Antologia ebraica/Genitori e Figli

Padre e figlio in preghiera (dipinto di Antoni Kozakiewicz, 1841–1929)

(IT)
« Nelle facciate che mettiamo su per gli altri dimostriamo il nostro potenziale; tramite i nostri figli riveliamo la nostra realtà. »

(He)
« בכל החזיתות שאנו מטילים על אחרים אנחנו מדגימים את הפוטנציאל שלנו, דרך הילדים שלנו אנחנו מגלים את המציאות שלנו. לורנס קלמן, כדי ללבות עמ 'נשמה »
(Lawrence Kelemen, To Kindle A Soul, p. 195)

L'istruzione dei figliModifica

Zevi Hirsh Kaidanower

  Questa sezione è ancora vuota; aiutaci a scriverla!

Il viaggio: una parabola per bambini da raccontarsi nei Giorni dell'EspiazioneModifica

Jacob ben Wolf Kranz

Lituania-Volinia, XVIII secolo

DA OHEL YAAKOB

E anche a voi, bambini santi, a voi, cari bambini, racconterò una parabola che vi farà conoscere e capire quanto grande sia il vostro dovere di sforzarvi e rafforzare le vostre anime, cosicché possiate esprimere il vostro spirito al Santo Re, che sia benedetto, nei Giorni dell'Espiazione (Yom Kippur), i giorni che stanno per arrivarci incontro nella pace.
Questa è una parabola di un padre che andò in viaggio col suo figlio piccoletto. E la seguente era la maniera in cui viaggiavano: ogniqualvolta arrivavano in un luogo che era stretto, o difficile da attraversare, come un fiume, o una montagna, o una collina, il padre sollevava il figlioletto sulle sue spalle e attraversava tale luogo arduo e difficile con lui. Una volta arrivarono ad una città circondata da mura ed il giorno stava lasciando il posto alla sera. Le porte erano chiuse e c'erano solo strette finestre ai lati delle mura. Allora il padre disse al figl io: "Tu sai, figlio mio, che finora ti ho risparmiato molta fatica, che ti ho sollevato sulle mie spalle e ti ho preso in braccio. Ma ora – tu lo puoi vedere coi tuoi occhi – non c'è modo di entrare in questa città, e non ci è permesso di passare le porte, a meno che tu, figlio mio, cerchi di arrampicarti nei buchi e passare dalle finestre del muro e aprire le porte per me da dentro."
[...]

Onora i genitoriModifica

"Onora tuo padre e tua madre, che i tuoi giorni possano essere lunghi nella terra che il Signore tuo Dio ti ha dato."

"Rispetti ciascuno sua madre e suo padre, e osservate i Miei shabbat. Io sono il Signore vostro Dio."[1]

Il precetto di onorare i propri genitoriModifica

Joseph Karo

  Questa sezione è ancora vuota; aiutaci a scriverla!

La missione della donnaModifica

Yonah ben Abraham Gerondi

  Questa sezione è ancora vuota; aiutaci a scriverla!

NoteModifica

  1. Levitico 19:3.