Laboratorio di chimica in casa/Estrazione

TeoriaModifica

liquido-liquidoModifica

solido-liquidoModifica

ApparecchiatureModifica

liquido-liquidoModifica

solido-liquidoModifica

SoxhletModifica

StrutturaModifica
 
Funzionamento dell'estrattore soxhlet

L'estrattore soxhlet è un' apparecchiatura da laboratorio che separa un soluto da una sostanza solida mediante ripetuti cicli di estrazione discontinui con solvente.

Questa apparecchiatura è composta da tre parti: un condensatore, un corpo centrale dotato di sifone e un pallone di raccolta.

Il condensatore solitamente è a bolle (tipo Allihn) e serve per non far fuoriuscire i vapori del solvente che ricondensano ricadendo nel corpo centrale.

Il corpo centrale è di forma cilindrica e presenta alle estremità due giunti conici (un maschio ed una femmina), esso è chiuso nella parte inferiore (prima del giunto maschio) da una parete di vetro che non permette la caduta all'interno del pallone della sostanza solida. È presente un tubo che collega il giunto inferiore alla parete laterale superiore del corpo principale ed un piccolo sifone che collega la base dell'estrattore(prima della parete di vetro) al pallone.

Nel corpo centrale si pone un ditale di carta pressata che contiene la sostanza solida da estrarre.

FunzionamentoModifica

L'estrazione avviene in due fasi: una di riempimento del ditale ed una di svuotamento dell'estratto all'interno del pallone di raccolta.

Il solvente posto all'interno del pallone viene scaldato ed evapora passando attraverso il tubo laterale del corpo centrale e giungendo al condensatore dove ricade riempiendo il ditale ed imbibendo la sostanza solida. Il solvente si arricchisce di soluto ed una volta superato il livello massimo del sifone l'estratto ricade nel pallone. a seguito di un certo numero di cicli di lavoro la maggior parte del soluto si troverà nel solvente dentro al pallone.