Geografia generale ed economica/I climi e gli ambienti naturali

I tipi di climi presenti sulla terra dio climaModifica

Il clima è l'insieme delle caratteristiche del tempo atmosferico che contraddistinguono una regione.

Il clima è influenzato da piogge, umidità, venti e dalla pressione atmosferica.

I climi dipendono da diversi fattori come: l'altitudine, la longitudine, la distanza dal mare, la presenza di fiumi nel territorio e l'esposizione al sole e ai venti.

La parola clima viene dal greco clima che vuol dire "inclinato": il clima infatti è in massima parte una funzione dell'inclinazione dei raggi solari sulla superficie della terra al variare della latitudine.

Esso determina molte caratteristiche ambientali come flora e fauna al punto che a ciascuna fascia climatica si associano spesso ambienti simili (biomi) su tutto il globo (es. foreste pluviali, deserti, foreste temperate, steppe, taiga, tundra e banchisa polare), ed influenza fortemente le attività economiche, le abitudini e la cultura delle popolazioni che abitano il territorio.

I cinque tipi di climiModifica

 
in questa immagine si osservano le fasce dei climi sulla terra

Climi caldo-umidiModifica

Si trovano nelle aree comprese tra il Tropico del cancro e il Tropico del capricorno. Caratterizzati da temperature elevate ed abbondanti piogge,

Si divide in tre tipi di climi:

 
la linea evidenziata in questo planisfero è l'equatore

Clima equatorialeModifica

Si trova in Amazzonia, Africa centrale e Asia meridionale.

Caratterizzato da temperature molto alte (25-30 °C) , stessa durata del giorno e della notte e stagioni simili tutto l'anno.L'umidità relativa normalmente è molto elevata rispetto alla media delle temperature e risulta difficilmente sopportabile da chi non vi è abituato. La vegetazione è rappresentata dalla foresta pluviale.

Clima monsonicoModifica

Si trova dall'Asia meridionale all'isola del Madagascar al largo delle coste dell'Africa orientale. Caratterizzato dalla presenza dei monsoni , venti caldi provenienti dall'oceano indiano.Da giugno a ottobre i monsoni, caldi e carichi di umidità, provengono dall'oceano Indiano soffiando da sud-ovest a nord-est, dal mare verso la terraferma. La vegetazione è rappresentata dalla giungla, che a differenza della foresta pluviale, ha delle piante che perdono le foglie durante la stagione secca.

 
la savana in Tanzania, Africa

Clima della savanaModifica

Caratterizzato da due stagioni, una umida e un'altra secca, entrambe della durata approssimativa di 3 mesi. La prima comporta piogge intense e durature per molti giorni, con frequenti temporali e rari giorni senza fenomeni, simile al clima tropicale. La seconda invece è molto secca, con piogge quasi assenti, simile al clima desertico. La vegetazione è rappresentata da erbe alte e alberi dal tronco molto robusto.

Climi aridiModifica

Si trovano nei deserti.

Quello che accomuna tutti questi climi non sono i valori termici, ma la scarsità o l'assenza di precipitazioni che, in casi estremi, può durare per anni o addirittura per decenni.

L'accumulo annuo è inferiore a 250 mm anche se in alcuni casi ci possono essere violenti temporali che possono far eccedere questo valore.

Esistono due tipi di deserti con climi differenti:

 
un deserto caldo

Deserti caldiModifica

Si trovano in Africa, . America del sud e Australia. In queste zone le piogge sono molto rare e la mancanza di umidità e vegetazione provoca forti escursione termiche durante la giornata con differenze tra giorno e notte di anche 30°C. Di solito il fattore che porta alla formazione di un clima simile è la presenza dell'anticiclone subtropicale.

Deserti freddiModifica

Si trovano in Mongolia, Tibet, Stati Uniti e Patagonia. anche questi deserti sono caratterizzati da escursioni termiche e da fortissime escursioni termiche annue, a causa della continentalità della zona in cui si trovano.

 
una pianta grassa, il cactus

Le piante del desertoModifica

Le precipitazioni sono insufficienti per qualunque tipo di vegetazione completa, tanto più che il suolo è spesso riarso, roccioso o sabbioso e inadatto alla crescita di piante.le piante presenti nei deserti hanno una vita breve a causa dell piogge scarseggianti oppure possono vivere per molti anni grazie ai loro fusti capaci di immagazzinare acqua.

Climi temperati caldiModifica

si trovano nel Mediterraneo, in California, in Cile, in Sudafrica e in Australia.

Sono caratterizzati da inverni miti ed umidi e da estati calde.

La vegetazione è rappresentata dalla foresta mediterranea che è formata da arbusti aromatici ed alberi sempreverdi.

 
La taiga in Alaska

Climi temperati freddiModifica

Si trovano in Russia, in Scandinavia e in Canada.

Sono caratterizzati da inverni lunghi e freddi e da estati brevi con abbondante precipitazioni.

Nell'emisfero boreale si trova la Taiga che è una grande foresta di 15 milioni di chilometri quadrati coperta da alberi di conifere ed abitata da orsi, alci, renne e altri animali da pelliccia nella quale si ha questo tipo di clima.

Climi freddiModifica

Sono caratterizzati da inverni lunghi e freddi, estati brevi e tiepide con precipitazioni mai abbondanti.

Si dividono in due tipi di climi:

Clima freddo a estate caldaModifica

Si trova in Europa settentrionale, Asia orientale e America settentrionale. La vegetazione è rappresentata da steppe e praterie.

 
la foresta della tundra

Clima freddo a inverno prolungatoModifica

Si trova nelle zone settentrionali di Europa, Asia e America.

La vegetazione è rappresentata dalla tundra che è una pianura ricoperta di muschi e licheni presente solo nell'emisfero boreale. La temperatura è molto bassa ma in primavera ed in estate raggiunge i 10°C.

 
una vista del paesaggio antartico

Clima nivaleModifica

Si trova oltre i circoli polari artico e antartico e nelle zone di alta montagna.

E' caratterizzato da inverni molto rigidi con vaste distese di ghiacci.Le temperature medie sono sotto gli 0°C, ma raggiungono anche i -50°C.

La vegetazione è prevalentemente composta da muschi e licheni, la fauna da diverse specie animale tra cui il lupo, l'orso bianco, la volpe artica, l'ermellino che usano la bianca neve per mimetizzarsi e difendersi dai pochi abitanti di quelle zone che vivono di caccia per le pellicce. Da queste zone provengono molti dei legni più pregiati.