Disturbi mentali/Disturbi della volizione

Indice del libro

la volonta’ nel suo interno ci sono vari livelli…

istintoModifica

cioè l’impulso a realizzare un comportamento non appreso, per raggiungere un dato fine. Tale concetto deriva dall’ 800 dove il cervello era considerato un organo passivo bisognoso appunto degli istinti per essere attivato. Al giorno d’oggi per comportamenti alimentari o sessuali, si parla invece che di istinti, di attivazione di strutture, di ormoni, di centri di controllo, di meccanismi feedback, …

la volontàModifica

È a un livello superiore perché riguarda la decisione consapevole di perseguire un dato scopo. i disturbi della volontà sono diversi:

disturbi del linguaggioModifica

mutismoModifica

disturbi del comportamento motorioModifica

catalessiaModifica

immobilità con resistenza plastica ai movimenti passivi

negativismoModifica

tendenza a fare o dire il contrario di quanto richiesto.

manierismiModifica

espressioni mimiche con gesti goffi e artificiosi.

bizzarrieModifica

comportamenti patologici che sorprendono perché inusuali.

automatismoModifica

il compiere atti senza pensare alle conseguenze o al significato.

disturbi dell’impulsivitàModifica

piromaniaModifica

impulso a provocare incendi.

cleptomaniaModifica

appropriazione di oggetti che non saranno utilizzati.

dipsomaniaModifica

assumere periodicamente grandi quantità d’alcool.

ninfomaniaModifica

ricerca compulsiva da parte di soggetti femminili di molteplici rapporti sessuali senza curarsi delle caratteristiche dei compagni.

tricotillomaniaModifica

impulso a starpparsi peli o capelli fino a creare zone di alopecia.

disturbo esplosivo intermittenteModifica

comparsa di comportamento aggressivo e distruttivo per cause banali.

gioco d’azzardoModifica

quando risulta incontrollabile suggestionabilità eccessiva.

la dissociazione – mancanza di integrazione della vita psichica. pensiero, affettività, volontà e intelligenza non sono più armonicamente coordinate tra loro. È un fenomeno psicopatologico che si riscontra generalmente nella schizofrenia e nell’isteria.