Teatro delle donne: attrici, registe, compagnie femminili/Musiciste

Indice del libro

Laurie Anderson modifica

 
Laurie Anderson nel 2020 al New Zealand Festival of the Arts
« La musica, costruita sulle fondamenta dei ritmi elettronici, contiene molte delle forme melodiche che ho sperimentato anche su strumenti tradizionali come l'ehru e l'hurdy gurdy. Al centro c'è la mia voce semplice o alterata elettronicamente. »
(Laurie Anderson, 2007[1])

Laura Phillips "Laurie" Anderson è una musicista, performance artist e scrittrice statunitense, una delle principali animatrici della scena d'avanguardia newyorchese, per sua stessa definizione, "una narratrice di storie". Pioniera della musica elettronica, inventa diversi dispositivi che utilizza nelle sue registrazioni e negli spettacoli di performance art, come il tape-bow creato nel 1977, violino con un nastro magnetico sull'arco invece del crine di cavallo e una testina a nastro magnetico nel ponte[2], oppure il "bastone parlante" (strumento contenente un controller MIDI simile a un bastone lungo circa 1,80 m che può accedere e replicare i suoni), sviluppato in collaborazione con l'Interval Research alla fine degli anni '90[3].

Biografia modifica

« Ho per lei la stima che si deve avere per una grandissima artista multimediale, ma Lou è un'altra cosa. Lui con la sua musica ha cambiato il mondo, non so se mi spiego. »
(Fernanda Pivano, 2005[4])

Nata a Chicago il 5 giugno 1947, inizia a suonare il violino già in tenera età. Dopo la laurea in scultura alla Columbia University di New York, agli inizi degli anni settanta, si dedica alla Performance Art.

Il 12 aprile 2008, con una cerimonia privata a Boulder (Colorado), sposa il suo compagno Lou Reed conosciuto a Monaco nel 1992, dove entrambi suonano al Kristallnach Festival (in ricordo della Notte dei Cristalli del 1938, evento che ha segnato l'inizio dell'Olocausto) con John Zorn. Rimasta vedova il 27 ottobre 2013, Anderson commemora il marito con una toccante lettera di addio diffusa dagli organi di stampa[5].

Carriera modifica

Anni '70

Durante l'esibizione in strada Duets on Ice, Anderson suonava il violino, alla cui musica si sovrapponeva un loop di suoni prodotti da un registratore nascosto all'interno dello strumento. Indossando un paio di pattini - le cui lame erano immerse in due blocchi di ghiaccio - Laurie smetteva di suonare solo quando il ghiaccio si era sciolto e non poteva più stare in piedi. I pezzi New York Social Life e Time to Go, assieme a opere di Pauline Oliveros e altri artisti, sono inclusi nella compilation che New Music for Electronic and Recorded Media ha pubblicato nel 1977. Altri due brani sono stati inclusi nella raccolta di brani audio di artisti vari intitolata Airwaves. Molte delle prime registrazioni di Anderson sono inedite oppure vengono pubblicate in quantità limitate. È il caso del suo primo singolo, It's Not the Bullet that Kills You (It's the Hole), che insieme a New York Social Life e una dozzina di altre, è stata registrata per essere utilizzata alla Holly Solomon Gallery di New York, in un'installazione artistica che prevedeva un jukebox che suonava diverse composizioni di Anderson. Tra i musicisti che hanno collaborato alle prime registrazioni di Anderson, c'erano Ken Deifik (armonica), Peter Gordon (sassofono), Scott Johnson (chitarra) e Joe Kos (batteria).

Alla fine degli anni '70, Anderson realizza diverse altre registrazioni pubblicate privatamente o incluse in compilation di musica d'avanguardia, in particolare dall'etichetta Giorno Poetry Systems gestita da John Giorno, poeta newyorkese e intimo di Andy Warhol.

Anni '80

Nel 1981 Anderson raggiunge il numero due nelle classifiche britanniche con il singolo O Superman, originariamente pubblicato in quantità limitata dalla One Ten Records di B. George e parte di un'opera teatrale più ampia intitolata United States, inclusa nell'album Big Science. Grazie anche all'impennata di vendita data dal fatto che la stazione britannica BBC Radio 1 mette il disco nella sua playlist, l'artista firma un contratto di sette album con la Warner Bros. Records, che in seguita ripubblica il singolo.

 
Laurie Anderson nel 1986

Nel 1986 recita e dirige il film concerto Home of the Brave e compone le colonne sonore dei film di Spalding Grey Swimming to Cambodia e Monster in a Box. Durante questo periodo, contribuisce alla musica della tragedia Alcesti di Euripide diretta da Robert Wilson e messa in scena all'American Repertory Theatre di Cambridge (Massachusetts).

L'uscita del album di Anderson Strange Angels del 1989, viene ritardata di oltre un anno per consentire ad Anderson di prendere lezioni di canto. Uno dei brani dell'album, il singolo Babydoll, ottiene un discreto successo nelle classifiche dell'anno.

Anni '90

Nel 1991 Anderson fa parte della giuria del 41° Festival Internazionale del Cinema di Berlino e nello stesso anno, è la presentatrice del documentario artistico della BBC The Human Face, diretto da Nichola Bruce e Michael Coulson. Nel documentario, che ripercorre la storia del volto nell'arte e nella scienza, mentre introduce la relazione tra fisionomia e percezione, con l'ausilio di maschere in lattice, il suo viso viene trasformato attraverso effetti speciali digitali. Negli anni '90 scrive il testo della canzone This World Is Something New to Me (interpretata da Patti Smith, Lenny Kravitz, Beck, Jakob Dylan, Iggy Pop e altri, parte della colonna sonora del film d'animazione The Rugrats Movie e inclusa nell'album Music From The Motion Picture: The Rugrats Movie), crea il CD-ROM Puppet Motel, seguito da Bright Red (coprodotto da Brian Eno) e dall'album di parole The Ugly One with the Jewels.

Durante un intervallo di oltre mezzo decennio prima dell'uscita del suo prossimo album, Anderson scrive un articolo per l'Encyclopædia Britannica sul carattere culturale di New York[6] e crea una serie di presentazioni multimediali, di cui una ispirata a Moby Dick (Songs and Stories from Moby Dick, 1999– 2000).

A partire dagli anni '90, Anderson e il marito Lou Reed hanno collaborano a varie registrazioni, dalle tracce In Our Sleep in Anderson's Bright Red, a One Beautiful Evening in Anderson's Life on a String, My Right Eye e Only an Expert in Anderson's Homeland, di cui Reed è anche co-prodotto. A sua volta, partecipa alle tracce del compagno, Call on Me dal progetto collaborativo di Reed The Raven, Rouge e Rock Minuet da Reed's Ecstasy e Hang On to Your Emotions da Reed'.

Anni 2000

Nel 2001, Anderson registra la versione in audiolibro del romanzo di Don DeLillo The Body Artist e successivamente parte per una tournée dove esegue una selezione dei suoi brani musicali più conosciuti. Una di queste esibizioni viene registrata a New York una settimana dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre e viene pubblicata all'inizio del 2002 come doppio CD dal nome Live in New York.

Nel 2003, Anderson diventa la prima artista residente della NASA, evento che ispira la sua performance The End of the Moon e nel 2005 visita il programma spaziale russo, il Gagarin Cosmonaut Training Center e il controllo della missione, esperienza su cui riflette nell'evento Space Soon di The Arts Catalyst alla Roundhouse. Fa parte del team che ha creato la cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici del 2004 ad Atene e nello stesso anno Anderson collabora con la regista Agnieszka Wojtowicz-Vosloo e la coreografa Trisha Browne nell'acclamato progetto multimediale O Zlozony/O Composite per il Balletto dell'Opera di Parigi, che fa il suo debutto all'Opera Garnier di Parigi nel dicembre 2004. L'anno successivo viene aperta alla Sean Kelly Gallery di New York la sua mostra The Waters Reglitterized, disegni, stampe e video ad alta definizione che compongono un diario dei sogni e la loro ricreazione letterale come opere d'arte.

 
Anderson con il Kronos Quartet nel 2015, dopo aver eseguito Landfall al Harris Theater di Chicago.

Nel 2006 Anderson ottiene una residenza presso l'American Academy in Rome e narra Andy Warhol: A Documentary Film di Ric Burns, trasmesso per la prima volta in televisione nel settembre 2006 come parte della serie American Masters della PBS. Si esibisce nel Came So Far for Beauty, un evento tributo a Leonard Cohen tenutosi al Point Theatre di Dublino, dal 4 al 5 ottobre 2006. A novembre dello stesso anno, Laurie Anderson pubblica un libro di disegni basato sui suoi sogni, intitolato Night Life.

Anni 2010

Anderson scrive l'opera teatrale Another Day in America le cui prime proiezioni pubbliche avvengono a Calgary nel gennaio 2012, come parte della stagione 2011-12 del Theatre Junction Grand e del festival artistico High Performance Rodeo. Nel 2018, invitata dal produttore Mario J. McNulty, partecipa sia con la voce sia alla produzione di una ri-registrazione della canzone di David Bowie Shining Star (Makin 'My Love), originariamente parte dell'album di Bowie Never Let Me Down' del 1987.

 
Anderson che suonava all'aperto durante uno spettacolo a Times Square nel 2016

Alla 61a edizione dei Grammy Awards, tenutasi a Los Angeles il 10 febbraio 2019, Landfall di Anderson e Kronos Quartet vince il Grammy Award per la migliore performance di musica da camera/piccolo ensemble; è la prima collaborazione di Anderson con il Kronos Quartet e il suo primo Grammy Award, secondo Grammy invece per Kronos.

Laurie Anderson collabora con l'artista taiwanese Hsin-Chien Huang in Chalkroom, un'opera in realtà virtuale in cui il lettore vola attraverso un'enorme struttura fatta di parole, disegni e storie. To the Moon è un'altra opera d'arte di realtà virtuale che vede la collaborazione di Anderson con Hsin-Chien Huang'. Presentata in anteprima al Manchester International Festival il 12 luglio 2019, quest'esperienza VR di 15 minuti consente al pubblico - attraverso immagini della mitologia greca, della letteratura, della scienza, dei film di fantascienza e della politica - di camminare sulla superficie ed esplorare una nuova luna immaginata come una discarica di plastica e scorie nucleari, scivolare sulla spazzatura dalla Terra o volare attraverso scheletri di DNA[7].

Anni 2020

Nel 2021 Laurie Anderson viene nominata professoressa di poesia presso l'Università di Harvard e presenta una serie di sei conferenze intitolate Spendere la guerra senza di te: sfondi virtuali nel corso dei semestri primaverili e autunnali. Sempre nel 2021, allestisce al secondo piano dell'Hirshhorn Museum di Washington, la mostra The Weather, descritta dal New York Times come "una sorta di retrospettiva non retrospettiva di uno dei maggiori, e maggiormente confondenti, artisti moderni"[8].

Premi e riconoscimenti modifica

  • Dottorato onorario dal San Francisco Art Institute (1980)
  • Guggenheim Fellowship for Creative Arts-Film (1982)
  • Dottorato honoris causa in belle arti dall'Università delle Arti di Filadelfia (1987)
  • Premio Tenco per la canzone d'autore (2001), insieme a Luis Eduardo Aute
  • Deutsche Schallplatten Prize per Life on a String (2001)
  • Diventa la prima artista ufficiale della NASA (2003)
  • Miglior documentario per Heart of a Dog al Adelaide Film Festival (2015)
  • Miglior documentario per Heart of a Dog al Chicago International Film Festival (2015)
  • Premio Lina Mangiacapre Heart of a Dog alla Mostra del Cinema di Venezia (2015)
  • Miglior performance di musica da camera/piccolo ensemble per Landfall ai Grammy Awards (2019)
  • Premio alla carriera al Festival Internazionale del Film di Locarno (2015)

Discografia (selezione) modifica

  • You Are the Guy I Want to Share My Money With (1981), con William S. Burroughs e John Giorno
  • Big Science (1982)
  • Mister Heartbreak (1984)
  • United States Live (1984)
  • Home of the Brave (1986)
  • Strange Angels (1989)
  • Bright Red (1994)
  • In Our Sleep (1995)
  • The Ugly One with the Jewels And Other Stories (1995)
  • Talk Normal: The Laurie Anderson Anthology (2000)
  • Life on a String (2001)
  • Live in New York (2002)
  • Homeland (2010)
  • Landfall (2018)
  • Songs from the Bardo (2019)

Audiolibri modifica

  • The Path to Tranquility del Dalai Lama (1999), co-narratrice
  • The Body Artist di Don DeLillo (2001), narratrice
  • Nothing in My Pockets (2003), diario in due parti (pubblicato anche in francese)

Filomena Campus modifica

(IT)
« Anni fa ho lasciato la mia isola per un'altra isola, che mi ha accolto e mi ha aiutato a realizzare tanti sogni. In un momento in cui tutti sembrano alzare muri, io miro a costruire un ponte tra i nostri due paesi. Un ponte fatto di note jazz, teatro e maschere, incontri musicali arricchiti dalle parole magiche di una grande poesia. »

(EN)
« Years ago I left my island for another island, that welcomed me and helped me to make many dreams come true. In a moment where everyone seems to draw up walls, I aim to build a bridge between our two countries. A bridge made of jazz notes, theatre and masks, musical encounters enriched by the magic words of great poetry. »
(Filomena Campus, Theatralia Jazz Festival press release[9])

Filomena Campus è una musicista jazz, compositrice, regista teatrale, accademica e speaker radiofonica italiana.

Biografia modifica

Nata a Macomer, paesino nella provincia di Nuoro[10], si laurea in letteratura inglese presso l'Università degli Studi di Cagliari. Inizia ad esibirsi da studentessa[11] portando in scena nel 2001, a Cagliari, lo spettacolo intitolato A Game of Chess, un lavoro che mette insieme jazz dal vivo e teatro ispirato a Samuel Beckett, James Joyce e T. S. Eliot, di cui è interprete e regista.[12] Lo stesso anno si trasferisce in Inghilterra per conseguire un master in regia teatrale alla Goldsmiths University of London.[13][14]

Carriera modifica

Due anni più tardi, nel 2003, per unire musicisti jazz italiani e britannici, Campus fonda la compagnia Theatralia - originariamente conosciuta come My Jazz Islands, "un collettivo internazionale di performer e artisti che combinano letteratura, teatro fisico, performance art e arte digitale con musica dal vivo e partecipazione del pubblico".[15], che insieme a PizzaExpress Jazz Club di Soho, cura l'annuale Theatralia Jazz Festival, prodotto sia a Cagliari che a Londra[16].

Come cantante, Filomena Campus si esibisce con musicisti di spessore come Guy Barkerr, Laura Cole, Paolo Fresu, Tori Handsley, Tony Kofi, Evan Parker, Jackie Walduck, Kenny Wheeler e altri e partecipa a diversi festival internazionali. Sul London Jazz News la sua voce viene definita "una vasta gamma di suoni vocali davvero improvvisati"[17].

(IT)
« Con un misto di brio teatrale e puro talento, hanno tutti prodotto uno spettacolo che ha alzato il livello. La bellezza e l'innovazione della produzione hanno riempito ogni nota e parola pronunciata e cantata durante la notte. Brillante! »

(EN)
« With a mixture of theatrical panache and sheer talent, they all produced a show that raised the bar. The beauty and innovation of the production filled every note and words spoken and sung on the night. Brilliant! »
(Erminia Yardley, Jazz in Europe[18])

Nel 2008, al Festival di Edimburgo Campus adatta e dirige la produzione teatrale Misterioso, A Journey into the Silence of Thelonious Monk, scritto da Stefano Benni con la musica di Thelonious Monk. Lo spettacolo viene riproposto successivamente ai Riverside Studios nel 2009 (con Christina Oshunniyi e Tamsin Shasha) e negli anni seguenti in altre occasioni, incluso il Theatralia Jazz Festival. Nell'ottobre 2017, con la sponsorizzazione dall'Arts Council England presso la British Library[16], viene lanciato il Monk Misterioso Tour internazionale che termina con una nuova produzione drammatizzata di Misterioso: A Journey into the Silence of Thelonious Monk al Kings Place, a chiusura della celebrazione, da parte del London Jazz Festival, del centenario della nascita di Monk. Lo spettacolo vede la partecipazione di Campus al fianco di Mark Mondesirn, Dudley Philips, Orphy Robinson, Rowland Sutherland, Pat Thomas, Cleveland Watkiss[19].

Nel 2010, insieme a Steve Lodder (pianoforte), Dudley Phillips (contrabbasso) e Rod Youngs (batteria), l'artista forma il Filomena Campus Quartet.

Oltre all'attività teatrale, Filomena Campus ha insegnato e tenuto conferenze sull'impostazione della voce, sull'improvvisazione e altri studi correlati al teatro, presso la Royal Central School of Speech and Drama, l'University College di Londra, le università dell'Essex] e di Kingston.[15], conduce un programma settimanale di interviste agli artisti su London One Radio e cura il programma della stazione radiofonica Jazz London Radio.

Premi e riconoscimenti modifica

  • Premio Maria Carta (2009)
  • Premio Navicella (2015)[20]
  • Borsa di studio presso la Royal Central School of Speech and Drama (2020)

Progetti modifica

  • Album Jester of Jazz (2011), con Jean Toussaint e Rowland Sutherlandm
  • Italy VS England (2013), con lo scrittore Stefano Benni, ospite Cleveland Watkiss[21]
  • Scaramouche (2015), con Giorgio Serci e w:Kenny Wheeler
  • Queen Mab (2016), omaggio alla tradizione musicale sarda e ai maestri brasiliani, presentato al EFG London Jazz Festival
  • Liberate Rame! Le pratiche femministe della regista e attivista Franca Rame (2020), progetto di ricerca con l'Archivio di Stato di Verona e la Fondazione Dario Fo e Franca Rame

Video modifica

Note modifica

  1. Laurie Anderson, Corriere della sera, 22 giugno 2007
  2. Don Shewey, The Performing Artistry of Laurie Anderson, su donshewey.com.
  3. UMS Concert Program: 1999-2000 Fall (PDF), su University Musical Society.
  4. Fernanda Pivano, Corriere della Sera, 29 giugno 2005
  5. L'addio di Laurie Anderson a Lou, su loureed.it, 6 novembre 2013.
  6. Encyclopædia Anderson, in The New Yorker, 16 luglio 2001.
  7. Stephi Wild, Laurie Anderson's TO THE MOON Will Make UK Premiere, su Broadway World, 9 luglio 2019.
  8. Sam Anderson, Laurie Anderson Has a Message for Us Humans, in The New York Times, 6 ottobre 2021.
  9. Soho's PizzaExpress Jazz Club hosts the third annual Theatralia Jazz Festival curated by Filomena Campus (PDF), su Nicky Thomas Media Consultancy.
  10. Enrico Franceschini, 24. All that jazz, in Londra Italia, Laterza, 2016, ISBN 9788858124079.
  11. Meet the Artist... Filomena Campus, su The Cross-Eyed Pianist, 29 ottobre 2015.
  12. Filomena Campus BA, MA, su Royal Central School of Speech & Drama.
  13. Michael J. Edwards, Filomena Campus, su UK Vibe, 2015.
  14. Tonino Oppes, “Fiera della mia sardità”: incontro con la cantante jazz Filomena Campus che vive a Londra, su Tottus in pari, 27 marzo 2018.
  15. 15,0 15,1 About Filomena, su filomenacampus.me.
  16. 16,0 16,1 Thelonious Monk, su Black History Month, novembre 2017.
  17. Alison Bentley, Review: Filomena Campus/Paolo Fresu/Orphy Robinson/Giorgio Serci - My Jazz Islands Festival at Pizza Express Jazz Club, su London Jazz News, 12 novembre 2014.
  18. Erminia Yardley, Magical gig by Filomena Campus et al - the perfect conclusion to the EFG London Jazz Festival, su Jazz in Europe, 28 novembre 2017.
  19. Monk Misterioso. A journey into the silence of Thelonious Monk, su monkmisterioso.com.
  20. L'Albo d'oro, su Premio Navicella Sardegna.
  21. Walter Porcedda, Con Benni e Campus un viaggio tra due isole jazz, in La Nuova Sardegna.