Chimica per il liceo/Il metodo scientifico


Il metodo scientifico può essere applicato in modo rigoroso non solo dagli scienziati, ma da tutti noi. Proposto da Galilei nel '500, segue lo schema che vale ancora oggi.

La parte fondamentale è la curiosità e l'osservazione dei fenomeni. Non solo l'osservazione concreta, ma anche la documentazione, la ricerca, la raccolta di studi precedenti sull'argomento. Per esempio, se guardo l'acqua della pentola che si scalda sul fornello, posso osservare le bolle che si sviluppano dal fondo del recipiente e posso farmi diverse domande (investigabili): Perché le bolle di formano in basso? Di cosa sono fatte le bolle? Perché aumentano di quantità e dimensione nel riscaldamento?

Le varie fasi del metodo scientifico

La fase successiva è l'ipotesi, cioè una possibile risposta alla domanda fatta. Se ne possono fare diverse, ma si allestisce un esperimento per una ipotesi alla volta. L'esperimento è una situazione controllata che serve a verificare l'ipotesi e analizza 1 variabile per volta e deve sempre contenere un campione e un controllo(non sottoposto ad alcuna analisi). Variabili di un esperimento:

  • variabile dipendente-il parametro misurabile che studiamo
  • variabile indipendente-variabile scelta da noi e che rimane fissa
  • variabile standard-altri parametri che non sono valutati con questo esperimento

Durante l'esperimento, la raccolta dati permette di elaborare e analizzare la situazione. Se i dati confermano l'ipotesi, si può tratte la conclusione, altrimenti si deve formulare un'altra ipotesi.

Esempio di articolo scientifico pubblicato su www.ploseone.org

Il metodo sperimentale è alla base di ogni ricerca scientifica. La condivisione dei risultati tramite un articolo scientifico è importante perché la scienza si basa sui progressi delle tecnologie e delle scoperte. Un articolo scientifico è così strutturato:

  • titolo
  • autori
  • abstract
  • introduzione
  • materiali e metodi
  • procedimento
  • risultati e discussione
  • conclusioni
  • bibliografia

Ogni articolo scientifico descrive uno studio che è stato revisionato da altri scienziati (peer review) e l'esperimento è riproducibile (falsificabile).