Insubre/Aggettivo e suoi gradi

L'aggettivo può precedere o seguire il sostantivo cui si riferisce, con cui si concorda in genere e numero. Solitamente lo precede quando ha funzione non restrittiva e lo segue quando ha funzione restrittiva. In parole povere, generalmente si mette dopo quando si risponde alla domanda "Quale?" o "Di quali?". Ad esempio: la veggia cà <> la cà veggia (la cà; "Quale?"; quella veggia); ona veggia cà <> ona cà veggia (ona cà; "Di quali?"; de quij vegg). In quest'ultimo caso (cioè quando si tratta di restrittiva con articolo indeterminativo) si può proprio sostituire, per creare più enfasi, con ona cà de quij vegg; anche al plurale di cà de quij vegg.


Comparativo d'uguaglianza

  • I. tra sostantivi
    • - (aggettivo in comune) come - (secondo elemento del paragone)
    • - compagn de/che -
    • - né pù né men de/che -
    • - istess de/che -
    • - tanto quanto -
    • tanto - che -
  • II. tra aggettivi
    • - (primo aggettivo) quanto - (secondo aggettivo)
    • tanto - quanto -


Comparativo di maggioranza

  • I. tra sostantivi
    • pussee - de -
    • - pussee de/che -
    • -(in forma comparativa latina) de -
  • II. tra aggettivi
    • pussee - che -
    • - pussee che -


Comparativo di minoranza

  • I. tra sostantivi
    • - men de -
    • men - de/che -
    • minga/nò inscì - come tì
  • II. tra aggettivi
    • men - che -


Superlativo assoluto

    • con suffisso -ìssim
    • con avverbi pròppi - (invar.), tròpp - (concord.), tant(o) - (invar./concord.), bèll - (concord.)
    • con raddoppio - -
    • di derivazione latina
    • con aggiunta di altro aggettivo sinonimo enfatico
    • con raddoppio e falso participio - -ént
    • con similitutini


Superlativo relativo

    • el pussee - (de la famiglia, tra tucc, che ghe sia)