Thomas Bernhard/Piacere: differenze tra le versioni

testo
(testo)
(testo)
 
Reger non è privo di emozioni personali – ciò che Schopenhauer chiama avversione, parzialità, paura e speranza – quando guarda il dipinto. Tutto ciò che circonda il dipinto gli è familiare. È consapevole della sua posizione, di ciò che lo circonda e dell'ambiente. Bisogna supporre che questo non sia il primo dipinto di Tintoretto che l'ottantadue Reger abbia visto. Per Reger, come spettatore del ritratto del Tintoretto nel Kunsthistorisches Museum, "tutto ciò che è soggettivo coinvolge" e il potenziale di qualsiasi visione oggettiva diventa "confuso e corrotto", secondo i pensieri di Schopenhauer sulla probabilità di punti di vista oggettivi. Schopenhauer ritiene che "così come possiamo ascoltare il suono di una lingua solo se non la comprendiamo, parimenti possiamo vedere la fisionomia di un uomo solo se ci è estraneo: di conseguenza, si può ricevere un'impressione puramente oggettiva di un volto, e quindi avere la possibilità di decifrarlo, solo a prima vista."<ref>Schopenhauer, ''op. cit.'', p. 233.</ref> Uno deve rimanere estraneo al suo oggetto visivo per vedere l'oggetto oggettivamente. Dopo la prima vista, l'oggetto diventa familiare e influenze esterne corrompono l'immagine. In questo modo, la filosofia di Schopenhauer getta una luce intensa su Reger, che non può mai incontrare l'uomo barbuto nel ritratto. Da un lato, egli rimarrà sempre estraneo al personaggio di Tintoretto nel dipinto. Dall'altro, Reger non è estraneo all'uomo barbuto perché conosce gli aspetti superficiali dell'uomo barbuto piuttosto intimamente, dopo le sue continue visite al museo. Reger, commentando la sua visione ritualistica del ritratto di Tintoretto, dice: "Ho guardato questo dipinto per oltre trent'anni e trovo ancora possibile guardarlo... Gli Antichi Maestri si stancano rapidamente se li studiamo scrupolosamente e ci deludono sempre se li sottoponiamo a un esame più attento, se li rendiamo l'oggetto spietato del nostro intelletto critico" (''AM'' pp. 150-151). Reger ha osservato il volto nel ritratto così a lungo che non è possibile nessuna decodifica oggettiva "vera". Anche se il soggetto nel dipinto rimane anonimo, Reger, influenzato dall'ambiente storico, politico, religioso e viennese mentre osserva l’''Uomo dalla barba bianca'' di Tintoretto, vede il dipinto con l'intensità di una persona che ha avuto qualche precedente rapporto con il soggetto nel ritratto. Ad ogni visita ripetuta, Reger non solo acquisisce più familiarità con le qualità del dipinto, ma anche con lo sconosciuto, che condivide somiglianze di età e genere con Reger. Il punto di vista di Reger non può che essere soggettivo. Egli è un prodotto dell'alta cultura viennese, uno spettatore e un critico che non ha "l'occhio innocente" ma l'occhio che crea e critica. Pertanto, si potrebbe dire che Reger vede l'uomo barbuto come se fosse un riflesso dello stesso Reger.
 
La discussione di Schopenhauer sulla visione oggettiva, che richiede l'alienazione dal ''focus'' percepito, e sulla visione soggettiva, in cui le influenze circostanti non possono essere separate dallo spettatore, corrispondono alle idee precedentemente menzionate riguardo al dipinto e allo specchio. La vista richiesta quando ci si guarda in uno specchio differisce da quella richiesta quando si osserva un ritratto. La situazione di Reger nel Kunsthistorisches Museum corrisponde ai concetti di Schopenhauer di uno sguardo alienato:
{{q|La condizione in cui è possibile la comprensione oggettiva di qualcosa di percepito è l'alienazione da ciò che viene percepito; ma quando vediamo il nostro riflesso in uno specchio non siamo in grado di prenderne una visione alienata, perché questa visione dipende in ultima analisi dall'egoismo morale, con il suo profondo sentimento di ''non me'': così che quando vediamo il nostro riflesso, il nostro egoismo ci sussurra un precauzionale "Questo non è ''non-me'', ma ''me''", che ha l'effetto di un ''[[noli me tangere]]'' e impedisce qualsiasi comprensione puramente oggettiva.|Schopenhauer, ''op. cit.'', p. 172}}
 
 
13 231

contributi