Differenze tra le versioni di "Carmina (Catullo)/72"

m (→‎Testo: o si usa la u o si usa la v)
{{Carmina (Catullo)/TestoOriginale|
<poem>
Dicebas quondam solum te nosse<ref>Forma contratta per ''novisse''</ref> Catullum,
Lesbia, nec prae me velle tenere Iovem.<ref>Cfr. [[Carmina (Catullo)/70|LXX, 2]]</ref>
DilexitDilexi tum te non tantum ut vulgus amicam,
Sed pater ut gnatos diligit et generos.<ref>Ordina:''sed ut pater diligit gnatos et generos''</ref>
Nunc te cognovi: quare etsi impensius uror,
Multo mi tamen es vilior et levior.
"Qui<ref>Avverbio interrogativo equivalente a ''Quomodo?''</ref> potis est?" inquis. Quod amantem iniuria talis
Cogit amare magis, sed bene velle minus.<ref>Cfr. [[Carmina (Catullo)/75|LXXV, 3-4]]</ref>
</poem>
|trad=
Un tempo dicevi di conoscere solo Catullo,
o Lesbia, e di non voler possedere neanche Giove.
Quindi ti amai, non solo come il popolo ama un 'amante,
ma come un padre ama i figli e i generi.
Ora ti ho conosciuto: anche se brucio più ardentemente,
tuttavia per me sei molto più spregevole e molto subdola.
"Com 'è possibile?" tu chiedi. UnPerché un tale tradimento costringe l'amante
ad amare di più ma a voler meno bene.
</poem>
98

contributi