Diritto del commercio internazionale/Garanzia a prima richiesta: differenze tra le versioni

m
pwb.py replace -cat:Norme_emanate_dalla_Camera_di_commercio_internazionale "Norme emanate dalla Camera di commercio internazionale" "Diritto del commercio internazionale" -summary:"Bot: aggiorna titolo del libro nei link"
m (pwb.py replace -cat:Norme_emanate_dalla_Camera_di_commercio_internazionale "Norme emanate dalla Camera di commercio internazionale" "Diritto del commercio internazionale" -summary:"Bot: aggiorna titolo del libro nei link")
 
{{NormeDiritto emanate dalla Camera didel commercio internazionale}}
La '''garanzia a prima richiesta''' ('''g.a.p.r.''') o '''garanzia a prima domanda''' ('''on-demand''' '''bond''', '''unconditional bond''', '''first demand bond''', '''guarantee''', '''demand guarantee''') indica una promessa di pagamento (di solito un risarcimento per inadempienza contrattuale) da parte di un soggetto (il garante, tipicamente una banca) per ordine e conto di un ordinante/applicant a favore di un terzo (il beneficiario) contro semplice richiesta scritta inviata dal beneficiario stesso e da inoltrarsi entro una determinata data di scadenza. A questa richiesta, che si può avanzare anche senza giustificazione, il garante e l'ordinante non possono opporsi: quindi, è un compito/promessa irrevocabile ("irrevocable undertaking"). Viene spesso usata nei contratti di appalto e talvolta nelle compravendite (anche internazionali, cioè in contesto di export e import) ed è l'opposto della "garanzia condizionale/fideiussoria", meglio nota come fideiussione/suretyship (bancaria se il garante è una banca). Siccome le banche sono spesso coinvolte nelle garanzie, si parla nello specifico di '''garanzia bancaria a prima richiesta'''.
 
{{portale|diritto|economia}}
 
[[Categoria:NormeDiritto emanate dalla Camera didel commercio internazionale|Garanzia a prima richiesta]]
8 088

contributi