Laboratorio di chimica in casa/Purificazione dell'alcol denaturato

Questa pagina è uno stub Questo modulo è solo un abbozzo. Contribuisci a migliorarlo secondo le convenzioni di Wikibooks

L'alcol denaturato è il comune alcol rosa venduto nei supermercati, usato per le pulizie.
È una miscela di alcol etilico al 90% in volume ed acqua acqua più alcuni composti denaturanti che, secondo la norma europea, sono: tiofene (1,25 g/l agente maleodorante), benzoato di denatonio[1] (0,008 g/l agente inasprente), Reactive Red 24[2] (0,0075 g/l colorante rosa) ed acetone (2% in volume).[3]
L'acetone non è un problema, essendo anch'esso un solvente organico poco reattivo chimicamente, ma le altre sostanze, come il colorante ed il tiofene, possono creare problemi, ed in certi esperimenti sarà necessario rimuoverle.

Rimozione del coloranteModifica

Il colorante si può rimuovere per adsorbimento, ossia si introduce un materiale (detto appunto adsorbente) che cattura le molecole di colorante e le trattiene nelle proprie cavità.

Adsorbimento su carbone di legnaModifica

  Questa sezione è ancora vuota; aiutaci a scriverla!

Adsorbimento su idrossido ferrosoModifica

  Questa sezione è ancora vuota; aiutaci a scriverla!

DistillazioneModifica

  Questa sezione è ancora vuota; aiutaci a scriverla!

Rimozione dell'acqua residuaModifica

 
setacci molecolari (zeoliti)

La distillazione non riesce ad eliminare tutta l'acqua dalla miscela in quanto l'alcol forma con essa un azeotropo, perciò bisogna ricorrere a sostanze essiccanti come solfato di magnesio anidro  , setacci molecolare (zeoliti 3 A). Una volta aggiunta una quantità necessaria di agente essiccante all'alcol mescolando vigorosamente si filtra separando la parte solida dal solvente.

NoteModifica

  1.  
  2.  
  3. http://www.salvelocs.it/alcool-denaturato.htm