Indagine Post Mortem/Capitolo 5: differenze tra le versioni

testo
(testo)
Nel 2007 è stato prodotto il controverso film ''[[w:La tomba perduta di Gesù|The Lost Tomb of Jesus (La tomba perduta di Gesù)]]'' sostenendo che le ossa di Gesù, Maria, Maria Maddalena e altri sono state trovate in una tomba scoperta nel 1980 a [[w:Tomba di Talpiot|Talpiot, in Israele]]. Tuttavia, questa affermazione è stata ampiamente respinta dagli studiosi. Come spiega Craig (2007b), in primo luogo, non è nemmeno chiaro che il nome sull'ossario sia "Yeshua bar Yehosef" ("Gesù, figlio di Giuseppe"), come affermato dai produttori. Basta guardare la foto dell'ossario<ref>Cfr. [https://www.reasonablefaith.org/writings/question-answer/supposed-discovery-of-jesus-family-tomb "Supposed discovery of Jesus family tomb"].</ref> per rendersi conto che il nome "è come lo scarabocchio di un bambino con un pastello sul muro" (''ibid.''). Non c'è da meravigliarsi che altri studiosi abbiano commentato: "Non posso essere conclusivo nemmeno del 10 percento su nient'altro in questa iscrizione oltre al nome ‘Yehosef’ (Caruso); "È più probabile il nome ‘Hanun’ piuttosto che Yeshua" (Pfann); e "lo scarabocchio non è un'iscrizione, è un graffito sciatto" (Charlesworth) (Habermas 2008, pp. 26-27). In secondo luogo, anche se gli scarabocchi non sono stati falsificati e anche se si trattava di un nome iscritto che fosse veramente "Gesù, figlio di Giuseppe" e non (diciamo) "Hanun, figlio di Giuseppe", potrebbe non essere riferito a Gesù di Nazareth perché Gesù e Giuseppe erano nomi molto comuni in Giudea. Craig (2007b) osserva: "È stato calcolato che un maschio su 79 in quel periodo si chiamava Gesù, figlio di Giuseppe! Parimenti, ‘Maria’ era il nome ebraico più comune per le donne all'epoca; una donna su quattro si chiamava Maria". Craig continua e osserva: "In terzo luogo, Maria Maddalena non era chiamata ‘Mariamne’ o ‘Mariamenon’ (il nome sull'ossario); si chiamava Maria. Solo nei falsi apocrifi [[w:Atti di Filippo|Atti di Filippo]] 400 anni dopo Cristo, è possibile che "Mariamne" venga usata per lei" (''ibid.''). A causa delle ragioni di cui sopra, la maggior parte degli studiosi ha concluso che il caso dei cineproduttori non è affatto convincente.<ref>Cfr. [https://web.archive.org/web/20080127132945/http://www.ptsem.edu/NEWS/talpiottombsymposium.php "Symposium on Afterlife and Burial Practices in Second Temple Judaism"].</ref>
 
Altri scettici hanno sostenuto che il corpo di Gesù fu sepolto in un luogo mal identificato, tipo un cimitero per più persone (Becker 2007, p. 248), e rimase nascosto e sepolto lì. Alcuni sostenitori di questa teoria asseriscono che {{passo biblico2|Atti|13:29}} presenta le persone che avevano chiesto a Pilato di crocifiggere Gesù come le stesse persone che seppellirono Gesù, e poiché queste erano nemici di Gesù, avrebbero sepolto Gesù miserabilmente in un cimitero pubblico (Kirby 2005, pp. 247-248; Parson 2005, p. 445). Sostengono questa ipotesi osservando che secondo il ''[[w:Libro segreto di Giacomo|Libro Segreto di Giacomo]]'' (5), gli ebrei seppellirono Gesù "nella sabbia".
 
Risposta: la parola "loro" negli Atti potrebbe riferirsi al Sinedrio come un intero gruppo; non implica necessariamente che fossero esattamente gli stessi membri di quel gruppo che crocifissero Gesù e lo seppellirono. Infatti, Luca, che scrisse Atti 13:29 citato dagli scettici, afferma nel suo Vangelo che [[w:Giuseppe di Arimatea|Giuseppe]], uno dei loro membri, non aveva acconsentito alla crocifissione e seppellì Gesù ({{passo biblico2|Luca|23:51}}) (Allison 2005a, p. .357). Quanto al ''Libro Segreto di Giacomo'', sopravvive in una sola copia scritta in [[w:lingua copta|copto]] non prima del II secolo (Evans 2006, pp. 52-77) e il suo valore storico è dubbio.
{{clear}}
 
Per quanto riguarda i resoconti dei Vangeli secondo cui Gesù fu sepolto da Giuseppe d'Arimatea, alcuni scettici sostengono che Giuseppe d'Arimatea potrebbe essere una figura immaginaria perché la posizione di Arimatea non è stata individuata e che il nome potrebbe essere un gioco di parole su "miglior discepolo" ''ari(stos)mathe(tes)'' inventato dagli autori dei Vangeli per evidenziare il fatto che Giuseppe agiva come il miglior discepolo di Gesù nel seppellirlo mentre il resto dei discepoli fuggiva (Kirby 2005, pp. 237-238). Parson (2005, p. 446) afferma che il ruolo di Giuseppe nella sepoltura è stato rappresentato in tono sempre più positivo da Marco a Luca a Giovanni, il che suggerisce un abbellimento leggendario.
 
Tuttavia, il fatto che una città antica non sia stata localizzata non significa che non esistesse, e il gioco di parole su ''ari(stos)mathe(tes)'' è solo speculazione. ''Contra'' Parsons, l'inclusione di maggiori dettagli da parte degli autori dei Vangeli successivi "potrebbe semplicemente essere una questione di uno scrittore successivo che aggiungeva tradizioni nuove e veritiere che erano note alla sua stessa comunità, colmando di proposito le lacune" (Habermas 2013, p. 477). D'altra parte, non è plausibile che gli autori dei Vangeli si inventassero una figura che avrebbe dovuto far parte di un ben identificato gruppo di loro avversari (il [[w:Sinedrio|Sinedrio]]) e che potesse quindi essere facilmente falsificata dai loro avversari e quindi screditare i propri scritti. Craig sostiene che la sepoltura di Gesù è uno degli eventi meglio attestati nella vita di Gesù, che si trova nella primissima tradizione citata da Paolo in {{Passo biblico2|1Corinzi|15:3-5}} e anche in tutti e quattro i Vangeli e gli Atti. Le differenze tra i Vangeli indicano molteplici fonti indipendenti; per esempio, la concordanza di Matteo e Luca nella loro formulazione in contrasto con Marco (es. Matt. 27:58 = Lc. 23:52 "Costui si presentò a Pilato e chiese il corpo di Gesù. Allora Pilato comandò che il corpo gli fosse consegnato") indicano che entrambi avevano probabilmente un'altra fonte oltre a Marco. Craig aggiunge che gli scrittori avrebbero poche ragioni per inventare la storia che la tomba fosse di proprietà di un membro del Sinedrio. Le considerazioni di cui sopra implicano che il luogo di sepoltura di Gesù fosse noto (Craig 2009). Pertanto, se le donne fossero andate alla tomba sbagliata come suggerito da Lake (1907), gli oppositori di Gesù (ad esempio i membri del Sinedrio) non avrebbero avuto problemi ad andare a quella giusta e portare fuori il corpo quando i discepoli iniziarono a proclamare la risurrezione di Gesù. Inoltre, il fatto che l'organizzatore della sepoltura fosse ben noto e che avrebbe potuto essere facilmente contattato, milita fortemente contro la tesi che il responsabile del luogo di sepoltura abbia spostato il corpo di Gesù in un'altra tomba disponibile (Vermes 2008, pp. 142 –144).
 
Altri scettici obiettano che Giuseppe non era un simpatizzante di Gesù, ma semplicemente un pio ebreo desideroso di vedere adempiuta la legge di Dio, e quindi non avrebbe seppellito Gesù in maniera decorosa ma in una fossa comune riservata a bestemmiatori condannati (Lowder 2005). Carrier & Lowder suggeriscono che Giuseppe lo seppellì temporaneamente nella sua tomba e lo riseppellì poi in una fossa comune. Carrier (2005b, p. 382) nota che la [[w:Mishnah|Mishnah]] registra che era proibito seppellire il primo giorno di festa (il venerdì di Pasqua) e lo [[w:Shabbat|Shabbat]], quindi Giuseppe probabilmente prese il corpo e lo pose da parte come la legge richiedeva, aspettando di seppellirlo alla prima occasione.
 
Tuttavia, se Giuseppe non era un simpatizzante, non è plausibile che gli autori dei Vangeli lo ritraggano come tale, perché una simile rappresentazione che coinvolge l'importante Sinedrio potrebbe essere facilmente falsificata dai loro avversari se non fosse vera. Dato che Giuseppe era un simpatizzante, avrebbe trattato Gesù come un uomo giusto e lo avrebbe seppellito adeguatamente, e non lo avrebbe seppellito nuovamente in una fossa comune in seguito. Inoltre, anche se ora sappiamo che la risepoltura era comune nell'antica Palestina, la pratica tipica della sepoltura è che il corpo veniva seppellito per un anno fino a quando rimanessero solo le ossa, e poi le ossa venivano rimosse e poste in un ossario (Davis 2006, p. 55); non è una risepoltura in due giorni che Carrier & Lowder suggeriscono.
 
Infine, Giuseppe avrebbe potuto facilmente ottenere l'aiuto dei servi gentili per seppellire Gesù e quindi evitare di profanarsi il venerdì di Pasqua. Raymond Brown (1999, p. 1218) chiede perché le donne non abbiano collaborato con Giuseppe quando seppellì Gesù e perché siano tornate domenica senza di lui. In risposta, le donne avrebbero potuto essere troppo sopraffatte dal dolore, confuse e spaventate, e quindi non aver offerto aiuto a Giuseppe nella sepoltura, e chiedere a lui o ad altri di aiutarle a spostare la grossa pietra la domenica mattina. Gli scettici affermano che le donne andate alla tomba per ungere il cadavere, presuppone che il corpo non sia stato adeguatamente sepolto, il che contraddice il resoconto di Giuseppe e Nicodemo che mettono unguenti sul corpo ({{passo biblico2|Giovanni|19:39}}) (Parsons 2005, p. 446). Tuttavia, ciò che le donne potrebbero aver inteso era semplicemente di usare oli aromatici e profumi che potevano essere strofinati o semplicemente versati sul corpo come atto di devozione, e la pratica di osservare dove fosse deposto il corpo e poi tornare tre giorni dopo per ungerlo e segnarlo, era in armonia con l'usanza di sepoltura ebraica (Evans 2005, pp. 245-246; Craig 1989, pp. 201-205).<ref>Craig (1989, pp. 184-185) nota anche che quando Gamaliele morì nel 50 e.v., il suo seguace bruciò 80 libbre di spezie e commentò: "Gamaliele era meglio di 100 re" (''B Ebel Rabbathi'' 8.6). Quindi è plausibile che Nicodemo abbia usato circa 100 libbre di spezie per la sepoltura di Gesù come affermò Giovanni, se pensava che Gesù fosse stato ingiustamente condannato e crocifisso come Re dei Giudei.</ref>
 
Kirby (2005, pp. 244-246) sostiene che non è plausibile che Pilato acconsenta a che Giuseppe desse a Gesù una sepoltura, poiché ciò equivarrebbe ad ammettere che Gesù fu crocifisso senza giusta causa. Tuttavia, questa obiezione pone una ''[[w:petitio principii|petitio principii]]'' contro la narrazione in Matteo che ritrae Pilato che in un certo senso ammette che Gesù fu crocifisso senza giusta causa lavandosi le mani davanti alla folla, il che trasmette il messaggio che la responsabilità della morte di Gesù ricade su gli ebrei che lo volevano morto (Matteo 27:11-26).<ref>Dunn (2003, pp. 775-777) sostiene che la rappresentazione che Pilato fosse vittima di bullismo da parte degli ebrei in un tale atto, era "quasi certamente" dovuta alla motivazione politica dei cristiani di scusare i romani. Tuttavia, lo stesso Dunn osserva, "la storia romana mostra con molti esempi che i governatori provinciali erano vulnerabili alle denunce di un governo ingiusto" e HE cita come esempio l'eventuale eliminazione di Pilato a causa delle lamentele dei samaritani (Flavio Giuseppe, ''Antichità'', 18-89). È probabile che Pilato volesse evitare una rivolta, e quindi acconsentì alla richiesta degli ebrei.</ref> Il racconto di Matteo descrive anche che i capi ebrei non si opposero alla sepoltura di Gesù nella tomba di Giuseppe né insistettero affinché Gesù fosse sepolto in una fossa comune. Invece, richiesero una guardia (per questa storicità di questo resoconto, cfr. la Sezione successiva). Ciò non è difficile da capire, poiché la loro principale preoccupazione era quella di contrastare l'affermazione messianica di Gesù, e pensavano che smentire la predizione di Gesù risuscitato dai morti avrebbe posto fine al "movimento di Gesù" dopo la sua vergognosa crocifissione. Detto questo, i capi ebrei avrebbero naturalmente desiderato essere in grado di localizzare il corpo di Gesù dopo tre giorni per smentire le sue previsioni, e consentendo che il corpo fosse posto all'interno della tomba di Giuseppe avrebbe reso più facile individuare e identificare tale corpo rispetto ad una sepoltura tra altri cadaveri in una fossa comune. Mettere delle guardie alla tomba non solo impediva il furto, ma impediva anche la venerazione alla tomba.
 
== Le guardie alla tomba ==
La presenza di guardiani presso la tomba è significativo perché, come spiegato in seguito, la loro presenza escluderebbe (insieme ad altre considerazioni) tutte le ipotesi naturalistiche riguardanti il corpo di Gesù. Ci sono buone ragioni per accettare la storicità del racconto di Matteo.
 
In primo luogo, in considerazione delle circostanze che portarono alla crocifissione di Gesù, mettere una guardia sembrerebbe una precauzione naturale per evitare che il corpo venisse rubato (Swinburne 2003, pp. 178-179). Carson (1984, p. 586) osserva: "I capi sacerdoti e i farisei non si sarebbero necessariamente contaminati avvicinandosi a Pilato di Shabbat, a condizione che non viaggiassero per più di un giorno sabbatico per arrivarci e non entrassero nella sua residenza (cfr. {{passo biblico2|Giovanni|18:28}})." Dato l'accordo di Pilato con i capi ebrei per crocifiggere Gesù, è plausibile che egli avrebbe acconsentito anche alla richiesta di custodire la tomba con guardie.
 
 
 
 
 
{{clear}}
== La tomba vuota ==
{{Immagine grande|John Roddam Spencer Stanhope - Why seek ye the living among the dead? St Luke, Chapter XIV, verse 5 (1896).jpg|800px|''"Perché cercate tra i morti colui che è vivo?"'' ({{passo biblico2|Luca|24:5}}), di [[w:John Roddam Spencer Stanhope|John Roddam Spencer Stanhope]], 1896}}
13 050

contributi