Chimica organica/La molecola organica: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
{{stub}}
==Come rappresentare una molecola organica==
{| border="1"
| colspan=3 | '''Rappresentazioni bidimensionali''' || colspan=4 | '''Rappresentazioni tridimensionali'''
| [[Image:Cloroetano schematica.jpg|thumb|none|100px|Schematica]]
|---
| [[Image:Cloroetano schematica.jpg|thumb|none|100px|Schematica]]
| [[Image:Cloroetano_legami.jpg|thumb|none|100px|A tratti]]
| [[Image:Cloroetano_elettroni.jpg|thumb|none|100px|Elettroni esplicitati]]
|}
 
Le rappresentazioni bidimensionali delle molecole sono di facile realizzazione, ma non fanno risaltare importanti informazioni. Quelle tridimensionali posso essere un po' difficili da disegnare in caso di molecole complesse. La '''proiezione di Fisher''' offre i vantaggi di entrambe le rappresentazioni.
[[Image:Chloroethane_fisher.jpg|thumb|none|300px|Proiezione di Fisher]]
 
[[Image:Chloroethane_fisher.jpg|thumb|none|300px400px|ProiezioneDai cunei e tratteggi alla proiezione di Fisher]]
 
Convenzioni necessarie per passare da un proiezione a cunei e tratteggi ad una di Fisher:
* Considera un legame C-C della molecola (nel caso del cloroetano la scelta e' ovviamente obbligata) e disegnalo in verticale
* Disegnare in orizzontale i legami legano i carboni a nuclei rivolti verso l'osservatore, in verticale i legami rivolti lontano dall'osservatore.
* Nell'esempio, l'osservatore si trova sotto la molecola a sinistra, con la testa rivolta verso sinistra e i piedi a destra. Vede H2, H3 rivolti verso di se (legami orizzontali nella rappresentazione di Fisher) e in particolare verso il proprio viso, H4 e H5 verso i propri piedi, H1 e Cl lontano da se. Essendo steso verso sinistra, H3 rimane alla sua destra, H2 alla sue sinistra.
 
 
Utente anonimo