Noia e attività solitarie/Parte IV

Indice del libro
"L'Esule", olio di Antonio Ciseri, ca.1860

Attività solitarie personalmente beneficheModifica

Finora ci siamo concentrati sulla persona amata come un beneficiario estrinseco ma indipendente delle attività di chi ama (chiamiamola "amante"). La persona amata è un beneficiario estrinseco quando il beneficio è chiaramente il risultato dell'attività. Pensate ad un bambino che beneficia del cambio del suo pannolino. Vi sono, tuttavia, altre attività in cui la persona amata è intesa come beneficiaria intrinseca ma indipendente. In questi casi, la persona amata è un beneficiario intrinseco perché l'attività stessa ha per lei un valore intrinseco. In entrambi i casi, tuttavia, è una beneficiaria indipendente, nel senso che non è un agente nelle attività stesse.

Attività con un vantaggio intrinseco indipendente le chiamo attività di riconoscimento. Non sono sicuro se dire che tali attività siano un tipo di attività di contributo o una categoria separata. Il punto più importante è che il bene dell'attività non è del tutto indipendente dall'attività stessa, eppure la persona amata non è un agente dell'attività. Penso alle attività dell'amante che esprimono l'importanza della persona amata per l'amante.

Alcuni modi per esprimere l'importanza della persona amata per l'amante implicano espressioni di affetto, ma di solito si tratta di attività condivise. Quindi le attività solitarie di riconoscimento implicano espressioni unilaterali di affetto o qualche altra espressione di importanza della persona amata per l'amante. A volte queste espressioni implicano la "stima" della persona amata. Esistono quindi due tipi di attività unilaterali di riconoscimento: attività unilaterali di affetto e attività unilaterali di stima.

Possiamo riassumere le distinzioni riguardanti le attività solitarie personalmente benefiche come segue:

  1. Attività unilaterali con beneficiari estrinseci
  2. Attività unilaterali di affetto con beneficiari intrinseci
  3. Attività unilaterali di stima con beneficiari intrinseci

Un esempio di attività unilaterale di affetto potrebbe essere quello che coinvolge l'amicizia, diciamo, facendo un regalo ad un amico. Il tuo amico non è un partecipante all'attività ma ne è un beneficiario intrinseco. Il dare esprime l'affetto, poiché l'oggetto che è il dono non avrebbe lo stesso significato se non fosse per il dare. Certo, alcuni regali hanno benefici estrinseci, ma molti di loro non ne hanno o hanno duplici benefici. Forse il tuo dono alla tua amica comporta l'attività di preparazione del suo pasto preferito. In effetti, sembra che il donare doni in qualche forma – sebbene non necessariamente di beni materiali – certamente un elemento essenziale per la prosperità umana. Il motivo per cui dico questo è che permette agli esseriumani di esprimere la loro gentilezza a coloro che amano. Un dono ben donato non solo esprime amore e premurosità per ciò che viene dato, ma esprime anche grazia nel modo in cui viene dato. Parte del modo, quindi, in cui la donazione appare nel campo deliberativo dell'agente amorevole è in termini di gentilezza, chiaramente una categoria estetica. Una vita totalmente senza opportunità di gentilezza verso i propri cari e di piacevolezza in essa potrebbe forse essere la vita migliore da vivere per la persona che fa parte di una comunità? La risposta sembra ovvia a chiunque non sia preso da una concezione altamente individualistica del bene umano. Tuttavia, ciò che potrebbe non essere così ovvio è che un certo livello dei beni delle attività unilaterali di affetto è necessario per la sopravvivenza dell'integrità umana.[1]

Un argomento fuorviante per il valore categorico di tali attività è che se gli esseri sociali non sono mai i beneficiari intrinseci di tali attività, essi perderanno il loro senso di autostima. Il problema con tale argomento non è la sua premessa ma la sua conclusione. Il fatto che tali benefici siano essenziali per la sopravvivenza di un senso di autostima non dimostra che le attività siano il tipo di beni in questione. Ciò che stiamo valutando qui non è se la tua attività solitaria di impegnarti in x sia un vantaggio intrinseco, estrinseco o duplice per il tuo amico. Piuttosto, è se il tuo impegno nel fare x come elemento nel tuo stile di vita sia un bene categorico per te come attività nondeontica. Se la tua perdita di non impegnarti mai in x per un amico è spiegata interamente in termini di suoi interessi, allora l'attività non è del tipo pertinente. Né lo sono attività la cui assenza dalla tua vita provochere un senso di colpa ma nessun senso di perdita personale. La ragione in ogni caso è che le attività devono essere beni intrinseci per te e devono essere attività nondeontiche.[2]

Rispetto, quindi, alla classe di agenti di integrità in senso lato, possiamo concludere che tutte queste persone valorizzano intrinsecamente tali attività di riconoscimento. Tutti questi agenti troverebbero senza dubbio queste attività una parte intrinseca della vita che merita di essere vissuta. La questione qui, tuttavia, non riguarda quella della prosperità umana ma quella della sopravvivenza umana nel senso rilevante. La domanda allora è questa: tutti questi esseri amorevoli potrebbero sopravvivere alla completa perdita di tali attività nella loro vita mantenendo la loro integrità intatta? O potrebbero almeno alcuni di loro sopravvivere prendendo un interesse categoricamente consolante in qualche altro bene umano?

Non sembra plausibile che vi sia un interesse imparziale che di per sé potrebbe consolare una perdita completa di tali beni nella vita di una persona. Pensate come sarebbe sacrificare in modo permanente qualsiasi amabile comunicazione del tuo affetto ai tuoi figli, ai tuoi genitori, al tuo coniuge o amante romantico, ai tuoi amici o ai tuoi vicini per motivi di semplice rispetto, simpatia o stima per gli altri. È difficile vedere come un simile sacrificio non possa essere altro che il sacrificio della propria vita e delle proprie ragioni di vita. In quanto tale, sarebbe il sacrificio di se stessi come agente continuativo, e ciò potrebbe accadere solo se non ci fosse modo d'essere sia una persona amorevole che una persona con rispetto di sé. La nostra precedente discussione sul ruolo dei beni dell'amore come beni non deliberativi è qui rilevante. I beni dell'amore, laddove esistono, impongono chiaramente un limite deliberativo al concetto di sacrificio personale in nome di interessi imparziali. I beni di attività personalmente benevole del genere che comportano gentilezza ne sono un altro esempio. Ma quello che sto sostenendo qui è che un certo livello di soglia di questi beni è necessario nella vita della maggioranza per la sopravvivenza degli elementi di base dell'integrità in senso stretto. Non sto sostenendo che tutti i conflitti tra tali beni e gli interessi imparziali debbano privilegiare tali attività. Al di là di un livello soglia, questi beni sono beni non deliberativi in ​​relazione a preoccupazioni imparziali. È in tale senso che queste attività sono beni categorici per almeno la maggior parte di noi.[3]

Più plausibile come fattore consolante per la completa perdita di attività unilaterali di affetto sono le attività di affetto condivise. Forse alcune persone potrebbero sopravvivere e persino prosperare senza impegnarsi in queste attività unilaterali, purché ci siano state nelle loro vite molte attività condivise.

Sebbene non dovremmo sottovalutare il valore delle espressioni unilaterali di affetto, supponiamo che possano essere significativamente consolate da espressioni condivise di affetto. Ma cosa succede se l'unico interesse consolante sufficiente a consolare la perdita di questi beni solitari è l'interesse per i beni condivisi personalmente? Rimangono intatti gli stessi punti strutturali relativi al luogo in cui si trovano i beni di attività incentrati sugli agenti in relazione a preoccupazioni imparziali. La mia principale preoccupazione qui è mostrare che i beni di attività incentrati sugli agenti limitano le esigenze di imparzialità nell'integrità di un normale agente umano. Pertanto, una concessione al valore categorico relativo delle attività solitarie alle attività condivise del tipo in questione non pregiudicherebbe il nucleo della mia analisi.

Tuttavia, vi è motivo di pensare che l'aspetto unilaterale di queste attività sia più cruciale di quanto suggerisce il paragrafo precedente. I benefici intrinseci di tali attività servono a comunicare non solo che la persona amata è importante per l'amante, ma anche, poiché queste attività sono unilaterali, che la persona amata è importante come persona separata e numericamente distinta. Inoltre, l'interesse nell'esprimerlo si trova all'interno del fenomeno dell'amore personale stesso. Pertanto tali attività non solo conferiscono benefici alla persona amata, ma sono oggetti di un interesse intrinseco dell'amante. Amare un altro include l'interesse nell'esprimere non solo quanto l'altro sia importante per noi, ma anche, semplicemente, quanto sia importante. Punto e basta.[4]

Un'analisi simile si applica alle attività di riconoscimento che "onorano (=stima)" i propri cari. Questo è vero, nonostante sia spesso difficile tracciare una linea dura tra espressioni di affetto e espressioni di stima nelle relazioni personali. Onorare/stimare una persona significa tenerla in considerazione, valorizzarla in misura significativa oltre il semplice rispetto. Basta poco per esprimere tolleranza, ma occorre una maggiore attenzione ai dettagli per onorare una persona cara. Nel primo caso, bisogna solo evitare azioni che mostrano disprezzo. Ma nel secondo caso deve esserci un'evidente manifestazione comportamentale del riconoscimento da parte dell'amante delle qualità che conferiscono stima alla persona amata. In caso di amore tra pari, le attività di stima non sono meno importante nell'amore dell'amante per la persona amata rispetto alle attività di affetto. Pertanto le attività unilaterali di stima non sono meno importanti nell'integrità di una persona amorevole rispetto alle attività unilaterali di affetto.[5]

Si può comunque sostenere che, come attività unilaterali, c'è un ruolo un po' più ampio per le attività di stima personale che per le attività di affetto. L'argomento riguarda il desiderio di conferire il beneficio dell'espressione dell'amante sull'importanza della persona amata come persona separata e numericamente distinta. Per motivi già indicati, l'affetto personale non è trasferibile a persone di qualità simili come lo è la stima. Pertanto, le attività unilaterali di stima servono a sottolineare più specificamente cos'è nella persona amata che la rende degna di stima come persona separata e distinta. Queste qualità sono indipendenti dalla relazione con l'amante e conferire il beneficio di tale riconoscimento alla persona amata è intrinseco all'amicizia come il conferimento di affetto all'amore romantico. E sia nel caso dell'affetto che della stima, la gentilezza è fondamentale per il valore delle attività dal punto di vista dell'agente.

Pertanto, sia come attività di welfare che come attività di riconoscimento, le attività solitarie personalmente benefiche svolgono un ruolo cruciale e insostituibile nell'integrità della concezione lata. Ma che dire delle attività solitarie imparzialemente benefiche?

NoteModifica

  1. George Kelly, La psicologia dei costrutti personali, Raffaello Cortina, 2004, passim.
  2. Goldberg, Y. K., Eastwood, J. D., LaGuardia, J., e Danckert, J. "Boredom: an emotional experience distinct from apathy, anhedonia, or depression", J. Soc. Clin. Psychol. 30, 647–666, 2011; cfr. anche S.D. Healy, Boredom, Self, and Culture, Fairleigh Dickinson University Press, 1984, pp. 55-61.
  3. Dubar Claude, La socializzazione. Come si costruisce l'identità sociale, Il Mulino, 2004, pp. 97-101.
  4. G.S. Hall, "Social Phases of Psychology," American Journal of Sociology, XVIII : 613-21.
  5. Krosnick, J. A., "Attitude importance and attitude accessibility", Personality & Social Psychology Bulletin, Vol 15(3), 297-308, 1989.