Abulafia e i segreti della Torah/Studi e insegnamento 2: differenze tra le versioni

testo
(testo)
(testo)
 
Tuttavia, la maggior parte dell'attività di Abulafia come insegnante della ''Guida'' non fu probabilmente una semplice esposizione del pensiero di Maimonide. Come il cabalista menziona ''supra'' nel contesto dei suoi studenti a Tebe, insegnò alla ''Guida'' in due modi diversi, il secondo presumibilmente coincidendo con il modo peculiare in cui interpretava i segreti del libro di Maimonide, di cui parleremo appena più avanti. Come risulta chiaro da molti dei suoi scritti, è la seconda interpretazione, superiore, segreta, orale, combinatoria, linguistica, individualista e cabalistica della ''Guida'' che è, di fatto, un aspetto importante della sua Cabala estatica.
 
Secondo la stessa testimonianza di Abulafia, la ''Guida'', insieme a ''Sefer Yeṣirah'', costituisce una delle due fonti principali della sua Cabala.<ref>Si veda Idel, "Maimonides and Kabbalah", 67; il suo "Sefer Yetzirah and Its Commentaries", 486; e Scholem, ''Major Trends in Jewish Mysticism'', 126.</ref> Un esempio importante del suo tentativo di mettere insieme le sue due fonti è la sua interpretazione dell'ideale della conoscenza di Dio, espresso in modo alquanto ambiguo in ebraico dalla frase ''Yedi ʿat ha-Šem'', che può essere intesa, in linea di principio, sia come conoscenza di Dio che come conoscenza del nome di Dio.<ref>Questa espressione trovata in centinaia di discussioni nelle opere di Abulafia, era usata per riferirsi al nome divino. Cfr. ''Ḥayyei ha-ʿOlam ha-Baʾ, Sitrei Torah'', 78, 140, 154, 194, e specialmente il seguente brano da ''Sefer ha-Ḥešeq'', 39:
{{Lingua ebraica|תכלי ת אהחרו נה המכוונ ת מבציאות ו השי אשהג תדי עת הש םי ו דיע ת השםאינה כי אם עלפי ה ו א י תו ת השם הם הכלםי הקרובי ם [...] שהאותיות הם מציאות ה ו על םולוכ, וב ם השםמנהי גולעמו כמ ו שמ י עד בע ל פסר ירצי האבו מ ו ר " כל היצרו וכ ל דה ו בריו צא מםה." וא מר שהשם מהי לך ה ו א י תו ת של כליצהורים, וק שרלה ם כהתרי ם ו צרפםזה עםזה, כלומ ראהתו עםהיצרו}}
"Il fine ultimo che si prefigge la sua esistenza è la conoscenza del nome e la conoscenza del nome è [impossibile] senza le lettere che sono gli strumenti vicini [...] poiché le lettere sono l'esistenza del mondo intero, e tramite loro Dio governa il Suo mondo, come testimonia ''Sefer Yeṣirah'' quando fu detto ‘Tutte le creature e tutte le parole emergono da esse’. E disse che Dio assegnò le lettere su tutte le creature, e attaccò loro delle corone e le combinò tra loro; vale a dire, una lettera con una creatura." Cfr. anche Idel, ''Language, Torah, and Hermeneutics'', 27, ed il testo tradotto da Elliot R.Wolfson, ''Abraham Abulafia'', 54–55, e il suo "Kenotic Overflow and Temporal Transcendence", 140.</ref> La prima interpretazione è filosofica, mentre la seconda è legata a ''Sefer Yeṣirah'' e i suoi commentari, dove è menzionato "un nome" (''šem eḥad'').<ref>Cfr. ''Sefer Yeṣirah'', 2:8.</ref> Secondo un'altra formulazione diffusa nei suoi scritti, la conoscenza di ''ha-šem'' è raggiunta da ''šem''; cioè la conoscenza di Dio si raggiunge per mezzo del nome divino.<ref>Cfr. Idel, ''Language, Torah, and Hermeneutics'', 51-53, e la trattazione più elaborata nel suo ''Enchanted Chains'', 76-121, e "Hekhalot Literature", sezione 6. Sulla gnosi del nome divino come parte del segreto di alcune parti della Bibbia ebraica, si veda il recente studio di Israel Knohl, ''The Holy Name'' {{he}} (Or Yehudah: Kinneret Zmora-Bitan Dvir, 2012). A mio avviso, c'era una tensione tra le tendenze di pensiero che enfatizzavano la centralità del nome divino e quelle che si occupavano della rivelazione degli attributi o delle manifestazioni divine. Si veda l'importante testo midrashico in ''Mekhilta’ de-Rashby on Exodus'', curr. Yaakov N. Epstein e Ezra Z. Melamed (Gerusalemme: Mekize Nirdamim, 1959), 129-31, nonché Idel, "The Contribution of Abraham Abulafia’s Kabbalah to the Understanding of Jewish Mysticism", in ''Gershom Scholem’s Major Trends in Jewish Mysticism 50 Years After'', curr. Peter Schäfer e Joseph Dan (Tübingen: Mohr Siebeck, 1993): 117-43. Pertanto, Abulafia elaborò, nel suo modo specifico e idiosincratico, una tradizione più antica che si concepiva come superiore alla teoria cabalistica degli attributi divini.</ref>
 
 
13 291

contributi