Tarantino/Testi didattici

Indice del libro

Testi didatticiModifica

In questo modulo ci sono dei testi a scopo didattico. Possono essere in tarantino, in doppia lingua italiano-tarantino o anche in italiano da tradurre per praticare alcuni argomenti della lingua. Non si dimentichi che per trovare testi, la fonte consigliata è internet, e non ultimo (anzi), è il progetto wiki in tarantino (Uicchipèdie) in tarantino, dove si può leggere e praticare su molti di argomenti.
I livelli indicati sono tre: elementare, intermedio e avanzato.

Frasi utiliModifica

Prima di cominciare con i testi veri e propri, ecco un elenco di frasi utili. Così principianti più impazienti potranno impararle anche prima di saperle costruire da sé (per adesso...).

Tarantino Italiano
- Se parlà 'u tarandíne?
- Sìne, u sacce parlà 'u tarandíne
- Sai parlare il tarantino?
- Sì, so parlare il tarantino.
- Comme te chiame? / Qual è 'u nome tue? (*)
- Me chiamme ... / 'U nome mì ié ...
- Come ti chiami? / Qual è il tuo nome?
- Mi chiamo ... / Il mio nome è ...
- Quande anne tinne?
- Ténghe... anne.
- Quanti anni hai?
- Ho ... anni.
- Addò iàvete?
- Iì iàvete a ...
- Dove abiti?
- Io abito a (in) ...
D'addò avéne? Da dove vieni?
Addò vé? Dove vai?
Cumme sté? Come stai (ti senti)?
- Ce ore éte?
- Sonde le dice.
- Che ora è?
- Sono le dieci.
- Ce vvué ccu mange/ ccu bbéve?
- Nínde, grazie!
- Cosa desideri mangiare / bere?
- Nulla, grazie!
- Pozze ccu l'aiùte?
- Sìne grazzie, addò se iacchie 'na banghe (stazióne, aerepuérte...)?
- Posso aiutarla?
- Sì grazie, dov'è una banca (stazione ferroviaria, aeroporto...)?
Vuléve ca 'nu sciùrne veníve indre o paise mì. Vorrei che un giorno venissi nel mio paese.
Bovègne, fàce cumme ce fuésse a case tove! Benvenuto, fai come se fossi a casa tua!
Te ame. Ti amo.
Vuè 'nu picche de tté? Vuoi un po' di tè?

Presentarsi (tarantino ed italiano)Modifica

(Livello elementare)

"Cià 'mbà! Iì sonde Ndònie. Sò nu uagnòne tagliáne e iàvete a Ttàrede. Ténghe l'uécchie azzúrre, e le capídde níre. Iì stoche a stùdie 'mbormateche e tténghe 23 (vindetré) anne. Ténghe nu frate e na sore. Attàneme, màmmeme e le fràtere mí sònde assaie sembàteche. Nu hame nu iàtte niure".

"Ciao amico! Io sono Antonio. Sono un ragazzo italiano ed abito a Taranto. Ho gli occhi azzurri e i capelli neri. Studio informatica, ho 23 anni. Ho un fratello ed una sorella. Mio padre, mia madre e i miei fratelli sono molto simpatici. Noi abbiamo un gatto nero."

Modi di dire (tarantino ed italiano)Modifica

(Livello: variabile)

  • 'A Madonne se l'ha viste
Se l'è vista la Madonna? : quando il destino è andato nella direzione auspicata
  • 'A mmézze pparòle!
a mezza parola! : adesione entusiasta ad una proposta (mi basta la prima metà della parola per dirti di si)
  • 'Alla securdùne
di nascosto : quando meno te l'aspetti
  • Belle bbelle
piano piano : esortazione a fare con calma o con molta attenzione
  • Citte citte mménze a chiàzze
zitti zitti in mezzo alla piazza : detto di una cosa che sanno tutti (equiv. a "il segreto di Pulcinella")
  • Cu ce se méte? Cu le forbece!
con che si miete? con le forbici! : detto a chi insiste nel proporre una cosa sbagliata
  • Figghie de u sckífe
figlio dello schifo : (dispregiativo, offensivo) reietto, appestato, rifiuto della società
  • M'hé pegghiàte pe ppàsta mmenute?
Mi prendi per pasta piccola? : detto a chi sta sottovalutando le tue qualità
  • Ne vulime de vù, nù!
Ce ne vogliono di voi per arrivare a noi : usato come sfottò per rimarcare una certa differenza di qualità
  • Non mesckàme le squércele cu lle fàfe
Non mischiamo le bucce vuote con le fave : teniamo distinte le cose buone dagli scarti (equiv. a "non confondiamo la lana con la seta")
  • Rabbine
Rabbino : (dispregiativo) tirchio
  • Se n'ha sciute a ll'acíte
è diventato aceto : detto di qualcuno che non ci sta più con la testa

Cèlte (tarantino)Modifica

(Livello intermedio)

Cu ‘u nome de Cèlte s’ìnneche ‘n’inziéme de popule indoeuropée ca, ind’ô periode de masseme sblendore (IV-II sèchele a.C.), stavane ind’a ‘na ‘ranne vanne d’Europe, dall’Isole bretànneche ‘nzign’ô bacine d’u Danubie, otre a ‘nguarche ‘nziediamijnde sckurisciute cchiù a ssud, conseguènze d’u spandemijnde mére le penìselele ibèrche, itàleche e anatòleche. Aunite da l’orìggene ètneche e culturale, d’a condivisione de ‘nu stèsse funne linguìsteche indoeuropée e dda ‘na stèssa visione releggiose, le Cèlte fùrene sèmbe scucchiáte; ‘mbrà lle tanda mesckulanze de populazziune cèlteche stavene le Bretànne, le Galle, le Pannune, le Celtìbere e lle Galate, scettáte ind’a ll’Isele Bretànneche, ind’a lle Gallie, ‘mPannonie, ‘nIbèrie e ‘nAnatòlie.

Testo del "Padre nostro" (tarantino)Modifica

(Livello avanzato)

Táte nuéstre,
ca stéje jindr’a le cíjele,
cu ssije sandefecáte ’u nóme túve;
cu avéne ’u règne túve;
cu ssija fatte ’a vulundá’ ttóve,
a ccume ’Ngíjele accussíne ’nDèrre.
Dànne ósce a nnúje ’u páne nuèstre e pp’ogne ggiúrne,
e llívene a nnúje le díebbete nuèstre
a ccúme nú’ le leváme a lle debbetúre nuèstre,
e nnò ffá’ ca n’abbandúne a’ ’ndendazzióne,
ma lìbberene d’ô mále.
Amen.

  • Fonte: Wikipedia italiana (articolo sul tarantino).

Testo dell' "Ave Maria" (tarantino)Modifica

(Livello avanzato)

Avemmaríje, chiéna de gràzzie,
‘u Segnóre sté’ cu ttéje,
tu’ sìnde ’a benedètte ’mbrà le fèmene
e bbenedètte jié’ ’u frùtte
d’a vèndra tóje, Gesù.
Sànda Maríje, màtra de Dije,
ppríje pe’ nnúje peccatúre,
móne e jind’a ll’ore d’a mòrta nòstre.
Amen.

  • Fonte: Wikipedia italiana (articolo sul tarantino).

" 'U 'Mbiérne de Dande" (tarantino)Modifica

(Livello avanzato)
'Mmienze ô camíne nuèstre de 'sta víte
ij' me scè 'cchiève jndr'a 'nu vòsch'uscúre
ca 'a drètta vije addáne havè' sparíte.

Ma ci l'à ddà cundáre le delúre
de 'stu vosche sarvagge e 'a strada stòrte
ca jndr'o penzière me crèsce 'a pavúre.

Ma è tand'amáre ch'è pêsce d'a morte;
ma pe' ccundáre 'u bbéne ca truvéve,
hagghia parlà' de quèdda mala sòrte.

Ije mo' nò ssacce accum'è ca m'acchiève,
tand'assunnáte stáve a qquèdda vanne
ca 'a vije veràce te scè' 'bbandunéve.

Doppe ch'havè' 'rreváte tremelànne
già 'ngocchie a lle fenéte de 'sta chiàne,
ch'angòre ô côre dè' mattáne e affanne,

vedíve 'u cièle tutte a mmane-a-mmane
ca s'ammandáve d'a luce d'u sole
ca 'nzignalèsce 'a strate a ogne crestiáne...

  • Fonte: Claudio De Cuia, 'U 'Mbiérne de Dande, Editrice Tarentum, Taranto, 1976).

Siti dove trovare dizionari ed altre opere in tarantinoModifica

Per continuare da soli, ecco qualche suggerimento...