Filosofia dell'amicizia

FILOSOFIA DELL'AMICIZIA
Il linguaggio dell’amicizia non è parole ma significati.
Raffaello: autoritratto con un amico, 1518

« Non posso darti soluzioni per tutti i problemi della vita,
Non ho risposte per i tuoi dubbi o timori,
Però posso ascoltarli e dividerli con te. »
(Jorge Luis Borges, L’amicizia)

IndiceModifica

CopertinaFilosofia dell'amicizia/Copertina

Bibliografia sceltaFilosofia dell'amicizia/Bibliografia

PremessaModifica

L'amicizia è una relazione distintamente personale fondata sull'interesse da parte di un dato amico per il benessere dell'altro, per affetto verso l'altro, e che comporta un certo grado di intimità. In quanto tale, l'amicizia è senza dubbio al centro della nostra vita, in parte perché il particolare interesse che nutriamo per i nostri amici deve avere un posto in una più ampia serie di interessi, compresi gli interesse morali, e in parte perché i nostri amici possono aiutare a plasmare chi siamo come persone. Data questa centralità, sorgono importanti questioni relative alla giustificazione dell'amicizia e, in questo contesto, se è lecito "far scambi" quando si prospettano nuove conoscenze, nonché relative alla possibilità di conciliare le esigenze dell'amicizia con le esigenze della moralità nei casi in cui i due sembrano essere in conflitto.

  Serie dei sentimenti  
Libri nella serie: Filosofia dell'amore  •  Emozioni e percezioni  •  Bellezza naturale  •  Noia e attività solitarie  •  Ragionamento sull'assurdo  •  Filosofia dell'amicizia
Bibliografie & Glossari: 1  •  2  •  3  •  4  •  5  •  6