Differenze tra le versioni di "Riflessioni su Yeshua l'Ebreo/Gesù a casa"

m
(testo)
Nella sua descrizione della terra di Israele in ''[[w:Guerra giudaica (Flavio Giuseppe)|Guerra]]'' 3.35-58, Flavio Giuseppe fornisce informazioni sullo stato dell'agricoltura in varie regioni della Palestina. Il suolo della Galilea era ricco e fertile e pieno di molti tipi di alberi (3.41-43). La Peraea era meno fertile della Galilea e in gran parte era deserto, ma c'erano fertili tratti che permettevano la coltivazione dell'olivo, della vite e delle palme da dattero (3.45-47). La Giudea e la Samaria erano fruttuose con un'abbondanza di alberi, ma avevano anche un'erba eccellente per il pascolo (3.48-50).
 
JosephusFlavio Giuseppe fornisce anche descrizioni più locali. Così, per quanto riguarda la Valle di Gennesar lungo la costa nord-occidentale del [[w:Lago di Tiberiade|Mar di Galilea]] (noto anche come "Lago di Genesaret") Flavio Giuseppe (''Guerra'' 3.516-521) ci dice che era così fertile che anche varietà opposte vi crescevano tutto l'anno, come noci che necessitavano di un clima freddo, fichi e olive che necessitavano di un clima più temperato e palme che necessitavano di aria calda. Lì sono state trovate anche altre colture come l'uva. Gesù avrebbe trascorso molto tempo in questa zona e dintorni e avrebbe anche conosciuto la fertile pianura di Gerico (''Guerra'' 4.459-475), il granaio della Giudea.<ref>Joshua Schwartz, "On Priests and Jericho in the Second Temple Period", ''Jewish Quarterly Review'' 79 (1988): 23-48.</ref>
 
Oltre ai raccolti menzionati sopra da Flavio Giuseppe, è importante menzionare anche i cereali coltivati in Palestina. Il grano era la coltura più importante e anche l'orzo era popolare, soprattutto nelle regioni meridionali. Anche il farro veniva coltivato e il pane di varie forme era l'alimento base universale. C'erano anche più di venti tipi di legumi, come lenticchie, fagiolini e semi coltivati in Palestina, popolari tra i poveri sotto forma di [[w:porridge|porridge]] o come sostituto del grano. L'uva menzionata sopra era un'importante coltura da reddito, ma il consumo di vino non era solitamente eccessivo nella società ebraica, sebbene il vino dovesse essere una parte del pasto festivo o religioso. Oltre ai fichi, pressati o meno, e ai datteri, spesso sotto forma di torte, si potevano trovare anche carrube, pere, mele, pesche, noci e melograni. Molte persone gestivano anche piccoli orti per uso privato.<ref>Schwartz, "Material Realities", 442; Safrai, ''Roman Palestine'', 104-62.</ref>
9 280

contributi