Storia e memoria/Capitolo 9

Indice del libro
Il segmento calligrafico nel Machzor di Worms. Il testo yiddish è in rosso.

La sfida della memoriaModifica

  Per approfondire, vedi Storia degli ebrei in Canada e Storia degli ebrei negli USA.

Gli attivisti della lingua yiddish a MontrealModifica

 
Canada: percentuale della popolazione ebraica per regione (2021)
 
Diffusione dello yiddish negli Stati Uniti:

██ Più di 100.000 parlanti yiddish

██ Più di 10.000 parlanti yiddish

██ Più di 5.000 parlanti yiddish

██ Più di 1.000 parlanti yiddish

██ Meno di 1.000 parlanti yiddish

Fu solo nel 1904 che l'afflusso di immigrati di lingua yiddish dell'Europa orientale a Montreal iniziò sul serio. Prima di tale data, le condizioni economiche e il panorama politico del Canada precludevano qualsiasi immigrazione su larga scala dall'Europa, e non certo quella che potesse avere un impatto sulle realtà demografiche dell'ex colonia britannica. Prima dell'inizio del XX secolo, la popolazione ebraica del Canada era composta principalmente da individui che avevano le loro origini in Gran Bretagna e che erano occupati nel commercio e negli scambi internazionali. Di piccole dimensioni durante la maggior parte del diciannovesimo secolo, con non più di poche centinaia di persone, le comunità ebraiche di Montreal, Toronto e Halifax erano essenzialmente invisibili all'osservatore esterno, poiché i loro membri parlavano l'inglese come prima lingua, si comportavano come tutti gli altri cittadini, e lasciavano poche tracce pubbliche della loro presenza.[1] Questa situazione sarebbe cambiata radicalmente e bruscamente con l'inizio di una massiccia migrazione ebraica dall'Impero russo e, in misura minore, dalla Romania e dall'Impero austro-ungarico. L'arrivo in gran numero di ebrei di lingua yiddish, circa una media di 8.000 individui all'anno tra il 1904 e il 1917,[2] segnò l'inizio di un processo di trasformazione con importanti ripercussioni sulla storia ebraica canadese durante il mezzo secolo successivo. Come conseguenza di questa intensa migrazione, in un periodo di soli trent'anni, dal 1901 al 1931, il numero degli ebrei in Canada aumentò di quasi dieci volte, da 16.000 a 156.000 persone. Nella sola Montreal, che è l'obiettivo principale di questo Capitolo, la popolazione ebraica crebbe a un ritmo ancora più alto, da 7.000 nel 1901 a 60.000 nel 1931. Considerando che la maggior parte delle persone di origine ebraica già stabilite a Montreal nel 1901 erano un'avanguardia di questo compatto spostamento dell'Europa orientale, che la città aveva attratto per la sua posizione geografica e la prima specializzazione industriale nella produzione di abbigliamento, lascia pochi dubbi sulla capacità dei nuovi arrivati ​​di ridefinire completamente i contorni dell'ebraicità nella città.

La maggior parte di questi immigrati dell'Europa orientale giunse in Canada nel contesto generale dell'insurrezione russa del 1905, che sconvolse il governo zarista per diversi mesi, portando a una serie di riforme liberali all'interno della sfera politica, in particolare l'istituzione di una democrazia parlamentare nella forma di una duma o di un'assemblea eletta di rappresentanti. La lotta intensa e, a volte, violenta che aveva portato a questi cambiamenti strutturali, e la repressione che seguì queste rivolte spontanee, per lo più dopo il 1907, lasciarono un segno profondo negli immigrati ebrei che avevano raggiunto le coste canadesi in questo periodo, influenzando profondamente la loro visione del mondo. Come è stato sostenuto da Jonathan Frankel nel suo studio seminale del 1981, Prophecy and Politics,[3] in seguito a questi eventi di immense proporzioni per gli ebrei russi, un gran numero di giovani uomini e donne ebrei lasciarono l'Europa e portarono nelle varie comunità diasporiche già esistenti le esperienze che avevano incontrato durante il movimento del 1905. L'attività rivoluzionaria, l'organizzazione sindacale, la resistenza attiva all'autorità arbitraria, l'autodifesa clandestina e l'agitazione proletaria nelle città industriali che erano state normative nel culmine dell'insurrezione russa divennero improvvisamente nozioni comuni nell'emergente ambiente ebraico di Montreal. La lingua yiddish, che aveva svolto un ruolo essenziale nella mobilitazione delle masse ebraiche in Russia nel 1905, e che servì da punto di riferimento per le nuove idee di liberazione politica e modernità, arrivò a rappresentare l'essenza stessa delle idee rivoluzionarie.[4] Quando lo yiddish iniziò ad essere utilizzato nelle strade di Montreal, e soprattutto nella nuova struttura comunitaria che si stava formando poco prima e durante la prima guerra mondiale, trasmise immediatamente un senso di radicalismo e urgenza sociale che derivava dagli eventi del 1905. Come in Russia alcuni anni prima, gli ebrei di lingua yiddish a Montreal iniziarono a organizzare sindacati nell'industria dell'abbigliamento e creare vari strumenti di solidarietà sociale, come le landsmanshaften, biblioteche libere, circoli intellettuali e società di assistenza. In un contesto di relativo liberalismo politico, queste iniziative furono tollerate dalle istituzioni parlamentari britanniche. In questo senso, l'eredità dell'insurrezione russa fu reinvestita dagli immigrati nel loro nuovo ambiente canadese e nella loro lotta per la sopravvivenza economica; si unirono in gran numero al proletariato industriale nelle principali città canadesi. Allo stesso modo, lo yiddish divenne uno strumento per il rinnovamento dell'identità e della cultura ebraica come era avvenuto nell'Europa orientale, in un'epoca in cui masse di ebrei entravano in contatto con gli imperativi della modernità.[5]

L'intensa disponibilità degli immigrati di lingua yiddish di Montreal a mobilitarsi per la lotta di classe e creare una rete istituzionale in grado di trasmettere gli elementi fondanti di un'identità ebraica ridefinita in un nuovo continente fu un esperimento coraggioso senza precedenti storici.[6] Quante volte è stato possibile trasporre, in una terra lontana e sconosciuta come il Canada, le ideologie e le speranze degli ebrei dell'Europa dell'Est, informati dal contesto politico radicale russo, e ottenere risultati incoraggianti in breve tempo? Non solo questa congiuntura era del tutto nuova, ma si stava svolgendo in un paese, a differenza degli Stati Uniti, in cui gli ebrei erano quasi demograficamente assenti fino all'inizio del ventesimo secolo, e ammontavano a pochissima influenza politica diretta. Ciò significava che in Canada, gli eredi dell'insurrezione del 1905 costituivano la stragrande maggioranza della fiorente popolazione ebraica nel 1918, fino all'85% a Montreal e Toronto. Una situazione del genere sfidava l'immaginazione e le menti della maggior parte degli ebrei di Montreal che avevano intrapreso carriere anche modeste come scrittori o giornalisti per la stampa yiddish locale, o avevano cercato di far parte dei pochi circoli intellettuali che erano apparsi in città poco dopo l'inizio della migrazione di massa.

Allo stesso tempo, esisteva un paradosso culturale nella situazione degli ebrei di Montreal che non può essere scontato facilmente dagli storici contemporanei; l'intensa posizione rivoluzionaria e utopica degli immigrati dell'Europa orientale era in contrasto con il loro contesto tradizionale. Nonostante il loro fervore modernista e le autentiche aspirazioni socialiste o marxiste, i partecipanti alla grande migrazione del 1904-1914 provenivano comunque da piccole città in Russia, Polonia, Lituania, Romania o Ucraina ed erano immersi nell'ebraismo tradizionale. La maggior parte aveva ricevuto un'educazione religiosa tipica dell'Europa orientale prima dell'avvento dell'Haskalah ed era immersa negli studi biblici e talmudici classici, in particolare in istituzioni come batei-medroshim e yeshivot.[7] Quando questi giovani uomini e donne arrivarono a Montreal sotto il influenza di ampi movimenti rivoluzionari, avevano già ricevuto una seria formazione in ebraico classico e avevano imparato, spesso senza prestare molta attenzione alla rigida pratica religiosa, le complessità dell'ebraismo ortodosso. Questa congiuntura storica, come descritta da Simon Belkin, portò un carattere specifico all'ebraismo di Montreal di inizio secolo:

« As we have demonstrated, the upsurge in Jewish migration has profoundly altered the visible aspects of the Canadian Jewish community and has transformed its internal structure. In fact, it was an entirely new community that was taking shape in the country at the beginning of the twentieth century, without much influence by the institutional leadership of individuals long established in Canada. Essentially linked with the popular masses (amkho) of the Jewish population, the migratory wave was on the one hand profoundly rooted in traditional Eastern European life and on the other very affected by the impact of religion in its Orthodox form. Despite this, these Jews had been marked by the new revolutionary ideas, both nationalist and socialist, which had appeared in the territories inhabited by Jews in Europe.[8] »

Improvvisamente proiettati contro la loro volontà e in circostanze incontrollabili nello sconcertante mondo della modernità, questi giovani immigrati trovarono a Montreal, come altrove in Nord America, un ambiente sociale per lo più libero dalla censura ideologica che avevano conosciuto nell'impero russo. A Montreal esistevano pochi vincoli riguardo all'editoria, specialmente in yiddish. Poco ostacolava le proteste pubbliche contro le condizioni di lavoro o impediva agli ebrei di dimostrare la loro solidarietà comunitaria. I parlanti yiddish si trovarono immediatamente liberi dalla violenza fisica e dall'insicurezza, dalla carestia su larga scala e dalla minaccia dei pogrom o dell'antisemitismo orchestrato dallo stato. Ancora più interessante, potevano essere investiti mezzi materiali ragionevoli per consolidare progetti comunitari e lanciare organizzazioni che avrebbero canalizzato i nuovi ideali favoriti dagli eventi del 1905 in Russia. Questi fondi spesso derivavano dal reddito guadagnato dai lavoratori dell'industria dell'abbigliamento o dai profitti guadagnati da piccole imprese all'interno della popolazione di lingua yiddish. Montreal fornì anche ai recenti arrivi di ebrei dall'Europa orientale un ambiente multilingue favorevole alle espressioni pubbliche di yidishkayt, sia sotto forma di segnaletica pubblica sopra gli ingressi dei negozi situati nel quartiere degli immigrati, sia sotto forma di eventi pubblici condotti principalmente in yiddish in determinate occasioni. A Montreal esistevano già comunità e ambienti linguistici completamente indipendenti, divisi da francese e inglese, che raramente si intersecavano, rendendo quasi impossibile l'imposizione di un'unica lingua ufficiale ai nuovi arrivati. Il Canada stesso era ancora un paese all'interno della sfera di influenza britannica all'inizio del XX secolo e non aveva simboli nazionali generali o una sfera di governo unificata. In questo paese i parlanti yiddish potevano trovare ampio spazio per esprimere le proprie forme di adattamento, senza dover rinunciare a breve termine alla propria identità ebraica. Più di ogni altra città o regione del Canada, Montreal rappresentava questo senso di laissez-faire culturale e politico caratteristico del periodo, che affonda le sue radici nelle politiche coloniali britanniche del XIX secolo nei confronti delle aspirazioni franco-canadesi alla nazionalità. In questo senso, la città offriva possibilità apparentemente illimitate agli immigrati che potevano negoziare l'accesso alla mobilità sociale e al progresso economico, senza dover rinunciare ai valori e alle pratiche culturali portati dall'Europa.

A Montreal, il periodo tra il 1905 e il 1914 fu caratterizzato da possibilità illimitate e intensa creatività per la neonata comunità di lingua yiddish. Come spesso accade in un contesto di migrazione di massa innescata da condizioni socio-politiche sfavorevoli nel paese di origine, la popolazione ebraica della città in questo decennio era piuttosto giovane, alimentata da correnti ideologiche al culmine, e sostenuta dalla speranza di un miglioramento economico e di una vera libertà di espressione. Non solo il ritmo della progressione demografica fu rapido e costante in questi anni, consentendo nel giro di poco tempo di creare una costellazione di istituzioni in vari ambiti – religioso, culturale e orientato al miglioramento delle condizioni della classe operaia – ma diverse agende politiche spinte dagli eventi in Russia stavano entrando in diretta concorrenza all'interno dei confini interni della comunità. Quando gli immigrati entravano in Canada per la prima volta o si stabilivano in un ciclo di vita più stabile all'interno della città, venivano sollecitati da varie ideologie circolate in periodici e opuscoli in lingua yiddish. Nel complesso, apparve una cacofonia di soluzioni divergenti a problemi comuni a tutti gli ebrei, che offrivano visioni alternative del futuro. Influenzata da idee originarie principalmente dalla Gran Bretagna, una versione specificamente ebraica dell'anarchismo emerse in Canada nel primo decennio del ventesimo secolo, che per lo più rifiutava tutte le manifestazioni dell'ebraismo religioso e proponeva un approccio di auto-aiuto diffuso e individualistico spesso simile all'assimilazione. Gli attivisti anarchici si trovarono presto in concorrenza con i socialisti radicali che cercavano, al contrario, di promuovere un movimento progressista più organizzato e centrato sul partito, che si divideva in due scuole di pensiero. La prima di queste seguiva un'interpretazione internazionalista basata sulla natura universale dello sfruttamento economico da parte del capitalismo, a cui gli ebrei erano soggetti tanto quanto gli altri "popoli", mentre un secondo approccio più particolaristico cercava di preservare l'identità "nazionale" degli ebrei nella Diaspora una volta raggiunta la fase rivoluzionaria. A volte indicata come "nazionalismo della Diaspora", questa ideologia proponeva soluzioni territoriali al dilemma di difendere una qualche forma di identità ebraica in un mondo radicalmente alterato. Comprendeva il mantenimento dello yiddish come lingua franca e la creazione di istituzioni di lingua yiddish al di fuori della "Zona di residenza ebraica" nell'Impero russo.

 
Logo del Poale Zion
Il gruppo "Ezra" del Poale Zion a Płońsk, 1905. David Grün (David Ben-Gurion) in prima fila, terzo a destra
 
Membri del Poale Zion a Varsavia, Congress Poland, 1905. In piedi da destra a sinistra: Eliezer Salzkin e Yitzhak Tabenkin. Seduti da destra a sinistra: Max Tabenkin, che non emigrò mai a Israele, Eva Tabenkin, Yosef Zaltzman e Elkana Horowitz
 
Lo staff editoriale dello HaAhdut. Da destra a sinistra: seduti – Yitzhak Ben-Zvi, David Ben-Gurion, Yosef Haim Brenner; in piedi – Aharon Reuveni (fratello di Ben-Zvi), Ya'akov Zerubavel (1910)

Anarchici, diasporisti e internazionalisti si contendevano l'attenzione dei recenti immigrati ebrei in Canada, mentre un altro movimento politico si manifestava a Montreal dopo il 1905: i sionisti. Vennero a sostituire tutte le altre correnti ideologiche tra la popolazione di lingua yiddish della città entro dieci anni. Nati dall'insurrezione russa del 1905, il movimento Poale Zion, o sionisti laburisti,[9] difendevano l'idea che l'impulso rivoluzionario poteva avere successo solo tra le masse dell'Europa orientale e realizzarsi se fosse stata riconosciuta l'importanza per il popolo ebraico di lavorare per la creazione di uno stato moderno in Palestina. A causa della loro dispersione su vasti territori in Europa e delle forme uniche di discriminazione che operavano contro di loro, in particolare nella Russia zarista, le aspirazioni degli ebrei dovevano essere proiettate in un quadro di riferimento nazionale. Solo in un apparato statale fondato da ebrei e funzionante entro i confini di una cultura ebraica laica, le masse ebraiche avrebbero potuto trovare sufficiente sicurezza fisica, coesione sociale e stabilità economica per abbracciare pienamente gli ideali del progresso socialista e iniziare la loro marcia verso la completa uguaglianza tra le altre nazioni. Tutte le altre opzioni politiche, pensava il poaletsyonistn, avrebbero portato o a un'agenda internazionalista suscettibile di minare la conservazione dei valori e della cultura ebraici tra la classe operaia e le masse impoverite, o avrebbero lasciato la minoranza ebraica vulnerabile ad attacchi discriminatori e persecuzioni con mezzi violenti. Il Poale Zion era emerso in un clima insurrezionale in Russia, il che significava che doveva ribattere forme molto aggressive di censura e repressione politica, ma Montreal offriva un ambiente liberale favorevole al progresso dei suoi principi nell'ambiente ebraico locale proveniente dall'Europa orientale. Nel giro di pochi anni dopo il 1905, i sionisti laburisti canadesi, usando un approccio molto disciplinato e metodico, avevano gettato le basi organizzative per molte istituzioni comunitarie a Montreal o influenzato profondamente le prospettive di quelle che già esistevano nel mondo di lingua yiddish. Ancora una volta, dobbiamo rivolgerci a Belkin per avere un'idea di questo movimento di rapido sviluppo istituzionale operato dal Poale Zion nel secondo decennio del XX secolo:

« The party associations (of the Poale-Zion) thus became venues where it was possible to promote and deepen Jewish cultural life, and where the education of the masses was encouraged. The second period in the life of the party in Montreal, which spread from 1910 to 1915, was characterized by the creation of cultural institutions, schools, popular reading rooms and trade unions. It is also true that even in their first year of emergence and existence, the party associations had become involved in a very wide ranging cultural activism and had worked in favour of worker’s unions.[10] »

A Montreal in particolare, il Poale Zion lavorò sistematicamente per strutturare la rete della comunità emergente secondo linee sioniste progressiste, tenendo sempre in considerazione la cooperazione con individui che la pensavano allo stesso modo o gruppi che non condividevano necessariamente il loro intero credo politico. In un breve arco di tempo di dieci anni, i sionisti laburisti crearono sale di lettura per gli immigrati, che fungevano anche da luoghi di ritrovo sociale; movimenti giovanili; e scuole part-time per bambini (già iscritti al sistema educativo pubblico) dove si insegnavano regolarmente la lingua yiddish e i valori sionisti. Il movimento era stato anche una forza importante dietro l'emergere di sindacati radicali all'interno del commercio di abbigliamento, che funzionava principalmente in yiddish, e una miriade di organizzazioni comunitarie dedicate alla salute e alle questioni sociali, o che svolgevano funzioni filantropiche tra le classi operaie ebraiche. Grazie allo studio pubblicato da Simon Belkin a Montreal nel 1956, con il titolo Di Poale-Zion bavegung in Kanade, 1904–1920 [The Poale-Zion Movement in Canada (1904–1920)], abbiamo una descrizione dettagliata della vasta serie di iniziative intraprese dai poaletsyonistn in città, compresi i nomi della maggior parte dei fondatori. L'elemento centrale di questo sforzo per posizionare il sionismo di sinistra al centro della struttura della comunità di Montreal può essere trovato nella creazione di una scuola pomeridiana laica nel gennaio 1911 da parte di sionisti di sinistra. Questa era la seconda scuola del genere in Nord America incaricata della responsabilità di educare i figli degli immigrati nella lingua yiddish. Si chiamava Maylender Shule, dal nome del quartiere di Mile End in cui era originariamente situata.[11] La scuola proponeva non solo di istruire i giovani ebrei nella lingua della Diaspora ebraica dell'Europa orientale, ma anche di inculcare agli alunni una visione del mondo coerente con la conservazione degli ideali del sionismo laburista. I fondatori della shule pensavano che se una nuova generazione di ebrei canadesi fosse stata informata degli scopi e degli obiettivi del movimento sionista laburista, probabilmente li avrebbe abbracciati a lungo termine. Si sarebbe quindi potuto contare su un'avanguardia ben preparata di attivisti in futuro, quando un focolare nazionale ebraico sarebbe finalmente apparso in Palestina. D'altra parte, il poaletsyonistn argomentava che se l'assimilazione avesse fatto breccia nel processo di sviluppo dell'ebraismo di Montreal, questo momento sarebbe andato perso e alla fine il sionismo avrebbe potuto potenzialmente scomparire dai programmi della comunità.

Il Maylender Shule durò solo pochi mesi, per essere presto sostituito nel 1913 da una nuova istituzione chiamata Natsyonal-Radikale Shul o Peretz Shule nel centro di Montreal. In pochi anni riuscì ad attrarre diverse centinaia di studenti e ad applicare i più moderni metodi di insegnamento disponibili. Pochi mesi dopo, nel settembre 1914, un gruppo di poaletsyonistn dissidenti creò una nuova istituzione educativa chiamata Folks Shule, con lo scopo di porre maggiormente l'accento sull'insegnamento della lingua ebraica come modalità di comunicazione quotidiana, piuttosto che concentrarsi quasi interamente sullo yiddish come veicolo del secolarismo rivoluzionario.

La fondazione di queste due scuole in brevissima successione ebbe conseguenze di vasta portata sulla storia della comunità ebraica di Montreal nel ventesimo secolo. Questo non solo perché diventarono strumenti molto influenti per la diffusione degli ideali sionisti di sinistra in Canada e svolsero un ruolo sostanziale nella conservazione della cultura yiddish a lungo termine, ma anche perché fornirono una base stabile di lavoro per gli intellettuali dell'Europa orientale, scrittori e artisti. Essi, a loro volta, potevano pubblicare opere significative ed esercitare influenza. In quanto tali, le istituzioni educative sioniste laburistiche fondate a Montreal poco prima della prima guerra mondiale divennero rapidamente luoghi di creatività culturale e attivismo politico. Il loro impatto andò ben oltre i confini della pedagogia e dell'educazione dei bambini, influenzando persino l'emergere di una letteratura yiddish a Montreal tra le due guerre mondiali e lo sviluppo dei circoli intellettuali. Queste scuole attirarono anche l'attenzione di importanti figure del mondo yiddish, in luoghi fino a New York, Buenos Aires, Varsavia e Vilnius, che vennero a visitare Montreal e furono invitate a cerimonie di laurea o altri eventi: luminari come Sholem Aleichem, Chaim Zhitlowsky e Yehoash.

Uno scorcio dell'attivismo politico e culturale di Poale Zion può essere raccolto dai documenti pubblicati all'epoca della fondazione delle scuole, in particolare dai programmi di studio di vari studenti di diversi livelli di età e dalla pubblicità sui giornali. Nell'agosto 1913, il seguente testo fu pubblicato sul quotidiano yiddish di Montreal, chiamato Keneder Odler, che annunciava la creazione della Peretz Shule e ne sottolineava gli scopi più elevati:

« In der natsyonal radikaler shul, vet gelernt vern di yidishe un hebreyshe shprakhn oun literature, yidishe geshikhte, gezangen un altz vos hot a natsyonal mentshlekhn vert far dem yidishen folk.[12] »

L'obiettivo principale della Peretz Shule era: "To prepare the Jewish youth in view of its incorporation into the Jewish people, to ready the youth to resist the assimilationist currents and to develop a superior notion of truth and justice, for the greater good of its people and of all humanity".[13] Nel 1915, la Folks Shule, allora esistente solo da un anno, pubblicò sul Keneder Odler che avrebbe perimenti insegnato yiddish e ebraico moderno, istruendo i suoi studenti nella tradizione ebraica di tutti i periodi storici. L'istituzione intendeva anche promuovere la storia "in una giusta prospettiva", il che significava che avrebbe utilizzato un approccio scientifico e secolare all'insegnamento di questa disciplina, comprese le biografie di grandi figure ebraiche come Abramo, Mosè, re David e Maimonide. Allo stesso modo, l'etica ebraica, la letteratura biblica, l'hagada talmudica, il muser-sforim, le leggende popolari e la tradizione chassidica sarebbero stati usati come elementi della storia culturale ebraica e non come linee guida per ottenere un senso più elevato dell'ebraismo come fede religiosa. Soprattutto però, in modo veramente radicale, i fondatori della Folks Shule speravano di ottenere quanto segue: "the child who will be educated in our schools will wish to be associated with all his strength and soul to the Jewish masses, that he will want to live among them and fight alongside them."[14] Un curriculum ancora più dettagliato della Peretz Shule per il 1917 è disponibile grazie al lavoro accuratamente documentato di Belkin. Quell'anno, che era solo il quarto nella storia dell'istituto, gli studenti di prima, seconda e terza elementare dovevano essere istruiti nella lingua yiddish e ricevere una conoscenza di base dell'ebraico. Leggende ebraiche e testi di Sholem Aleichem furono proposti anche per i bambini di questa età. Nelle classi superiori, fino al sesto anno, la storia ebraica, la scrittura e la grammatica yiddish e il significato culturale delle festività ebraiche erano materie obbligatorie. A quel livello, gli studenti leggevano anche opere di Sholem Aleichem e Sholem Asch, probabilmente gli scrittori yiddish più popolari di quel periodo. Infine, agli undici studenti della settima classe fu assegnato "Di hoypt limoudim in klas zaynen geven di yidishe geshikhte oun literature",[15] che significava la storia degli ebrei europei fino al 1880 e la lettura dei tre più significativi autori dell'Europa orientale dell'epoca: Mendele Mokher Sforim (Sholem Yankev Abramovich), Sholem Aleichem e I. L. Peretz.

La Yidishe Folks Biblyotek, oggi Jewish Public Library, si colloca tra le istituzioni più significative co-fondate a Montreal dal Poale Zion nel periodo immediatamente precedente la prima guerra mondiale. Creata nel maggio 1914, quasi contemporaneamente alle scuole Peretz e Folks essenzialmente dagli stessi attivisti, la Biblyotek fu concepito come una biblioteca di prestito per le masse di immigrati dell'Europa orientale che entravano nel paese, che erano private dei mezzi pratici per educarsi nelle principali istituzioni canadesi. Inizialmente dotato di 1.500 libri, principalmente nelle lingue yiddish, russo ed ebraico, la Biblyotek era il frutto di Reuben Brainin, una delle principali luci intellettuali del suo tempo e un ardente sionista. Venuto a Montreal nel 1912 appositamente per assumere la guida editoriale del Keneder Odler, Brainin immaginava l'istituzione come un faro di conoscenza, letteratura e scienza in una comunità formata troppo di recente per beneficiare dei vantaggi di una vita culturale strutturata e permanente. Nelle prime pagine del rapporto annuale della Biblyotek per l'anno 1914-1915, Brainin delineò personalmente in una forma di yiddish germanizzato gli obiettivi che aveva in mente quando si sforzò di creare l'istituzione a Montreal: "Darum betsvekt di folksbiblyotek tsu geben di fule meglikhkayt tsu yedem aynem tsu benutsen zikh tsu yeder tsayt mit di gaystike, mit di kulturele oytsres fun undzer folk vi oykh fun andere felker. Der shatz fun undzer folksbiblyotek beshtet in dem dos zi iz geshafn gevorn funem people, farn folk, dos zi hot kayn andere tsvekn vi tsu farshprayten inem folks likht un visn".[16] Come le due scuole fondate a Montreal dagli attivisti del Poale Zion, nei decenni successivi la Biblyotek divenne un luogo cruciale per la diffusione della cultura yiddish a Montreal. Divenne anche un rifugio per scrittori, artisti e intellettuali desiderosi di condividere una cultura ebraica laica e moderna, comprese figure conosciute nei circoli ebraici di tutto il mondo e che, come Brainin, passarono per la città in vari momenti. Per la maggior parte del ventesimo secolo, la Biblyotek accolse anche immigrati e rifugiati con poche risorse materiali, che trovarono un ambiente sociale favorevole a una graduale integrazione nella comunità ebraica tradizionale all'interno delle sue mura.

Di per sé, i successi del Poale Zion di Montreal nei primi decenni del ventesimo secolo potrebbero essere considerati un importante contributo al mantenimento di una cultura yiddish vivace e creativa, per non parlare del suo successo nel guidare una coscienza sionista di sinistra nella città. Fino all'afflusso di immigrati sefarditi di madrelingua francese dal Marocco all'inizio degli anni sessanta, provenienti da una cultura ebraica molto diversa radicata nel Nord Africa, il Poale Zion aveva stabilito quasi da solo le basi ideologiche e materiali su cui vennne a basarsi l'intera struttura della comunità ebraica per mezzo secolo. Le uniche eccezioni furono le istituzioni religiose, che mantenevano la loro ortodossia. Nel corso di diversi anni, gli attivisti sionisti di sinistra, spinti dall'insurrezione russa del 1905 e dalle sue conseguenze nei circoli ebraici liberali, cercarono di orientare e stabilizzare un processo di costruzione delle istituzioni che culminò nella fondazione del Canadian Jewish Congress nel 1919. Potevano così incanalare energie culturali e politiche che altrimenti sarebbero rimaste senza un focus o uno scopo specifico. In questo processo, il Poale Zion mise la lingua yiddish al centro della struttura della comunità di Montreal e sostenne con forza un approccio laico, progressista e culturalmente consapevole nell'emergere di un'identità ebraica a Montreal. Lo yiddish rimase al centro della comunità fino a molto tempo dopo la Seconda guerra mondiale. L'influenza del Poale Zion si rafforzò ulteriormente negli anni Trenta e Quaranta a Montreal, quando la mobilitazione che portò alla creazione dello Stato di Israele fu in gran parte intrapresa in Medio Oriente da forze politiche simili a quelle inizialmente operanti a Montreal all'inizio XX secolo. Finché la città ospitò una vasta classe operaia ebraica direttamente preoccupata dalla legislazione sui diritti umani e dalla giustizia sociale, la forma di sionismo incarnata dal Poale Zion rimase al centro delle preoccupazioni della comunità e beneficiò di un'influenza ad ampio raggio. Il lascito degli attivisti iniziali, che erano per lo più giovani uomini e donne che entravano nella modernità in un momento cruciale della storia dell'Europa orientale, proiettava la loro visione su un'intera comunità al di là dei mari. Anche nelle nuove circostanze storiche che videro l'abbandono dello yiddish come lingua franca nella rete istituzionale della comunità ebraica, questa eredità sopravvisse al processo di canadesizzazione che alla fine anglicizzò la popolazione ebraica di Montreal all'inizio degli anni Sessanta.

 
David Roskies nel 2009

Non solo i poaletsyonistn intendevano preservare la storia e l'identità ebraica a Montreal mediante la creazione di istituzioni culturali ed educative di natura laica, ma cercarono anche di evidenziare questi sforzi iniziali nella storia ebraica canadese. Ciò fu ottenuto in un secondo momento, spesso decenni dopo, quando le memorie e le cronache vennero scritte e pubblicate in yiddish dai primi attivisti a beneficio delle future generazioni nate in Canada. Questi testi possono essere intesi oggi come il primo tentativo sistematico di gettare le basi per una storia generale degli ebrei in Canada. A partire dagli anni Trenta, furono fatti piani per creare archivi e preparare le basi per una storia del movimento sionista laburista nel paese, che spesso implicava la presentazione del contesto più ampio della storia ebraica a Montreal e in altre città canadesi con la migrazione ebraica di massa. Una narrazione storica così apparve dopo la Seconda guerra mondiale, e fu il risultato di una concertata sensibilizzazione da parte di alcuni individui che avevano riconosciuto la grande importanza del contributo dei sionisti di sinistra all'emergere degli ebrei canadesi; fecero di questa narrativa il discorso dominante. Tale interpretazione storica è chiaramente spiegata da David Roskies nella biografia di sua madre, Masha Welczer, intitolata Yiddishlands:

« Davar aher: "Abaye said in the name of Rabbi Hamnuna: A case concerning Montreal, the Jerusalem of Canada, with its many schools for Jewish children. In two schools the children studied without covering their heads, Heaven preserve us! Boys and girls together, yet their teachers were very learned, having studied Torah across the seas.[17] »

In questo breve passaggio, troviamo espressa in due diverse angolazioni l'originalità della storia ebraica canadese nella prima metà del XX secolo. Da un lato, l'autore sottolinea di venire a patti con la modernità e il cambiamento radicale, come vissuti nell'insurrezione del 1905 in Russia. Allo stesso tempo esprime il desiderio di mantenere un legame forte ma rinnovato con la tradizione dell'alta cultura giudaica dell'Europa orientale. Non coprirsi la testa in una scuola sionista di sinistra significava che il secolarismo forzato si era profondamente impadronito della comunità, stimolando sia un allontanamento dalle fonti dell'apprendimento ebraico sia un esame critico dell'impulso religioso. Tuttavia, questo viaggio nella modernità fu intrapreso da uomini e donne che avevano compreso perfettamente lo stile di vita tradizionale che si stavano lasciando alle spalle. Poiché l'avevano sperimentato in prima persona in gioventù, apprezzavano ancora, forse in modo più astratto, l'eredità lasciata da secoli di pensiero ebraico e riflessioni religiose. Dubbiosi sulla loro necessità o capacità di riprodurre intatto un mondo che era stato spazzato via dalle brutali forze della rivoluzione, i sionisti laburisti trovarono comunque ispirazione e significato nelle realizzazioni culturali di grandi figure ebraiche di secoli precedenti o nei commenti etici nati da circostanze del tutto diverse. In definitiva, queste considerazioni trovavano significato non solo a Montreal o nella Diaspora, ma nell'espresso desiderio del popolo ebraico di stabilire una casa nazionale in Medio Oriente. Questa sarebbe stata una soluzione alle schiaccianti realtà della persecuzione nel contesto del razzismo e dell'antisemitismo europei.

Da questo punto di vista, la storia più completa e compiuta del movimento sionista di sinistra in Canada, a cui abbiamo già accennato in questo Capitolo, rimane lo studio pubblicato da Simon Belkin a Montreal nel 1956, intitolato Di Poale-Zion bavegung in Kanade (1904–1920). Pubblicato in occasione del cinquantesimo anniversario della fondazione del sionismo laburista in Canada, il libro di Belkin va ben oltre la descrizione dettagliata dei risultati dei suoi primi attivisti e dei suoi primi membri. Libro di 280 pagine, con una bibliografia in inglese e yiddish completata da un indice e più di 400 note a piè di pagina, l'opera di Belkin è un'opera accademica a sé stante, probabilmente il saggio più dotto e significativo mai pubblicato in Canada in yiddish. Egli stesso un giovane sionista laburista, Belkin arrivò a Montreal dalla sua nativa Ucraina nel 1911. Cercò chiaramente di documentare l'impronta di quasi due decenni di attivismo sociale e politico da parte dei giovani immigrati modellati sugli ideali del sionismo progressista. In campi diversi come la militanza politica, le società di mutuo soccorso, l'attivismo sindacale, la raccolta fondi sionista, le sale di lettura pubbliche, i movimenti giovanili, l'istruzione e la difesa a favore di Eretz-Israel, Di Poale-Zion bavegung in Kanade documenta le strategie impiegate dai membri del partito per ottenere un sostegno più ampio in tutte le regioni del Canada. Descrive anche la crescita delle istituzioni che avevano fondato e il loro scopo finale. Nello scrivere il suo studio, Belkin infine produsse una storia della popolazione ebraica canadese nei primi due decenni del ventesimo secolo, basata su documenti di valore intrinseco e numerose interviste con persone coinvolte all'epoca nel Poale Zion. Non sorprende che nella sua prefazione il presidente del comitato editoriale abbia scritto:

« Dos bukh vet dinen vi a kval far yeden yid, vos vil dergayen geshikhtlekhe klorkayt un lernen dem grunt fun yener shtoys kraft, vos hot bavoygn mentshn undermidlekh, tsu boyen oun shafn.[18] »

Troviamo lo stesso impulso a preservare la narrativa storica sionista di sinistra, ma in una vena più umoristica e giornalistica, nei due libri pubblicati da Israel Medres nel 1947 e nel 1964, rispettivamente intitolati Montreal fun nekhtn [Montreal di ieri] e Tsvishn tsvey velt milkhomes [Tra due guerre mondiali].[19] Reporter del Keneder Odler per la maggior parte della sua vita attiva, Medres era arrivato a Montreal nel 1910, al tempo della grande migrazione, e divenne un testimone oculare della creazione della rete organizzativa sionista laburista. Sebbene Medres scriva dal punto di vista della "gente comune" ed è incline a usare aneddoti per divertire i suoi lettori, le sue cronache trasmettono comunque un senso di osservazione quasi antropologico, completato da una comprensione acuta e innata del cambiamento sociale. Letti in retrospettiva, questi due libri forniscono diverse chiavi per un approccio professionale alla storia ebraica canadese, in particolare per quanto riguarda le origini culturali dei primi immigrati dell'Europa orientale, la presenza contrastante di diverse ideologie politiche tra i residenti ebrei di Montreal e la realtà della lotta di classe all'interno del settore dell'abbigliamento. Nei suoi libri, Medres fa emergere chiaramente le speranze e le aspirazioni della comunità ebraica nascente e i conflitti che esistevano tra alcune tradizioni religiose e i principali movimenti di mobilità sociale. Descrive abilmente il crescente stress emotivo di una comunità sotto pressione: circostanze specifiche come scioperi, spettacoli teatrali e incidenti antisemiti in Europa. Pubblicate più di un quarto di secolo dopo gli eventi reali, queste cronache portarono alla luce ricordi dimenticati tra coloro che all'epoca erano stati presenti a Montreal. Erano percepiti come materiale inestimabile per le generazioni future che avrebbero avuto bisogno di trovare fonti affidabili per documentare l'evoluzione storica della comunità ebraica di Montreal. Nella sua prefazione al libro di Medres del 1946, Jacob-Isaac Segal, già celebre poeta yiddish canadese, insiste su questo risultato forse inaspettato di un'opera concepita inizialmente come una serie di contributi giornalistici. Già si poteva leggere in queste righe una chiara preoccupazione di trasmettere la narrativa fondamentale della Montreal ebraica oltre i confini della comunità ebraica:

« These memoirs of Jewish Montreal are a vital piece of the heritage of the reader and of the author, journalist and feuilletonist I. Medres, a man who stands at the frenzied wheel of the printing press spinning out, day after day, fresh damp pages of living history which fall like leaves, one atop the other into heaps of valuable raw material lying in wait for historians of tomorrow.[20] »

Belkin e Medres non sono gli unici testimoni del primo periodo di immigrazione ad aver scritto nell'ottica di preservare preziose testimonianze storiche. Gli attivisti anarchici del primo Novecento ebbero un impulso simile per organizzare gli eventi del passato e descrivere condizioni sociali che non erano durate più di una generazione. In una serie di articoli pubblicati nel 1927-28 su Undzer Vort [la nostra parola], Hirsch Hershman, il fondatore della prima edicola e libreria "ebraica" a Montreal nel 1902, cerca di trasmettere ai suoi lettori un'idea di quanto velocemente la sindacalizzazione dell'industria dell'abbigliamento fosse progredita e sotto quale guida ideologica. Intitolata "Finf un tsvantsik yor Yidish arbiter bavegung in Montreal [Venticinque anni di attivismo operaio ebraico a Montreal]",[21] la cronaca in cinque parti di Hershman è un tentativo deliberato di scrivere una storia del movimento operaio della città, in un periodo in cui il sionismo di sinistra non era ancora al centro della scena e in cui non esistevano archivi della comunità ebraica in grado di registrare eventi importanti. Presumendo che il loro contenuto avrebbe illuminato un'epoca storica, gli articoli sottolineano momenti chiave nello sviluppo del commercio dell'abbigliamento e tentano di ripercorrere le origini di una coscienza operaia ebraica, almeno in una forma che non potrebbe essere trovata tra i lavoratori gentili.[22]

Lo stesso impulso si ritrova nelle memorie personali di Hershl Novak, pubblicate postume nel 1957 dall'Arbeter Ring Bildungs-Komitet [Comitato Educativo del Circolo dei Lavoratori] a New York con il titolo, Fun mayn yunge yorn [dagli anni della mia giovinezza].[23] Immigrato a Montreal nel 1909, Novak fu tra i fondatori originali della prima rete di scuole sioniste di sinistra in lingua yiddish apparse in città nel 1913-1914 (che ho già menzionato). Sebbene avesse ricevuto un'educazione chassidica in Polonia nel beys-medresh del Rabbi di Ger, Novak virò verso la sinistra radicale alla vigilia della sua partenza per il Canada e si reinventò come un "seguace" del nazionalismo della Diaspora, in particolare come espresso da Chaim Zhitlowsky. Quando si presentò l'occasione di fondare una scuola part-time a Montreal, in risposta all'appello proclamato al quinto congresso nordamericano del Poale Zion tenutosi a Montreal nell'ottobre 1910, Novak si unì immediatamente a un gruppo di giovani attivisti che vedevano nella lingua yiddish una alto veicolo per una rinascita culturale ebraica universale. Scritto quarant'anni dopo questi eventi iniziali da un individuo senza una formazione accademica formale, a parte l'apprendimento talmudico dei suoi primi anni, Fun mayn yunge yorn raggiunge comunque un alto grado di competenza nel trasmettere l'umore e gli obiettivi originali dei fondatori del Maylender Shule nel 1911 e la Peretz Shule nel 1913. In sostanza, la cronaca di Novak rimane oggi l'unica fonte più convincente e storicamente affidabile disponibile per comprendere il processo politico e culturale che porta all'emergere di una rete orientata a sinistra di scuole yiddish a Montreal, che trovò pochi equivalenti altrove in Nord America in città di medie dimensioni. Con ogni probabilità, negli ultimi anni della sua vita, Novak deve aver compreso l'importanza di preservare alcuni elementi di questo processo di costruzione di comunità a cui aveva assistito in prima persona, che stavano già scomparendo rapidamente alla fine degli anni Trenta con le nuove generazioni di ebrei nati in Canada. Il suo contributo come uno dei primi attivisti fu così cruciale che fu usato da Belkin nel suo saggio del 1956 come contributo essenziale alla creazione di una narrativa storica ebraica canadese.[24]

 
Copertina del libro yiddish per bambini Yingl Tsingl Khvat di Mani Leib (1918)

La stessa spinta alla conservazione storica ispirò Sholem Shtern a scrivere le sue memorie letterarie fino al 1982, con il titolo Shrayber vos ikh hob gekent. Memuarn un esayn [Scrittori che ho conosciuto. Memorie e saggi].[25] Sebbene Shtern provenisse dal movimento comunista di lingua yiddish più radicale legato allo Ykuf,[26] il suo saggio consiste in una serie di brevi descrizioni incentrate sulle frequenti visite fatte a Montreal, negli anni Trenta e Quaranta, da scrittori yiddish di New York di tendenza sinistroide. Venendo in città per vari motivi, alcuni personali, altri istituzionali, queste figure famose spesso partecipavano alla vita artistica yiddish della città, producendo opere di arricchimento culturale. Poeti come Zishe Weinper, Mani Leib, Moshe-Leib Halpern, Fishl Bimko e Joseph Rolnick così migliorarono la portata e la qualità della vita ebraica a Montreal, trasmettendo allo stesso tempo un messaggio politico. Le descrizioni di Shtern mettono in evidenza la portata di questi contributi, l'importanza della creatività yiddish e la situazione particolare di Montreal nella rete della Diaspora delle comunità di lingua yiddish in tutto il mondo. L'autore ribadisce l'importanza fondamentale di preservare, sia pure in un contesto laico e talvolta rivoluzionario, l'eredità ebraica delle generazioni passate, compresi gli insegnamenti etici del periodo biblico e talmudico:

« As socialists we were convinced that the difficult struggle undertaken by the communist party would bring happiness to all mankind. At the same time, we belonged to a minority inside the Jewish progressive movement. We felt in communion with traditional Judaism and with the originality of its cultural productions ... Certainly we were socialists, but Jewish Socialists. »
(Sholem Shtern, Shrayber)

Shtern era più preoccupato per l'ideologia e l'attivismo politico nelle sue memorie, sebbene la sua narrativa rimanga forse la descrizione più completa dell'ambiente letterario di lingua yiddish di Montreal nel periodo tra le due guerre, in un'epoca in cui scrittori e artisti ebrei stavano ancora immigrando nella città dall'Europa orientale. Shtern non fu l'unico autore interessato a preservare le tracce della letteratura yiddish, come emerse dopo la Prima guerra mondiale, nelle lande ghiacciate del clima canadese. In una data molto precedente e in circostanze molto più difficili, H. M. Caiserman, l'allora segretario generale del Canadian Jewish Congress, aveva già compilato un'antologia di poesie ebraiche nel paese scritta in yiddish e in inglese. Pubblicato privatamente nel 1934, con il titolo Yidishe dikhter in Kanade [Poeti ebrei in Canada],[27] il libro di Caiserman conteneva le opere di quarantatré poeti, quattordici dei quali erano stati scritti in inglese, ed esaminava la diffusione di quattro riviste letterarie yiddish apparse a Montreal e Toronto. L'antologia di Caiserman, concepita come testimonianza dell'emergere di un movimento letterario ebraico in Canada, offriva una prospettiva storica su un fenomeno appena ventenne. Cercava inoltre di offrire linee guida per uno studio futuro degli scritti ebraici nel paese preservando testi che erano stati pubblicati su periodici di breve durata o sepolti nelle pagine della stampa quotidiana yiddish dell'epoca. Quasi cinquant'anni dopo, un motivo simile guidò Haim-Leib Fuks quando iniziò a raccogliere le biografie e le bibliografie di tutti gli scrittori, poeti, giornalisti, traduttori e pedagoghi yiddish che avevano scritto in yiddish o in ebraico in Canada durante il XX secolo. Pubblicato nel 1980 con il titolo Hundert yor Yidishe un Hebreyshe literatur in Kanade [Cento anni di letteratura yiddish ed ebraica in Canada],[28] il dizionario biografico di Fuks contiene informazioni dettagliate su 429 scrittori ebrei canadesi, spesso inclusa la valutazione critica della loro opera da parte di rinomati commentatori della stampa yiddish. Complessivamente, più di mille libri sono citati nel suo dizionario biografico, libri pubblicati in diversi continenti da autori canadesi nel corso della loro carriera. Per Fuks, che era emigrato in Canada all'inizio degli anni '70, questo fu il coronamento di una lunga carriera nell'ambito della bibliografia ebraica e sua ultima grande opera. Nonostante le sue omissioni ed errori, il suo dizionario rimane l'unica fonte di informazioni disponibile su alcuni autori meno noti e contiene rare informazioni affidabili su periodi storici precedenti.

Molti elementi preziosi possono essere ottenuti da uno studio approfondito delle fonti linguistiche yiddish in Canada. Non c'è dubbio che i tentativi deliberati di stabilire la documentazione storica del movimento migratorio del 1905-1914 e il suo significativo contributo alla storia degli ebrei canadesi erano già in atto ben prima che la memoria di quel decennio iniziasse a svanire. Chiaramente, come può attestare lo storico contemporaneo, gli attivisti della grande migrazione avevano l'obiettivo principale di trasmettere la loro visione del mondo come un'eredità significativa per le generazioni successive, soprattutto in termini di ciò che avrebbe significato per la futura mobilitazione sionista e il mantenimento di una progressiva prospettiva sociale all'interno della comunità. Agli occhi di coloro che erano arrivati ​​in Canada all'indomani dell'insurrezione russa del 1905, la loro era un'esperienza completamente nuova, sia culturalmente che politicamente, che si svolgeva in una parte del continente che era rimasta priva di qualsiasi contributo ebraico su larga scala. Non solo queste nozioni di cultura ebraica erano storicamente nuove, ma spiegavano in gran parte come si era evoluta la rete istituzionale di Montreal prima del 1945 e come avesse raggiunto una statura così ampia. Chiaramente ci fu un tentativo manifesto di creare per la prima volta un'identità ebraica canadese e di Montreal.

È pur vero che i modernisti e i laici di lingua yiddish non erano l'unica voce in quei primi anni nella città. La loro narrativa dovette competere nella prima metà del ventesimo secolo con le interpretazioni religiose ortodosse tradizionali dell'Europa orientale e con un discorso liberale nordamericano espresso in lingua inglese. Dopo la Seconda guerra mondiale, a Montreal emersero nuove interpretazioni della storia ebraica moderna che aggiunsero più livelli alla questione di un'identità ebraica nella città. I Sefardim nordafricani portarono una narrativa in lingua francese radicata in un flusso culturale diverso, mentre anche i gruppi chassidici di lingua yiddish di recente costituzione stavano facendo i conti con la complessa realtà di Montreal. Infine, una narrativa in yiddish post-Olocausto, sviluppatasi dopo il 1948, seguì l'arrivo dei sopravvissuti dei grandi centri culturali dell'Europa orientale.[29] Per molti versi, la distruzione nell'Olocausto delle più importanti fonti della lingua yiddish segnò la fine delle speranze sollevate durante l'insurrezione del 1905. Mai più immigrati di lingua yiddish sarebbero venuti in gran numero nel continente nordamericano. Il graduale abbandono della lingua a Montreal da parte delle generazioni del dopoguerra nate dai membri della migrazione del 1905-1914 e il processo di adattamento sperimentato dagli ebrei laici in un Canada ufficialmente bilingue, alla fine portarono nuove influenze su un'identità ebraica a confronto con le realtà del ventunesimo secolo. Tuttavia, è innegabile che la narrativa sionista laburista laica e radicalmente moderna, come appariva un secolo fa, è un passo necessario nella nostra comprensione storica della comunità di Montreal e uno dei motivi per cui la città rimane il locus di uno dei centri ebraici più vivaci del Nord America.

GALLERIA YIDDISHModifica

Esempi linguisticiModifica

Di seguito un breve esempio in (EN) della lingua yiddish con il tedesco standard in confronto:

Articolo 1 della Universal Declaration of Human Rights
Lingua Testo
Inglese All human beings are born free and equal in dignity and rights. They are endowed with reason and conscience and should act towards one another in a spirit of brotherhood.
Yiddish
יעדער מענטש װערט געבױרן פֿרײַ און גלײַך אין כּבֿוד און רעכט. יעדער װערט באַשאָנקן מיט פֿאַרשטאַנד און געװיסן; יעדער זאָל זיך פֿירן מיט אַ צװײטן אין אַ געמיט פֿון ברודערשאַפֿט.
Yiddish (transliteration) Yeder mentsh vert geboyrn fray un glaykh in koved un rekht. Yeder vert bashonkn mit farshtand un gevisn; yeder zol zikh firn mit a tsveytn in a gemit fun brudershaft.
Tedesco Alle Menschen sind frei und gleich an Würde und Rechten geboren. Sie sind mit Vernunft und Gewissen begabt und sollen einander im Geist der Brüderlichkeit begegnen.
Tedesco (traduzione delle parole yiddish) Jeder Mensch wird geboren frei und gleich in Würde und Recht. Jeder wird beschenkt mit Verstand und Gewissen; jeder soll sich führen mit einem Zweiten in einem Gemüt von Brüderschaft.
 
Un Machzor, libro ebraico di preghiere
Una frase yiddish traslitterata e tradotta
Yiddish גוּט טַק אִים בְּטַגְֿא שְ וַיר דִּיש מַחֲזוֹר אִין בֵּיתֿ הַכְּנֶסֶתֿ טְרַגְֿא
traslitterata gut tak im betage se vaer dis makhazor in beis hakneses trage
Tradotta Che sia un buon giorno per colui che porta questo libro di preghiere (machzor) in sinagoga.
 
Il compositore yiddish David Meyerowitz, su copertina di un suo album (1917)
 
Cartolina d'auguri per Rosh Hashanah, Montevideo, 1932. L'iscrizione include testo in ebraico (לשנה טובה תכתבו—LeShoyno Toyvo Tikoseyvu) e yiddish (מאנטעווידעא—Montevideo)

NoteModifica

  Per approfondire, vedi Serie delle interpretazioni e Serie misticismo ebraico.
  1. Gerald Tulchinsky, Canada’s Jews, a People’s Journey (Toronto: University of Toronto Press, 2008).
  2. Louis Rosenberg, Canada’s Jews: A Social and Economic Study of the Jews in Canada (Montreal: Bureau of Social and Economic Research, Canadian Jewish Congress, 1939), 150, tabella 101.
  3. Jonathan Frankel, Prophecy and Politics: Socialism, Nationalism, and the Russian Jews, 1862–1917 (New York: Cambridge University Press, 1981).
  4. Paul Kriwaczek, Yiddish Civilisation. The Rise and Fall of a Forgotten Nation, Weidenfeld & Nicolson, Londra, 2005.
  5. Michael Wex, Born to Kvetch. Yiddish Language and Culture in All of Its Moods, St. Martin's Press, New York, 2005.
  6. David Roskies, "Yiddish in Montreal: The Utopian Experiment", in An Everyday Miracle: Yiddish Culture in Montreal, curr. Ira Robinson, Pierre Anctil, e Mervin Butovsky (Montreal: Véhicule Press, 1990), 22–38.
  7. Ira Robinson, Rabbis and their Community: Studies in the Eastern European Orthodox Rabbinate in Montreal (Calgary: University of Calgary Press, 2007), 166.
  8. Simon Belkin, Di Poale-Zion bavegung in Kanade, 1904–1920 [The Labor-Zionist movement in Canada, 1904–1920] (Montreal: Aktsyon Komitet fun der Tsyonistisher Arbeter bavegung in Kanade, 1956), 21.
  9. Stefani Hoffman e Ezra Mendelsohn, The Revolution of 1905 and Russia’s Jews (Philadelphia: University of Philadelphia Press, 2008), 320; Jonathan Frankel, Crisis, Revolution and Russian Jews (New York: Cambridge University Press, 2009), 324.
  10. Simon Belkin, Di Poale-Zion, 35 [trad. dell'autore].
  11. La prima scuola apparve in un quartiere chiamato Mile End, che allora era un lontano sobborgo della città, da cui il nome Maylender Shule.
  12. "La scuola nazionale radicale insegnerà le lingue e letterature yiddish ed ebraico, la storia ebraica, le canzoni e tutto ciò che ha un valore nazionale per il popolo ebraico", Simon Belkin, Di Poale-Zion, 203.
  13. Ibid., 204.
  14. Ibid., 219.
  15. "The most important subjects in class are Jewish history and literature [Le materie più importanti in classe sono la storia e la letteratura ebraiche]", Simon Belkin, Di Poale-Zion, 215.
  16. "This is why the Jewish Public Library has as an objective to make it fully possible for each and everyone to have access to the cultural treasures of our people and other peoples. The pride of our popular library resides in that it has been created by the people and for the people, and that it has no other goal but to disseminate knowledge and science among the people", Ershter yerlikher barikht fun der Yidisher Folks Biblyotek un Folks Universitet ["Primo rapporto annuale della Biblioteca Pubblica Ebraica e della Folk University"], 7 maggio 1914.
  17. David G. Roskies, Yiddishlands: A Memoir (Detroit: Wayne State University Press, 2008), 119. Il riferimento è chiaramente alle Scuole Peretz e Folk, entrambe fondate a Montreal da attivisti sionisti di sinistra poco prima della Prima guerra mondiale.
  18. "This book will inspire every Jew, who will find in it a source of truth and clarity in terms of historical narrative. It will also be possible for each Jew to find in it basic knowledge on the untiring effort that lead our members to build and create", Belkin, Di Poale-Zion, 1.
  19. Israel Medres, Montreal fun nekhtn (Montreal: Keneder Adler Drukeray, 1947), 176; Tsvishn tvey velt milkhomes (Montreal: Keneder Adler Drukeray, 1964), 144.
  20. Israel Medres, Montreal of Yesterday: Jewish Life in Montreal 1900–1929, trad. (EN) Vivian Felsen (Montreal: Véhicule Press, 2000), 9.
  21. Hirsch Hershman, in Unzer Vort, Montreal, 23 dicembre 1927–2 marzo 1928, trad. (FR) col titolo: "À l’occasion des vingt-cinq ans du mouvement ouvrier juif à Montréal", in Bulletin du Regroupement des chercheurs en histoire des travailleurs du Québec 26, n. 1 (Printemps 2000): 42–60.
  22. All'epoca questo significava spesso lavoratori di origine franco-canadese.
  23. Hershl Novak, Fun mayn yunge yorn (New York: Arbeter Ring Bildungs-Komitet, 1957), 227.
  24. Simon Belkin, Di Poale-Zion, 196–197.
  25. Sholem Shtern, Shrayber vos ikh hob gekent. Memuarn un esayn (Montreal: autopubblicato, 1982), 347.
  26. Der Yidisher Kultur Farband [l'associazione culturale ebraica] fu fondata a Parigi nel 1937.
  27. Hannaniah Meir Caiserman, Yidishe dikhter in Kanade (Montreal: Farlag Nyuansn, 1934), 221.
  28. Haim Leib Fuks, Hundert yor Yidishe un Hebreyshe literatur in Kanade (Montreal: 1980), 326.
  29. Si veda anche il mio wikilibro Interpretazione e scrittura dell'Olocausto.