Noia e attività solitarie/Parte V

Indice del libro
"Guitar Solo", foto di Rodrigo Paredes, Buenos Aires (2011)

Attività solitarie imparzialmente beneficheModifica

È di primaria importanza comprendere il senso in cui queste attività solitarie sono imparziali e il senso in cui non lo sono. Non sono imparziali nel senso che lo sono le attività indipendenti dagli agenti. La ragione di ciò è che l'agente è di natura sensibile alle credenze riguardo all'identità dell'agente dell'attività. Cioè, se ti impegni in un'attività di questo tipo, sei sensibile al fatto che sei tu e non qualcun altro a farla, ma sei tendenzialmente indifferente riguardo alle credenze relative all'identità del beneficiario indipendente dell'attività, purché il beneficiario rientri in una certa descrizione. È in quest'ultimo senso che tali attività sono imparziali. Alcune persone, ad esempio, si dilettano nell'aiutare altre persone bisognose oltre a pensare che tale assistenza sia obbligatoria. Madre Teresa sembrava essere un ottimo esempio. Fondamentale per la sua disposizione verso coloro che serviva era la convinzione che fossero bisognosi. La convinzione che una persona fosse significativamente bisognosa sembrava sufficiente per evocare la sua dedizione, soggetta solo alle limitazioni di tempo ed energia. Tuttavia, l'atteggiamento di Madre Teresa sembrava essere che non solo fosse importante che i bisognosi ricevessero aiuto, ma che fosse lei a svolgere un ruolo importante nell'aiutarli.[1]

Quando tali attività sono veramente imparziali, l'affetto personale non ha alcun ruolo nel loro valore per l'agente. Il mio punto qui non è che Madre Teresa non avesse affetto personale per coloro che aiutava. Piuttosto, nella misura in cui apprezzava le persone bisognose di aiuto e valutava le sue attività a tale riguardo, l'affetto personale era un fattore esterno. Nella misura in cui l'affetto personale non era un fattore esterno, le sue attività assistenziali per conto dei bisognosi erano personalmente benefiche piuttosto che imparzialmente benefiche. Questo perché l'affetto personale per un altro porta con sé sensibilità all'identità dell'oggetto dell'affetto. Pertanto le attività unilaterali di affetto non rientrano tra le attività imparzialmente benefiche. Ci rimangono, quindi, attività di benessere imparzialmente benefiche e attività imparziali di stima di tipo unilaterale.

Per molte persone le attività imparziali di benessere fanno parte della loro professione o del lavoro di una vita, che apprezzano intrinsecamente. Assistenti sociali, insegnanti, avvocati, medici e simili sono tutte persone dedicate che trovano valore intrinseco nell'aiutare gli altri che sono in un certo senso bisognosi. Ci sono, naturalmente, coloro che entrano in queste professioni solo per i premi esterni ad esse associati. Ciò è particolarmente vero per quelle professioni che portano con sé accesso a grande ricchezza o prestigio. Ma costoro non sono professionisti dedicati o che si dedicano al loro lavoro, perché essere dedicati in questo contesto significa essere dedicati alle persone bisognose. Un assistente sociale dedicato è dedicato a coloro che hanno bisogni assistenziali; un insegnante dedicato, si dedica agli studenti con necessità di apprendere; un avvocato dedicato, ai clienti che necessitano di un ricorso legale; un medico dedicato, a coloro che necessitano di cure mediche. Tuttavia, in un senso molto importante, essere dedicati in questo contesto significa dedicarsi ad aiutare/soddisfare i bisogni degli estranei.[2]

Che ci siano quelli che si dedicano ai bisogni degli estranei in modo da rendere le loro attività un progetto basilare opportunamente chiamato "il lavoro di una vita", è certo. Che ci sia anche chi non trova la vita degna di essere vissuta senza tale lavoro, è certo. Pertanto, ci sono quelli per i quali la perdita del loro lavoro come progetto basilare sarebbe inconsolabile. Inoltre, è dubbio che la maggior parte di queste persone ritenga che intraprendere un tale progetto come lavoro della propria vita sia obbligatorio, anche se alcuni potrebbero. Coloro che non lo ritengono obbligatorio, vedono le loro attività non solo come benefiche per i bisognosi, ma anche come lavoro intrinsecamente gratificante non obbligatorio, il che solleva la questione del ruolo dell'estetica in un resoconto di questi beni. Quando queste attività nondeontiche hanno valore categorico per un agente, il loro valore può essere adeguatamente compreso in termini non estetici? Sosterrò che non può.

A questo proposito, non si deve trascurare che queste attività non sono attività neutrali per gli agenti. Piuttosto, sono beni incentrati sull'agente che non sono, per queste persone, sostituibili da interessi imparziali come consolazione, nel caso in cui tali beni vadano persi. In effetti, alcuni di questi agenti semplicemente non potrebbero sopravvivere in un mondo libero da persone bisognose. Cosa implica ciò riguardo al tipo di valore in gioco per questi agenti?

Un tipo di persona che potrebbe adattarsi alla descrizione è la persona che "ha eccessivamente bisogno di essere necessaria". Per alcuni, l'essere necessari è al centro della propria vita perché hanno un senso fragile di sé. Spesso, tali persone sono molto possessive di coloro che curano, poiché senza questi dipendenti bisognosi tali persone non avrebbero un senso sicuro del proprio posto nel mondo. In questo senso, tali persone dipendono dai bisognosi più di quanto i bisognosi dipendano da loro. Chiaramente, quando il valore delle attività che coinvolgono gli altri è rappresentato in questo modo, né il valore estetico né quello morale sembrano essere i valori più importanti.

Ce ne sono altri, tuttavia, per i quali le attività del tipo in questione sembrano essere categoriche senza questo tipo di dimensione patologica. Invece di essere patologica in questo senso, la vulnerabilità alla perdita di queste attività nelle loro vite sembra riflettere una curiosa mescolanza di ciò che pensiamo siano valori salutari. Da un lato ci sono i valori di rispetto e simpatia per gli altri, e dall'altro c'è trovare il lavoro con le persone interessante, affascinante e accattivante, persino stimolante. Ridurre il valore di queste attività ai valori sociali di rispetto e simpatia/compassione significa distorcerle, così come lo è ridurne il valore al fascino che portano all'agente.

Un certo modo (errato) di leggere Nietzsche deride qualsiasi nozione di "servizio all'umanità". Gli studenti a volte prendono questa posizione, adottando la convinzione che la maggior parte dell'umanità sia semplicemente spregevole e indegna di essere aiutata o "servita". Mancare di riconoscerlo è, a loro avviso, un fallimento sia di giudizio che di carattere. Naturalmente, se hanno ragione sul fatto che gli estranei siano degni solo di disprezzo, allora sembra piuttosto perverso da parte delle persone dedicare loro il proprio lavoro di una vita.[3] Ma sicuramente sarebbe strano che solo i membri della propria cerchia comunitaria fossero minimamente rispettabili o stimabili in un modo che consenta simpatia per i loro bisogni. Queste credenze sulle qualità rispettabili e le qualità stimabili degli estranei che soffocano una reazione compassioneviole sono spesso semplicemente false. L'incapacità di vedere che sono false è causata in primo luogo dall'assenza delle disposizioni di rispetto e stima. Dato che un appartenente alla comunità ha queste disposizioni ed è in grado di riconoscere le qualità di rispetto e le qualità di stima degli altri, le false credenze probabilmente non sono attribuibili ad impegni comunitari.[4]

Piuttosto, sono probabilmente attribuibili a disposizioni che sono antitetiche non solo alla simpatia/compassione imparziale, ma anche all'amore comunitario. Dopotutto, una cosa è essere indifferenti agli estranei di cui non si sa nulla; un'altra è essere contrario ad aiutarli perché sono disprezzati. In quest'ultimo caso, bisogna sapere qualcosa su di loro e tale qualcosa deve rivelare che non meritano simpatia. Ma essere insensibili in generale alla difficile situazione degli estranei e trovare onerose tutte le attività intese a beneficiarli non è certamente richiesto dalle prove empiriche. Ciò è particolarmente vero per un essere comunitario che è una persona d'integrità. Poiché questa persona è qualcuno che comprende l'importanza di essere considerato una persona separata e distinta il cui senso di autostima dovrebbe essere considerato sull'evidenza del carattere. Quindi è abbastanza facile capire perché una persona rispettosa e comprensiva si interessi alle attività che beneficano le persone rispettabili ma bisognose.[5]

Tuttavia, una cosa è interessarsi a queste attività e perseguirle, e tutta un'altra è trovare le attività interessanti, affascinanti, accattivanti e intrinsecamente stimolanti. Per la maggior parte delle persone che hanno queste attività come parte centrale del lavoro della propria esistenza, questa dimensione estetica è quasi sempre una parte centrale del loro valore. Se fosse assolutamente noioso e poco interessante svolgere questo lavoro, è assolutamente improbabile che le attività possano svolgere il ruolo che svolgono all'interno della psicologia della persona. Certo, trovare affascinante e interessante aiutare gli altri è prendersi cura degli altri, ma c'è una dimensione estetica in questa cura che si perde se non stiamo attenti al fatto che si tratta di attività nondeontiche. Schemi concettuali troppo moralizzati cavalcano male su queste distinzioni fenomenologiche. E ciò porta a distorsioni della ragion pratica, come vedremo. Per ora, dobbiamo notare la differenza tra provare piacere nel veder soddisfatti i bisogni dei bisognosi e provare piacere nelle attività di soddisfarli. Sebbene il piacere del secondo tipo esprima rispetto e simpatia per gli altri, rivela anche un'altra dimensione di valore, quella estetica. Rivela qualcosa sul tipo di esperienza estetica per la quale hanno capacità le persone di un certo carattere .

È abbastanza facile vedere che l'attività coinvolta nella risoluzione di un problema matematico potrebbe avere una dimensione estetica indipendente dal suo payoff. In effetti, coloro che non sono in grado di trovare la matematica affascinante in questo senso tendono a diffidare della matematica. Ma i matematici – quelli il cui lavoro di vita è fortemente incentrato sulla matematica – tendono ad essere quelli che provano un forte fascino estetico per la matematica. Non solo la trovano interessante e affascinante; ne sono accattivati. Sto qui affermando che la stessa cosa è vera per molti di coloro che rendono il lavoro coi bisognosi il centro di lavoro della propria vita. Pertanto, una piena comprensione del valore di tale lavoro comprende una dimensione sia sociale che estetica. Per le persone di questo tipo, la loro capacità di noia è sostenuta sia dalle loro capacità sociali imparziali che dalle loro capacità estetiche di trovare il loro lavoro sociale interessante, affascinante e accattivante.[6]

Naturalmente, non tutte le persone organizzano la propria vita secondo questo tipo di attività lavorative, ma il significato strutturale di una generale mancanza di piacere estetico nelle attività unilaterali di benessere per gli estranei è misurato da ciò che è presente e assente nella vita di coloro che sono caratterizzati come carenti. In un mondo come il nostro, gran parte della vita viene trascorsa a trattare con estranei. Se fosse passata in gran parte con estranei spregevoli, ciò costituirebbe una seria minaccia per una sana integrazione della personalità. Naturalmente, questo non significa che uno possa fabbricare credenze sul carattere degli altri per sopravvivere. Ma significa che quelli con integrità sono disposti a mantenere una qualche speranza sul valore intrinseco degli altri, piuttosto che estinguerlo con una convinzione generale sugli estranei. D'altra parte, un risentimento generale verso gli estranei rivela una disposizione avversa agli elementi di integrità negli altri. Essere colmati da tale risentimento è un male da evitare, e se il risentimento è di notevole grandezza può essere un male categorico.

Assente sarà quindi un senso di gentilezza/compassione verso gli estranei. Questa è una grande perdita misurata dal risentimento che si affretta a riempire il vuoto. Non tutti abbiamo la vocazione a dedicare il nostro lavoro alle esigenze degli estranei. Ma è difficile immaginare qualcuno con sensibilità comunitarie che non trovi anche la completa perdita di compassione verso gli estranei incidere sui suoi pensieri identificativi. In effetti, sembra più plausibile che il risentimento sia una reazione a una perdita piuttosto che il valore della gentilezza/compassione sia il rimedio del risentimento. Se questo è vero, allora le attività di benessere imparziale del tipo in questione sono intrinsecamente beni umani strutturalmente cruciali per l'integrità di ogni essere sociale pienamente sviluppato. Questo è vero perché il forte risentimento verso gli estranei non è solo una forma di alienazione dagli altri, ma anche una forma di autoalienazione dell'essere sociale.[7]

Mai questa alienazione è più evidente di quando le attività di stima imparziale sono viste con risentimento. Quando una persona si risente piuttosto che godere, sia esteticamente che moralmente, dei risultati legittimi degli altri, vuol dire che ha una profonda autoalienazione come anche un'alienazione dagli altri. Una persona integra nel senso lato non è prona a tale risentimento. Il motivo non è che la persona integra sia indifferente alle qualità stimabili degli estranei. Piuttosto, è perché la persona integra in senso lato è molto sensibile a tali qualità e se ne diletta. È solo la persona con un forte senso di sé accoppiato con una disposizione positiva verso gli altri che può provare tale piacere. Coloro che sono gravati dal risentimento in queste questioni mancano di un bene umano molto importante, forse uno che non può essere sostituito da nessun altro. Mancare della capacità di gentilezza e compassione in questo senso, quindi, significa non avere una capacità che non solo previene il risentimento, ma anche la noia.[8]

NoteModifica

  1. Christine Marion Korsgaard, The Constitution of Agency, Oxford University Press, 2008, pp. 34-47 e segg.
  2. Cfr. spec. Abraham Maslow, Motivation and Personality, Harper and Row, 1970; Antonio Lo Iacono, Psicologia della solitudine, Editori Riuniti, 2003; G.S. Hall, "Social Phases of Psychology," American Journal of Sociology , XVIII : 613-21.
  3. Federica Montevecchi, Nietzsche. Dizionario delle idee, Editori Riuniti, Roma, 1999, ad hoc.
  4. Michel Foucault, Tecnologie del sé, in Un seminario con Michel Foucault – Tecnologie del sé, Boringhieri, 1992, passim.
  5. E.A. Locke, e G.J. Latham, A Theory of Goal Setting and Task Performance, Prentice, 1990, pp. 122-129.
  6. Robert Nisbet, "Boredom" cit., Commentary, settembre 1982, pp. 48-50.
  7. L. Svendsen, A Philosophy of Boredom, Reaktion Books, 2004; anche J.D. Watt, e S.J. Vodanovich, "Boredom proneness and psychosocial development", J. Psychol. 133, 303–314, 1999, passim.
  8. S.D. Healy, Boredom, Self, and Culture, Fairleigh Dickinson University Press, 1984, pp.201-202; Robert Nisbet, "Boredom" loc. cit.