Differenze tra le versioni di "Sardo"

345 byte aggiunti ,  8 anni fa
L'obiettivo, perciò, è di rendere questo volume una lettura propedeutica per meglio imparare le strutture del sardo (qui per sommi capi), in modo - chissà! - da poterlo ben parlare in seguito: sarebbe infatti segnato il futuro di una lingua che vegeti nel solo libresco nozionismo.
 
Si specifica che in tal sede, data una pluralità di sottovarianti di pari dignità, si è deciso di optare per il '''[[w:Sardo logudorese#Nuorese/Baroniese|nuorese]]''' (''su limbazu nugoresu''), generalmente ritenuto come quella che mantiene più stretti rapporti con il latino. In ogni caso, prima di accingervi a questa lettura, sfatiamo il diffuso luogo comune per il quale il sardo risulti essere costituito da varietà separate e, per così dire, incomunicanti l'una con l'altra: difatti, benché diverse dal punto di vista fonetico, non presentano differenze in numero tale da pregiudicare la mutua comprensibilità.
 
Il manuale è stato scritto e curato dal sottoscritto ma, essendo ampiamente perfettibile, ogni modifica, purché non a senso vandalico, è ben accetta.
Utente anonimo