Confessione di fede di Westminster/cfw27

Indice - Sezione precedente - Sezione successiva

27. I sacramentiModifica

1.Modifica

I sacramenti sono sacri segni e suggelli del Patto di Grazia, istituiti direttamente da Dio per rappresentare Cristo e i Suoi benefici, confermare di aver parte con Lui, stabilire una distinzione visibile fra coloro che appartengono alla chiesa ed il resto del mondo e impegnarli solennemente al servizio di Dio in Cristo, secondo la Sua Parola. (Originale inglese e latino con riferimenti biblici)

2.Modifica

In ogni sacramento vi è un rapporto spirituale, o unione sacramentale, fra il segno e la realtà significata, per cui il nome e gli effetti dell'uno sono attribuiti all'altra. (Originale inglese e latino con riferimenti biblici).

3.Modifica

La grazia che viene presentata in o attraverso i sacramenti, rettamente usati, non viene conferita da alcun potere loro intrinseco, né l'efficacia del sacramento dipende dalla pietà o dall'intenzione di chi li amministra ma dall'opera dello Spirito e dalla parola dell'istituzione. Essa contiene, assieme al precetto che ne autorizza l'uso, la promessa del beneficio che ne ricevono coloro che lo ricevono degnamente. (Originale inglese e latino con riferimenti biblici).

4.Modifica

Vi sono solo due sacramenti ordinati da Cristo, nostro Signore, nell'Evangelo, vale a dire il Battesimo e la Cena del Signore. Nessuno dei due può essere dispensato se non da un ministro della Parola legittimamente ordinato. (Originale inglese e latino con riferimenti biblici)

5.Modifica

I sacramenti dell'Antico Testamento, riguardo alle realtà spirituali in essi significate o mostrate, erano, sostanzialmente gli stessi di quelli del Nuovo Testamento. (Originale inglese e latino con riferimenti biblici)

Articoli applicativi ed attualizzazioneModifica

  1. I sacramenti sono segni della nostra unione federale con Cristo e la Sua Chiesa, come pure della nostra comune confessione di fede che apparteniamo a Lui. Essi devono essere osservati sotto la supervisione degli Anziani della comunità durante un servizio di culto in cui siano presenti i membri d'essa. (1 Corinzi 11:23-24; 10:21; Atti 2:42; Numeri 9:14).
  2. L'amministrazione dei sacramenti deve essere accompagnata dalla lettura e dalla predicazione della Parola. (Atti 2:42; 20:7).
  3. Respingiamo la concezione per la quale i sacramenti sarebbero solo simboli e non mezzi della Grazia.
  4. Respingiamo la concezione per la quale i sacramenti non sarebbero necessari nella Chiesa.