Tarantino/Proverbi

Indice del libro
  • 'A bravura de mèste Uccio, ca diéde 'nu sckaffe ô ciucce
La prodezza di Mastro Uccio, che diede uno schiaffo all'asino
  • Acchije u fess e inghij' u sacc
Trova il fesso e riempi il sacco
  • A c' ten u pan', no ten l dint
  • A ci tand tand, a ci nind nind!
A chi tanto tanto, a chi niente niente
Chi ha il pane, non ha i dent
  • 'A fatije ca se chiame cucuzze, a mme' me féte e a tte' te puzze
Il lavoro si chiama cucuzza, a me non piace e a te puzza
  • 'A jaddine face l'ove e a' jadde l'uscke 'u cule
La gallina ha fatto l'uovo e al gallo brucia il culo
  • 'A Madonne sape a cci porte le recchíne!!
La Madonna sà chi porta gli orecchini
  • A mmëzzadije, ci sté a ccáse d'ôtre, cu pigghie vije
A mezzogiorno chi si trova in casa d'altri dovrebbe tornare alla propria
  • Amice e ccumbáre se pàrlene chiare
Amici e compari parlano francamente, tra loro
  • Alla mute, alla mute, a ce parle è curnute
Muti, muti, chi parla è cornuto : nessuno parla per timore di essere additato dagli altri
  • Amm pers a Filipp cu tutt u' panar!
  • Amma v'dè, diss'ù cecat!
Dobbiamo vedere, disse il cieco
Abbiamo perso Filippo con tutto il porta pane
  • Astipe 'a zampogna pe' qquanne abbesògne
  • Avisse fatte 'nu puèrche quanne hé nate!! Alméne sté mangiamme sasizze!!
Avessi avuto un maiale almeno ora staremmo mangiando salsicce
  • Ce tip da spiaggj
Che tipo strano
  • Chidde se recordane le vigne de 'mminze a' chiazze
  • Ci nasce tunne nò mmore quadráte
Chi nasce rotondo, non muore quadrato, come dire che le persone non cambiano.
  • Ci sparte ave 'a mègghia parte
Chi fa le divisioni, ottiene la parte migliore
  • Ci téne lènghe, vé 'nzardègne!
  • Ci tutte l'acjidde canuscèssere 'u granne!
  • Citte citte, imminz'a chiazz!
Silenziosamente, in mezzo alla piazza
Se tutti gli uccelli conoscessero il grano
  • Cugghjie l'acqua quanne chiove
Raccogli l'acqua quando piove : approfitta dei momenti di abbondanza per fare la scorta.
  • Da niende-niende a ttande-tande
  • "E va bene", disse Donna Lena, quanne viddije 'a figghie, 'a sèrve e a jatta préne!
  • Fatije e ffatije, e a' sére páne e ccepòdde
Lavori e lavori, e alla sera pane e cipolle
  • Fa' tu e ffa' chiòvere
  • Femene, viende e furtune cangene accume 'a lune
Donne, vento e fortuna sono soggetti alle fasi lunari
  • Furne vècchie addevènde furne onoráte
Le persone anziane diventano persone "venerate"
  • Ha chiovúte 'a mèrde e nn'ha 'nzeváte a ttutte!
  • Ha lassáte Criste pe' scé a lle cozze
Ha lasciato Cristo per andare alle cozze
  • Je mègghie ci t'onòre ca ci te sazie
  • L'anèddere so' cadute, ma le dìcete so' rumàste
  • L' mal virm' non j' mor'n' maje
I vermi cattivi non muoiono mai
  • L'ome cu 'a pale, 'a femmene cu 'a cucchiare
L'uomo col badile, la donna con il cucchiaio
  • Le corne de le signure so de vammàce, chidde de le puveriedde so' de noce
  • Mègghie 100 zite ca 'nu male marite
  • Mègghie 'na catáre 'nguèdde ca 'n'onze 'ngule
  • Mazze e ppanèlle fanne le figghie bèlle
  • Mint 'nderr e dì ca'è cadut
Buttati a terra e di’ che sei caduto
  • 'Na vote jè fèste a Ppalasciáne
Una volta è festa a Palagiano", o meglio: non è sempre festa a Palagiano
  • N'ha mangià d' pan tuest
Devi mangiarne di pane duro
  • N'hé fritte de vurpe!
Ne hai combinate tante
  • Ogne pizzeche gnoreche
"Ogni pizzico lascia il livido" : anche le piccole cose hanno il loro peso (equiv. a un passo alla volta si arriva lontano)
  • Nò sputà' 'ngiéle ca 'mbacce t'arríve
Non sputare in cielo, perché poi ti arriverà in faccia
  • Pe' ccanòscere 'nu crestiáne t'ha mangià' 'na salme de sále

Per conoscere una persona devi mangiare sette sacchi di sale

  • Pe' despiétte a mammà, se stràzze a cammise
Per far dispetto alla madre, si strappa la camicia : detto di chi rischia l'autolesionismo per questioni di principio
  • Quanne Criste sté 'ngroce, sule tanne ièsse 'a vôce
  • Quann'u marite arriv'a quarandine, lasse 'a mugghiére e sse ne vé a' candine, quann'a mugghiére arriv'a quarand'anne, lasse 'u marite e sse pigghie a Ggiuànne
Quando l'uomo ha quarant'anni lascia la moglie e va ad ubriacarsi; quando la moglie ha quarant'anni lascia il marito e se ne va con Giovanni
  • Scenn vnenn, mlun cugghiénn
  • Squagghiáte 'a néve appàrene le strunze!
  • Sté frisce 'u pèsce e ssté tremènde 'a jatte
Frigge il pesce e tiene d'occhio la gatta
  • T'hagghie chiamate a ccoppe e tte n'isse a bbastúne?
Ti ho chiamato a coppe e sei uscito a bastoni?
  • Thagghia crèscere e tt'hagghia pèrdere
  • T'hagghia purtà' a lle firre vicchie!! Vedime ... m'u donne 'nu cupèrchie?
  • Tene chiù cul' ca sendmend'!
Ha più fortuna che sentimento
  • Tù si’ bell, none a scimmj
Tu sei bello/a, non la scimmia
  • 'U cáne asckuáte áve paure dell'acqua frèdde
  • 'U ciucce s'ha carescia e u ciuccie s'ha futte
  • 'U príse cchiù 'u ggire e cchiù féte
  • 'U zite quanne se 'nzore pare ca vole, pare ca vole. Quann'à passate n'anne jasteme a zite, l'attàn e a mamme.
Il fidanzato innamorato vuole sposarsi, ma dopo un anno dal matrimonio cambia parere e lancia ingiurie contro la moglie e i suoceri
  • Vatt e iacchij nà fatije!
Vai a trovarti un lavoro
  • Viste ceppóne ca páre baróne
Vesti un poveraccio come si deve e anche lui sembrerà un barone
  • Zumbe 'u cetrúle e sspicce 'ngule a ll'ortoláne
  • Quanne 'a Madonne se vèste a llutte, le cozze pàjen'a ttutte
Quando la Madonna si veste a lutto, le cozze pagano tutti
  • Quanne 'a volpe no'nge arrive a ll'uve dice ca jè ausce
Quando la volpe non arriva all'uva dice che è acerba
  • A Ssan Catàvete passe 'u fridd'e avéne 'u càvete
Di San Cataldo passa il freddo e viebe il caldo
  • Aqquà murij' 'u frangése e aqquà 'nu stè chiangime
Qui morì il francese e qui lo piangiamo
  • Avogghie cu pprije a Sanda Madonna, aspitte ciucce mije quanne jèsse 'a pagghia nôve
Puoi pregare quanto vuoi la Santa Madonna, ma aspetta asino mio fin quando esce la paglia nuova