Immagini interpretative del Gesù storico/Galilea in contesto

Indice del libro
Maksymilian Antoni Piotrowski - Ecce Homo 1856.jpg
Ingrandisci
Ecce Homo di Maksymilian Antoni Piotrowski (1856)

Galilea in contestoModifica

Galilea come patria di GesùModifica

Per costruire un'immagine storica di Gesù, bisogna prendere atto della sua discendenza galilea. La maggior parte dei dati storici su Gesù lo collocano in un contesto galileo. L'ambiente galileo dà un'idea della condotta e dei discorsi di Gesù, nonché della reazione delle persone al suo comportamento.

La Palestina non era un territorio unitario con persone di posizione socioeconomica e politico-religiosa unitaria. C'erano chiare differenze tra le persone della Galilea e quelle della Giudea. I galilei non erano mai stati sotto il dominio romano diretto, dall'invasione di Gerusalemme da parte di Pompeo nel 63 p.e.v. Fu governata solo come parte della Giudea durante il regno di Erode il Grande (37 p.e.v.-4 e.v.). Ciò portò a visioni politiche distinte in Galilea nonché a uno spirito di libertà che diede origine a rivolte politiche contro i romani e i governanti sotto la loro protezione (Vermes 1983b:46-48).

La Galilea era un centro di commercio e villaggi, paesi e città erano collegati da una vasta rete di strade. La regione era densamente popolata e non si era mai lontani da un dato paese o città. Flavio Giuseppe menziona che c'erano duecentoquattro villaggi in Galilea (Vit 45:235).

I Vangeli non menzionano alcuna attività di Gesù nelle città. Sappiamo, tuttavia, che le città e i villaggi visitati da Gesù erano tutti a pochi passi dalle città (Aharoni & Avi-Yonah 1979:144). La vicinanza delle città e la loro influenza come centri di commercio e dell'amministrazione romana devono aver influenzato tutti gli abitanti della Galilea.

La città più importante della Galilea, Zippori, distava circa sette chilometri da Nazareth. Possiamo quindi presumere che Gesù conoscesse la vita in città e fosse ben consapevole delle questioni politiche e sociali del suo ambiente. Questa ipotesi è rafforzata dall'immaginario usato da Gesù. Egli faceva riferimento a proprietari terrieri, a tribunali, al mercato, ai lavoratori e agli investimenti. Gesù e i suoi seguaci erano molto probabilmente persone urbanizzate ben informate.

Galilei sospettiModifica

La Galilea era circondata da territori gentili che geograficamente la separavano da Gerusalemme e dal Tempio (Aharoni,Y & Avi-Yonah 1979:145). Ciò alla fine portò a una situazione di reciproca sfiducia riguardo alle questioni religiose tra giudei e galilei. Un punto in questione è il commento di R. Judah nella Mishnah (MNed 2:4) riguardo all'offerta elevata (תְּרוּמָה):

« È vincolante una dichiarazione che si riferisce senza specificazione a un'offerta elevata fatta in Giuda. Ma in Galilea non è vincolante.
Poiché gli uomini di Galilea non hanno familiarità con le offerte elevate che appartengono alla camera.
Le affermazioni che qualcosa è dedicato, senza ulteriori specificazioni, in Giuda non sono vincolanti, e in Galilea sono vincolanti.
Poiché i galilei non hanno familiarità con le cose dedicate ai sacerdoti. »
(Trad. Neusner 1988:408-409)
 
Mappa della Galilea (ES)
 
Mappa della Galilea (HE)

Qui troviamo una distinzione tra le persone della Giudea e quelle della Galilea. È tale sulla base del fatto che i galilei non sono così informati riguardo alle questioni religiose. Devono quindi specificare l'offerta di elevazione per assicurarsi che sia conforme alla legge. Nello stesso senso, la devozione ai sacerdoti è vincolante in Galilea senza specificazione, perché non hanno la conoscenza della devozione ai sacerdoti e quindi non avrebbero potuto specificare il tipo di devozione. Questa opinione riguardo ai galilei dimostra che la loro conoscenza religiosa era sospetta.

Il sospetto religioso era alimentato dal modo imprudente in cui parlava la gente della Galilea (Vermes 1983b:52). Quando Pietro è riconosciuto come uno dei seguaci di Gesù, ciò accade a causa del suo accento galileo (Matteo 26:73). Vermes riferisce che alle persone di certe parti della Galilea non veniva chiesto di leggere le Scritture al di fuori del territorio in cui vivevano, perché la loro pronuncia era alquanto incomprensibile (Vermes 1983b:53).

Un'altra indicazione della deviazione religiosa in Galilea erano i numerosi profeti, maghi e altre figure carismatiche che di volta in volta operavano nella regione. Abbiamo incontrato persone come Honi e Hanina nel discutere il termine "chassid" supra. Hanina può essere collegato alla Galilea e Honi era sicuramente un galileo.

Va tenuto presente, tuttavia, che in generale i galilei erano fedeli al Tempio di Gerusalemme nonostante l'indifferenza dell'aristocrazia sacerdotale (Freyne 1987:607)

Problemi politiciModifica

Il fatto che la Galilea non fosse sotto il diretto dominio romano al tempo di Gesù non impedì ai galilei di cercare la totale libertà dal giogo romano. La situazione politica era aggravata dalla situazione economica in Galilea. Nell'antichità, il capitale si formava prendendolo come bottino di guerra, o come tasse spremute dalla popolazione contadina (Crossan 1991:51). Ciò valeva anche per la Galilea, dove il doppio onere delle tasse per il proprio sovrano e le tasse nei confronti di Roma impoverivano la gente comune. Le classi inferiori della società galilea erano prese nella morsa della povertà e della mancanza di occupazione. Gesù svolse la maggior parte del suo operato tra i contadini e le sue parabole, per la maggior parte, usavano il loro stile di vita e il loro ambiente come sfondo e contesto.

La situazione politica ed economica era strettamente connessa. Dalle opere di Flavio Giuseppe abbiamo l'impressione che la Galilea abbia svolto un ruolo molto significativo nelle insurrezioni contro coloro che governavano la Palestina. In Antichità giudaiche 14.59 Flavio Giuseppe menziona la cattura di Ezechia, un bandito galileo, da parte di Erode nel 47 p.e.v. Leggiamo anche di Giuda il Gaulanita (Γαυλανίτης), che proveniva da una città chiamata Gamala. Con l'aiuto di Zaddok, un fariseo, si ribellò contro la tassazione delle proprietà degli ebrei da parte di Quirinio (Flavio Gius. Ant 18.4). Gamala era in Galilea e Giuda è anche chiamato "il Galileo" (Γαλιλαῑος) in Antichità 18.23 e Guerre giudaiche 2.118.

In entrambi i succitati casi, la situazione socio-economica giocò un ruolo importante, portando al banditismo come troviamo con Ezechia (Crossan 1991:174). Flavio Giuseppe identifica le ragioni della ribellione sotto Giuda il Galileo come economiche.

Giacobbe e Simone, due figli di Giuda il Galileo, furono crocifissi da Tiberio Giulio Alessandro, il procuratore della Giudea (Flavio Gius. Ant 20.102). Menahem, altro figlio di Giuda, catturò Massada dai romani e suo nipote Eleazaro difese Masada per quattro anni dopo la caduta di Gerusalemme (Vermes 1983b:47). Giovanni di Gischala in Galilea fu uno dei capi più sanguinari della guerra ebraica (Vermes 1983b:47). Vermes osserva che il ruolo svolto da Giuda il Galileo e dalla sua famiglia rendeva i galilei in generale politicamente sospetti.

Il fatto che Gesù fosse un galileo deve aver avuto un'influenza sul modo in cui le persone lo vedevano e capivano le sue azioni. Abbiamo visto che il sentimento nei confronti dei galilei era in generale negativo per quanto riguarda le questioni religiose e politiche. Da questo possiamo capire perché Gesù fosse percepito in modo così negativo da alcune persone della Palestina e dalle autorità. La sua morte in croce come bandito, non sarebbe avvenuta se la sua condotta non fosse stata intesa secondo linee politiche influenzate negativamente dalla sua discendenza galilea (Freyne 1987:608).

  Per approfondire, vedi Serie cristologica e Serie misticismo ebraico.