Pensare Maimonide/Angeli biblici

Indice del libro
Abramo e gli angeli, olio di Aert de Gelder, 1685

Narrazioni di angeli nella Torah
Maimonide crede che qualsiasi storia con gli angeli nella Torah sia una visione profetica, mentre Ramban crede che si tratti di eventi reali e chiama la posizione di Maimonide "proibita" — qual è la posta in gioco in questo dibattito?

Introduzione: la visita di Dio alla tenda di AbramoModifica

Genesi 18 racconta la storia dell'annuncio della nascita di Isacco ad Abramo. La storia comincia:

(IT)
« 1Poi il Signore apparve a lui alle Querce di Mamre, mentre egli sedeva all'ingresso della tenda nell'ora più calda del giorno. 2 Egli alzò gli occhi e vide che tre uomini stavano in piedi presso di lui. Appena li vide, corse loro incontro dall'ingresso della tenda e si prostrò fino a terra, 3 dicendo: «Mio signore, se ho trovato grazia ai tuoi occhi, non passar oltre senza fermarti dal tuo servo... »

(He)
« א וַיֵּרָ֤א אֵלָיו֙ יְ-הֹוָ֔ה בְּאֵלֹנֵ֖י מַמְרֵ֑א וְה֛וּא יֹשֵׁ֥ב פֶּֽתַח־הָאֹ֖הֶל כְּחֹ֥ם הַיּֽוֹם: ב וַיִּשָּׂ֤א עֵינָיו֙ וַיַּ֔רְא וְהִנֵּה֙ שְׁלֹשָׁ֣ה אֲנָשִׁ֔ים נִצָּבִ֖ים עָלָ֑יו וַיַּ֗רְא וַיָּ֤רָץ לִקְרָאתָם֙ מִפֶּ֣תַח הָאֹ֔הֶל וַיִּשְׁתַּ֖חוּ אָֽרְצָה: ג וַיֹּאמַ֑ר אֲדֹנָ֗י אִם־נָ֨א מָצָ֤אתִי חֵן֙ בְּעֵינֶ֔יךָ אַל־נָ֥א תַעֲבֹ֖ר מֵעַ֥ל עַבְדֶּֽךָ: »
(Genesi 18)

Questa sezione di apertura ci presenta alcune difficoltà ben note:

  • Qual è la connessione tra l'apparizione del Signore ad Abramo nel versetto 1 e l'apparizione dei tre uomini nel versetto 2?
  • Perché Abramo sembra ignorare la rivelazione di Dio a lui all'ingresso della tenda e scappa a salutare i tre uomini? Sembra che Abramo lasci impudentemente Dio indietro, davanti alla tenda!
  • Se Abramo scappò di corsa ad incontrare i tre uomini, perché, nel versetto 3, parla loro al singolare, come "Mio Signore", prima di offrirsi a lavare loro i piedi e dar loro da mangiare?

Il testo diventa ancora più confuso arrivando al versetto 13, quando Dio stesso parla improvvisamente.

(IT)
« 13 Ma il Signore disse ad Abramo: «Perché Sara ha riso dicendo: Potrò davvero partorire, mentre sono vecchia? 14 C'è forse qualche cosa impossibile per il Signore? Al tempo fissato tornerò da te alla stessa data e Sara avrà un figlio». »

(He)
« יח:יג וַיֹּ֥אמֶר יְ-הֹוָ֖ה אֶל־אַבְרָהָ֑ם לָ֣מָּה זֶּה֩ צָחֲקָ֨ה שָׂרָ֜ה לֵאמֹ֗ר הַאַ֥ף אֻמְנָ֛ם אֵלֵ֖ד וַאֲנִ֥י זָקַֽנְתִּי: יח:יד הֲיִפָּלֵ֥א מֵיְ-הֹוָ֖ה דָּבָ֑ר לַמּוֹעֵ֞ד אָשׁ֥וּב אֵלֶ֛יךָ כָּעֵ֥ת חַיָּ֖ה וּלְשָׂרָ֥ה בֵֽן: »
(Genesi 18)

Ma dov'è Dio dal versetto 1 in poi? Molti studiosi suggeriscono che la storia presenti uno dei tre uomini come Dio! Se è così, questo testo raffigura il Dio israelita che assume forma umana, cammina sulla terra, si lava i piedi, mangia e beve (versetto 8)! Credo che questa sia davvero l'interpretazione più plausibile. Sebbene non si adatti bene alla maggior parte delle concezioni ebraiche tradizionali su come Dio si manifesti, si conforma comunque con le antiche concezioni bibliche di Dio. [2] Tuttavia, poiché la ricerca biblica ebraica premoderna considerava Dio incorporeo e dava per scontato che anche la Bibbia lo facesse, la moderna risposta accademica che Dio è uno dei tre visitatori non la troveremo lì.[1]

E gli angeli?Modifica

Per gli esegeti medievali emerse una difficoltà congiunta. Mettendo da parte la domanda "dov'è Dio" per un momento, anche se Dio non è uno dei visitatori, e supponendo che i visitatori stessi siano angeli, non è questo stesso un problema? Se gli angeli sono esseri incorporei, come possono mangiare, bere e avere i piedi impolverati? Sebbene gli esegeti medievali abbiano una serie di approcci a questo problema, mi concentrerò qui sull'approccio "razionalista" di Maimonide e sulla critica di Ramban (= Nahmanide, 1194-1270). Questi due approcci divergenti a Genesi 18 riflettono un profondo disaccordo su come i testi biblici dovrebbero essere letti e quanto sia importante la storia biblica. Approfondirò poi nuovamente l'impostazione maimonidea nel successivo capitolo sugli angeli.

La posizione di Maimonide: sogno profeticoModifica

Nella Guida dei perplessi (2:41-44), Maimonide spiega la relazione tra visioni-sogno e profezia:

« Sappi di nuovo che nel caso di tutti coloro su cui esiste un testo scritturale in cui un angelo gli parlava o che il discorso gli veniva da Dio, ciò non succedeva in altro modo se non in un sogno o in una visione di profezia. »
(Guida, Libro 2, Cap. 41[2])

Maimonide applica questo principio generale a molti resoconti, incluso il nostro testo:

« Il Signore apparve ad Abramo alle querce di Mamre..." Poiché dopo che lui (Mosè) ebbe per primo proposto la proposizione che Dio si fosse manifestato a lui (Abramo), iniziò a spiegare quale fosse la forma di questa manifestazione; e disse che all'inizio vide tre uomini e corse, dopodiché parlarono e parlò loro. »
(Guida, Libro 2, Cap. 42)

Maimonide comprende il primo versetto, "Il Signore apparve ad Abramo alle querce di Mamre, mentre egli sedeva all'ingresso della tenda nell'ora più calda del giorno", come didascalia della Torah, o titolo generico per il resto del capitolo. Il versetto 2 continua poi descrivendo ciò che Abramo vide nella sua visione, mentre sollevava i suoi occhi "profetici", piuttosto che i suoi occhi fisici. Dio, quindi, apparve ad Abramo nella visione che seguì.

Secondo Maimonide, Abramo non lasciò Dio indietro la porta della tenda per andare a salutare i tre uomini. In realtà, non si mosse mai dalla parte anteriore della tenda e l'intera storia dei tre uomini che andarono a visitare Abramo e gli annunciarono la nascita di un figlio pervenne ad Abramo in una visione profetica.

Spiegare l'aspetto fisico di Dio e degli angeliModifica

L'interpretazione di Maimonide risolve il problema della forma in cui Dio apparve ad Abramo. Dal testo sembrerebbe che il più grande dei tre uomini, quello a cui Abramo si rivolge al singolare come "mio Signore", è quello che rappresenta Dio.[3] Maimonide, tuttavia, era un razionalista rigoroso che non poteva immaginare che Dio potesse assumere la forma umana e mangiare e bere. Se preso al valore nominale, ciò equivarrebbe ad attribuire caratteristiche fisiche a Dio, che, per Maimonide, è sia eresia religiosa che assurdità filosofica! Affermando che Dio svolse queste attività solo nella visione di Abramo – attraverso la mediazione del facoltà immaginativa – questa difficoltà è rimossa.

 
Giacobbe lotta con l'angelo, di Gustave Doré (1855)

Il problema di Dio è solo il problema più evidente in questa storia, ma Maimonide fu infastidito anche dagli angeli che prendevano forma fisica, dichiarando che ogni storia di angeli nella Bibbia fosse una visione profetica. Maimonides menziona specificamente:

  • La lotta di Giacobbe con l'angelo al fiume Jabbok,
  • L'incidente di Balaam e l'asino parlante "miracoloso".

Tuttavia, è ragionevole che Maimonide abbia incluso altre storie di angeli della Torah nella sua lista, come per esempio:

Interpretazione di Maimonide: le intelligenze mediatiche non possono avere corpiModifica

  Per approfondire, vedi La dimensione artistica e cosmologica della Mishneh Torah.

Maimonide fa il passo radicale di trasformare tutte le storie con angeli in visioni profetiche perché, in accordo con il pensiero filosofico-scientifico dei suoi tempi, Maimonide identificò gli "angeli" biblici con "forme" o "intelligenze" astratte, che in qualche modo servono a mediare tra il reame celeste ed il reame terreno. Poiché è razionalmente impossibile per le intelligenze camminare, parlare, mangiare, volare o essere visti, le storie bibliche che descrivono gli "angeli" in termini fisici devono, in realtà, essere racconti di sogni o visioni profetiche. Anche se il testo non fornisce alcuna chiara indicazione che l'angelo appaia in un sogno o in una visione, così deve essere, poiché il testo biblico non può rappresentare ciò che è impossibile.

Nahmanide critica la posizione di MaimonideModifica

Gli angeli possono assumere forma fisicaModifica

A differenza di Maimonide, Ramban seguì la tradizione mistica. Credeva che, sebbene gli angeli siano davvero incorporei, hanno comunque l'abilità unica di assumere "vesti" speciali e corporee, diventando esseri fisici. Nelle loro forme corporee, gli angeli possono davvero apparire e interagire con gli esseri umani nel mondo reale e concreto. Possono persino sembrare che mangiano cibo.

(IT)
« Ma dove la Scrittura menziona gli angeli come uomini, come in questa sezione e nella sezione riguardante Lot e "un uomo lottò con lui" (32:25), "un uomo lo trovò" (37:15) secondo l'opinione dei Rabbini, in tutti questi casi ci fu una gloria speciale creata negli angeli chiamata "veste" tra i mistici, percepibile alla visione umana di persone come i devoti ed i discepoli dei profeti. »

(He)
« אבל במקום אשר יזכיר המלאכים בשם אנשים כענין הפרשה הזאת, ופרשת לוט, וכן ויאבק איש עמו, וכן וימצאהו איש על דעת רבותינו – הוא כבוד נברה במלאכים, יקרא אצל היודעים “מלבוש”, יושג לעיני בשר בזכי הנפשות כחסידים ובני הנביאים. »
(Ramban su Genesi[5])

Dettagli superflui delle visioniModifica

L'approccio di Ramban coincide più naturalmente con molte delle storie bibliche sugli angeli, che non danno alcuna chiara indicazione che gli eventi riportati si siano verificati in una visione. Inoltre, Ramban (Gen 18:1) è disturbato dalle implicazioni della posizione di Maimonide. Prima li spiega chiaramente ai lettori per assicurarsi che abbiano completamente digerito il punto di Maimonide:

(IT)
« Quindi, seguendo le sue parole [di Maimonide], Sara non impastò focacce e Abramo non preparò un vitello, né Sara rise. Piuttosto, tutto fu una visione. Se è così, questo sogno venne "dalle molte preoccupazioni" (Ecclesiaste 5:2) come i sogni falsi, poiché che senso ha mostrargli tutto questo? »

(He)
« והנה לדבריו לא לשה שרה עוגות ולא עשה אברהם בן בקר וגם לא צחקה שרה, רק הכל מראה. ואם כן, בא החלום הזה ברוב ענין כחלומות השקר, כי מה תועלת להראות לו כל זה? »
(Ramban su Genesi)

Ramban è all'attacco. Crede che le vere visioni profetiche debbano avere un significato in ogni dettaglio. Niente può essere superfluo. Il contenuto superfluo o insignificante è ciò che distingue le visioni autentiche dai falsi sogni. Eppure molti dei dettagli all'interno della presunta visione di Abramo sembrano irrilevanti. Ad esempio, cosa potrebbe comunicare Dio ad Abramo mostrandogli una visione dell'impasto preparato da sua moglie, oppure mentre Abramo sta preparando un vitello o Sarah che ride? Importante era che Dio comunicasse il messaggio sulla futura nascita di Isacco. Tutto il resto non era necessario in termini di una comunicazione divina ad Abramo. Pertanto, secondo Ramban, la storia deve essere semplicemente un resoconto di ciò che realmente accadde.

Maimonide, tuttavia, non condivide l'assunto di Ramban sulle visioni profetiche. Nella sua Introduzione alla Guida, afferma quanto segue:

« Sappi che le figure impiegate dai profeti sono di due tipi: primo, dove ogni parola che compare nella similitudine rappresenta una certa idea; e secondo, dove la similitudine, nel suo insieme, rappresenta un'idea generale, ma ha molti punti che non hanno alcun riferimento a quell'idea; sono semplicemente tenuti a dare alla similitudine la sua forma e il suo ordine, o meglio a nascondere l'idea; la similitudine viene quindi continuata per quanto necessario, secondo il senso letterale. »
(Guida)

Maimonide sta dicendo qui che non è prudente cercare sempre un significato profondo in ogni minimo dettaglio del discorso profetico. A volte, i dettagli sono semplicemente lo sfondo necessario per il messaggio più grande.

Sebbene Maimonide parli di similitudini e figure retoriche impiegate dai profeti, la sua competenza include resoconti nella Torah delle visioni avute dai profeti.[6] Il "impastamento" delle focacce potrebbe far parte della visione profetica senza che debba rappresentare un messaggio aggiuntivo separato.

Effetti fisici della visioneModifica

Ramban si dà da fare per rafforzare il suo punto, richiamando l'attenzione su altre due storie in cui l'interpretazione delle azioni come visioni renderebbe la storia assurda:

Giacobbe lotta con l'angelo — perché zoppica?

וכן אמר בענין “ויאבק איש עמו” (לב:כה) שהכל מראה הנבואה. ולא ידעתי למה היה צולע בהקיץ!.. ולמה אמר (להלן לב לא) כי ראיתי אלהים פנים אל פנים ותנצל נפשי, כי הנביאים לא יפחדו שימותו מפני מראות הנבואה….

« Ha detto la stessa cosa in merito a "un uomo lottò con lui" (la lotta tra Giacobbe e il misterioso essere notturno in Gen. 32:25), che era tutta una visione profetica. Ma non capisco perché zoppicasse quando si svegliò! E perché Giacobbe dicesse: "Poiché ho visto una divinità faccia a faccia, eppure la mia vita è rimasta salva"? I profeti non avrebbero temuto di morire per una visione profetica!... »
(Ramban su Genesi)
Lot a Sodoma — perché se ne va? Perché i sodomiti lo assalgono? La città viene veramente distrutta?

והנה לפי דעתו זאת יצטרך לומר כן בענין לוט, כי לא באו המלאכים אל ביתו, ולא אפה להם מצות ויאכלו, אבל הכל היה מראה. ואם יעלה את לוט למעלת מראה הנבואה איך יהיו אנשי סדום הרעים והחטאים נביאים, כי מי הגיד להם שבאו אנשים אל ביתו. ואם הכל מראות נבואתו של לוט, יהיה “ויאיצו המלאכים” וגו’ “קום קח את אשתך” “ויאמר המלט על נפשך” “והנה נשאתי פניך” וכל הפרשה כולה – מראה, ויישאר לוט בסדום!

« Secondo questa sua posizione, egli sarebbe costretto a dire la stessa cosa in merito a Lot: che gli angeli non vennero a casa sua e non cosse per loro le "Mazzot che mangiarono", poiché fu tutto una visione. Anche se vogliamo portare Lot al livello di profeta, come poteva la gente di Sodoma, che era peccatrice malvagia, essere profeta? Quindi chi ha detto loro che delle persone erano venute a casa di [Lot]?! Ora, se fu tutta una visione profetica di Lot, allora il versetto che afferma "gli angeli fecero premura a Lot, dicendo: «Su, prendi tua moglie e le tue figlie che hai qui ed esci per non essere travolto nel castigo della città» (Gen. 19:15); "E l'angelo disse: "Fuggi per salvare la tua vita!... "(versetto 17); "Ecco, ti ho favorito anche in questo, di non distruggere la città di cui hai parlato" (versetto 21); e, in effetti, l'intero capitolo, fu una visione. Nel qual caso, Lot rimase a Sodoma! »
(Ramban su Genesi)

L'attacco di Ramban contro Maimonide si concentra qui sulle difficoltà testuali che il suo approccio comporta. Sta deridendo la lettura di Maimonide, sottolineando che il testo immagina chiaramente conseguenze fisiche e quindi azioni fisiche.

Dichiara la posizione di Maimonide proibitaModifica

Alla fine del riassunto e della critica di Ramban contro Maimonide, egli suggerisce un modo per "salvare" l'interpretazione maimonidea, ma sembra essere inteso con ironia.[7] In ogni caso, Ramban termina gettando il guanto di sfida e dichiarando la posizione di Maimonide proibita, non importa come essa venga interpretata:

(IT)
« Tali parole contraddicono le Scritture. È vietato ascoltarle, tanto più crederle! »

(He)
« ואלה הדברים סותרים הכתוב. אסור לשומעם אף כי להאמין בהם! »
(Ramban su Genesi)

La posizione radicale di Maimonide: cosa implica?Modifica

Non è sempre chiaro dove Maimonide tracci la linea che separa gli eventi che si sono verificati nelle visioni profetiche da quelli che si sono verificati nella realtà esterna. Dove inizia ogni visione e dove finisce?

  • La Lotta di Giacobbe con l'angelo — L'affermazione di Giacobbe che egli sia sopravvissuto all'incontro con l'angelo, e il suo successivo zoppicare dalla coscia, potrebbe semplicemente far parte della sua visione?
  • Lot e gli angeli — La visita degli angeli alla casa di Lot e il successivo attacco degli abitanti della città si verificano nella visione notturna di Lot, mentre l'uscita dalla città, compresa la miracolosa metamorfosi della sig.ra Lot in una colonna di sale, si verifica nella realtà? Oppure, Maimonide credeva che l'intera narrativa di Genesi 19, inclusa la stessa distruzione di Sodoma, fosse avvenuta solo in un sogno profetico? Poteva anche essere stata la continuazione del sogno di Abramo in Genesi 18 piuttosto che un sogno separato di Lot?
  • Il Sacrificio di Isacco — Che dire della storia del sacrificio di Isacco? Abramo legò suo figlio sull'altare nella realtà, quindi entrò in una trance profetica proprio mentre stava per sacrificarlo, uscì quindi dalla sua trance, liberò suo figlio e sacrificò un montone, ricevette un'altra visione in cui venne informato che sarebbe stato premiato per la sua devozione, e poi tornò alla realtà per scendere dalla montagna? (Questa possibilità di entrare e uscire dalle trance sembra assurda.) Oppure anche questo intero episodio dall'inizio alla fine si è verificato una notte nella tenda di Abramo, in quello che può essere definito un "incubo profetico"?

Che quest'ultima sia una possibilità reale è evidente dal seguente brano di Maimonide:

« ...Se il fatto che un angelo sia stato ascoltato viene menzionato solo alla fine, puoi star certo che l'intero racconto dall'inizio descrive una visione profetica »
(Guida 2:42)

Non è sempre chiaro, tuttavia, dove si trovi "l'inizio" del resoconto. Come in molte altre questioni, anche qui Maimonide lascia perplessi i suoi lettori. È comunque chiaro che egli consideri molti dei dettagli non legati all'angelo avvenuti solo nella mente del profeta.

La difesa di Abravanel: la profezia è più importante della realtàModifica

Nel suo commento alla Guida (in ii, 42), Isaac Abrabanel (1437-1508) offre una lunga risposta alla critica di Ramban. Tra le altre cose, afferma:

(IT)
« In tal caso, possiamo ammettere con Ramban che Sara non impastò e Abramo non preparò il vitello e Sara non rise. Affermiamo, tuttavia, che la visione non era di conseguenza come i sogni falsi, poiché c'era bisogno di tutte le cose che gli mostrava... Ramban pensa che ciò che accade in una visione profetica sia inventato e immaginario, mentre ciò che accade nella realtà fisica è più dignitoso. Ma ciò è l'opposto della verità. Poiché quello che appare all'intelletto della profezia è più dignitoso di ciò che appare ai sensi. È sorprendente che Ramban affermi che è proibito ascoltarlo! »

(He)
« וא”כ נודה להרמב”ן שלא לשה שרה ולא עשה אברהם בן בקר ולא צחקה שרה, אבל נאמר, שלא היה מפני זה המראה כחלומות השקר, לפי שהיה צורך בכל מה שהראה לו בזה… ויחשוב הרמב”ן כי מה שהוא במראה הנבואה הוא בדוי ומדומה, ומה שהוא במציאות גשמי הוא יותר נכבד. וזה הפך האמת היא. כי מה שיראה לשכל הנבואה הוא יותר נכבד ממה שהוא נראה לחוש. והתימה מהרמב”ן איך יאמר שהוא אסור לשמעו… »
(Isaac Abrabanel)

Quest'ultima affermazione di Abrabanel tocca, credo, l'essenza della questione. Piuttosto che semplicemente ribadire ciò che Abrabanel esprime piuttosto chiaramente, vorrei prendermi la libertà di "tradurlo" nel mio linguaggio. Il problema alla base del disaccordo tra Maimonide e Ramban riguarda il significato di "eventi".

Ramban – Torah come StoriografiaModifica

Per Ramban, ciò che accade nella Storia è il più sublime (נכבד), di vitale importanza e significativo. Quindi usa il principio degli "eventi dei padri" come determinante per la successiva storia israelita: ciò che è realmente accaduto una volta è legato a ciò che accadrà di nuovo. Per lui la Torah è strettamente legata alla "storiografia" o alla scrittura della storia. Se "eventi" centrali come la visita degli angeli alla tenda di Abramo o alla casa di Lot, o il sacrificio di Isacco, non accadessero davvero, il valore della Torah sarebbe gravemente compromesso.[8]

Maimonide – Torah come Verità FilosoficaModifica

Maimonide, a differenza di Ramban, attribuisce molta meno importanza alla vera Storia, Storia effettiva. Ciò che è più sublime (נכבד) è la verità filosofica ed etica. Forse oggi potremmo dire che ciò che è di fondamentale importanza è ciò che dovrebbe essere piuttosto che ciò che fu. Quindi, per Maimonide, la Torah è una guida intellettuale e spirituale piuttosto che un libro di Storia. Pertanto, se certe cose non sono realmente accadute, non ha molta importanza, dal momento che non è ciò che il testo comunque "intendeva".[9]

Lettura astorica – Seguendo la soluzione di MaimonideModifica

Ai tempi di Maimonide, le sfide intellettuali alla Torah erano più filosofiche che storiche. Parte della risposta di Maimonide a queste sfide era suggerire che alcune parti della Torah filosoficamente enigmatiche fossero in realtà "visioni", in parte simboliche e in parte immaginative, che venivano a insegnarci cose piuttosto che eventi emersi nel mondo esterno.

Oggigiorno affrontiamo sfide diverse, alcune delle quali provengono dallo studio storico del periodo biblico. Attualmente apprendiamo che gran parte della storia biblica è esagerata o inesatta. La Bibbia telescopizza gli eventi e li schematizza, semplificando in tal modo il difficile ed il complesso. Come possiamo rispondere a queste sfide?

Suggerisco una sorta di ritorno alla posizione di Maimonide. Maimonide ridefinì il carattere di diverse narrazioni bibliche in modo che potessero essere lette diversamente dalla storia effettiva. Anche oggi dovremmo cercare nuovi modi per definire e caratterizzare la narrazione biblica, modi che ci consentano di apprezzare il significato del testo biblico senza preoccuparci dell'accuratezza dei fatti. In tal modo, seguiremo le orme della "grande aquila" (הנשר הגדול — un soprannome popolare di Maimonide), che può e deve continuare a servire come modello e guida per gli studenti perplessi della Torah del nostro tempo.

Nel prossimo capitolo svilupperemo più minuziosamente le preoccupazioni di Maimonide riguardo agli angeli e alla loro interpretazione nella letteratura rabbinica e post-rabbinica, cercando di arrivare ad una soluzione soddisfacente lungo i parametri designati dal Rambam.

  Per approfondire, vedi Essenza trascendente della santità, Guida maimonidea e Torah per sempre.

NoteModifica

  1. Per alcune discussioni sulla concezione biblica di Dio, si vedano: James L. Kugel, The God of Old, Free Press, 2003; Benjamin D. Sommer, The Bodies of God and the World of Ancient Israel, Cambridge University Press, 2011; Michael Wyschogrod, The Body of Faith, Aaronson, 1983.
  2. Tutte le citazioni della Guida sono dalla traduzione (EN) di Shlomo Pines, The Guide of the Perplexed I, II (1963), con ritraduzione (IT) di Monozigote.
  3. Ciò spiega com'è che Dio, nei versetti 13-14, ripeta le parole di uno degli uomini nel versetto 10, e prometta che quando ritornerà Sara avrà un figlio. Ma questo non è il modo in cui Ramban interpreta Maimonide. Secondo lui, Maimonide crede che tutti e tre gli uomini siano angeli che insieme rappresentino Dio. Quindi afferma: ואם במראה לא נראו אליו רק אנשים אוכלים בשר, איך אמר “וירא אליו ה'” כי הנה לא נראה לו השם לא במראה ולא במחשבה, וככה לא נמצא בכל הנבואות. In altre parole, se Abramo vide solo tre consumatori di carne nella sua visione, allora Dio non apparve per niente! Ramban, a quanto pare, non riesce a concepire la possibilità che Maimonide possa considerare Dio uno di questi mangiatori di carne!
  4. In questa lista si potrebbe anche includere la storia della teofania del Sinai, poiché è noto che Maimonide affermava che la קול גדול del Sinai fosse una "voce creata" speciale che poteva, secondo i termini maimonidei, essere un "angelo di sorta (=messaggero/messaggio da Dio). Per tale interpretazione, si veda il saggio di Sam Fleischacker, "Making Sense of the Revelation at Sinai: Revisiting Maimonides’ Eighth Principle of Faith".
  5. Citazioni da Ramban sempre da Sefaria: "Ramban on Genesis", ad loc.
  6. Ciò è evidente dal fatto che il suo esempio del primo tipo di figura profetica è la visione di Giacobbe della scala che raggiunge il cielo. In questa profezia, "La parola «scala» si riferisce a un'idea; «installata sulla terra» a un'altra; «e la parte superiore raggiungeva il cielo» a una terza; «angeli di Dio» ad una quarta; «ascendente» ad una quinta; "«discendente»" ad una sesta; «il Signore vi si fermò sopra» ad una settima. Ogni parola in questa figura introduce un nuovo elemento nell'idea presentata dalla figura." Da ciò possiamo dedurre che Maimonide consideri altre visioni profetiche, come quella di Abramo e dei tre visitatori che vennero nella sua tenda, per includere materiale che semplicemente formava il contesto all'interno del quale veniva incorporato il messaggio.
  7. (IT)
    « Ma [Maimonide] pensa che gli eventi in effetti abbiano avuto luogo di per se stessi, ma che i dialoghi di accompagnamento relativi a tutte queste questioni fossero visioni. »

    (He)
    « אבל יחשוב שהיו המעשים נעשים מאליהם והמאמרים בכל דבר ודבר מראה. »
    (Ramban su Genesi)

    Ramban presenta beffardo questi eventi come accaduti "di per se stessi", poiché non ha senso che il popolo di Sodoma esigesse il rilascio di uomini che apparivano a Lot solo in una visione, o che Giacobbe zoppicasse dopo la sua visione profetica, o che Sara ridesse dopo che ad Abramo era stato detto in una visione privata che avrebbe avuto un figlio. È chiaro, tuttavia, che nonostante l'interpretazione conservatrice di Ramban (reale o finta), la posizione di Maimonide è più radicale. Maimonide si riferisce esplicitamente non solo alle "conversazioni" che si verificano all'interno delle visioni profetiche, ma anche agli "eventi".

  8. Credo inoltre che, per Ramban, anche qui sia in gioco un problema di "slittamento". Se le storie patriarcali possono essere rimosse dalla realtà storica e interpretate come sogni e visioni, perché non anche la storia del Monte Sinai, per esempio? Non potrebbe anche questa storia essere intesa come qualcosa che è accaduto in sogno a Mosè?
  9. Per un'esplorazione filosofica/teologica di questo punto in particolare, si veda Amit Kula, Existential or Non-Essential: History and Literature, Religious Language and the Nature of the Deity (He) (settembre 2019).