Thomas Bernhard/Piacere: differenze tra le versioni

testo
mNessun oggetto della modifica
(testo)
{{Thomas Bernhard}}
[[File:Kunsthistorisches Museum HDR 0089.jpg|480px|center|thumb|Kunsthistorisches Museum di Vienna, veduta notturna con illuminazione]]<div style="color: teal;>
{{q|''Mi figuro, per un inestirpabile pregiudizio di scrittore, che nulla resterà non detto.''|[[w:Stéphane Mallarmé|Stéphane Mallarmé]]}}
{{q|''Il castigo corrisponde alla colpa: essere privati di ogni gioia di vivere, essere portati al grado estremo di disgusto della vita.''|[[w:Søren Kierkegaard|Kierkegaard]], [[w:esergo|esergo]] di ''Antichi Maestri''}}</div>
{{q|Non è stato neppure Nietzsche, solo Schopenhauer mi ha salvato. Mi mettevo seduto nel mio letto , leggevo due frasi di Schopenhauer e le meditavo, poi leggevo altre due frasi di Schopenhauer e le meditavo... Solo grazie a un trucco meschino sono riuscito ad abusare di Schopenhauer per i miei fini, e quindi a garantirmi la sopravvivenza.|Reger, ''Antichi Maestri''}}</div>
 
== Serenità e piacere d'esistere ==
Nelle ultime pagine di ''Antichi Maestri'', Reger afferma: "L'arte nel suo insieme non è altro che un'abilità di sopravvivenza, non dovremmo mai perdere di vista questo fatto, che è, di volta in volta, solo un tentativo – un tentativo che sembra commovente anche per il nostro intelletto – per far fronte a questo mondo e ai suoi aspetti rivoltanti..." (''AM'' p. 151). Questo brano affronta l'idea che uno arriva ad apprezzare l'arte attraverso la propria capacità di prendere le distanze dalla vita. Questa idea "schopenhaueriana" di uscire dalla vita incoraggia a osservare le azioni come se si fosse spettatori di uno spettacolo teatrale. La dinamica teatrale del riconoscimento della propria esistenza e relazione con l'oggetto è un tema importante, nonché una tecnica efficace di ''Antichi Maestri''. In questo romanzo, Reger sperimenta il "ritirarsi nella riflessione".<ref>[[w:Hans Blumenberg|Hans Blumenberg]] scrive della doppia posizione di attore e pubblico e dei punti di vista oggettivi e soggettivi. Nel suo lavoro filosofico del 1979, ''Naufragio con spettatore'', Blumenberg afferma che "qualunque serenità sia possibile per gli esseri umani procede da questa duplicità di vita" (''Naufragio con spettatore: paradigma di una metafora dell'esistenza'', trad. it. di Francesca Rigotti, il Mulino, 1985, 2001, p. 64). Esiste un parallelo tra riflessività e "duplicità" teatrale. Nel suo ''Naufragio con spettatore'', Blumenberg esamina la posizione dello spettatore e dello spettacolo e scrive sulla capacità di abbracciare entrambe le posizioni e la massima soddisfazione emotiva che deriva da questa capacità. Blumenberg menziona Schopenhauer quando discute della dinamica e dell'integrazione spettatore-spettacolo. Blumenberg, scrivendo del "ritiro nella riflessione" di un attore, cita Schopenhauer che crede che l'uomo sia simile a "un attore che ha recitato la sua parte in una scena e che prende il suo posto tra il pubblico fino a quando non è il momento per lui di salire di nuovo sul palco e osservare tranquillamente qualunque cosa possa accadere, anche se si tratta della preparazione della sua morte (nel dramma), ma in seguito sale di nuovo sul palco e recita e soffre come deve fare." (Schopenhauer citato da Blumenberg a p. 64).</ref> In questa Sezione, analizzerò ''Antichi Maestri'' alla luce di questa idea di "duplicità della vita". Ricordando la nozione di "pubblico come egli stesso", discussa precedentemente, esaminerò come, per Reger, questa "duplicità della vita" sia un modo di sopravvivere, nonché una prova della sua visione in definitiva ottimistica della vita e del mondo.
 
L'influenza della filosofia di Schopenhauer è evidente in diversi aspetti di ''Antichi Maestri'': l'esistenza di vedute oggettive e soggettive della pittura di Tintoretto, oggetto dell'osservazione di Reger sia come specchio che come dipinto, e i modi in cui le attività combinate di guardarsi allo specchio e osservare un dipinto contribuiscano a molteplici prospettive (e a una natura paradossale) per Reger. Reger osserva un dipinto di Tintoretto ma, come sosterrò, guarda il dipinto anche come specchio. Vedere il dipinto così com'è – un dipinto – e come uno specchio sono entrambe situazioni soggettive. Reger vede il ritratto di Tintoretto con qualche obiettività? Non è più possibile visualizzare oggettivamente un dipinto, una scultura, un essere umano? Tutte le opinioni di Reger sono soggettive? Ho intenzione di affrontare queste domande nella mia analisi di Reger come osservatore e spettatore. L'interazione tra questi due modi di vedere un'opera d'arte (oggettivamente e soggettivamente) consente l'esistenza particolare di Reger.
[... testo ...]
 
 
 
 
 
 
 
''Antichi Maestri'' ricorda al lettore le idee del teorico dell'arte [[:en:w:Julius S. Held|Julius S. Held]] riguardo all'osservatore e all'oggetto osservato. Held ritiene che l'oggetto osservato incoraggi i pensieri non solo nel mondo della specifica creazione ma anche nel mondo esterno al museo o al dipinto. L'opera d'arte può promuovere pensieri sociali, politici o religiosi relativi al tempo presente dello spettatore. Nel suo articolo intitolato "Rembrandt’s Aristotle", Held analizza il dipinto ''[[w:Aristotele contempla il busto di Omero|Aristotele che contempla il busto di Omero]]'' (1653) e molte delle questioni che Held discute, tra cui la relazione spettacolo-spettatore, possono essere applicate alla relazione di Reger con l’''Uomo dalla barba bianca'' (ca.1570). Proprio come Aristotele contempla il busto di Omero, Reger contempla il ritratto del Tintoretto. Inoltre, come nel caso di Aristotele, Reger esce dalla vita del dipinto e usa il dipinto come trampolino per pensieri riguardanti questioni sociali e politiche. Da questo "risguardo dall'esterno" si stabilisce una dinamica spettatore-spettacolo.
 
 
<references/></div>
 
{{Avanzamento|2550%|311 gennaio 2020}}
[[Categoria:Thomas Bernhard|Piacere]]
13 253

contributi