Noia e attività solitarie/Parte II

"La barca della noia", Latvia, 2009

Attività solitarie individualiModifica

Il primo tipo di attività da considerare sono le attività solitarie individuali. Si tratta di attività che non hanno beneficiari indipendenti e vengono svolte da sole o, se svolte con altri, la condivisione dell'attività ha un valore strumentale solo per gli altri partecipanti. Si considerino ad esempio le attività lavorative. Ancora una volta, Nisbet è interessante nello specificarlo. Commenta:

« Il lavoro, più o meno in sintonia con le attitudini del lavoratore, è senza dubbio la migliore difesa contro la noia. Come ha sottolineato Dennis Gabor, il lavoro è l'unica attività visibile a cui l'uomo può essere tranquillamente lasciato.[1] »

E successivamente afferma:

« Ci sono stati precedentemente strati senza lavoro nella storia della società. Si pensi soltanto al mezzo milione nella Roma imperiale che prendevano il sussidio annonario (panem et circenses)... su un totale di due milioni di persone. I risultati furono insignificanti, per non dire altro, e Toynbee diede a questo "proletariato interno", con la sua annoiata irrequietezza, la sua improduttività e il suo risentimento crescente per il governo che lo alimentava, il merito di essere, insieme al "proletariato esterno" o ai barbari invasori, una delle due cause chiave dell'eventuale crollo dell'Impero Romano d'Occidente. Ai giorni nostri, la disoccupazione cronica, specialmente tra i giovani ma anche in altri strati, senza trascurare gli anziani in pensione, produce i suoi risultati dannosi, che vanno dalla violenza insensata della gioventù per strada ai milioni di anziani che, senza lavoro e anche senza funzioni, cadono nella noia che troppo spesso diventa apatia e depressione. [2] »

Sebbene queste osservazioni non siano proprio il prodotto di una dura e sistematica scienza sociale, suggeriscono comunque come dato di fatto che quando gli esseri umani non sono coinvolti in un lavoro significativo ne risulta una irrequietezza distruttiva. Il punto non è semplicemente che se le persone si impegnano nel lavoro, non hanno tempo per combinare guai. Piuttosto, il punto è che non ci sono altri tipi di attività che coinvolgano gli umani abbastanza profondamente nel tempo da impedir loro il tipo di irrequietezza che si traduce in tale distruttività.

Anche se c'è molto da dire per questi commenti generali sul lavoro, qui abbiamo bisogno di essere più precisi nelle nostre specifiche delle attività lavorative. Esistono settori significativi dell'attività lavorativa – attività che coinvolgono lavoro – che sono sia attività individuali solitarie sia di importanza centrale nella vita di molte persone come beni indipendenti, indipendentemente dalla stima che conferiscono? In tal caso, sono attività produttive, attività di contributo o attività di realizzazione o tutte queste? Almeno alcune devono essere creative o possono essere tutte di routine? Queste sono alcune delle domande che devono essere affrontate qui. Ma ricordiamoci che l'enfasi in questo contesto è sulla questione della sopravvivenza, non sulla questione della prosperità. Una cosa è dire che la vita di qualcuno è meno florida di quanto potrebbe essere se non avesse tutte le opportunità di un lavoro significativo. È piuttosto un'altra dire che una vita del genere per molti non varrebbe la pena di viverla, indipendentemente da cos'altro la vita possa includere.

È plausibile che nel tempo le attività creative sia del lavoro che del gioco siano essenziali per evitare gli effetti debilitanti della noia per qualsiasi essere umano normale. Per una persona di media intelligenza, la spensieratezza del gioco perde il suo fascino alla fine e forse molto rapidamente. Questo è probabilmente vero anche per i bambini. È solo dal punto di vista di un adulto che la maggior parte delle attività che sembrano significative per un bambino sono attività di gioco. Con buona probabilità comportano lo stesso tipo di sforzo applicato al lavoro degli adulti. In effetti, la noia si instaura nel bambino medio quando le sue attività cessano di provocare, di richiedere sforzi, di affaticare in misura significativa. Il gioco sembra in effetti avere un posto nella psicologia umana come un congedo temporaneo da altri tipi di attività. Questo spiega perché il tempo libero diventa presto tremendamente noioso per la persona media. Che alcune delle attività sia di gioco che di lavoro non debbano essere solitarie e individuali nei sensi pertinenti è implausibile. Lo sviluppo cognitivo da solo suggerirebbe che una parte significativa delle attività di apprendimento sia per i bambini che per gli adulti è solitaria in questo senso. Che lo sia dà alle nostre vite gran parte del suo significato quando non siamo impegnati più socialmente. Le attività di apprendimento del lavoro o del gioco sono spesso solitarie nel senso rilevante.[3]

Inoltre, una vita piena di ogni cosa buona tranne un lavoro creativo significativo diventerebbe presto terribilmente gravosa per la maggior parte delle persone. Il gioco da solo non può alleviare il peso dello sforzo meramente strumentale, delle attività deontiche e di ciò che può diventare una routine banale. Se non compensato dall'eccitazione della scoperta e della creatività che richiede lavoro, è semplicemente insufficiente come panacea per la noia. Neanche la consapevolezza di essere amati e di amare gli altri è sufficiente per un periodo prolungato. L'amore deve diventare attivo, più che giocoso, e deve avere un certo grado di scoperta per essere sostenuto a lungo. Poiché è un dato di fatto nell'amore personale che se non rimane dinamico muore e talvolta, probabilmente, di noia.[4]

Per quanto riguarda le categorie estetiche che riguardano le attività lavorative: è plausibile pensare che le categorie come "affascinante" e "accattivante" siano le più rilevanti. Per coinvolgere il lavoro, le attività devono essere impegnative e, per evitare il tipo temuto, il lavoro deve essere in una certa misura affascinante e accattivante. Senza un certo livello di attività lavorativa che sia accattivante e stimolante, qualsiasi persona ragionevolmente intelligente è vulnerabile agli effetti devastanti della noia; il semplice gioco non sarà sufficiente. In effetti, è plausibile che più intelligente è la creatura, maggiore è il ruolo dei beni estetici, in particolare le attività estetiche che sono accattivanti e stimolanti giocano nella sua psicologia.[5]

Tuttavia, sostenere che il gioco non è sufficiente a sostituire la noia non significa sostenere che non ha un posto essenziale nell'esperienza umana. Proprio come il gioco può diventare noioso, così succede al lavoro, anche un lavoro significativo. I periodi di intensa attività creativa sono molto gratificanti, ma anche drenanti. Lo stesso vale per le attività lavorative ordinarie e non creative. Questo perché coinvolgono lavoro (manuale) e lavoro prolungato di qualsiasi tipo è estenuante. Lascia una persona non solo con bisogno di riposo – periodi di inattività – ma nel bisogno di attività leggere/leggiadre, nel bisogno di gioco. Immaginatevi come sarebbe la vita se ci fossero solo opzioni di lavoro o inattività. Una vita del genere non solo richiederebbe un pesante tributo agli interessi individuali di ciascuna persona, ma rovinerebbe anche le relazioni personali. Poiché le uniche associazioni attive con gli altri avrebbero sempre una certa dimensione "faticosa" per tutti i coinvolti. Nel tempo, questo sarebbe più che un inconveniente; sarebbe insopportabile. Eppure questa è solo un aspetto che rende la vita di semplice lavoro e riposo così debilitante per coloro che si trovano costretti a farlo. I bambini dei poveri probabilmente riposano più di quanto non giochino, ed è forse la mancanza di gioco più di qualsiasi altra cosa, che toglie loro lo splendore dagli occhi.

Il riconoscimento dell'importanza delle attività creative, tuttavia, non dovrebbe portarci a sottovalutare il valore delle attività di routine. L'incapacità di sostenere l'impegno creativo stesso rende imperativo che, se l'organismo umano deve sopravvivere, deve trovare intrinsecamente gratificante gran parte dell'attività di routine. Il fatto che gli esseri umani trovino la maggior parte di questa attività gratificante fa molto per spiegare perché essi siano sopravvissuti alle vicissitudini dell'evoluzione. Spiega perché hanno mantenuto abbastanza interesse per se stessi e per il loro ambiente da trovare utile la lotta. Quindi il fatto che un'attività sia di routine non dovrebbe di per sé portarci a pensare che abbia un significato puramente strumentale nella vita di un agente. Piuttosto, è una vita limitata alla routine, senza periodi di lavoro creativo e svago, che è debilitante. Altrimenti, la routine stessa contiene molte attività intrinsecamente indispensabili. Sebbene una routine significativa possa non essere affascinante, un certo suo livello è molto soddisfacente, un livello meno intenso di esperienza estetica. Se le attività di routine non fossero per niente soddisfacenti, avremmo difficoltà ad affrontare la vita.

Pertanto è plausibile che l'integrazione delle normali attività lavorative con il lavoro creativo e il gioco non sia necessaria solo per una vita fiorente — un certo grado di ciò sembra necessario per la sopravvivenza stessa dell'integrità umana. La sua mancanza minaccia la capacità umana di mantenere nel tempo un interesse per la vita.[6]

Ma perché pensare che alcune di queste attività debbano essere attività individuali solitarie? L'argomento secondo cui alcune lo debbano essere si incentra su due aspetti di questo tipo di attività: uno prevede attività creative; l'altro, attività di contribuzione ordinaria (routine) relative al proprio benessere.

Esiste una sfera di attività creativa che è indipendente dalla caratteristica di contributo dell'attività lavorativa. Si esemplifica nella ricerca dell'arte per l'arte in sé e dello sport, in cui l'enfasi non è vincere ma giocar bene. In entrambi, l'enfasi non è sul contributo ma sull'autenticità. In effetti, l'autenticità dell'attività creativa con la preoccupazione per la purezza della ricerca è un segno che l'agente valuta la creatività di per se stessa. Questo è vero sia nell'arte, nello sport, nella ricerca della conoscenza o altrove. Pertanto, impegnarsi in un'attività per mostrare agli altri la propria intelligenza nei confronti delle novità può essere davvero cosa molto creativa, ma non è con ciò apprezzata per la sua dimensione creativa. Piuttosto, il pensiero che esista una connessione tra la purezza della propria attività e il suo essere propria, è centrale perché sia valutata per il suo aspetto creativo. Pertanto, la soddisfazione di esercitare la propria abilità o intuizione è irriducibilmente individuale in questo aspetto del valore della creatività, anche quando sono presenti altre dimensioni più sociali.

All'altra estremità dello spettro sono gli interessi individuali collegati alle attività dell'esperienza quotidiana di routine. Questi sono gli interessi basilari del benessere legati al cibo, alla casa e al mantenimento della salute. Il desiderio di contribuire al proprio benessere e sviluppo è un desiderio normale per la maggior parte di noi. La valutazione di tale attività non è sempre riducibile al pensiero che si traduca in uno stato accettabile di benessere o sviluppo personale. Perché uno potrebbe essere deluso dal fatto che il proprio benessere non sia derivato da una propria attività. In effetti, è una caratteristica di qualsiasi visione plausibile del benessere umano che un agente offra un certo contributo, per quanto piccolo o indiretto, al proprio benessere. Un'altra caratteristica è che l'agente apprezza alcune attività di questo tipo per se stesse. Quale segno più chiaro potrebbe esserci che una persona è profondamente autoalienata di quello che tale persona non trovi nessuna delle attività ordinarie della cura di sé intrinsecamente gratificanti?[7]

Vi sono, naturalmente, molti casi in cui alcuni di tali contributi non sono possibili per dati agenti in particolare. Tuttavia è difficile concepire il benessere umano laddove non è una perdita per l'agente che l'agente non possa apportare alcun contributo di questo tipo. Se ciò è vero, almeno alcune (io sospetto molte) attività di contributo al proprio benessere sono quelle che un agente valorizza intrinsecamente come beni singoli. Alcune di queste attività verrebbero perseguite ove possibile dalla maggior parte delle persone, anche laddove fossero completamente e facilmente eliminabili senza perdita dei loro altri fini contributivi. Essere un semplice paziente, quindi, per quanto riguarda i bisogni di benessere di una persona è una fantasia solo per chi è oberato di lavoro. Proprio come i sogni di libertà dai bisogni e dalle attività assistenziali sono un tipo di incubo, un mondo scarso di attività lavorative è un altro tipo di incubo. Ho anche il sospetto che la maggior parte delle persone perseguirebbe alcune attività lavorative che coinvolgono le proprie esigenze di benessere, anche ad un costo significativo per loro.

Tuttavia, si potrebbe obiettare che alcune persone, a causa di estremi handicap fisici, non possono impegnarsi in attività di contributo relative al proprio benessere. Sebbene le loro disabilità siano una perdita per loro in questo senso, sono comunque tra le persone più ammirevoli e ben adattate. Non sono certamente persone che hanno perso gli elementi base dell'integrità umana.

Ci sono molte cose che devono essere dette in risposta a ciò, nessuna delle quali nega che ci siano davvero tali persone. La prima è questa: sostenere che le attività di contributo individuale sono beni categorici non significa sostenere che sono universalmente così, per quanto vicine possano esserlo. Significa sostenere che possono e funzionano in un modo che spesso coinvolge i pensieri identificativi di una persona in modi importanti. La seconda cosa da notare è che riconosciamo come veramente eccezionali coloro che sono ben adattati e ammirevoli nonostante questi handicap. Ci meravigliamo di come possano sopravvivere, date le loro perdite disabilitanti. Inoltre, il nostro atteggiamento nei confronti della loro integrità è ammirazione piuttosto che pietà, e i nostri pensieri identificativi rivelano dubbi sul fatto che potremmo sopravvivere a tale sventura. Infine, dobbiamo comprendere le opzioni di coloro che sopravvivono con tali handicap per quanto riguarda la capacità di impegnarsi in queste attività di contributo al benessere. Se una persona del genere è una persona di talento che ha l'opportunità di sviluppare quel talento, le sue possibilità di sopravvivenza aumentano enormemente. Perché? Perché una persona estremamente handicappata con intelligenza significativa ma senza opportunità di sviluppo deve soffrire per ore e ore di inattività. Ma anche dove c'è talento e opportunità di attività creativa, l'adattamento alla passività nella routine per quanto riguarda le esigenze di benessere dell'agente sarà molto difficile. Quelli di noi che non sono portatori di handicap fisici possono a malapena apprezzare le difficoltà di adattarsi ad una routine piena di attività svolte da qualcun altro piuttosto che da noi stessi. Le nostre routine sono attive e interessanti, anche quando non sono creative, e questa è una grande benedizione.[8]

Concludo quindi che ci sono molte attività solitarie intrinsecamente valutate del tipo individuale. Molti sono con tutta probabilità di importanza categorica per la maggior parte di noi come beni di attività indipendenti. Scrivere un libro è molto importante per il suo autore (almeno per un autore di un certo tipo) in quanto è allo stesso tempo stimolante e affascinante. Il fatto che possa dare un contributo è, ovviamente, un motivo per ritenerlo degno di pubblicazione, ma scrivere un libro e pubblicare un libro sono attività diverse. Qualsiasi vero scrittore, artista, musicista o scienziato ti dirà che ciò che guida maggiormente la sua attività lavorativa è che è affascinante e stimolante. Il fatto che alcuni accetteranno questa affermazione con stupida sorpresa o incredulità riflette solo la loro mancanza di comprensione di come la vita a volte è per gli altri. E sebbene sia difficile per ognuno di noi dire cosa significhi essere un pipistrello, alcuni di noi sanno com'è essere uno scrittore, un artista, un musicista o uno scienziato. Significa essere presi dal proprio lavoro, essere da esso affascinati, esserne ammaliati, perdercisi dentro. Esserne spogliati vuol dire essere abbandonati in un mondo senza colore. Lo stesso, naturalmente, si può dire di molti altri lavoratori e per molti altri tipi di lavoro, dalla carpenteria all'odontoiatria e dall'insegnamento alla progettazione.

Persino preparare un wikibook...

NoteModifica

  1. Robert Nisbet, "Boredom" cit., Commentary, settembre 1982, pp. 48-50. Nisbet cita dall'opera di Gabor, The Mature Society: a view of the future, 1972.
  2. Ibid. Per Arnold J. Toynbee, si veda spec. il suo enciclopedico A Study of History [1].
  3. Roger Caillois, I giochi e gli uomini, 2ª ed., Bompiani, 2000, pp. 112-126.
  4. Antonio Lo Iacono, Psicologia della solitudine, Editori Riuniti, 2003: qui e oltre, passim.
  5. Alfred Gell, Art and Agency: An Anthropological Theory, Clarendon, 1998, ad hoc.
  6. Dubar Claude, La socializzazione. Come si costruisce l'identità sociale, Il Mulino, 2004, p. 43.
  7. Michel Foucault, Tecnologie del sé, in Un seminario con Michel Foucault – Tecnologie del sé, Boringhieri, 1992, pp. 20-23.
  8. Pier Luigi Zampetti, L’uomo e il lavoro nella nuova società, Rusconi, 1984, pp. 69-73.