Confessione di fede di Westminster/cfw14

Indice - Sezione precedente - Sezione successiva

14. La Fede che salvaModifica

1.Modifica

La grazia della fede, attraverso la quale gli eletti sono resi capaci di credere per la salvezza delle loro anime, è opera dello Spirito di Cristo nei loro cuori, ed è ordinariamente un effetto del ministero della Paro­la di Dio dal quale, insieme all'amministrazione dei sacramenti e alla preghiera, è anche accresciuta e fortificata. (Originale inglese e latino con riferimenti biblici).

2.Modifica

Attraverso questa fede un cristiano crede alla verità di tutto ciò che è rivelato nella Parola in quanto in essa vi parla l'auto­rità di Dio stesso; agisce a seconda della natura di ciò che ciascun brano particolare contiene; ubbidisce a ciò che vi è comandato; trema davanti alle minacce; abbraccia le promesse ­di Dio per questa vita e quella futura. In virtù del Patto di grazia, gli atti principali della fede salvifica, però, sono accogliere e ricevere il solo Cristo e l'abbandonarsi soltanto a Lui per la (propria) Giustificazione, Santificazione e vita eterna. (Originale inglese e latino con riferimenti biblici).

3.Modifica

Questa fede è di diverse gradazioni: può essere più debole o più for­te, può essere spesso ed in modi diversi assalita e indebolita, ma ne riporta sempre la vittoria, crescendo in molti fino al raggiungimento della piena certezza in Cristo, che è sia l'Autore che il compitore del­la nostra fe­de. (Originale inglese e latino con riferimenti biblici)

Articoli interpretativi ed attualizzazioneModifica

  • 2. Respingiamo l'insegnamento che la rigenerazione sia il risultato della fede salvifica.
  • 3. La fede salvifica normalmente giunge ad esprimersi in una confessione pubblica di Cristo nell'ambito della chiesa visibile (Romani 10:9).
  • 6. Respingiamo l'idea che le persone irrigenerate possano essere persuase a credere indipendentemente dal ministero dello Spirito Santo (Romani 9:16; Tito 3:5).
  • 7. Respingiamo il concetto che la fede salvifica sia semplicemente essere d'accordo che la Bibbia sia storicamente affidabile e che le dottrine della Bibbia siano vere (Giacomo 2:19).