Taumaturgia messianica/Capitolo 35

Indice del libro
Maestro della raccolta della manna, guarigione del cieco di gerico, 1475 ca.jpg
Ingrandisci
Guarigione dei ciechi di Gerico, Maestro della raccolta della manna (1475 ca.)

I due ciechi di Gerico (Matteo 20:29-34)Modifica

Gesù guarì due ciechi a Gerico:

« Mentre uscivano da Gerico, una gran folla seguiva Gesù. Ed ecco che due ciechi, seduti lungo la strada, sentendo che passava, si misero a gridare: "Signore, abbi pietà di noi, figlio di Davide!". La folla li sgridava perché tacessero; ma essi gridavano ancora più forte: "Signore, figlio di Davide, abbi pietà di noi!". Gesù, fermatosi, li chiamò e disse: "Che volete che io vi faccia?". Gli risposero: "Signore, che i nostri occhi si aprano!". Gesù si commosse, toccò loro gli occhi e subito ricuperarono la vista e lo seguirono. »
(Matteo 20:29-34)

Significato della guarigioneModifica

Questa storia di guarigione è simile alla precedente guarigione di due ciechi in Matteo 9:27-31 (cfr. Capitolo 19). Come nell'episodio precedente, i ciechi chiamarono Gesù "Figlio di Davide" (20:30,31), mettendo così a fuoco il suo stato messianico. Questa guarigione a Gerico è seguita immediatamente dall'ingresso trionfale (Matteo 21:1-11), che Matteo collega esplicitamente all'adempimento messianico di Zaccaria 9:9 (Matteo 21:4-5). La folla salutò Gesù gridando: "Osanna al Figlio di Davide! Benedetto colui che viene nel nome del Signore! Osanna nel più alto dei cieli!" (Matteo 21:9). Come il precedente miracolo della guarigione di due ciechi, questo esempio di guarigione significa il ripristino non solo della vista fisica ma anche della vista spirituale. La vista spirituale porta a riconoscere Gesù come il Messia.

Opportunamente, i due ciechi che erano stati guariti "lo seguirono" (Matteo 20:34). Matteo non dice esplicitamente che i due uomini lo abbiano seguito da Gerico a Betfage e a Gerusalemme. Ma tematicamente la loro risposta a Gesù è legata all'accoglienza della folla. Sia i ciechi che le folle riconobbero che Gesù era "il Figlio di Davide". Tuttavia, nel caso delle folle, dobbiamo dire che il loro "riconoscimento" fu parziale e volubile. Compresero la vera natura dell'opera messianica di Gesù ancor meno dei dodici apostoli.

Perché Matteo registra due casi separati di guarigione di due ciechi, quando i due miracoli hanno più o meno lo stesso significato? L'effetto di avere due episodi con tante somiglianze è come l'effetto di avere due miracoli di moltiplicazione dei pani e dei pesci, uno con 5000 uomini e l'altro con 4000 (Matteo 14:13-21 e 15:32-39; cfr. anche Capitoli 25 e 30). La ripetizione rafforza il punto. Nel caso dei due ciechi, la guarigione a Gerico avvenne mentre Gesù si trovava nel suo ultimo viaggio a Gerusalemme. È appropriato che abbiamo un miracolo finale con significato messianico e con significato per la vista spirituale, appena prima dell'ingresso trionfale, e appena prima che Gesù giungesse agli eventi di significato messianico culminante, nella croce e nella risurrezione.

Come al solito, possiamo applicare il brano alla nostra vita. Riceviamo la vista spirituale quando Gesù ci dà la vista attraverso lo Spirito Santo.

Il riassunto che usa il Triangolo di Clowney è essenzialmente lo stesso del precedente caso di guarigione di due ciechi (si veda la fig. 48).

Gesù guarisce, di James Tissot (1894)