Grammatica contestuale/Vocali e consonanti

Indice del libro

Le vocaliModifica

Quando pronunciamo le vocali, vibrano le corde vocali da ciò deriva il loro nome. La diversità dei suoni dipende dalla posizione della lingua nella bocca o dalla forma delle labbra.

Per le vocali i, é (chiusa) ed è (aperta) viene tenuta più alta la parte anteriore della lingua, mentre per a la lingua resta distesa. Per ò (aperta), o (chiusa) ed u, viene tenuta più alta la parte posteriore della lingua. Quanto alle labbra, esse sono arrotondate per la pronuncia della ò e della u, sono in posizione intermedia per la a e sono distese per la è, la e e la i.

La seguente tabella riepiloga quanto è stato detto finora sulle vocali:

Posizione delle labbra Vocali
Distese a, é, i
Arrotondate è, ò, à, u
Anteriori e, i, u, é
Posteriori a, o, è

Le consonantiModifica

Le consonanti possono essere sorde o sonore, vediamo cosa le distingue:

  • sonore: quelle che si pronunciano con vibrazione delle corde vocali, come b, d, g, v, s (sonora), z (sonora), g (palatale), m, n, gn, l, gl (palatale), r.
  • sorde: quelle che non comportano vibrazione delle corde vocali, come p, t, c (velare), s (sorda), z (sorda), c, (palatale), sc (palatale).

Nota: vi sono alcune consonanti che sono sia sorde che sonore a seconda dei casi, esse sono: s, z.

Le consonanti si possono anche dividere in relazione al luogo di articolazione, ossia a seconda di quali organi vengono usati per poter produrre un determinato fonema. La seguente tabella ne illustra la classificazione:


 
I luoghi di articolazione: A glottide - B faringe - C velo del palato - D palato molle - E palato duro - F alveoli - G denti - H labbra
Tipo Consonanti
Labiali
  • bilabiali: p, b, m.
  • labiodentali: f, v.
Dentali t, d, n, l, r, s, z.
Palatali c, nei seguenti casi:
  • c + e/i

g, nei seguenti casi:

  • g + e/i

sc, nei seguenti casi:

  • sc + e/i

gl, nei seguenti casi:

  • gl + i
  • gli + a , e, o, u

gn, nei seguenti casi:

  • gn + a, e, i, o ,u
Velari c, nei seguenti casi:
  • c + a, o, u
  • c + consonante
  • ch + e,i

q, nei seguenti casi:

  • qu + a, e, i, o

Infine, possono anche essere classificate secondo il modo di articolazione, ossia a seconda di come gli organi fonatori interagiscono per produrre un fonema. La seguente tabella ne mostra la classificazione, incrociandola con la classificazione per luogo di articolazione:

Tipo Occlusive Affricate Sibilanti Fricative Liquide Nasali
Bilabiali p, b, m - - - - m
Dentali t, d z s, z - r, l n
Labiodentali f, v - - f, v - -
Palatale - c, g gl gl gn
Velari c, g - - - - -

La h è solo un grafema, cioè un segno grafico, e non un fonema, ossia un suono vero e proprio. Essa distingue i suoni velari c e g davanti ad e ed i, come in china, ghisa.