Discussione:Napoletano/Preposizioni

Aggiungi argomento
Discussioni attive

1) Scusate, ma non sarebbe più adatto scrivere le preposizioni che pultroppo combaciano agli articoli con un accento diverso, per esempio voi riportate: (articolo)e' ffemmene | (preposizione) 'e Napule
Io credo che sarebbe più adatto diversificare la forma scritta della proposizione dall'articolo con: (articolo)e' ffemmene | (preposizione) ê Napule (inteso come di Napoli)
La stessa cosa dovrebbe valere per: a' mugliera | â Napule (inteso come da Napoli)

2) Queste seguenti regole sono inutili perché si vuole a tutti i costi rapportare il napoletano alla grammatica italiana:


Le preposizioni in Napoletano di solito non inglobano l'articolo. in questo il Napoletano si accomuna allo Spagnolo e si distingue da Italiano, Francese e Portoghese. Ci sono le seguenti eccezioni:

à = a + a' = alla
é = a + e' = ai, agli, alle
ó = a + o' = al, allo


Io lascerei a',e' ed o' al posto di à, é, ó perché in napoletano le costruzioni alla, ai, agli, alle, al ed allo non esistono. Inserire una tale regola nella lingua napoletana è una forzatura inutile. Il precedente commento non firmato è stato inserito da Lufer (discussioni |  email |  contributi | log), in data 11:22, 28 ago 2007‎.


2) In effetti tutti questi casi sono già stati trattati esaurientemente da Carlo Iandolo nella sua grammatica napoletana (F. Di Mauro Editore) [cosí come in altre recenti] che si basa sull'uso tradizionale degli scrittori napoletani, in particolare,

â = a + 'a = alla
ê = a + 'e = ai, agli, alle
ô = a + 'o = al, allo

(nota anche che l'apostrofo negli articoli napoletani va prima e non dopo la vocale, alcuni autori la usano "dopo" per indicare proprio le preposizioni articolate a', e' ed o'; non si tratta quindi di una sottigliezza). Nota anche che l'esempio "di Napoli" non richiede preposizione articolata ma la semplice preposizione "di" che in napoletano è "'e", quindi 'e Napule; da Napoli invece si scrive 'a Napule perché la preposizione da si rende in napoletano come 'a. Parimenti 'a mugliera richiede l'apostrofo prima della lettera "a" (a' mugliera, o meglio â mugliera, significa alla moglie). Questo è l'uso che si ritrova nel napoletano cosí come è stato e viene scritto tradizionalmente. Tutto si può cambiare, ovviamente, ma credo prima sia necessario riportare l'uso corrente, e poi proporre eventuali modifiche che, se non accettate dalla comunità di coloro che parlano e scrivono la lingua napoletana, ovviamente restano idiosincratiche. 01:07, 30 mar 2009 (CEST)

Confermo che la grafia e' ed o' è errata. Quale elisione indicherebbe l'apostrofo? Invece a' è un uso desueto della preposizione ad. --Ruthven (disc.) 07:02, 20 apr 2018 (CEST)

NotaModifica

La versione del 30 marzo 2009 alle 01:22 di Carmine Colacino~itwikibooks è stata modificata conseguentemente alla nota qui sotto riportata. --Ruthven (disc.) 07:00, 20 apr 2018 (CEST)


Notasi che la pagina è stata corretta seguendo l'uso tradizionale del napoletano scritto cosí come riportato nelle principali grammatiche pubblicate (vedasi ad es. Iandolo 2000). L'uso riportato precedentemente non è standard. Ovviamente tutto si può cambiare, ma credo sia utile riportare prima l'uso standard (o tradizionale, cioè quello seguito da buona parte di coloro che hanno scritto e scrivono in lingua napoletana) e poi eventualmente proporre variazioni, che vanno però correttamente indicate come tali.

Ritorna alla pagina "Napoletano/Preposizioni".