Bellezza naturale/Introduzione

Indice del libro
Panorama alle Barbados

Introduzione alla BellezzaModifica

Impegnati nel pensare, sentire e fare, troviamo valori che ci guidano in ogni area. Se la verità è il preside nella scuola del pensiero e la bontà governa la scuola del fare, allora la bellezza conduce la scuola del sentimento.

Basare una vita su un piano equilibrato di verità scientifica, filosofica e spirituale apre una nuova sensibilità alla bellezza. La prima ragione di questo risultato è che la verità, pienamente realizzata, è meravigliosa. Al suo apice, la verità è la realizzazione di relazioni amorevoli nella famiglia universale. Coloro che enfatizzano le dimensioni biologiche e socio-psicologiche dell'esperienza estetica possono concordare sul fatto che la più ampia realizzazione possibile della verità apre il più ampio apprezzamento possibile della bellezza.

C'è un'altra ragione per cui una realizzazione integrata della verità apre particolarmente bene il cuore alla bellezza:

LA SEMPLICITÀ!
La semplice consapevolezza della bellezza

Tale realizzazione dà pace con la realtà a tutti i livelli. Una ragionevole accuratezza nella responsabilità scientifica e filosofica e nella ricettività spirituale porta a una nuova qualità di semplicità. Le questioni scientifiche, filosofiche o di ricerca dell'identità interiore non agitano la vita quotidiana della maggior parte delle persone. Le attività quotidiane della maggior parte delle persone operano con problemi di verità in contesto. Quando tale contesto ha una semplicità luminosa, un calore derivato dall'integrazione, abbiamo il rilassamento che ci consente di godere della bellezza che ci circonda e di esprimere la bellezza attraverso le nostre stesse vite.

Sulla strada che va dalla verità alla bontà, è facile evitare la bellezza. Comprendere una situazione prepara una persona ad agire. Perché una filosofia di vita non dovrebbe quindi procedere direttamente alle riflessioni sulla moralità e sull'etica? La bellezza sembra superflua finché non riflettiamo. La percezione stessa dei fatti inizia con la risposta dell'organismo alla bellezza, poiché è l'attrattiva delle cose su uno sfondo relativamente neutro che attira l'attenzione su di loro, verso un uccello dai colori vivaci su un ramo o un animale che si muove attraverso un campo. Quando i valori divini si manifestano nella coscienza, essi vengono percepiti come esche (per usare un termine psico-filosofico). Se agiamo sulla base di una comprensione della verità senza bellezza, difficilmente possiamo esprimere l'amore. Al contrario, una volta che sperimentiamo la bellezza nella verità, la bellezza nella bontà, o la bellezza nella natura o nelle arti, diventa impensabile che il vivere possa essere completo senza bellezza. Ci sono innumerevoli testimonianze sui benefici per la salute, il buonsenso e la felicità derivanti dal prendere/trovare tempo per godere della bellezza. Quindi una filosofia di vita non può permettersi di evitare la bellezza.

Più conosciamo la bellezza, più realizziamo il ruolo della bellezza in tutto ciò che facciamo. Anche se la bellezza di solito rimane sullo sfondo delle attività quotidiane della maggior parte delle persone, è lì, non persa, non fuori dal campo della consapevolezza, e c'è una delicata transizione quando ci concentriamo su di essa direttamente. La bellezza è stata il valore della ricerca più insensata e la più trascurata dai pensatori, ma sta cominciando a vedere una rinascita di riconoscimento genuino. Le voci delle tradizioni amerindie che parlano di "camminare nella bellezza" vengono oggi ascoltate più ampiamente. Gli ambientalisti stanno riscoprendo la gioia della vita naturale. Le città stanno scoprendo il vantaggio estetico del consegnare i muri negli spazi pubblici a dipinti murali realizzati da artisti dotati e addestrati, dopo una discussione comunitaria su ciò che vogliono rappresentare.

 
Murale su parete della Biblioteca City Terrace, California

Voci correlate (su Wikipedia)Modifica

Collegamenti esterniModifica