Napoletano/Pronomi

Indice del libro

Pronomi personaliModifica

Pronomi personali soggettoModifica

I pronomi personali soggetto sono pronomi che sostituiscono e indicano la persona che compie un'azione.

Napoletano Italiano
io (talvolta abbreviato in i') / je io
tu tu
isso egli / lui
essa ella / lei
nuie, nuje noi
vuie, vuje voi
llòro essi/loro

Pronomi personali complementiModifica

ÀtoniModifica

I pronomi atoni non hanno un accento tónico e la vocale finale non è pronunciata (schwa).

Napoletano Italiano
me me/mi
te te/ti
se/ce/nce a ciò/a lui/a lei
lle a lui/a lei
l' lo/la compl. ogg.
ne di ciò/da lì
ce/nce di noi/a noi
ve voi/a voi
lle/le a loro

I pronomi átoni sono usati prima del verbo. Appaiono invece dopo il verbo, ma uniti ad esso, nei modi imperativo, infinito, participio passato e gerundio.

Esempi:

  • Nce steva na vota (c'era una volta)
  • Jescetene! (esci da lì)

ToniciModifica

I pronomi tonici hanno un accento tónico e la vocale finale viene pronunciata.

Napoletano Italiano
mé, mme me
té, tte te
éssa lei
isso lui
'o, lo, lu lui/ciò
'a, la lei
nuie, nuje noi
vuie, vuje voi
lloro loro
'e li/le

I pronomi tonici sono usati prima o dopo il verbo e possono essere preceduti da una preposizione.

Esempi:

  • 'O vveco lloco (lo vedo là in fondo)
  • 'E ssaccio (li/le conosco)

Pronomi riflessiviModifica

Napoletano Italiano
me me stesso
te te stesso
se esso/a stesso/a
ce noi stessi
ve voi stessi
se essi stessi

I pronomi riflessivi vengono usati prima del verbo.

Esempi:

  • I' me lavo (Io mi lavo)
  • Nuje ce capimmo (Noi ci capiamo)

Pronomi determinativiModifica

Napoletano Italiano
Singolare 'o stesso, 'a stessa lo stesso, la stessa
Plurale 'e stesse le stesse

Esempio:

  • Fratemo s'ha accattato 'na machina e i' voglio 'a stessa. (Mio fratello si è comprato una macchina e io voglio la stessa.)

Pronomi comitativiModifica

Napoletano Italiano
cummico con me
cuttico con te

Pronomi relativiModifica

I pronomi relativi mantengono in relazione relativa un nome o pronome precedentemente nominato.

  • ca, che si usa avanti a parola iniziante con consonante
  • ch' si usa dinanzi a parole che iniziano con vocale e oppure i
  • c' si usa dinanzi a parole che iniziano con vocale a, o oppure u

Esempio:

  • 'A segnora ca venette - 'A segnora che benette (La signora che venne)
  • 'A segnora ch'è vvenuta (La signora che è venuta)
  • Ma che haje fatto, che hê cumbinato ? (Cosa hai fatto? Cosa hai combinato?)
  • 'O tuosto p'addó s'ammarcia (La carreggiata dove si cammina)

Pronomi dimostrativiModifica

Napoletano Italiano
Neutri singolari chesto questo
Neutri plurali chesti questi
Maschili singolari chisto, chillo questo, quello
'o ciò
Maschili plurali chiste, chille (chisti, chilli) questi, quelli
'e -
Femminili singolari chesta, chella questa, quella
'a -
Femminili plurali cheste, chelle (chesti, chelli) queste, quelle
'e -


Per quanto riguarda il dimostrativo con valore neutro e singolare il napoletano ricorre al singolare chesto oppure alla particella ce (a ciò). La particella 'o viene usata anche nel caso neutro e impone il raddoppio della consonante del verbo che segue.
Esempi:

  • Chesto te piace (questo ti piace)
  • 'E chesto nun me ne fotte, nu' mme 'mporta (di questo, di ciò non m'importa)
  • Nun ce pozzo penzà (non ci posso pensare/credere)
  • Nossegnore, nce vole jodizio pe' scrivere 'e 'sti ccose. Zoè nce vo' bona crianza e pratteca assaje. (Nossignore, ci vuole giudizio per scrivere di queste cose, di questi argomenti. Cioè ci vuole buona creanza e tanta pratica.)
  • Nun me dicere ca nun 'o ccapisco (Non mi dire che non capisco ciò)
  • Chella guagliona tene 'a sguezia. Mammeta 'a tene pure. (Quella ragazza ha il mento allungato. Anche tua madre lo tiene.)