Insubre/Conversazione

Fraseologia dei salutiModifica

  • ciao = s'ciao
  • ciao, salve (nel congedarsi) = (te) saludi
  • buongiorno = bon dì
  • arrivederci (informale) = se vedom
  • arrivederci (formale) = a rivedess
  • oh! (stupore) = ohé!
  • eccoti qua! = tell chì!
  • buonasera = bona sira
  • buonanotte = bona nott (originario, bona nocc)
  • come va? = come la vàla?
  • bene, nella norma (umile e speranzoso) = tirom innanz (da non confondere con il proverbiale imperativo tiremm innanz!)
  • bene, benissimo = ben, benon
  • ossequi = riverissi (specialmente nella forma riverissi, scior ...)

Prima situazione: In trenoModifica

  • treno = tren, treno
  • è libero questo posto? = l'è/èll liber quell sitt chì?
  • sì/no = o /
  • posso aprire il finestrino? = a pòdi dervì el finestroeu?
  • chiudere la porta = serà la pòrta
  • dove siamo? = indo(v)è che sèmm?
  • siamo in ritardo = sèmm in ritard
  • c'è un vagone ristorante? = gh'è ona caròzza de disnà?
  • le dispiace se fumo? = ghe dà fastidi se fumi?
  • dove sono i servizi? = indo(v)è che l'è el bagn/gabinett?, indo(v)èll el bagn/gabinett?, el sà indo(v)è che l'è el gabinett?
  • per favore = per piasè
  • ecco il controllore = tell chì el controlor
  • biglietti prego! = scià i bi(g)liètt
  • eccoli! = (tij) chì!, èco (italianismo)
  • quanto costano = 'se costen?, 'se vegn?
  • quanto tempo si ferma a Vimercate? = quant'è che el stà fèrmo a Vimercaa?

Seconda situazione: Al lavoroModifica

Angiolin: Bondì a tucc!

Tullia: Bondì, Angiolin!
Ghita: Bondì! Come la và incoeu?
Angiolin: Ah, benon! E viòlter? Tutt a post?
Ghita: Mah, disemm de sì, va là... Anch se incoeu gh'è ona fila de robb de mett in pista. D'òltra part l'è venerdì... l'è semper inscì! Mah... La sarà ona giornada minga de rid.
Angiolin: S'hemm de fagh? Inveci, parlando di robb bej, vist che gh'è i collega che và in pension, ho pensaa de organizzà ona mangiada tucc insemm. 'Se 'n disov?

Angelo: Buongiorno a tutti!

Tullia: Buongiorno, Angelo!
Margherita: Buongiorno! Come va oggi?
Angelo: Bene, bene. E voi? Come state?
Margherita: Abbastanza, anche se oggi ci sono un sacco di cose da fare. Oggi è venerdì e dobbiamo chiudere la settimana. Sarà una giornata dura.
Angelo: Sì, lo so. Comunque la prossima settima abbiamo organizzato una cena per salutare i colleghi che vanno in pensione. Andremo a mangiare in un ristorante tutti insieme. Che ne pensate?

Tullia: No, va ben! Ma quand è?

Angiolin: Mì pensavi venerdì quest che vegn; perché poeu quij trii là lunedì dopo hinn a cà.
Tullia: Orca! Me dispias, però mì ghe sont proppi nò settimana che vegn... Sont gianmò in feri. Per quest che j'ho saludaa jer. Ohé, me sarìa piasuu...
Angiolin: Oh, fà nagott. Te pensaremm!!! E tì, Ghita? Te set libera quel venerdì lì?

Tullia: Sì, ma quando?

Angelo: Mah, abbiamo pensato per il prossimo venerdì. Loro andranno in pensione dal lunedì successivo e così...
Tullia: Oh, scusa Angelo io non posso, mi dispiace. La prossima settimana non ci sarò: andrò in ferie! Ma in realtà ho già salutato i colleghi. Li ho già incontrati tutti in questi giorni e perciò li ho salutati.
Angelo: Oh, va bene. Ti penseremo!!! E tu, Margherita, sei libera quel venerdì?

Terza situazione: Una confidenzaModifica

Togn: S’ciao Carloeu, come la vàla?
Carloeu: Và ben. Domà che sont on poo stracch.
Antonio: Ciao Carlo, come va?
Carlo: Bene. Sono solo un po’ stanco.
Togn: Vèdi! Te gh’ét ona faccia stravolta! Gh’è quejcoss che và nò?
Carloeu: Adess nò, stoo ben, l’è stanòcc che ho minga dormii tutta nòcc.
Antonio: Si vede! Hai una faccia scura! C’è qualcosa che non va?
Carlo: Adesso sto bene, ma stanotte non ho dormito per nulla.
Togn: Ah, ah, ‘se t’he faa? Indovè che te sée naa?
Carloeu: Sc’… parla pian, per piasè. Ho faa nagotta. Sont minga andaa foeura. Hoo minga dormii perché hoo pensaa tutta nòcc.
Antonio: Ah ah!, che cosa hai combinato? Sei uscito ieri sera?
Carlo: Ssst, parla piano, per favore. Non ho fatto niente di speciale. E non sono uscito, ieri sera. È perché ho pensato tutta notte che non ho dormito.
Togn: A cos’è?
Carloeu: Eh… Finalment hoo ciappaa ona decision.
Antonio: A che cosa?
Carlo: Ho pensato tanto ma alla fine ho deciso cosa fare.
Togn: De coss’è?
Carloeu: Voo a viv a Milan!
Antonio: Che cosa?
Carlo: Ho deciso di trasferirmi a Milano.