Differenze tra le versioni di "Riflessioni su Yeshua l'Ebreo/Sacrificio religioso"

testo
(testo)
(testo)
{{q|Io, infatti, ho ricevuto dal Signore quello che a mia volta vi ho trasmesso: il Signore Gesù, nella notte in cui veniva tradito, prese del pane e, dopo aver reso grazie (''eucharistéō''), lo spezzò e disse: "Questo è il mio corpo, che è per voi; fate questo in memoria di me". Allo stesso modo, dopo aver cenato, prese anche il calice, dicendo: "Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue; fate questo, ogni volta che ne bevete, in memoria di me". Ogni volta infatti che mangiate di questo pane e bevete di questo calice, voi annunziate la morte del Signore finché egli venga.|{{passo biblico2|1Corinzi|11:23-26}}}}
 
{{Immagine grande|Última Cena - Da Vinci 5.jpg|800px|''"Ultima Cena"'' di Leonardo da Vinci (1495-1498)}}
Nella sua forma scritta, il racconto di Marco della Cena del Signore ({{passo biblico2|Marco|14:12-26}}) è di alcuni anni più tardi di quello di Paolo, ma probabilmente riflette la stessa tradizione orale utilizzata da Paolo. Sebbene il racconto di Paolo differisca in qualche modo da quello di Marco nei dettagli, c'è un accordo fondamentale che suggerisce che la chiesa primitiva conservò un ricordo ben definito dell'ultimo pasto di Gesù con i suoi discepoli, in cui identificò il pane e il vino con il proprio corpo e sangue. In tal modo, Gesù aprì la possibilità allo sviluppo di un rituale sacrificale centrato nella propria persona. Tuttavia, l'Ultima Cena di Gesù non è ancora un pasto in cui Gesù stesso è la vittima sacrificale. Durante l'Ultima Cena, Gesù dichiarò ai suoi discepoli: "In verità vi dico che io non berrò più del frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo nel regno di Dio" ({{passo biblico2|Marco|14:25}}). Queste parole indicherebbero che l'Ultima Cena fu principalmente una festa di commiato e di speranza anticipatoria. Gesù attendeva con ansia il tempo in cui sarebbe stato di nuovo a mangiare in compagnia dei suoi discepoli "nel regno di Dio". È consenso dell'opinione accademica che la promessa di Gesù si riferisca alla futura festa messianica che il Messia godrà con i fedeli quando tutto sarà compiuto.
 
Alcuni sostengono che il Dio di Padre Mapple sia il Dio di una forma particolarmente rigida di [[w:Calvinismo|Calvinismo]] e non il vero Dio della fede biblica.<ref>Henry A. Murray, "In Nomine Diaboli", in ''Melville'', cur. Richard Chase (Englewood Cliffs, NJ: Prentice-Hall, 1962); publ. orig. in ''The New England Quarterly'' 24, nr. 4 (dicembre 1951): 435-52.</ref> Tuttavia, Padre Mapple ha ragione quando osserva che nella religione biblica il dovere principale dell'uomo è quello di subordinare le proprie inclinazioni alla volontà di Dio.
 
Ma non abbiamo mai sentito parlare della virtù salvifica dell'obbedienza? La Scrittura non ci ha detto forse che Abramo fu sollevato dal suo obbligo di sacrificare grazie alla sua obbedienza? Ricordiamoci le parole del primo Angelo di Dio: mentre Abramo solleva il coltello per sacrificare Isacco, l'Angelo lo chiama e gli dice di non uccidere il ragazzo: "Ora so che tu temi Dio, poiché non mi hai rifiutato tuo figlio, l'unico tuo" ({{passo biblico2|Genesi|22:12}}). Nel suo commento sull'autorevole ''Jewish Study Bible'' circa il termine "timor di Dio" come viene usato qui, Jon Levenson scrive che "nel Tanakh, il ‘timor di Dio’ denota un'attiva obbedienza alla volontà divina".<ref>Commentario di Jon D. Levenson a Genesi 22:12 in ''The Jewish Study Bible'', cur. Adele Berlin e Marc Zvi Brettler (New York: Oxford University Press, 2004), 46.</ref> È a causa della sua obbedienza a Dio e della sua disobbedienza a se stesso che l'alleanza viene conferita ad Abramo e alla sua progenie. Inoltre, questo atto di obbedienza radicale è condiviso da Isacco che non oppone resistenza. Riguardo a padre e figlio, la Scrittura ripete "E proseguirono tutt'e due insieme" ({{passo biblico2|Genesi|22:8}}).
 
La convinzione di Paolo che il mondo fosse stato trasformato, almeno per coloro che sono "in Cristo", nacque dalla sua fede incrollabile nella risurrezione di Cristo. Come i suoi insegnanti rabbinici e contemporanei, come Rabban Gamaliel, Paolo non vedeva la mortalità umana come necessariamente radicata nella biologia umana. Al contrario, vedevano la mortalità umana come originata dalla disobbedienza del progenitore originale dell'umanità, Adamo. Tuttavia, a differenza dei rabbini, dopo Damasco Paolo si convinse che i relativi difetti nella creazione, mortalità, disobbedienza umana e sottomissione del cosmo ai poteri elementali erano in procinto di essere superati. Espresso tale convinzione in molte occasioni. Quelle più rilevanti per il nostro problema sono le sue riflessioni sul primo e sull'ultimo Adamo in {{passo biblico2|Romani|5}} e {{passo biblico2|1Corinzi|15}}. In Romani 5, Paolo inizia con una riflessione sull'origine della morte. "Quindi, come a causa di un solo uomo il peccato è entrato nel mondo e con il peccato la morte, così anche la morte ha raggiunto tutti gli uomini, perché tutti hanno peccato" ({{passo biblico2|Romani|5:12}}).
 
Pochi passaggi del Nuovo Testamento sono stati commentati così estensivamente. Come abbiamo visto, le duplici affermazioni di Paolo secondo cui la morte è il risultato del peccato e che il peccato è entrato nel mondo "tramite un uomo" sono del tutto in linea con le speculazioni dei suoi contemporanei ebrei. Romani 5:12 si basa in ultima analisi sull'autorità di {{passo biblico2|Genesi|3:17-19}}. In questo brano in Romani, Paolo sembra sostenere che gli uomini muoiono perché replicano il peccato di Adamo, non ''a causa'' del peccato di Adamo. Tuttavia, i contemporanei ebrei di Paolo non avrebbero potuto essere d'accordo con Paolo mentre continuava la sua riflessione sui due Adami: "Adamo è figura di Colui che doveva venire. Ma il dono di grazia non è come la caduta: se infatti per la caduta di uno solo morirono tutti, molto di più la grazia di Dio e il dono concesso in grazia di un solo uomo, Gesù Cristo, si sono riversati in abbondanza su tutti gli uomini." ({{passo biblico2|Romani|5:15}}).
 
Il "dono in abbondanza" che viene tramite Cristo è, ovviamente, la fine della mortalità. In questo versetto Adamo è raffigurato come l'antitipo di Gesù.<ref>Esiste un certo dibattito tra studiosi riguardo al significato di "Colui che doveva venire". Secondo C. K. Barrett, "Colui che doveva venire" è il Cristo escatologico che verrà rivelato completamente nell'Ultimo Giorno. Cfr. C. K. Barrett, ''From First Adam to Last'' (Londra: A & C. Black, 1962), 92-119.</ref> Proprio come il frutto del peccato di Adamo è la morte, così attraverso la giustizia superlativa di Cristo molti riceveranno la "grazia divina" come "dono in abbondanza" ({{passo biblico2|Romani|5:16}}). Paolo elabora questo tema nel verso successivo: "Infatti se per la caduta di uno solo la morte ha regnato a causa di quel solo uomo, molto di più quelli che ricevono l'abbondanza della grazia e del dono della giustizia regneranno nella vita per mezzo del solo Gesù Cristo". Il "dono" che Cristo mette a disposizione è l'opposto della pena inflitta all'umanità dal suo antitipo. Adamo porta la morte; Gesù porta la vita eterna.
 
Paolo inoltre descrive Cristo che inverte la "condanna" provocata da Adamo e porta invece "la giustificazione" (Romani 5:16). La giustificazione ha un significato molto esplicito per Paolo. Quando Dio giustifica il peccatore indegno, Egli pronuncia su di lui un verdetto di assoluzione e gli concede il dono della vita eterna. Dal tempo di Martin Lutero fino all'inizio del ventesimo secolo, i protestanti hanno avuto la tendenza a considerare la dottrina della giustificazione per fede come il cuore e il centro della teologia di Paolo. Non voglio entrare nel dibattito su questo tema se non per dire che credo che un aspetto della dottrina della giustificazione per fede debba rimanere centrale per qualsiasi interpretazione di Paolo: non dobbiamo perdere di vista l'importanza decisiva della vita eterna come frutto della giustificazione da parte di Dio del peccatore, come intesa da Paolo. In {{passo biblico2|Romani|6:23}}, Paolo contrappone i frutti del peccato e della giustificazione: "Perché il salario del peccato è la morte; ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù". Adamo pagò il prezzo del peccato; per mezzo di Gesù viene concesso il dono immeritato della giustificazione.
 
La centralità della vita eterna come frutto della giustificazione è sottolineata con grande forza nella discussione di Paolo su Adamo e Cristo in {{passo biblico2|1Corinzi|15}}. Scroggs ha osservato che i temi di Romani 5:12-21 e 1 Corinzi 15 "sono correlati ma non identici". In 1 Corinzi 15 l'interesse principale di Paolo è di rendere credibile agli scettici corinzi la speranza cristiana che coloro che sono "in Cristo" alla fine risorgeranno come risorse Gesù. Per risurrezione Paolo intendeva la risurrezione del corpo, così come lo intendevano i suoi contemporanei ebrei. Apparentemente c'era un notevole scetticismo a Corinto riguardo alla futura risurrezione dei corpi dei morti anche tra coloro che credevano nella risurrezione di Gesù. Paolo confrontò questo scetticismo sostenendo che "ora, invece, Cristo è risuscitato dai morti, primizia (''aparche'') di coloro che dormono" ({{passo biblico2|1Corinzi|15:20}}). Secondo Jean Héring, la parola ''aparche'' è quasi sinonimo dell'ebraico ''arrabon'', che è un pegno o un deposito.<ref>Jean Héring, trad. {{en}} ''The First Epistle of Saint Paul to the Corinthians'', Wipf & Stock Publishers, 2008, ''ad hoc''.</ref> Il significato di Paolo è che la risurrezione di Cristo anticipa la risurrezione dei suoi seguaci, che un giorno condivideranno il suo glorioso destino.
 
Dopo aver affermato che la risurrezione attende il credente, Paolo torna al tema del primo e dell'ultimo Adamo: "Poiché se a causa di un uomo venne la morte, a causa di un uomo verrà anche la risurrezione dei morti; e come tutti muoiono in Adamo, così tutti riceveranno la vita in Cristo" ({{passo biblico2|1Corinzi|15:21-22}}). L'enfasi di Paolo in 1 Corinzi è sulla vita eterna e perfetta che attende il credente in Cristo. Non possiamo soffermarci sull'interpretazione di Paolo riguardo al tipo di esistenza corporea perfezionata in Cristo che il risorto godrà, se non per dire che la natura risorta di Cristo è quella di un ''soma pneumatikon'', un "corpo spirituale", e che il corpo spirituale sia per Paolo che per i rabbini non è immateriale. Paolo inoltre ci dice che "la carne e il sangue non possono ereditare il regno di Dio, né ciò che è corruttibile può ereditare l'incorruttibilità" ({{passo biblico2|1Corinzi|15:50}}) Quando avverrà la trasformazione, tutte le cose cambieranno. Il mondo deperibile sarà riscattato. La morte, la corruzione e il dominio demoniaco saranno sconfitti per sempre.
 
Le affermazioni di Paolo sullo straordinario potere di Cristo di redimere l'uomo e il cosmo portano alla domanda sul perché solo Cristo avesse il merito superlativo di essere la "primizia di coloro che dormono", nonché la fonte della vita eterna per un'umanità risorta. In un senso importante, sia Paolo che i suoi contemporanei ebrei erano convinti che la disobbedienza fosse l'unico peccato e che tutti gli altri peccati derivassero da quell'unica offesa. Poiché l'ebraismo considerava tutti i comandamenti come espressioni della volontà di Dio, ogni comandamento presentava agli uomini la scelta angosciosa di obbedienza o ribellione contro il Padre onnisciente e onnipotente. Non faceva differenza se un comandamento era ostico per la comprensione umana. Era un atto supremo di arroganza per un uomo giudicare da sé cosa obbedire e cosa non obbedire. Si potrebbe infatti sostenere che l'obbedienza a comandamenti apparentemente irrazionali o insignificanti fosse di maggiore importanza dell'obbedienza a comandamenti il ​​cui scopo poteva essere chiaramente compreso. Il vero problema era se un uomo si sottometteva o si ribellava al suo Creatore. Inoltre, il Creatore aveva sempre ragione poiché la struttura stessa della realtà era il frutto della Sua volontà. Nella religione biblica un uomo che decide da solo a quale dei comandamenti di Dio obbedirà, si mette al posto di Dio, affermando la priorità del proprio giudizio su quello di Dio. Egli giudica ciò che Dio solo può giudicare e, così facendo, si arroga una preminenza che Dio solo possiede giustamente.
 
Non c'è posto in questo sistema per l'ideale moderno dell'uomo autonomo che considera le proprie azioni come interamente di sua competenza etica. Paolo afferma che Adamo commise il peccato paradigmatico della religione biblica, la disobbedienza. Egli sostiene che a causa della disobbedienza di Adamo nel non adempiere a un singolo comandamento la morte entrò nel mondo. In contrasto, solo Cristo di tutti gli uomini era così perfettamente obbediente da considerare la sua stessa vita di nessuna importanza rispetto alla maestosa struttura della sapienza di Dio. Poiché Paolo considerava Adamo come l'uomo paradigmaticamente peccatore, egli vedeva Cristo come l'unico uomo veramente giusto — poiché l'obbedienza di Cristo si estendeva finanche alla straordinaria agonia della morte sulla croce come innocente senza macchia. Sebbene Paolo offra molti suggerimenti sul motivo per cui la morte di Cristo determinò la liberazione dell'umanità dalle conseguenze del peccato di Adamo, è molto esplicito nell'affermare che Cristo fu uno "spirito vivificante" grazie alla sua obbedienza: "Come per la disobbedienza di uno solo tutti sono stati costituiti peccatori, così anche per l'obbedienza di uno solo tutti saranno costituiti giusti" ({{passo biblico2|Romani|5:19}}).
 
Nella sua prima lettera ai Corinzi, Paolo ricordò alla chiesa che egli aveva trasmesso loro la buona notizia che aveva ricevuto: "Vi ho trasmesso dunque, anzitutto, quello che anch'io ho ricevuto: che cioè Cristo morì per i nostri peccati" ({{passo biblico2|1Corinzi|15:3}}). Questa è una delle prime affermazioni del ''[[w:kerigma|kerygma]]'' cristiano. È stato spesso interpretato come un riferimento alla morte di Cristo come un'espiazione vicaria per i peccati dell'umanità. Ci sono pochi dubbi sul fatto che Paolo abbia sostenuto che la morte di Cristo fosse di carattere sacrificale (Rom. 3:21-28; 5:1-2; 1 Cor. 5:7). Tuttavia, anche se accettiamo la tesi che Paolo considerava la morte di Cristo come un'espiazione vicaria, dobbiamo comunque identificare il merito superlativo posseduto da Cristo che rese possibile tale espiazione. Altri sono morti senza un risultato così fortunato; cosa c'era di unico in Gesù? Paolo ha risposto a questa domanda nel passaggio che abbiamo citato, Romani 5:19: il merito di Cristo consisteva nella sua superlativa obbedienza. Cristo, nella sua innocenza, aveva più giustificazioni di qualsiasi altro uomo per ribellarsi contro il destino che gli era stato inflitto. Tuttavia si sottomise in perfetta obbedienza alla morte immeritata sulla croce. Secondo Paolo, solo Cristo fu senza macchia alcuna di ribellione contro il Padre.
 
La logica di Paolo era in linea con quella dei suoi contemporanei ebrei. C'era una diffusa speculazione ebraica secondo cui un uomo totalmente senza peccato, cioè perfettamente obbediente, non sarebbe stato condannato a morte.<ref>Si veda [[w:Louis Ginzberg|Louis Ginzberg]], ''[[:en:w:Legends of the Jews|The Legends of the Jews]]'', vol. 5 (Philadelphia: Jewish Publication Society, 1909-13), 128-131, n. 142; Richard L. Rubenstein, ''The Religious Imagination'' (Indianapolis: Bobbs-Merrill, 1968), 43-47.</ref> A differenza dei suoi contemporanei ebrei, Paolo era convinto che ci fosse un uomo simile, Cristo, e che il merito della sua impeccabile obbedienza era sufficiente a donare la vita agli altri oltre che a se stesso.
 
Secondo Paolo, se Cristo fosse stato contaminato anche solo da una traccia di peccaminosità, le potenze sotto cui era caduto il dominio dopo la trasgressione di Adamo sarebbero state nel loro legittimo diritto di rivendicare Cristo come loro vittima. Secondo la Legge, la loro Legge, il salario del peccato è la morte. Fortunatamente per l'umanità, le potenze cosmiche non hanno riconosciuto Cristo come il Figlio di Dio obbediente senza peccato. Cristo ha permesso loro di superare la loro propria sfera quando lo hanno condannato alla crocifissione. Con la sua perfetta obbedienza al piano saggio e misterioso del Padre, Cristo ha ingannato i "dominatori di questo mondo " (''hoi archontes tou aiōnos toutou'') ({{passo biblico2|1Corinzi|2:8}}), e quindi li ha privati del loro dominio sull'umanità. Cristo ha così invertito ciò che Adamo aveva tristemente iniziato.
{{q|Tra i perfetti parliamo, sì, di sapienza, ma di una sapienza che non è di questo mondo, né dei dominatori di questo mondo (''hoi archontes tou aiōnos toutou'') che vengono ridotti al nulla; parliamo di una sapienza divina, misteriosa, che è rimasta nascosta, e che Dio ha preordinato prima dei secoli per la nostra gloria. Nessuno dei dominatori di questo mondo ha potuto conoscerla; se l'avessero conosciuta, non avrebbero crocifisso il Signore della gloria. Sta scritto infatti: Quelle cose che occhio non vide, né orecchio udì, né mai entrarono in cuore di uomo, queste ha preparato Dio per coloro che lo amano.|{{passo biblico2|1 Corinzi|2:6-9}}}}
 
 
== ''Addendum'' ==
<div style="height: 200px; overflow: auto; padding: 3px; border:1px solid #AAAAAA; reflist4" ><references/></div>
 
{{Avanzamento|5075%|22 agosto 2020}}
[[Categoria:Riflessioni su Yeshua l'Ebreo|Sacrificio religioso]]
9 290

contributi