Le strutture basilari del pensiero ebraico/Conclusione

Indice del libro
Chromolithographien Jüdische Motive.jpg
Ingrandisci
Cromolitografia a rilievo con motivi della vita culturale ebraica (ca. 1910)

ConclusioneModifica

Lo scopo di questo studio era scoprire il modo migliore per rispondere alle idee erronee, filosofiche e teologiche, sull'ebraismo nei tempi moderni e che minacciano lo stato attuale e il futuro dell'ebraismo sano. Ciò è qui stato fatto studiando tre personaggi storici che si sono occupati di affrontare considerevoli idee errate che erano sostenute dal popolo ebraico ai loro tempi. Esisteva un sistema basilare per farlo in modo efficace? Vi erano certi criteri importanti da soddisfare per correggere con successo queste idee errate?

Essendo questo essenzialmente un problema di conoscenza ed educazione, sono state anche esplorate le moderne teorie pedagogiche. L'approccio pedagogico della Ricostruzione Sociale fu sviluppato proprio per far questo. "Hanno fiducia nella capacità dell'educazione, mediante il curriculum, di insegnare alle "masse dell'umanità" a... analizzarsi in relazione alla loro società".[1] Ho esaminato i principali sostenitori di tale teoria e approccio e ho trovato cinque punti chiave relativi, come illustrato nel Capitolo 1.

L'obiettivo era di usare questi punti come modello e applicarli alle vite e alle opere di Maimonide, Luzzatto e Nieto. Hanno seguito questi criteri? Come indicato nel Capitolo 2, si conferma che li hanno seguiti. Ognuno di loro ha riconosciuto che esisteva una frattura, che credeva potesse essere sanata (almeno in parte) e ognuno ha mirato mediante l'educazione ad insegnare principi che avrebbero consentito allo studente di acquisire una struttura utile e funzionale per approfondire il pensiero. Tutti e tre incontrarono l'opposizione di leader affermati e tutti e tre rimasero fermi nella loro convinzione di presentare le proprie idee nonostante il contraccolpo che avrebbero causato.

Alcune delle idee errate chiave nell'ebraismo vennero affrontate da tutti e tre i rabbini. Dio, le mitzvot e il Midrash sono questioni fondamentali che stanno alla base della religione ebraica. Le risposte a queste domande definiscono la natura dell'ebraismo. Ognuno dei nostri rabbini affrontò questi problemi in modi fondamentali, presentando i principi per ognuno di essi con cui lo studente religioso poteva sviluppare una struttura di pensiero attraverso il quale comprendere le molte problematiche che si applicano a questi argomenti. I principi presentati da ciascuno per questi argomenti sono stati delineati nel Capitolo 3.

Tutti e cinque i criteri del Ricostruzionismo Sociale sono in linea con la tradizione dei tre rabbini studiati. Vi sono, tuttavia, altre questioni piuttosto contemporanee ma che sono questioni prevalenti nella maggior parte delle aree dell'ebraismo ortodosso oggi. tali questioni hanno principalmente a che fare con la sessualità e i ruoli di genere e la scoperta scientifica e la sua connessione con il pensiero e la pratica religiosi. Nell'era moderna, a causa dello sviluppo dei diritti delle donne e dei diritti civili, le persone hanno combattuto per uguaglianza e riconoscimento, comprese le persone omosessuali e transgender. Queste problematiche richiedono un pensiero attento e sensibile da una prospettiva religiosa in modi che non erano stati affrontati prima di questi sviluppi sociali. Il progresso scientifico ha anche sviluppato sollevando questioni sulle origini della vita sulla terra e sull'età della terra, tra le altre questioni che potrebbero sembrare in contraddizione con la comprensione classica della Bibbia e dei principi ebraici.

Una delle rivelazioni più importanti emerse da questo studio è che i principi dell'insegnamento sono la chiave per affrontare le idee erronee. Come ha scritto Margaret Mead: "Ai bambini dovrebbe essere insegnato come pensare e non cosa pensare" (Archives.org). Al fine di affrontare veramente queste idee erronee che possono portare a una frattura nella società religiosa, è imperativo che insegnanti e rabbini siano formati ed istruiti in questi principi. Questa è una strada che merita ulteriori esplorazioni. Come possiamo escogitare un curriculum che miri a instillare un sistema di principi per i nostri insegnanti e leader religiosi che li autorizzino poi a educare i nostri figli di conseguenza? Siamo bravi a educare su dettagli e dati. Possiamo facilmente insegnare cosa fare e cosa pensare, ma siamo in forti difficoltà quando si tratta di insegnare come pensare. Da questa ricerca mi sembra che sviluppare un curriculum che affronti i principi ebraici centrali in modo fondamentale e sistematico sarebbe un grande passo per ricostruire la società ebraica.

Tuttavia, come appare evidente anche da questo studio, alcune idee errate coninuano a persistere nell'ebraismo. E mentre ci sono aspetti unici di queste idee errate a causa di eventi e mentalità specifiche del nostro tempo, ci sono comunque idee che vengono regolarmente fraintese. Ciò è dovuto principalmente al fatto che i principi sono ampi e complessi e non facili da insegnare e comprendere come punti dati. Maimonide chiama queste questioni davar gadol (הדבר הגדול) – "grandi cose" – in contrapposizione ai punti dati che chiama davar katan (דברים קטנים) – "piccole cose". Il Rambam scrive che tutti possono imparare le piccole cose, adulti, bambini, uomini e donne, mentre le grandi cose non sono facilmente accessibili a tutti e richiedono preparazione e addestramento.[2] Questi dovrebbero essere punti su cui educatori e curricula si dovrebbero concentrare con persistenza e profondità. Dovrebbero essere sviluppati in modo tale da poter essere insegnati a vari livelli e in modi adeguati.

Come risultato di questo studio è evidente che i principi sono una parte essenziale di un curriculum pedagogico ebraico. È chiaro che molti sforzi dovrebbero essere fatti nello sviluppo di un tale curriculum e nell'educazione non solo degli studenti, ma degli educatori stessi. In tal modo, potremmo avvicinarci alla visione profetica di Isaia secondo cui

la conoscenza del Signore riempirà la terra come le acque ricoprono il mare
בְּכָל־הַ֣ר קָדְשִׁ֑י כִּֽי־מָלְאָ֣ה הָאָ֗רֶץ דֵּעָה֙ אֶת־יְהוָ֔ה כַּמַּ֖יִם לַיָּ֥ם מְכַסִּֽים

NoteModifica

  Per approfondire, vedi Serie maimonidea.
  1. Schiro, 2013, p. 151.
  2. Maimonides, 2009, pp. 36, 39.