Latino/Nominativo: differenze tra le versioni

Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
* '''intransitivi''', ed indicano un "modo" di esistere similmente al verbo ''sum''; tra i più frequenti: ''appareo, evado, fio'' (tutti col significato di «apparire, riuscire, diventare»), etc.;
* '''transitivi''' in forma passiva, così suddivisi:
*# '''elettivielebbiivi''', come ''elĭgor'' («sono eletto»), ''declaror'' («sono dichiarato») e simili;
*# '''estimativiestinativi''', come ''existĭmor'', ''putor'', ''habeor'', ''iudicor'' («sono ritenuto, stimato») etc.;
*# '''effettivieffettevi''', come ''fio'', ''efficior'' («sono fatto») e altri;
*# '''appellativiappellalalativi''', come ''vocor'', ''appellor'', ''dicor'', ''nomĭnor'' («sono chiamato, detto»);
 
Nella forma attiva, i verbi citati precedentemente, ad eccezione del verbo ''sum'', si costruiscono con il doppio accusativo. Con i verbi servili di volontà (''volo'', ''nolo'', ''malo'') si può costruire la frase con il doppio nominativo o con l'accusativo seguito dall'infinito, costruzione necessaria quando i soggetti dei due verbi differiscano.
Utente anonimo