Introduzione allo Zohar/Bibliografia

Indice del libro
Gikatilla, 'Portae lucis'.jpg
Ingrandisci
Joseph ben Abraham Gikatilla, Portae lucis, 1516 — Frontespizio con cabalista che sostiene l'Albero della Vita con le Dieci Sefirot

Bibliografia sceltaModifica

(ENHEITLA)
Sefer ha-Zohar (ספר הזוהר – Il Libro dello Splendore) ha stupito e affascinato lettori dal momento in cui apparve misteriosamente nella Spagna medievale (Castiglia) verso la fine del XIII secolo. Scritto nella maggior parte in un aramaico speciale e distintivo, questo capolavoro della Cabala esula dalle dimensioni di un libro normale. Il grosso dello Zohar consiste di un commentario continuativo sulla Torah, da Genesi a Deuteronomio. La prosa dello Zohar è poetica, ricolma di connotazioni multiple, composte in un modo tale che spesso è difficile comprendere il significato preciso di una frase. Il linguaggio si adatta perfettamente alla materia trattata, che è misteriosa, elusiva ed ineffabile; le parole possono solo suggerire ed alludere. Un processo inscrutabile viene affermato e poi immediatamente negato: "Ha diviso e non ha diviso la sua aura" (Zohar 1:15a). Occasionalmente incontriamo ossimori, come "nuove parole antiche", che alludono a fonti vetuste. Il primo impulso dell'emanazione divina viene descritto come botsina de-qardinuta, "una scintilla di tenebra impenetrabile" (Zohar 1:15a), così intensamente risplendente che non può esser vista.
Nel corso dei secoli, la potenza del linguaggio zoharico ha ipnotizzato persino coloro che non riescono a sondarne i segreti. Mentre i cabalisti ci si concentravano profondamente, i non iniziati cantilenavano il lirico aramaico, spesso inconsapevoli del significato letterale, "Anche se uno non comprende, il linguaggio è adatto all'anima" (da Mosè Luzzatto, prefazione a Qelaḥ Pitḥei Ḥokhmah).

Traduzioni dello Zohar in ingleseModifica

  • Zohar Pages in English, at ha-zohar.net, including the Introduction translated in English
  • Berg, Michael: Zohar 23 Volume Set- The Kabbalah Centre International. Full 23 Volumes English translation with commentary and annotations.
  • Matt, Daniel C., Nathan Wolski, & Joel Hecker, trans. The Zohar: Pritzker Edition (12 vols.) Stanford: Stanford University Press, 2004-2017.
  • Matt, Daniel C. Zohar: Annotated and Explained. Woodstock, Vt.: SkyLights Paths Publishing Co., 2002. (Selections)
  • Matt, Daniel C. Zohar: The Book of Enlightenment. New York: Paulist Press, 1983. (Selections)
  • Scholem, Gershom, ed. Zohar: The Book of Splendor. New York: Schocken Books, 1963. (Selections)
  • Sperling, Harry and Maurice Simon, eds. The Zohar (5 voll.). London: Soncino Press.
  • Tishby, Isaiah, ed. The Wisdom of the Zohar: An Anthology of Texts (3 voll.). Translated from the Hebrew by David Goldstein. Oxford: Oxford University Press, 1989.
  • Shimon bar Yochai. Sefer ha Zohar (Vol. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15 English). Createspace, 2015

Fonti secondarieModifica

  Serie misticismo ebraico  
Libri nella serie: Messianismo Chabad e la redenzione del mondo  •  Introduzione allo Zohar  •  Isaac Luria e la preghiera  •  Il Nome di Dio nell'Ebraismo  •  Rivelazione e Cabala  •  Storia intellettuale degli ebrei italiani  •  Abulafia e i segreti della Torah
Bibliografie & Glossari: 1  •  2  •  3  •  4  •  5  •  6  •  7

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

(ENITHE)

ZoharModifica

Collegamenti correlatiModifica

Altri siti rilevantiModifica

  Per approfondire, vedi Messianismo Chabad e la redenzione del mondo.
  Serie maimonidea  
Libri nella serie: Guida maimonidea  •  La dimensione artistica e cosmologica della Mishneh Torah  •  Antologia ebraica  •  Torah per sempre  •  Non c'è alcun altro  •  Virtù e legge naturale  •  Essenza trascendente della santità  •  Pensare Maimonide  •  Ebrei e Gentili  •  Le strutture basilari del pensiero ebraico  •  Pluralismo religioso in prospettiva ebraica
Bibliografie & Glossari: 1  •  2  •  3  •  4  •  5  •  6  •  7  •  8  •  9  •  10  •  11