Scrivere in modo sostenibile usando il testo semplice con Pandoc e Markdown/Lavorare con le bibliografie

Indice del libro

In questa sezione, aggiungeremo una bibliografia al nostro documento e quindi convertiremo dal formato Chicago a quello MLA.

Se non stai usando un gestore di riferimenti bibliografici come Endnote o Zotero, dovresti farlo. Preferiamo Zotero, perché, come Pandoc, è stato creato dalla comunità accademica e come altri progetti open-source è rilasciato sotto la GNU General Public License. Molto importante per noi, il tuo gestore di riferimenti deve avere la capacità di generare bibliografie in formato di testo normale, per rimanere in linea con il nostro principio «tutto in testo semplice». Vai avanti e apri un gestore di riferimenti a tua scelta e aggiungi alcune voci di esempio. Quando sei pronto, trova l’opzione per esportare la tua bibliografia in formato BibTeX (.bib). Salva il tuo file.bib nella directory del tuo progetto e assegnagli un titolo ragionevole come «project.bib».

L’idea generale è di mantenere le tue fonti organizzate in un unico database bibliografico centralizzato, generando file.bib specifici e molto più piccoli che risiederanno nella stessa directory del progetto. Vai avanti e apri il tuo file.bib con l’editor di testo semplice di tua scelta[1].

Il tuo file.bib dovrebbe contenere più voci che assomigliano a questo:

@article{fyfe_digital_2011,
title = {Digital Pedagogy Unplugged},
volume = {5},
url = {http://digitalhumanities.org/dhq/vol/5/3/000106/000106.html},
number = {3},
urldate = {2013–09–28},
author = {Fyfe, Paul},
year = {2011},
file = {fyfe_digital_pedagogy_unplugged_2011.pdf}
}

Raramente dovrai modificarli a mano (anche se puoi farlo). Nella maggior parte dei casi, semplicemente «esporterai» il file.bib da Zotero o da un gestore di riferimenti simile. Prenditi un momento per orientarti qui. Ogni voce è composta da un tipo di documento, «articolo» nel nostro caso, un identificatore univoco (fyfe_digital_2011) e i relativi metadati su titolo, volume, autore e così via. La cosa che ci interessa di più è l’ID univoco che segue immediatamente la parentesi graffa nella prima riga di ogni voce. L’ID univoco è ciò che ci consente di collegare la bibliografia con il documento principale. Lascia questo file aperto per ora e torna al tuo file main.md

Modifica la nota a piè di pagina nella prima riga del tuo file main.md in modo che assomigli ai seguenti esempi, dove @name_title_date può essere sostituito con uno degli ID univoci dal file project.bib.

  • A reference formatted like this will render properly as inline— or footnote— style citation [@name_title_date, 67]. 7
  • «For citations within quotes, put the comma outside the quotation mark» [@name_title_2011, 67].

Una volta eseguito il markdown tramite Pandoc, «@ fyfe_digital_2011» verrà espanso in una citazione completa nello stile di tua scelta. Puoi utilizzare la sintassi @citation in qualsiasi modo tu @citation ritenga opportuno: in linea con il tuo testo o nelle note a piè di pagina. Per generare una bibliografia includi semplicemente una sezione chiamata # Bibliography alla fine del documento.

Ora, torna all’intestazione dei metadati nella parte superiore del documento.md e specifica il file bibliografico da utilizzare, in questo modo:

---
title: Plain Text Workflow
author: Dennis Tenen, Grant Wythoff
date: January 20, 2014
bibliography: project.bib
---

Questo dice a Pandoc di cercare la tua bibliografia nel file project.bib, nella stessa directory di main.md Vediamo se funziona. Salva il tuo file, passa alla finestra del terminale ed esegui:

$ pandoc —S —o main.docx --filter pandoc-citeproc main.md

Il flag maiuscolo S indica «smart», una modalità che produce «output tipograficamente corretto, conversione di virgolette semplici in virgolette ricurve, — in trattini elettronici, — in trattini e... in ellissi.«Il filtro «pandoc-citeproc» analizza tutti i tag delle citazioni. Il risultato dovrebbe essere un file MS Word formattato in modo decente. Se hai installato LaTeX, converti in.pdf usando la stessa sintassi per risultati più precisi. Non preoccuparti se le cose non sono esattamente come ti piacciono, ricorda, preciserai la formattazione tutto in una volta e in un secondo momento, il più vicino possibile al momento della pubblicazione. Per ora stiamo solo creando bozze basate su valori di default ragionevoli.

NoteModifica

  1. Nota che l’estensione.bib potrebbe essere «collegata» a Zotero nel tuo sistema operativo. Ciò significa che quando fai clic su un file.bib è probabile che Zotero venga chiamato per aprirlo, mentre vogliamo aprirlo all’interno di un editor di testo. Eventualmente, potresti voler associare l’estensione.bib al tuo editor di testo