Differenze tra le versioni di "Calcolo differenziale/Funzioni su spazi vettoriali - ordini successivi"

:<math>A = \frac{B}{C}</math>
va intesa semplicemente come espressione formale per dire che è possibile definire un qualche "prodotto" in modo tale che ''B'' sia esprimibile come "prodotto" di ''A'' per ''C''
 
==Operatori differenziali==
 
Il fatto che il differenziale e la derivata direzionale siano due operatori "scalari" si rivela particolarmente utile non solo perché essi - come si è visto - si applicano nello stesso modo sia alle funzioni scalari sia a quelle vettoriali (agendo indipedentemente su ogni componente), ma anche perché le loro "potenze" si scrivono come potenze ordinarie di uno scalre. Più precisamente si ha:
<div style="float:center; width:85%; padding:15px; background: white; border: 1px solid blue;
margin-left:8px; margin-right:8px;margin-bottom:15px; text-align:left">
:d^k = <\mathbf x, \nabla>^k
:D_{\hat \mathbf v}^k = <\hat \mathbf v,\nabla>^k
</div>
 
==Sviluppo in serie==