Storia e memoria/Capitolo 10

Indice del libro
LIS SidebarPicture.png
Ingrandisci
Biblioteche e archivi nel mondo[1]

Identità, comunità e infrastrutture della storia ebraica: Creazione degli archivi ebraici canadesiModifica

Canada: percentuali della popolazione ebrea per regione (2019)
  Per approfondire, vedi Storia degli ebrei in Canada e Storia degli ebrei negli USA.

Fu una felice collusione. Gli storici dell'epoca di Leopold Ranke e Jules Michelet potevano affermare di scrivere del passato "com'era realmente" a causa del loro uso dell’archivio. Per loro, l'archivio era uno scrigno di prove inattaccabili necessarie per la storia oggettiva.[2] Gli archivisti, come partner degli storici, si affermavano con orgoglio quali custodi dei testi sacri contenenti quelle verità della storia.

Vari fattori hanno portato allo svelamento della collusione. Negli anni '60, gli studiosi, specialmente in Francia, dichiararono la storia rankeana ristretta e politica, basata su raccolte statali d'archivio di limitata prospettiva. Dov'era la vita sociale, economica e culturale delle non-élite? Altri, sotto l'influenza di Michel Foucault e Jacques Derrida, sospettano che gli archivi abbiano storie da raccontare sulle loro origini. Sono essi stessi prodotti delle contingenze della storia — nelle parole di Terry Cook: "sites for negotiating power, memory, and identity".[3] Gli archivisti sono modellati dal loro tempo e, a loro volta, sono agenti che modellano la memoria storica valutando, catalogando, eliminando e/o illustrando documenti.

Sia gli storici che gli archivisti hanno chiesto una nuova partnership, che riconosca l'agenzia di storici e archivisti e le contingenze nella creazione di archivi. Alcuni hanno esaminato i modi in cui i gruppi emarginati vengono ulteriormente emarginati dall'esclusione dalla rappresentanza negli archivi. Studiando come gli studiosi nordamericani abbiano ignorato la prima ribellione degli schiavi nell'emisfero occidentale, lo studioso haitiano Michel-Rolph Trouillot ha tracciato in modo toccante come vengono prodotti i silenzi storici. Il suo secondo momento – dopo la creazione delle fonti – è la creazione degli archivi. Come afferma succintamente, "[they] convey authority and set the rules for credibility and interdependence; they help select the stories that matter".[4]

Lo studio storico degli archivi ci permette di esplorare come una maggioranza può escludere o includere una minoranza nella sua memoria collettiva, e come i gruppi emarginati si definiscono, almeno in parte in reazione al loro posto nella memoria e nella narrativa della società dominante. Questo Capitolo esamina due momenti nella creazione di archivi per gli ebrei canadesi. Il primo è negli anni '30, quando gli ebrei presero l'iniziativa di creare archivi in risposta ai bisogni culturali e comunitari percepiti, senza aspettarsi il sostegno di una società maggioritaria in gran parte ostile. Il secondo momento si svolge negli anni '70, quando lo stato cercò di riconoscere e incorporare i gruppi etnici nella sua reimmaginazione politica e culturale del Canada. Nell'ambito di questo processo, i governi federale e alcuni provinciali decisero di sostenere lo sviluppo di raccolte sulle comunità etniche negli archivi controllati dal governo. Le reazioni eterogenee della comunità ebraica rifletterono l'eterogeneità della comunità stessa.

Le differenze tra i due tempi non sono solo pietre di paragone dei cambiamenti nel locus dell'etnia nella società canadese, ma in realtà indicano alcuni degli agenti e delle circostanze dietro tali cambiamenti. Nelle parole dello studioso Dominique Daniel, gli sviluppi sono un esempio del movimento da una "ethniciziation" degli archivi alla "archivization of ethnicity".[5] Tuttavia, le questioni per ogni gruppo etnico sono distinte e ogni gruppo – nel nostro caso, gli ebrei canadesi – merita considerazione alle sue condizioni.[6]

IModifica

I delegati che si riunirono nel gennaio 1934 per la seconda sessione generale del Canadian Jewish Congress (CJC) sicuramente affrontarono drammatiche sfide. L'antisemitismo era in aumento in Canada. Adolf Hitler era salito al potere l'anno precedente e aveva messo in moto la rapida emarginazione degli ebrei nel suo stato razzializzato.[7] Date queste gravi preoccupazioni, come mai apparve all'ordine del giorno una risoluzione sulla creazione di un archivio ebraico canadese?[8] Chi erano i suoi sostenitori, e come giustificavano il fatto di prestare attenzione a questa questione quando altre questioni sembravano incombere così ominose?

La promozione e il sostegno degli archivi potevano avvenire solo con l'interesse per il passato ebraico canadese. Diversi storici dilettanti dei primi decenni del ventesimo secolo invero cercarono di raccontare la storia degli ebrei canadesi. All'inizio del XX secolo, Clarence de Sola, un membro della classe patrizia sefardita di Montreal, scrisse un breve articolo sugli ebrei canadesi per la Jewish Encyclopedia. Fortemente filo-britannico, e scrivendo prima delle ondate di immigrazione ebraica dall'Europa orientale del ventesimo secolo, il suo articolo si concentrava sugli ebrei d'élite della Gran Bretagna e dell'Europa occidentale.[9] Sebbene l'immigrazione ebraica dall'Europa orientale fosse aumentata drammaticamente dopo il 1905 e poi dopo la Prima guerra mondiale, gli ebrei dell'Europa orientale non se la passarono molto meglio in un sondaggio di Martin Wolff per l’American Jewish Year Book.[10] Tuttavia, due giornalisti yiddish ed editori dei principali giornali yiddish in Canada, B. G. Sack di Montreal e Abraham Rhinewine di Toronto, offrirono una prospettiva più ampia sull'esperienza ebraica canadese. Entrambi erano arrivati ​​nel primo decennio del ventesimo secolo e nei loro giornali avevano entrambi cercato di fungere da guide in Canada per i loro lettori ebrei dell'Europa orientale. Per la metà degli anni '20, avevano trascorso due decenni a guardare il cambiamento della comunità ebraica ed erano pronti a offrire versioni più sviluppate e unificate della vita ebraica in Canada di quanto avrebbero potuto ottenere dalla stampa. Rhinewine uscì con un resosonto storico in yiddish in due volumi nel 1925-1927,[11] e Sack pubblicò la sua prima grande rassegna della storia ebraica canadese, in inglese, nel volume di riferimento del 1926, The Jew in Canada.[12]

Di questi primi storici, Sack fu il più assiduo nel rintracciare le fonti primarie. Ma viaggiare per trovare tali fonti era fuori questione. Soffriva di gravi limitazioni fisiche dovute alla sua distrofia muscolare e le sue responsabilità al Keneder Adler erano gravose. D'altronde, dove avrebbe trovato un budget di viaggio per la ricerca?[13] Sack, allora, si mise a corrispondere con archivisti, studiosi e chiunque avesse documenti relativi all'esperienza ebraica canadese. I suoi corrispondenti includevano, a Ottawa, Francis J. Audet, Capo dell'Informazione presso gli archivi pubblici del Canada e storico attivo,[14] e a Bordeaux, Jean de Maupassant, biografo di Abraham Gradis, un importante commerciante della Nuova Francia, che deteneva alcuni documenti privati ​​e mise in contatto Sack con i membri della famiglia Gradis con più documenti.[15] Più vicino a casa, Sack ricevette materiale da A. D. Hart, il discendente di una delle famiglie più importanti nei primi cento anni di storia ebraica canadese ed editore di "History" (1926) di Sack,[16] come anche dal leader comunitario Lyon Cohen, nonno del cantante Leonard Cohen.[17]

Sack dimostrò un impegno nella ricerca d'archivio al meglio delle sue capacità. Era anche consapevole di quanto materiale fosse in mani private e rischiasse di andar perso. Sack sapeva benissimo che la comunità ebraica poteva, all'occorrenza, creare una solida infrastruttura culturale. Dal 1914 esisteva un'eccellente Jewish Public Library (JPL) e la comunità era giustamente orgogliosa delle sue raccolte, dell'uso popolare che ne veniva fatto, come dimostrano i dati sulla circolazione, e dell'ampia gamma di attività intellettuali che vi si svolgevano.[18] Ma chi si preoccupava sul mestiere di storico non vedeva lo stesso livello di sostegno riguardo alla conservazione dei materiali storici. Come scrisse Sack in un articolo sulla storia della biblioteca ebraica, nel 1926 furono proposti alcuni suggerimenti per la creazione di un archivio nella JPL, ma le buone intenzioni rimasero solo intenzioni.[19] Ulteriori discussioni apparentemente si tennero presso la JPL un certo numero di anni dopo,[20] ma i veri cambiamenti avvennero solo nella seconda sessione generale del CJC, quando fu approvata la suddetta risoluzione di creare un "comitato dell'archivio".

 
Testata del Keneder Adler
(yid. דער קענעדער אדלער, lett. "L'Aquila Canadese"), 22 luglio 1914

Sebbene Sack sia stato indubbiamente una forza trainante dietro la risoluzione – e sia diventato il vicepresidente dell'Archives Committee una volta che fu istituito – in realtà il sostegno più esplicito venne da un altro uomo, Hersh (Harry) Hershman. Era suo il nome su un appello yiddish di otto pagine per la conservazione delle fonti del passato ebraico canadese e per un museo che le ospitasse. Questo opuscolo, sebbene non datato, richiedeva l'istituzione di un comitato d'archivio e faceva chiaramente parte di una campagna prima dell'incontro.[21] In qualità di promotore esperto di istituzioni culturali ebraiche, Hershman era una persona di riferimento ideale per il progetto. La storica Rebecca Margolis afferma che il suo arrivo nel 1902 da New York City "marked the beginnings of the establishment of formal Yiddish literary institutions in Montreal".[22] Nostaglico della vivace vita yiddish di New York, Hershman decise di creare la sua modesta biblioteca e sala di lettura. Fu uno dei fondatori della Jewish Public Library (fondata nel 1914) e della Montreal Peretz School, e fu addetto stampa yiddish per la prima iterazione del Canadian Jewish Congress, fondato nel 1919. Oltre a scrivere per il stampa yiddish, Hershman contribuì alla creazione di numerose riviste letterarie yiddish a Montreal e fu anche uno dei fondatori dello Arbeter Ring (Workmen's Circle) in Canada.[23] Credeva, come i suoi colleghi ebrei di Montreal di sinistra, che un comunità ebraica progressista richiedesse una forte cultura ebraica laica per riunire i membri della comunità e spingerli ad aspirare a una società migliore.[24]

Nell'opuscolo, Hershman rivolse la sua attenzione al triste stato di conservazione del passato ebraico canadese e scelse giudiziosamente argomenti che affrontassero le problematiche della comunità ebraica. Insistette sul fatto che la comunità aveva bisogno di materiale storico per proteggere gli ebrei canadesi e per favorire le sue necessità politiche. Si riferiva ai "narrow nationalists who look to make our lives hard".[25] Hershman non disse esplicitamente chi fossero questi "nazionalisti ristretti", ma non era tenuto a farlo: traspariva chiaramente — l'antisemitismo era in aumento dall'estrema destra, con l'emergere di propagandisti dell'odio come Adrien Arcand, e anche alcuni gruppi nazionalisti più tradizionali, come Les Jeune Canada, esprimevano tropi antisemiti alle manifestazioni.[26] Un modo potente per rispondere, Hershman consigliò, era di stabilire la legittimità della presenza ebraica sottolineando le realizzazioni storiche, economiche e sociali degli ebrei. E per fare queste argomentazioni, bisognava preservare i documenti del passato.[27]

Oltre a fungere da baluardo contro l'antisemitismo, Hershman aggiunse che un archivio era importante "from a social-cultural standpoint". Il Canada era un paese vasto, e cosa sapevano gli ebrei di Halifax degli ebrei della Columbia Britannica? Questo era un argomento che avrebbe avuto anche una certa risonanza con un Canadian Jewish Congress che cercava di affermarsi tra gli ebrei canadesi. Gran parte della vita ebraica organizzata collegava il locale (ad esempio, sinagoghe, capitoli locali di sindacati o gruppi di lavoratori, gruppi sionisti) con il transnazionale (ad esempio, denominazioni, sindacati e confraternite internazionali, attività sioniste in Europa e Palestina). Ma per raggiungere i suoi obiettivi politici in Canada, gli ebrei canadesi dovevano unirsi. Hershman suggerì che promuovere una consapevolezza della storia degli ebrei in tutto il Canada poteva aiutare a creare, a livello nazionale, la solidarietà etnica necessaria per un'efficace patrocinio politico.[28]

Nello sviluppare il suo caso, Hershman definì la mancanza di preoccupazione da parte degli ebrei canadesi per il suo patrimonio culturale "a national [i.e., Jewish national] disgrace".[29] Denunciò la perdita di materiali importanti relativi all'era dei pionieri e avvertì della perdita di verbali e altri documenti del passato più recente. Riservò il suo più grande sdegno per il destino della seconda sinagoga della più antica congregazione del Canada, Shearith Israel di Montreal. L'edificio di Chenneville Street aveva servito la congregazione fino al 1883, e dopo che si furono trasferiti un'altra congregazione utilizzò l'edificio ma, secondo Hershman, non fece nulla per proteggerne il carattere e alla fine lo vendette a una "ditta cristiana" che lo trasformò in una fabbrica. Contrappose la mancanza di interesse ebraico per il proprio passato all'impegno dei montrealesi non-ebrei di preservare lo Château Ramezay, un edificio del diciassettesimo secolo che la città di Montreal acquistò nel 1893. Due anni dopo, la città lo affittò alla Numismatic and Antiquarian Society of Montreal che lo trasformò in un museo e archivio. Quattro anni prima dell'opuscolo di Hershman, lo Château fu il primo edificio ad essere designato monumento storico dal Ministero provinciale del patrimonio.[30] Per Hershman, la sinagoga di Chenneville era l'equivalente ebraico canadese dello Château, e come tale doveva essere trattata. Sosteneva che la sinagoga dovesse essere preservata per ospitare i documenti e gli artefatti del passato ebraico canadese.[31] In poche parole, Hershman affermava che i non-ebrei legittimano la loro presenza in città contrassegnando la propria storia sul paesaggio urbano, e gli ebrei devono fare lo stesso.

L'impegno di Hershman per un archivio (e un museo) era la continuazione di una ferma dedizione alla vita culturale ebraica, ma chiarì che la creazione di una memoria ebraica nazionale era anche un modo utile per unificare gli ebrei canadesi. I delegati alla Seconda sessione generale del Canadian Jewish Congress erano apparentemente d'accordo e decisero "for the general interest and well being of Canadian Jewry" che il materiale storico doveva essere preservato e che fosse istituito un comitato di archivio.[32] Il primo presidente fu Hershman, e il vicepresidente fu Benjamin Sack. I membri del comitato erano pieni di idee. Per sviluppare la loro collezione, inviarono lettere alla stampa ebraica con le firme di Hershman, Sack e del presidente e segretario generale del Canadian Jewish Congress (rispettivamente S. W. Jacobs e H. M. Caiserman), chiedendo la donazione di manoscritti e materiali in bozza.[33] Cercarono un luogo per la loro collezione e progettarono di scoprire dalle organizzazioni comunitarie ebraiche se avessero depositi per proteggere i materiali.[34] Per diffondere ed educare, progettarono mostre[35] e possibilità di creare un piccolo museo,[36] e altro ancora.

Ma le aspirazioni dei membri del comitato superavano di gran lunga le loro risorse. Nell'istituire il comitato per la creazione di un archivio, il Canadian Jewish Congress lo incaricò di trovare "the ways and means to finance such an enterprise".[37] In breve, niente soldi dal Congresso, e durante la Depressione, con la stessa CJC in difficoltà, gli archivi erano tutt'altro che una priorità. Dal 1 gennaio 1939 lo spazio fisico per l'archivio era una stanza inospitale negli uffici del Congresso nell'antico edificio del Barone de Hirsch. Non esisteva un catalogo dei possedimenti archiviali, quindi non c'era nulla che mostrasse alla comunità le attività dell'archivio.[38]

Fortunatamente, tuttavia, le raccolte pervennero all'archivio e furono salvati materiali preziosi. L'archivio aveva ricevuto una vasta collezione di manoscritti e materiali a stampa dall'influente Poale Zion (i sionisti laburisti). H. M. Caiserman, che da solo rappresentò il Congresso per molti degli anni tra le due guerre, donò la sua vasta collezione di corrispondenza e altri manoscritti e articoli di stampa. In tutto, quando nel gennaio del 1939 fu fatto un catalogo dell'archivio e della sua biblioteca, furono elencati circa 531 elementi, e alcuni di questi "element" rappresentavano collezioni.[39] In questa luce, l'istituzione del Comitato Archivi, anche senza un bilancio, fu uno sviluppo importante.

Il Comitato Archivi trovò nuova energia e slancio nel 1939. A quel punto, l'archivio di Montreal era diventato un luogo più indaffarato, in parte perché conservava fascicoli di ritagli, che venivano utilizzati per ricerche su questioni comunitarie. David Rome, un neolaureato del programma bibliotecario alla McGill, servì da segretario del Comitato Archivi e certamente portò chiarezza al Comitato. Comprese ed espresse le sfide e i successi del Comitato Archivi in una conferenza poi pubblicata, che includeva un'attestazione delle principali raccolte.[40] Il Comitato decise di stampare mille copie del suo articolo e distribuirle alle biblioteche, ai delegati del Canadian Jewish Congress e alla stampa. Con la pubblicazione di questa conferenza e l'elenco delle sue partecipazioni, il Comitato incrementò decisamente la diffusione delle informazioni sugli archivi ebraici.[41]

Sebbene le loro aspirazioni superassero di gran lunga la loro portata di bilancio, questi storici dilettanti ma appassionati, fecero il primo passo nella creazione di un'infrastruttura per la ricerca sulla storia ebraica canadese. Ci riuscirono sostenendo la necessità di archivi per la ricerca storica e per un'identità comunitaria, e sostenendo che preservare i documenti del passato ebraico canadese poteva aiutare a forgiare una comunità ebraica canadese.

IIModifica

 
Dagli Archivi Nazionali di Québec a Montreal, una foto della sede dell'Organizzazione Sionista del Canada, scattata da Conrad Poirier nel 1938

Quattro decenni dopo che Hershman e Sack avevano avanzato le loro richieste per la conservazione dei materiali d'archivio e riuscivano a raccogliere poco più di un supporto morale, le agenzie archiviali erano ora in fervida competizione su chi dovesse raccogliere e conservare i documenti ebraici. Lo sviluppo più drammatico fu l'impegno del governo federale e provinciale nell'attuazione di programmi "multiculturali", inclusa la raccolta di materiali d'archivio appartenenti a gruppi etnici. L'evento pubblico cruciale fu il discorso di Pierre Elliott Trudeau alla Camera dei Comuni l'8 ottobre 1971 per annunciare "a policy of multiculturalism within a bilingual framework". La Commissione reale per il bilinguismo e il biculturalismo aveva pubblicato l'anno prima il suo quarto volume, sui "Contributions of the other ethnic groups", e ora Trudeau stava rispondendo alle sue raccomandazioni. La nuova politica includeva l'impegno del governo a "multiculturalizzare" le agenzie culturali federali, tra cui la Biblioteca nazionale, il National Museum of Man e il Public Archives of Canada (PAC). Al momento dell'annuncio della politica, il PAC era percepito come particolarmente debole nelle sue partecipazioni all'ampia gamma di gruppi etnici canadesi. Il governo decise così di fornire "funds to acquire the records and papers of all the various ethnic organizations and associations which are significant documents of Canadian history".[42]

In risposta, il PAC istituì nell'aprile 1972 un programma per raccogliere materiale dai gruppi etnici e nel giro di un anno ebbe quattro membri del personale a tempo pieno. Diversi anni dopo l'istituzione dei National Ethnic Archives (NEA), Walter Neutel, il capo della sezione, attinse all'ideologia alla base del Programma di Multiculturalismo per spiegare le ragioni culturali più ampie dei NEA. La maggior parte degli archivi, affermò, raccoglieva documenti in inglese e francese che riflettevano e promuovevano la storia maggioritaria dei canadesi inglesi e francesi. Ma questa era una distorsione perché non riflettevano le esperienze di tutti i canadesi, e si lamentò del fatto che gli archivisti "only "very belatedly ... recognized that this is an editorial decision with profound implications for the future perception of current and past events."[43]

Gli archivisti dei NEA credevano di inaugurare una nuova era nella storia archivistica canadese. Si assumevano il compito di informare gli individui e i gruppi interessati sul significato dei documenti archivistici: prevenirne la distruzione "through neglect and ignorance" e tutelare quei documenti "providing for their deposit in the Public Archives or another suitable organization".[44] Sei anni dopo l'apertura della sua organizzazione, Neutel dichiarò con orgoglio che i NEA avevano acquisito "records in thirty languages ... hundreds of feet of manuscript records, several hundred thousand feet of motion film, thousands of booklets ... many photographs and sound recordings as well as maps, medals, heraldic and other pictorial items".[45] Nello stesso anno pubblicò anche una guida tematica alle collezioni per aiutare nello studio dell'ebraismo canadese, fornendo dettagli a livello di gruppi documentali per sessantanove raccolte, ed elencandone altre diciassette.[46]

Ma il governo federale non era il solo a interessarsi alle culture minoritarie – e indirettamente agli archivi – che erano state a lungo ignorate. Nel 1972, il Provincial Department of Cultural Affairs di Manitoba creò un programma di sovvenzioni per attività multiculturali ed era disposto a sostenere le organizzazioni etniche che utilizzavano i fondi per i propri archivi.[47] Ma la notizia più drammatica arrivò dall'Ontario. Utilizzando i guadagni della lotteria Wintario, nel 1976 il governo dell'Ontario creò la Multicultural History Society of Ontario (MHSO) con tre milioni di dollari in fondi. Il suo mandato era culturale e accademico. Sotto la direzione dello storico Robert Harney, l'organizzazione concentrò gran parte degli sforzi sulla raccolta di materiale d'archivio. Al suo apice, l'MHSO aveva 350 archivisti sul campo che raccoglievano manoscritti originali e materiali fotografici, predisponevano microfilm di altre fonti e registravano e salvavano 4.800 nastri di storia orale.[48]

Queste organizzazioni, in particolare la NEA e l'MHSO, rimasero poi invischiate in accuse e controaccuse. Il PAC aveva aderito da tempo al concetto di "archivi totali", secondo cui un archivio governativo non dovrebbe solo conservare i documenti del governo, ma anche importanti documenti privati ​​che raccontano la storia del Canada. Ma, almeno per un po', il PAC dovette affrontare una dura opposizione. Scrivendo nel 1978, Neutel rimase sbalordito dal finanziamento dell'MHSO, che aveva "an annual budget that exceeds the total expenditure on ethnic archives by PAC and all other Canadian repositories combined, and larger than the total budget of most provincial archives".[49] Harney, da parte sua, era molto sospettoso della NEA. Pensava che la consapevolezza di Neutel che esistessero più gruppi oltre ai canadesi protestanti e ai cattolici franco-canadesi, e la promessa che avrebbe aiutato a salvare quelle raccolte, riducessero al minimo il lavoro che i gruppi etnici avevano già svolto nella raccolta di materiali. E il PAC non era forse uno dei principali colpevoli nel promuovere storicamente una visione ristretta della vita canadese? Inoltre, l'apparente mandato della NEA di concentrarsi sulle raccolte di importanza nazionale era, secondo Harney, alquanto vago ed egoistico da consentire la raccolta di qualsiasi materiale la NEA volesse.[50]

Harney e l'MHSO avrebbero potuto pensare di essere diversi dalla NEA, ma i gruppi etnici spesso li consideravano la stessa cosa: la concorrenza.[51] Tale era certamente il caso degli Archivi Nazionali del Canadian Jewish Congress di Montreal e del Canadian Jewish Congress—Central Region Archives a Toronto,[52] che erano emersi come i due più grandi archivi di ebrei canadesi negli anni '70. Ma quali erano le loro obiezioni? L'interesse del governo per la storia dei gruppi etnici del Canada, inclusi gli ebrei, non era esattamente ciò che le comunità emarginate desideravano da tempo? Le risposte non sono così ovvie. Anche se alcune delle ragioni potrebbero aver avuto a che fare con il carrierismo, gli argomenti a favore e contro la collaborazione con gli archivi governativi rivelano atteggiamenti diversi sull'autodefinizione comunitaria ebraica e sul rapporto tra la comunità ebraica e lo Stato durante il processo di "multiculturalizzazione" .

IIIModifica

Le politiche di multiculturalismo dei governi federale e provinciale chiaramente svolsero un ruolo importante nella raccolta e nella conservazione dei materiali archivistici ebraici. Indipendentemente, un certo numero di organizzazioni ebraiche stavano creando, o stavano rivitalizzando, progetti archiviali. Alla fine degli anni '60, mentre l'ufficio nazionale del CJC a Montreal si preparava a trasferirsi in un nuovo edificio, vari funzionari della comunità e attivisti culturali iniziarono a discutere su cosa fare con il materiale d'archivio in possesso del CJC.[53] Per alcuni fu un'occasione per invitare la comunità a ricordare il valore della storia nella creazione e nel mantenimento dell'identità ebraica. Questo, almeno, era il sentimento di Joseph Kage]. Il CJC si rivolse per la prima volta a Kage onde ottenere consigli sulla conservazione degli archivi. Era adatto per il ruolo poiché, come ha discusso Ira Robinson, collegava indissolubilmente il suo lavoro comunitario con la sua ricerca accademica.[54] Nel preparare la sua risposta, Kage si rivolse alla comunità ebraica più ampia e sviluppata negli Stati Uniti. Si recò a New York City dove incontrò archivisti di varie organizzazioni ebraiche, tra cui YIVO. Citando l'American Historical Association, avvertì che era impossibile "padroneggiare" la propria storia senza i documenti pertinenti. E come ebreo, Kage convenne sulla centralità della storia nell'inquadrare l'identità, e quindi sulla necessità degli archivi:

« In Jewish life, where history has always played a central role in living experience of our people, well organized archives constitute an indispensible and living link in Jewish continuity. »

Fu colpito dalle ricche risorse dell'American Jewish Archives a Cincinnati e dell'American Jewish Historical Society nel campus della Brandeis University a Waltham, Massachusetts, e si aspettava che gli ebrei canadesi avrebbero voluto fare lo stesso. Purtroppo lo stato degli archivi non migliorò molto con il trasferimento nella nuova sede. Nei primi anni dopo il trasferimento, l'archivio era ancora in disordine,[55] ma le discussioni continuavano su come migliorare la raccolta, l'archiviazione e la conservazione dei documenti nella sede nazionale della comunità ebraica canadese.

Mentre Kage insisteva sul fatto che la storia aveva "sempre" svolto un ruolo importante nell'esperienza ebraica, altri sottolineavano la necessità di archivi per un altro motivo: la crescita degli studi accademici ebraici. Alla fine degli anni '60, molti ebrei avevano rifiutato l'ebraismo suburbano dei propri genitori e scoperto forme secolari di identificazione ebraica, nonché nuovi modi per esprimere il loro attaccamento alla vita ebraica. Per alcuni, la loro identità ebraica era legata al sostegno a Israele, specialmente dopo la Guerra dei Sei Giorni con il suo impatto elettrizzante sulla Diaspora in generale e sul Canada in particolare.[56] Per altri, la propria identità traeva origine dal ricordo e dalla commemorazione dell'Olocausto.[57] Un altro sviluppo fu la crescente pressione da parte degli studenti ebrei, come anche dei docenti interessati, per gli studi ebraici nelle università canadesi. Percepivano correttamente che l'esclusione della cultura degli ebrei (e di altre minoranze) dai curricula di studio e dai programmi di ricerca delle università rifletteva e favoriva la loro emarginazione all'interno della società canadese.[58]

Alcuni di questi studenti si interessarono all'esperienza ebraica canadese, ma dove potevano trovare materiali? Stephen Speisman, uno studente di dottorato all'Università di Toronto, voleva scrivere sulla storia degli ebrei di Toronto, ma dovette lavorare sodo per trovare i materiali poiché non c'erano fondi d'archivio, nonostante diverse iniziative. Dopo la Seconda guerra mondiale, la regione centrale del Canadian Jewish Congress istituì un comitato degli archivi. Un gruppo di intellettuali di Toronto aveva istituito una Toronto Jewish Historical Society, che aveva anche un comitato per gli archivi. Ma nessuno dei due gruppi aveva alcun tipo di politica di raccolta sistematica e certamente non aveva un posto dove custodire i documenti. All'inizio degli anni '70 i due gruppi si fusero; nel 1973 fu istituito il Central Region Archives for Canadian Jewish Congress e Speisman ne divenne direttore. La prima sede fu nel seminterrato di una sinagoga fino a quando non si trasferì, diversi anni dopo, nel vecchio edificio degli uffici comunitari ebraici nel centro di Toronto.[59]

I partigiani di queste due grandi raccolte archivistiche ebraiche si scontrarono con le nuove iniziative archiviali dello Stato. I primissimi lavori della NEA e della Central Region Archives CJC si sovrapponevano e Speisman non ne era del tutto felice. Il 5 ottobre 1973, la NEA pubblicò un breve annuncio sul più grande settimanale ebraico in circolazione in Canada, il Canadian Jewish News. La NEA proclamava che lo Stato stava riconoscendo la diversità del Canada e che "its history is drawn from many cultural and national backgrounds". La NEA sfidava in modo piuttosto paternalistico i lettori: "We care about your history, do you care enough to help us save it? ... Help us to help you ..."[60] Dopo aver visto l'annuncio, Speisman scrisse a Neutel di essere "gratified and disturbed" nel vedere l'annuncio. Soddisfatto, perché affermava di aver accolto con favore, come aveva fatto il CJC, l'interesse del PAC per le questioni ebraiche. Ma era turbato perché aveva lavorato "to educate an historically rather indifferent public" e stava pianificando un'energica campagna pubblicitaria. Speisman chiese a Neutel di rimanere in contatto con le informazioni su ciò che avesse trovato e su quali ulteriori piani avesse in mente, e disse persino che "... if I knew of these notices in advance I could advise as to the most effective methods of approach".[61]

La trattenuta cordialità di questo scambio non proseguì nei rapporti tra i maggiori archivi ebraici e le raccolte archivistiche finanziate dal governo. Per il resto degli anni '70 e nel decennio successivo, gli archivi CJC a Montreal e Toronto spinsero duramente contro la NEA e l'MHSO. Le tattiche dei sostenitori di questi archivi basati sulla comunità includevano la formazione di alleanze con figure potenti all'interno del CJC per sostenere la propria causa. Nel settembre 1977, i partigiani degli archivi ebraici iniziarono persino a fare pressioni sui politici quando il presidente della Central Region del CJC scrisse al ministro provinciale di Culture and Recreation lamentandosi del fatto che l'MHSO stesse raccogliendo materiali nella comunità ebraica.[62] Alla fine, l'MHSO e Speisman giunsero a un accordo, ma i sospetti e il risentimento reciproci continuarono.

Più interessanti delle tattiche, tuttavia, erano le discussioni sulla proprietà dei materiali d'archivio ebraici. Le argomentazioni venivano discusse a porte chiuse nelle riunioni dei comitati e nella corrispondenza privata e nei memoranda interni tra membri della comunità archivistica ebraica. In rare occasioni vi furono dibattiti aperti, come nel giugno 1979, quando Neutel e Harney presentarono le loro posizioni, come molti altri, a una sessione organizzata dalla Canadian Jewish Historical Society e descritte dalla stampa ebraica canadese.[63]

 
Jewish General Hospital, inaugurato a Montreal nel 1934

I fautori delle collezioni d'archiviali in mano ebraica credevano in una forte comunità ebraica, una comunità – nella classica frase di Raymond Breton – con completezza istituzionale.[64] Storicamente, ebrei e altre minoranze avevano creato istituzioni parallele perché lo Stato non poteva o non voleva offrire sostegno alle sue minoranze. Un classico esempio fu l'ospedale ebraico, creato perché i pazienti ebrei preferivano l'ambiente e perché gli studenti di medicina ebrei non potevano ottenere tirocini nei principali ospedali. Era quindi contemporaneamente una reazione esteriore al mondo non-ebraico e un'azione rivolta all'interno che forniva e promuoveva la solidarietà comunitaria. I fautori degli archivi ebraici esposero argomenti simili, con una differenza: con il multiculturalismo, lo Stato offriva un invito a essere incorporati nella società canadese. Tuttavia, in questa nuova iterazione dei rapporti con lo Stato, alcuni ebrei avevano dei sospetti sulle sue intenzioni. E se il multiculturalismo fosse una fase transitoria e il sostegno del governo all'iniziativa multiculturale si fosse poi esaurita? Nelle parole di Speisman: "Our interest in our heritage is an abiding one, not dependent on whether multiculturalism or ethnic history is popular or expedient at a given moment".[65] In un'altra occasione, Speisman sostenne che alcuni dei ricercatori per l'MHSO — che in tal modo indossavano il mantello del multiculturalismo — erano in qualche modo "for personal or ideological reasons ... hostile to Congress and the legitimately organized Jewish community as a whole..."[66] In altre parole, alcuni membri del CJC consideravano invadente questo aspetto del multiculturalismo.

Altri sostenitori del controllo comunitario ebraico videro un altro pericolo in agguato. Come risultato delle loro esperienze con la storia dell'antisemitismo, sostennero che la comunità ebraica doveva controllare ciò che diventava pubblico per paura di perdere il controllo della sua narrativa. Sebbene l'MHSO avesse anche un consigliere ebreo, Speisman sostenne che "he [i.e., MHSO’s adviser] would not go out of his way to control their researchers in the manner we must have [sic]".[67] In una presentazione pubblica, David Rome avvertì anche dei pericoli di archivi fuori dal controllo della comunità ebraica. Indicò un'opera antisemita basata su documenti pubblici e insistette sul fatto che "we have placed in non-Jewish hands, out of our control records that could put the Jews in a bad light".[68]

Gli ebrei non erano l'unico gruppo preoccupato per i materiali al di fuori del loro controllo. Anche altri gruppi etnici temevano di consegnare i loro materiali al governo. Molti erano venuti in Canada da paesi dietro la Cortina di ferro, diffidavano di tutti i governi e avevano sviluppato la strategia di non fornire ai governi più informazioni di quanto fosse assolutamente necessario.[69] Gli ebrei canadesi non combinavano esplicitamente il comportamento del governo canadese con le loro esperienze di altri regimi, ma chiaramente alcuni espressero disagio riguardo all'immagine pubblica ebraica e al suo impatto sull'antisemitismo.

Molti dei sostenitori del controllo comunitario ebraico degli archivi non spiegarono le motivazioni. Cercarono di promuovere la loro ipotesi di lavoro che la comunità ebraica organizzata, più specificamente CJC, dovesse avere sotto la sua ala il maggior numero possibile di aspetti della vita ebraica e che gli ebrei dovessero provare un senso di obbligo nei suoi confronti. Il direttore esecutivo della CJC-Central Region scrisse al governo dell'Ontario, all'MHSO e alla comunità ebraica dell'Ontario in una lettera circolare che i materiali ebraici dovevano, in linea di principio, essere nelle collezioni archiviali ebraiche.[70] Anche dopo che l'MHSO accettò di concedere al CJC una grande libertà di lavoro nell'ambito della comunità ebraica, Speisman fu critico perché l'MHSO non aveva riconosciuto il "prior right" del CJC sui materiali d'archivio. Nel settembre 1978, Speisman esternò fortemente le sue opinioni in risposta a un'indagine sui beni archivistici degli ebrei canadesi. Reputò la conservazione di questo materiale come "both the right and the duty of the Jewish community". La consegna di materiali ebraici ad agenzie non-ebraiche era stato un atto sciocco di egoismo a breve termine, un comportamento simile a quello del rozzo Esaù "selling our heritage for a mess of pottage". Non si preoccupava di offendere le persone "who feel no primary loyalty to the Jewish community".[71]

 
Saul Hayes (1947)

Saul Hayes fu un altro sostenitore di una forte comunità ebraica, avendo servito come direttore esecutivo del CJC dal 1940 al 1949, e dal 1954 al 1974 come vicepresidente esecutivo nazionale. Divenne un potente alleato nella promozione degli archivi ebraici basati sulla comunità. Quando informò un'organizzazione che intendeva donare il suo materiale a un archivio, non potè criticare il PAC per la sua professionalità, e il triste stato degli archivi CJC lo fece infuriare, soprattutto dopo aver lavorato duramente per apportare alcune importanti collezioni.[72] Tuttavia, combattè vigorosamente per gli archivi basati sulla comunità. Riconobbe i vantaggi fiscali favorevoli che il PAC poteva offrire ed etichettò come "cupidità" la decisione di alcuni donatori di assegnare i propri documenti al PAC. La sua idea di comunità includeva l'orgoglio di custodire i suoi materiali, "a pride in its own past and its intention to deal with it as its heritage and not dispose of its heritage".[73]

Meno di due settimane prima di morire, Hayes lavorò alla bozza di una risoluzione da presentare alla plenaria della CJC nel maggio 1980 a sostegno degli archivi CJC. Non scrisse un preambolo, ma affermò molto chiaramente ciò che doveva essere evidenziato. Volle sottolineare che un programma archivistico "is the hallmark of a cultured, civilized, Jewish community which cannot allow its past to be forgotten..." Con il vantaggio dell'esperienza pratica delle attività CJC, e forse rimuginando sul suo lascito, sostenne persino che gli archivi avevano una maggiore importanza a lungo termine rispetto a molte delle attività del Congresso:

« Such a preamble should ... contrast the transitory nature of much of Congress Program with the lasting nature of the archives program and that we, at our peril, would be false to future generation if we allow the archives program to be subverted by the constant attention to daily programming of another nature.[74] »

Hayes, abile funzionario della CJC, era tuttavia alquanto convinto della questione degli archivi da suggerire di aggirare i funzionari laici della CJC in opposizione e di sostenere gli archivi ebraici alla Sessione plenaria della CJC nel maggio 1980.[75] E se la Sezione bilancio della CJC non avesse ceduto i fondi necessari, sostenne persino di svolgere una campagna al di fuori del Congresso, a patto che i documenti rimanessero in mano agli ebrei.[76]

I sostenitori degli archivi CJC insinuarono o finanche affermarono che i sostenitori ebrei degli archivi governativi erano sleali nei confronti delle loro comunità. Ma un certo numero di individui e gruppi ebrei si oppose con ragioni a sostegno delle iniziative del governo. Alcuni ebrei guardavano con disprezzo alla pretesa del CJC di avere il sostegno di tutti gli ebrei. Gli ebrei dell'estrema sinistra, in particolare i membri dell'United Jewish People's Order (UJPO), non volevano avere nulla a che fare con CJC, che aveva escluso l'UJPO dalla comunità negli anni '50.[77] L'accordo tra Central Region Archives e MHSO dichiarava esplicitamente: "Our arrangements do not apply to those elements of the political left who do not view the Congress as representing them".[78]

Alcuni membri della comunità ebraica credevano che gli ebrei dovessero guardare all'esterno e apprezzare il riconoscimento che gli ebrei, insieme ad altri gruppi etnici, stavano ricevendo dopo tanta negligenza. Questa era certamente la posizione del rabbino Gunther Plaut dell'Holy Blossom Temple di Toronto, che servì da presidente nazionale del Canadian Jewish Congress tra il 1977 e il 1980. Come nel caso di altri rabbini riformati, era un attivista sociale con una visione universalistica e non aveva paura di esprimere le sue opinioni ad alta voce e pubblicamente. Sostenne che il Canada avrebbe dovuto trattare le sue minoranze con generosità e senza pregiudizi e che gli ebrei dovevano aprirsi al mondo non ebraico.[79] Quando Plaut partecipò a una riunione del National Archives Committee nel 1980, oltre a sottolineare che i fondi della CJC erano bassi e che gli archivi nazionali del CJC erano in disordine, indicò che non aveva problemi a lavorare con le agenzie governative: "We are part of this country ... and what we can do in co-operation with other institutions should be undertaken, and [we should not] not do it all by ourselves".[80]

Altri gruppi ebraici contestarono la visione negativa del CJC riguardo ai progetti governativi di archiviazione. La Jewish Historical Society of Western Canada (JHSWC) aveva sviluppato stretti rapporti di lavoro con le iniziative sia provinciali che federali e si era rifiutata di accettare l'atteggiamento di "selling our heritage for a mess of pottage". Gli accordi, sostenevano, avevano fatto risparmiare tempo e risorse al JHSWC e nel caso del Manitoba Pubic Archives erano stati in grado di organizzare "a close supervision and full control".[81] Forse non sorprende che il JHSWC e il funzionario e giornalista del Congresso con sede a Winnipeg, Abraham Arnold, non condividessero la diffidenza dei loro omologhi del Canada orientale. Gli ebrei di Winnipeg avevano già sperimentato il sostegno non-ebraico a progetti che li riconoscevano in una Manitoba pluralistica, cioè: una cattedra di studi ebraici all'Università di Manitoba, e l'inclusione in una serie di volumi sui gruppi etnici di Manitoba.[82]

In modo significativo, le radici del multiculturalismo canadese erano nell'ovest e un baratro sembrava separare gli ebrei dell'est e le comunità occidentali. Ciò spiega certamente le permutazioni della mozione al termine della riunione del CJC National Archives Committee dove furono discusse molte di queste posizioni. Il PAC ancora una volta si rivolse al CJC per impegnarsi in un'impresa cooperativa. David Rome del CJC Montreal presentò una mozione in quattro punti, che nell'ultimo punto invitava il comitato a esprimere una ferma opposizione che le organizzazioni ebraiche che consegnassero i loro materiali a "depositari non-ebrei". Uno degli occidentali presenti all'incontro, Harry Gutkin, rifiutò di prendere in considerazione questo pesante rifiuto. Il suo collega occidentale Abraham Arnold ribattè con una proposta che "the committee should undertake to negotiate a working agreement with the Public Archives of Canada". Speisman (del Central Region Archives) che in precedenza, durante l'incontro, aveva definito la donazione di documenti ebraici ad agenzie non ebraiche una "bishah [sic], a shame" – non era disposto a impegnarsi a lavorare con agenzie non ebraiche. Offrì una formulazione diplomatica ma evasiva: "The National Archives Committee should explore the means of cooperation with other archival institutions and/or funding agencies".[83]

IVModifica

 
Canadian Jewish Congress: studenti ed insegnante in aula, Montreal 1947 (foto di Conrad Poirier)

Lo sviluppo delle raccolte archivistiche ebraiche canadesi dovrebbe essere una storia di interesse per gli storici, in modo che possano comprendere le contingenze e le particolarità delle raccolte che utilizzano. È anche una storia più ampia. Mostra come gli attivisti culturali pensavano che la storia – e quindi gli archivi – dovesse svolgere un ruolo nell'identità ebraica. Tali attivisti rimasero sgomenti quando sentirono che la comunità non vedeva gli archivi come un tesoro culturale. Negli anni '30, i promotori degli archivi ebraici credevano che la mobilitazione della storia potesse aiutare a creare una comunità ebraica canadese oltre a dimostrare le sue radici nel paese. Negli anni '70, le organizzazioni ebraiche si resero conto che i governi stavano attuando politiche culturali che avrebbero portato identità e storie etniche in una nuova narrativa nazionale sotto la rubrica del multiculturalismo. Ma quanto dovevano avvicinarsi i gruppi etnici al governo? C'erano motivi di cautela? La "proprietà" dei documenti ebraici fu solo una delle problematiche con cui la comunità ebraica si confrontò nell'ambito del multiculturalismo, e non certo la più importante. Tuttavia, le discussioni sugli archivi rivelano un'eterogeneità di opinioni all'interno di una comunità eterogenea, suggerendo che dovremmo stare attenti e parlare della negoziazione – e non, come spesso affermato o implicito, dell'adesione – al multiculturalismo canadese da parte della comunità ebraica.

NoteModifica

  Per approfondire, vedi Serie delle interpretazioni, Serie letteratura moderna e Serie misticismo ebraico.
  1. (EN)Library and information science compilation picture of library and information spaces over time. First picture: Duke Humfrey's Library Interior, Bodleian Library, Oxford, UK. Second picture: University of Texas at Arlington Library, woman working at early version of computers. Third picture: National Library of China Phase II Interior. Last picture: Central Library Oodi in Helsinki.
  2. Cfr. Francis X. Blouin Jr. e William G. Rosenberg, Processing the Past: Contesting Authority in History and the Archives (Oxford and New York: Oxford University Press, 2011), 14–6, 25–9.
  3. Terry Cook, "The Archive(s) Is a Foreign Country: Historians, Archivists, and the Changing Archival Landscape", Canadian Historical Review 90, no. 3 (settembre 2009): 517.
  4. Michel-Rolph Trouillot, Silencing the Past: Power and the Production of History (Boston: Beacon, 1995), 52.
  5. Dominique Daniel, "Archival representations of immigration and ethnicity in North American History: from the ethnicization of archives to the archivization of ethnicity", Archival Science 14 (2014): 169–203.
  6. Elisabeth Kaplan, "We are what we collect, we collect what we are: Archives and the Construction of Identity", American Archivist 63, no. 1 (primavera, estate 2000): 126–151, esamina l'emergere dell'American Jewish Historical Society (AJHS) e tenta di collegarla alle identità ebraiche americane; tuttavia, la preoccupazione dell'autore per la "reificazione" dell'identità è astorica e indebolisce un'analisi storica dei motivi della creazione e dello sviluppo della AJHS. Per altri studi sulle comunità ebraiche e sui relativi patrimoni d'archivio, si veda Tony Kushner, "A History of the Jewish Archives in the United Kingdom", Archives 20, n. 87 (Aprile 1992): 3–16, w Karen Robson, "The Anglo-Jewish Community and its Archives", Jewish Culture and History 12, nn. 1&2 (2010): 337–344.
  7. Per una recente discussione sugli inizi del rivitalizzato Congresso ebraico canadese, si veda Jack Lipinsky, Imposing Their Will: An Organizational History of Jewish Toronto, 1933–1948 (Montreal: McGill-Queen’s University Press, 2011), 35–58; sull'ascesa dell'antisemitismo in Canada, cfr. Gerald Tulchinsky, Canada’s Jews: A People’s Journey (Toronto: University of Toronto Press, 2008), 283–327.
  8. Canadian Jewish Congress, Constitution and Resolutions, Adopted at Second General Session, January 27, 28, and 29, 1934, Toronto, Ontario (Montreal, 1934), 10.
  9. Clarence de Sola, "Canada", Jewish Encyclopedia, 12 voll. (New York, 1901–1906), vol. 3, 524–528.
  10. Martin Wolff, "The Jews of Canada", American Jewish Year Book 27 (5686/1925–6): 154–229.
  11. Abraham Rhinewine, Der yid in kanade, 2 voll. (Toronto: Farlag Kanade, 1925–1927).
  12. Benjamin G. Sack, "History of the Jews in Canada", in The Jew in Canada: A Complete Record of Canadian Jewry from the days of the French Régime to the Present Time, cur. Arthur Daniel Hart (Toronto e Montreal: Jewish Publications Limited, 1926), 1–80.
  13. Sulla vita di Sack, cfr. le sue note autobiografiche, "Sack, Benjamin Gutman, son of (Iseah [sic] Lipe) Journalist", Canadian Jewish Congress Charities Committee, National Archives, Montreal (CJCNA), B. G. Sack fonds, MC 18 box 5, Saul Hayes, "Benjamin Gutl Sack", prefazione a Canadian Jews-Early this Century by Benjamin G. Sack (Montreal, 1975); la voce scritta da Yosef Galay su Sack in Chaim Leib Fuks, Hundert yor yidishe un hebreyishe literatur in kanade(Montreal: Kh. L. Fuks bukh-fund komitet, 1980), 118–121.
  14. Lucien Brault, Francis-J. Audet et son oeuvre: bio-bibliographie (Ottawa: L’Imprimerie Leclerc, 1940); per riferimenti al materiale fornita da Audet, cfr. Sack, "History of the Jews", 18 n. 8; 23; 26; 31 e 63.
  15. Jean de Maupassant a BGS, January 22, 1924; Raoul Gradis to Sack, March 13, 1924, in response to Sack’s letter of February 18, 1924; Gradis to Sack, May 4, 1924, CJCNA, Sack fonds, MC 18 box 5.
  16. Hart to Sack, May 5, 1925, CJCNA, Sack fonds, MC 18 box 1, file 32 documenti usati in Sack, "History of the Jews in Canada", 36–40.
  17. Sull'aiuto da parte di Lyon Cohen, cfr. Sack to Herman Abramowitz, March 2, 1943, CJCNA,Sack fonds, MC 18 box 1, file 1; pr l'uso dei documenti di Lyon Cohen, cfr. Sack, "History of the Jews in Canada", 66–67; 72–73.
  18. Si vedano i vari articoli raccolti in B. G. Sack, et al., curr., Biblyotek bukh 1914–1934 (Montreal: Jewish Public Library, 1934). Sulla Jewish Public Library, cfr. Rebecca Margolis, Jewish Roots, Canadian Soil: Yiddish Culture in Montreal, 1905–1945 (Montreal and Kingston: McGill-Queen’s University Press, 2011), 92–105, e la recente edizione speciale di Canadian Jewish Studies/Etudes juives canadiennes 22 (2014).
  19. B. G. Sack, "Tsvantsik yor biblyotek", in Biblyotek bukh, 10.
  20. Ibid.
  21. Hersh Hershman, Kanader yidn un zeyer geshikhte (a proyekt) (Montreal, 1934), 4, in CJCNA DA 11A Box 1, Archives 1934. La provenienza dell'opuscolo nei primi documenti dello Archives Committee suggerisce anche che fosse associato alla prima storia del comitato, come anche le osservazioni di Hershman in un opuscolo successivo che ristampava un articolo del Der Keneder Adler, 31 maggio 1936.
  22. Margolis, Jewish Roots, 89.
  23. Fuks, Hundert yor yidishe un hebreyishe literatur, 98–99.
  24. Per uno studio recente sull'attivismo culturale yiddish negli Stati Uniti, cfr. Tony Michels, A Fire in their Hearts: Yiddish Socialists in New York (Cambridge, MA e London: Harvard University Press, 2005), spec. 179–216. Per un saggio fondamentale sulla vita culturale ebraica di Montreal, cfr. David G. Roskies, "Yiddish in Montreal: The Utopian Experiment", in An Everyday Miracle: Yiddish Culture in Montreal, cur. Ira Robinson, Pierre Anctil e Mervin Butovksy (Montreal: Véhicule, 1990), 22–38; e, per una trattazione completa, Margolis, Jewish Roots.
  25. Hershman, Kanader yidn, 1.
  26. Sull'antisemitismo di destra in Canada e Quebec, cfr. Lita-Rose Betcherman, The Swastika and the Maple Leaf: Fascist Movements in Canada in the Thirties (Toronto: Fitzhenry and Whiteside, 1974); Martin Robin, Shades of Right: Nativist and Fascist Politics in Canada, 1920–1940 (Toronto: University of Toronto Press, 1992); Jean-François Nadeau, Adrien Arcand: Führer canadien (Montreal: Lux, 2010). Su un antisemitismo più "mainstream", cfr. Tulchinsky, Canada’s Jews, 283–327.
  27. Hershman, Kanader yidn, 1.
  28. Hershman, Kanader yidn, 1.
  29. Hershman, Kanader yidn, 2.
  30. Commission des biens culturels, Les chemins de la mémoire: monuments et sites historiques du Québec, t. 2 (Québec: Les publications du Québec, 1991), 38–40 e Hervé Gagnon, "Divertissement et patriotisme: la genèse des musées d’histoire à Montréal au XIXe siècle", Revue d’histoire de l’Amèrique française 48, no. 8 (1995): 343–344.
  31. Hershman, Kanader yidn, 5–8.
  32. Canadian Jewish Congress, Constitution and Resolutions, Adopted at Second General Session, January 27, 28, and 29, 1934, Toronto, Ontario (Montreal, 1934), 10.
  33. Si veda per es., Vancouver’s Jewish Western Bulletin, 14 febbraio 1935.
  34. Minute del Canadian Jewish Congress Archive Committee, 12 March 1935, CJCNA, CJC DA 11A Box 1, Archives 1935.
  35. A. J. Livinson to H. M. Caiserman, October 17, 1935, CJCNA, CJC DA 11A Box 1, Archives 1935.
  36. Minute della riunione Archives Committee, March 12, 1935, CJCNA CJC D11A Box 1, Archives 1935.
  37. Canadian Jewish Congress: Constitution and Resolutions adopted at Second General Session, 10.
  38. David Rome, The Development of National Archives for Canadian Jews (Montreal: Archives Committee of Canadian Jewish Congress, 1939).
  39. Canadian Jewish Archives: List of Documents and Material Collected by the Archives Committee of the Canadian Jewish Congress, issued January 15, 1939 (Montreal: Canadian Jewish Congress, 1939).
  40. Rome, Development of National Archives for Canadian Jews.
  41. Minutes of Meeting of Archives Committee, November 20, 1939, CJCNA CJC D11A Box 1, Archives 1939.
  42. Citato in Robert F. Harney, "Ethnic Archival and Library Materials in Canada: Problems of Bibliographic Control and Preservation", Ethnic Forum 2, n. 2 (Autunno 1982): 15.
  43. Walter Neutell [sic], "National Ethnic Archives", Canadian Library Journal 33, n.5 (Ottobre 1976): 435–436.
  44. Public Archives of Canada. Report 1972/1973 (Ottawa, 1973): 32.
  45. Walter Neutel, "Geschichte Wie Es Eigentlich Gewesen or the Necessity of Having Ethnic Archives Programmes", Archivaria 7 (Inverno 1978): 108.
  46. Lawrence F. Tapper, A Guide to the Sources for the Study of Canadian Jewry (Ottawa: Public Archives Canada, 1978).
  47. "Brief to be used in discussion of future relationship of Jewish Historical Society of Western Canada and the Canadian Jewish Congress and the Winnipeg Jewish Council", Irma and Marvin Penn Archives of the Jewish Historical Centre of Western Canada (Winnipeg) (JHSWC), MG 6 D4 no. 27.
  48. Dominique Daniel, "The Politics of Ethnic Heritage Preservation in Canada: The Case of the Multicultural History Society of Ontario", Information and Culture: A Journal of History 47, n. 2 (2012): 210–211.
  49. Walter Neutel, "Geschichte Wie Es Eigentlich Gewesen or the Necessity of Having Ethnic Archives Programmes", Archivaria 7 (Inverno 1978): 107.
  50. Harney, "Ethnic Archival and Library Materials in Canada", 24–26.
  51. Daniel, "The Politics of Ethnic Heritage Preservation in Canada", 219.
  52. Nel testo continuerò a usare il nome Central Region Archives, sebbene ci siano stati diversi cambi di nome negli anni '70 e '90.
  53. Minutes of Meeting, Research and Archives Committee, June 25, 1970, Library and Archives Canada, Ottawa (LAC), Stephen Barber Fonds, MG 31 H113, vol. 14, file: CJC archives, Res., Hist. Soc., 1957–1970.
  54. Ira Robinson, "Dr. Joseph Kage: Interpreter of Canada and its Jews", Canadian Jewish Studies/Etudes juives canadiennes 6 (1998): 81–87.
  55. Stuart E. Rosenberg, "Looking ahead: Lack of Jewish Archives", Canadian Jewish News, 17 dicembre 1971, 6.
  56. Harold Troper, The Defining Decade: Identity, Politics and the Canadian Jewish Community in the 1960s (Toronto: University of Toronto Press, 2010), 163–203.
  57. Franklin Bialystok, Delayed Impact: The Holocaust and the Canadian Jewish Community (Montreal and Kingston: McGill-Queen’s University Press, 2000), 150–176.
  58. Richard Menkis, "A Threefold Transformation: Jewish Studies, Canadian Universities and the Canadian Jewish Community, 1950–1975", in A Guide to the Study of Jewish Civilization in Canadian Universities, cur. Michael Brown (Gerusalemmed e Toronto: International Center for University Teaching of Jewish Civilization of the Hebrew University of Jerusalem & The Centre for Jewish Studies at York University, Toronto, 1998), 49–59.
  59. Stephen Speisman, "The Keeping of Jewish Records in Ontario: Toronto Jewish Congress/Canadian Jewish Congress Ontario Region Archives", Archivaria 30 (estate 1990), 160–162.
  60. Canadian Jewish News, October 5, 1972, 8.
  61. Speisman to Neutel, October 16, 1973, Ontario Jewish Archives, Toronto (OJA), Accession 2004-6-5, OJA files, 11-6.
  62. Sam Filer to Hon. Robert Welch, OJA, CJC Archives, Jewish Historical Society, September 2, 1977.
  63. Canadian Jewish News, 2 June 1979, 3; e Canadian Jewish News, July 26, 1979, 3.
  64. Raymond Breton, "Institutional Completeness of Ethnic Communities and the Personal Relations of Immigrants", American Journal of Sociology 70 (1964): 193–205.
  65. Handwritten memo from Speisman to Jonathan Plaut, August 15, 1978, OJA, Acc. 2006-3-8, Canadian Jewish Historical Society Box 1.
  66. Speisman to Victor Sefton, June 21, 1979, OJA, Acc. 2006-3-8, Canadian Jewish Historical Society Box 1.
  67. Memo from Speisman to Sol Edell, March 2, 1978, OJA, Acc. 2006-3-8, Canadian Jewish Historical Society Box 1.
  68. Canadian Jewish News, July 26, 1979, 3.
  69. Discusso in Daniel, "The Politics of Ethnic Heritage Preservation in Canada".
  70. Filer to MHSO, August 20, 1977; Sam Filer release to “Jewish community of Ontario”, Sept 15, 1978.
  71. Handwritten memo from Speisman to Jonathan Plaut, August 15, 1978, OJA, Acc. 2006-3-8, Canadian Jewish Historical Society, Box 1.
  72. Memorandum from Saul Hayes to David Rome, October 25, 1979, LAC, Jonathan Plaut Fonds, MG 31 vol. 10, file: Saul Hayes, 1979–1980.
  73. Saul Hayes to Herbert Rosenfeld (National President of Jewish Immigrant Aid Services of Canada), August 14, 1979, LAC, Jonathan Plaut Fonds, MG 31 vol. 10, file: W. Gunther Plaut.
  74. Memorandum of Saul Hayes to Rabbi Jonathan Plaut, Speisman and Rome, January 10, 1980, LAC, Jonathan Plaut Fonds, MG 31 vol. 10, file: W. Gunther Plaut, 1976–1983.
  75. Hayes to Speisman, December 11, 1979, LAC, Jonathan Plaut fonds, MG 31 F13, vol. 10, file: Saul Hayes, 1979–1980.
  76. Memorandum of Saul Hayes to Rabbi Jonathan Plaut, Speisman and Rome, January 10, 1980, LAC, Jonathan Plaut Fonds, MG 31 vol. 10, file: W. Gunther Plaut, 1976–1983.
  77. Faith Jones, "Between Suspicion and Censure: Attitudes towards the Jewish Left in Postwar Vancouver", Canadian Jewish Studies/Etudes juives canadiennes 6 (1998): 1–24; Gerald Tulchinsky, Joe Salsberg: A Life of Commitment (Toronto: University of Toronto Press, 2013), 116–117.
  78. Harney to Speisman, October 17, 1977, OJA, CJC Archives, Jewish Historical Society.
  79. Per le sue op[inioni in questo periodo, cfr. W. Gunther Plaut, Unfinished Business: An Autobiography (Toronto: Lester and Orpen Dennys, 1981). Si veda anche Gerald Tulchinsky, "Justice and Only Justice Thou Shalt Pursue", Marguerite Van Die, cur., Religion and Public Life in Canada: Historical and Comparative Perspectives (Toronto: University of Toronto Press, 2001), 313–328.
  80. Minutes of the National Archives Committee Meeting, Toronto, March 14, 1980, LAC, J. Plaut fonds, MG 31 F13, vol. 10, file: Canadian Jewish Congress, 1980.
  81. Minutes of the National Archives Committee Meeting, Toronto, March 14, 1980, LAC, Jonathan Plaut fonds, MG 31 F13, vol. 10, file: Canadian Jewish Congress, 1980.
  82. Per la serie di volumi sui gruppi etnici di Manitoba, cfr. Mary Kinnear, "‘An Aboriginal Past and a Multicultural Future’: Margaret McWilliams and Manitoba History", Manitoba History 24, no. 2 (Autumn 1992): 2–7, e Richard Menkis, "Negotiating Ethnicity, Regionalism and Historiography: Arthur A. Chiel and The Jews in Manitoba: A Social History", Canadian Jewish Studies/Etudes juives canadiennes 10 (2002): 1–31.
  83. Minutes of the National Archives Committee Meeting, Toronto, March 14, 1980, LAC, Jonathan Plaut fonds, MG 31 F13, vol. 10, file: Canadian Jewish Congress, 1980. Tutte le sezioni sottolineate sono nell'originale.