Disposizioni foniche di organi a canne/Italia/Piemonte/Città metropolitana di Torino/Bussoleno/Bussoleno - Chiesa di Santa Maria Assunta

Indice del libro


  • Costruttore: Gioacchino Concone di Torino (TO)
  • Anno: 1790-91
  • Restauri/modifiche: Felice Zoccola (fine XIX secolo, modifiche)[1], Carlo Serratrice (1920, modifiche)[2], Ditta Marzi (2003, restauro conservativo)[3]
  • Registri: 13
  • Canne: 450 circa
  • Trasmissione: meccanica sospesa
  • Consolle: a finestra, al centro della parete anteriore della cassa[4]
  • Tastiere: 1 di 50 note (Do1-Fa5) con prima ottava corta[5]
  • Pedaliera: a leggio di 19 tasti per 17 note (Do1-La#2) con prima ottava corta, permanentemente unita alla tastiera[6]. Unico registro Contrabbasso 16' , permanentemente inserito. Ultimi due tasti azionanti accessori
  • Collocazione: in corpo unico sulla cantoria in controfacciata
  • Accessori: Tiraripieno[7] a manetta. Ultimi due tasti della pedaliera inserenti: Timpani in Re e in La
Manuale
Principale 8'
Ottava 4'
Quintadecima 2'
Decimanona 1.1/3'
Vigesimaseconda 1'
Vigesimasesta 2/3'
Vigesimanona 1/2'
Duodecima 2.2/3'
Sesquialtera 1.3/5'
Voce umana 8'[8]
Cornetto[9]
Flauto in XV 2'
Flauto in VIII 4'

NoteModifica

  1. Sostituzione della consolle originale a finestra e modifiche nella disposizione fonica
  2. Sostituzione di registri (con l'aggiunta del Bordone 8' e della Gamba 8' , poi eliminati), rifacimento della tastiera, della pedaliera (portata a 27 tasti) e dei comandi dei registri
  3. Intervento di ripristino delle condizioni originali dello strumento
  4. Ricostruita nel restauro del 2003, al posto di quella non originale addossata alla cassa
  5. Ricostruita nel 2003. La prima ottava era stata resa cromatica in precedenza
  6. Ricostruita nel 2003, al posto di quella piana rettilinea di 27 tasti aggiunta in precedenza
  7. Accessorio ricostruito nel restauro del 2003
  8. da Re3
  9. da Re3. 4 file: VIII-XII-XV-XVII

BibliografiaModifica

Silvio Sorrentino, Organalia: 100 organi della Provincia di Torino, Torino, 2009.

Collegamenti esterniModifica