Ecco l'uomo/In pubblico

Indice del libro
Gesù e discepoli al lago di Genesaret, olio di Carl Oesterley, 1833

Gesù e il suo ministero pubblicoModifica

Basandoci sull'unica data chiaramente indicata nei Vangeli, l'apparizione in pubblico di Giovanni il Battista (יוחנן המטביל‎), è del tutto ragionevole, secondo il biblista Anton Vögtle, presumere che Gesù abbia svolto un ministero pubblico di circa due anni, ipotesi consistente con la probabile data della sua morte durante la Pesach del 30 e.v.[1] Secondo Luca 3:1 e 3:23, Gesù aveva circa trent'anni quando iniziò il suo ministero in pubblico: "Nell'anno quindicesimo del regno di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea." Negli anni venti del primo secolo e.v., Gesù appartenne brevemente al circolo di Giovanni il Battista, che era emerso come profeta ascetico in Perea, regione della Transgiordania vicino al Mar Morto, e che esortava al pentimento alla luce dell'imminente venuta del Signore e dell'Giudizio Finale. "Qui Giovanni offriva il perdono dei peccati in forma rituale — indipendentemente dalle possibilità del tempio nell'offire espiazione. Questo era quindi un voto di sfiducia nell'istituzione religiosa centrale dell'ebraismo, che era diventata inefficace."[2] Secondo Luca 1:5, Giovanni era il figlio del sacerdote Zaccaria, della classe sacerdotale Abijah, e di Elisabetta, della famiglia di Aronne.

Il battesimo di Gesù nel fiume Giordano è conforme con la pratica standard del tevilah (טְבִילָה‎), l'immersione completa del corpo per la purificazione rituale. L'incontro con Giovanni segna una svolta decisiva. Gesù ritornò in Galilea per seguire la propria vocazione e nella primavera del 28 o 29 e.v. iniziò la sua opera come predicatore carismatico itinerante. Risiedette a Cafarnao, sull'estremità nordorientale del Lago Gennesaret [Mar di Galilea] dove la sua sfera d'influenza includeva l'area ebraica a nord e a est del lago. In quel tempo la Galilea era considerata una regione rivoltosa. La popolazione ebrea locale era isolata dal centro religioso in Giudea ed era minacciata dall'influenza pagana. Cafarnao era proprio al confine tra i territori di Erode Antipa e di Filippo.

Gesù apparentemente non riscontrò molto supporto a Cafarnao. Da lì si spostò nell'area circostante insieme ai suoi primi compagni, Shimon (שמעון, "colui che ascolta", traslitterato in greco come Σίμων), Andrea (in lingua greca: Ἀνδρέας; non si conosce il suo nome ebraico/aramaico), Levi (לֵוִי) e Maria Maddalena (in ebraico: מרים המגדלית‎?, in greco: Μαρία ἡ Μαγδαληνή, Maria hē Magdalēnē) . Ordinò ai suoi discepoli di abbandonare genitori, figli e le loro attività quotidiane ordinarie e di seguirlo: "Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo" (Luca {{passo biblico|Lc|14:26). L'evangelista Giovanni scrive di tre anni in cui Gesù apparve in pubblico, mentre i tre evangelisti sinottici menzionano solo un anno e anche solo un viaggio a Gerusalemme. I suoi itinerari specifici non possono essere ricostruiti in maniera definitiva. Effettivamente, molte località elencate nei Vangeli furono aggiunte successive e riflettevano l'espansione della cristianità al tempo delle revisioni redazionali.

NoteModifica

  Per approfondire, vedi Biografie cristologiche.
  1. Anton Vögtle, "Jesus Christus nach den geschichtlichen Quellen", in Lexikon für Theologie und Kirche, cur. Josef Höfer e Karl Rahner, II ediz., Vol. 5, col. 922 segg., Herder, 1986.
  2. Theissen e Merz, Historical Jesus, cit., 569.