Luoghi comuni da sfatare/Cibo e cucina

Ripa- Furor poético.jpg

CopertinaLuoghi comuni da sfatare/Copertina
Luoghi comuni da sfatare sulla botanica
  1. Botanica capitolo 1Luoghi comuni da sfatare/Botanica capitolo 1
  2. Botanica capitolo 2Luoghi comuni da sfatare/Botanica capitolo 2
  3. Botanica capitolo 3Luoghi comuni da sfatare/Botanica capitolo 3
Luoghi comuni da sfatare sugli animali
  1. Animali capitolo 1Luoghi comuni da sfatare/Animali capitolo 1
  2. Animali capitolo 2Luoghi comuni da sfatare/Animali capitolo 2
  3. Animali capitolo 3Luoghi comuni da sfatare/Animali capitolo 3
Luoghi comuni da sfatare su altri argomenti
  1. StoriaLuoghi comuni da sfatare/Storia
  2. Scienza‎Luoghi comuni da sfatare/Scienza‎
  3. Cibo e cucinaLuoghi comuni da sfatare/Cibo e cucina
  4. Altri argomenti capitolo 1Luoghi comuni da sfatare/Altri argomenti capitolo 1
  5. Altri argomenti capitolo 2Luoghi comuni da sfatare/Altri argomenti capitolo 2
  6. Altri argomenti capitolo 3Luoghi comuni da sfatare/Altri argomenti capitolo 3
Sushi. Contrarimente alla credenza popolare, il sushi può contenere molti ingredienti crudi, tra cui verdure ed altri prodotti.
  • I mitili che non si aprono durante la cottura possono comunque essere completamente cotti e sicuri da mangiare. Aprendo le valve accertarsi però che i mitili non siano "morti da parecchio tempo" e quindi avariati. Per questo motivo di solito si preferisce non aprire i gusci rimasti chiusi nella cottura, onde evitare di contaminare tutto il piatto.

[1]

  • Alcuni cuochi credono che i cibi cotti con vino o liquore non saranno alcolici, a causa del basso punto di evaporazione dell'alcool che ne causa la dispersione nell'aria durante la cottura. In realtà, uno studio ha scoperto che parte dell'alcool rimane: il 25% dopo un'ora di cottura, e il 10% dopo due ore.[2]
  • Sushi non vuol dire "pesce crudo", e non tutto il sushi è fatto di pesce crudo. Il nome "sushi" si riferisce al riso all'aceto che viene usato per prepararlo: il sushi è fatto di sumeshi, un riso delicatamente mescolato con aceto di riso, sale e zucchero.[3] Il riso viene tradizionalmente associato a pesce crudo, frutti di mare cotti, uova di gallina e di pesce e/o verdure come cetriolo, daikon e avocado. Il termine giapponese "sashimi" si avvicina maggiormente al significato di "pesce crudo", ma non del tutto: sashimi può anche indicare carne o verdura non cotta, e di solito si riferisce prevalentemente alla presentazione del piatto che ai suoi ingredienti. Il piatto consiste in riso sushi ed altri condimenti avvolti in alghe chiamate makizushi.
  • Il forno a microonde non cucina il cibo dall'interno. Le radiazioni del microonde penetrano nel cibo e causano un riscaldamento diretto solo a breve distanza dalla superficie. Questa distanza è chiamata "effetto pelle". Ad esempio, il tessuto muscolare (carne) ha un effetto pelle di circa 1 cm, alle frequenze del microonde.[4]
  • Mettere del metallo dentro un forno a microonde non ne danneggia i circuiti. Ci sono comunque altri problemi di sicurezza: in pezzi di metallo non progettati per essere usati in un microonde si può sviluppare un arco elettrico, e il metallo può scaldarsi così tanto da danneggiare il cibo, la cute o l'interno del forno. Gli oggetti metallici progettati per microonde possono invece essere utilizzati senza pericoli.[5]
  • I chewing-gum deglutiti non ci mettono sette anni per essere digeriti. In effetti, il chewing-gum è perlopiù indigeribile, ma attraversa il sistema digestivo con la stessa velocità degli altri alimenti.[6]

NoteModifica

  1. Karl S. Kruszelnicki, Mussel myth an open and shut case, Abc.net.au, 29 ottobre 2008. URL consultato il 29 agosto 2009.
  2. Does alcohol burn off in cooking?, Ochef.com. URL consultato il 29 agosto 2009.
  3. How Sushi Works, HowStuffWorks. URL consultato il 4 febbraio 2011.
  4. Vander Vorst, Andre, RF/Microwave Interaction with Biological Tissues, John Wiley and Sons, 2006, ISBN 978-0471732778. Page 43, "Figure 1.8.
  5. US Patent 7112771 - Microwavable metallic container, su patentstorm.us.
  6. John Matson, Fact or Fiction?: Chewing Gum Takes Seven Years to Digest, Scientific American, 11 ottobre 2007. URL consultato il 4 febbraio 2011.