra che il Regno di Dio non ci dà un facile accesso ai contenuti del messaggio di Gesù. Il primo problema è posto dalla temporalità del Regno, così che non sappiamo se Gesù l'abbia usato come futuristico o presente. Lo sfondo giudaico del Regno di Dio non ci avvicina di più a una risposta su cosa significasse per Gesù. Il modo in cui Sanders interpretò il Regno di Dio ci mostra che poteva essere interpretato in modo escatologico. Il contenuto escatologico del termine non è però evidente. Sanders dovette convalidare la sua interpretazione escatologica con altro materiale che considerava escatologico, ad esempio: l'azione del Tempio, la chiamata di dodici discepoli e, come abbiamo visto, l'inizio e le conseguenze del suo ministero. Ci siamo anche confrontati con la divergenza di opinioni sul Regno di Dio che sono sia moderne che antiche.

In conclusione, intendo esaminare un particolare gruppo di testi per vedere se possiamo dedurne in che modo dovrebbero essere risolte le nostre domande sul Regno. Ho scelto il gruppo 43: "Beati i poveri". È attestato tre volte indipendentemente nel primo strato e cioè nel Vangelo di Tommaso, 1Q, come anche in Giacomo: "Beati voi poveri, perché vostro è il Regno dei cieli\di Dio". Nel Vangelo di Tommaso, il brano è in un contesto non escatologico. In Luca 6:20, cioè derivato dal 1Q, il contesto è ambiguo riguardo alla temporalità del Regno. L'uso di "νύν" in 6:21 e 6:25 rende molto probabile che non fosse inteso escatologicamente. Anche 5:3 è derivato da 1Q ed è chiaramente più orientato escatologicamente. 1Q potrebbe essere considerato più di sapienza che di escatologia (Crossan 1991:429). La lettura in Giacomo 2:5 deve ancora una volta essere considerata escatologica alla luce di Giacomo 5:7-11.

Vediamo che ci sono sia un'interpretazione escatologica sia una non escatologica del Regno nello stesso gruppo e che era così sin dal primo strato. Ciò significa che il termine fu interpretato in modo diverso sin dall'inizio del suo utilizzo. Questo stato di cose ci riporta alla domanda del primo capitolo: cosa disse Gesù del Regno di Dio che potesse essere interpretato in modo così diverso? Il fatto che dobbiamo porre tale domanda piuttosto che le domande sulla temporalità del Regno di Dio, sembra l'approccio appropriato.

A rischio di sembrare un procrastinatore, tornerò su questa domanda nel Capitolo V, dove sarò in grado di rispondere nel contesto dei risultati di tutta la mia ricerca.

  Per approfondire, vedi Serie cristologica.